Coefficienti ufficiali Artisti - Pagina 55
Cosa c’è dietro il bitcoin, la tecnologia blockchain come grande tema di investimento per il futuro (analisti)
Moneta digitale virtuale protetta da un protocollo crittografico e libera da qualsiasi autorità centrale, il Bitcoin è stato creato nel 2009 e concepito inizialmente come una modalità di pagamento che …
Posizioni nette corte: Maire e Leonardo i più shortati, sul podio anche Saipem
Dall?ultimo aggiornamento disponibile di Consob sulle posizioni nette corte (PNC) si apprende che il titolo più shortato a Piazza Affari è Maire Tecnimont con 2 posizioni short aperte per una quota pari …
Asset managers di Piazza Affari erodono quote alle banche più piccole, Goldman spiega come e chi ne trae più vantaggio
Pur riconoscendo che il contesto politico in Italia è incerto, gli analisti di Goldman Sachs rivalutano le loro stime per alcuni importanti leader del risparmio gestito nell’ultimo trimestre del 2020. …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #541

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    9,035
    Mentioned
    138 Post(s)
    Quoted
    3268 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Francesco Celeri Visualizza Messaggio
    Ciao,
    ti ringrazio per il tuo parere, ci sono senza dubbio forme di investimento migliori, ho premesso nella domanda che non cerco questo.
    A me piacciono i due pittori indicati, l'oggetto della domanda non è se sono un buon acquisto o meno, a me interesserebbe sapere se indicativamente i prezzi/coefficienti (che sarebbero poi il titolo di questo post) che ho indicato sono a vostro parere corretti nel periodo attuale.

    Qualcuno ha un'opinione a riguardo? mi piacerebbe davvero un vostro parere non sul valore dei pittori citati in confronto ad altri, ma semplicemente sui loro prezzi di mercato attuali.

    ciao

    Francesco
    Il problema è che ha senso parlare di coefficiente per artsiti che abbiano un mercato vero, diffuso, documentato. Per artisti che non sono 'nel circuito', il coefficiente è fatto da loro stessi o dal gallerista che si incarica di venderli. Quindi sono valori che hanno riscontri poco allargati. Può andar bene 1000, 1500, 2000, chi lo può dire? Tanto sono valori molto probabilmente non recuperabili. Intendo dire che se un giorno volessi rivenderli avresti ben poche strade: il gallerista che te li ha venduti difficilmente te li vorrà riprendere indietro, le aste (peraltro solo aste minori) te li prenderanno solo a prezzi ben inferiori, e se vorrai metterli in vendita per conto tuo su qualche nota piattaforma dovrai proporli a prezzi ridottissimi mettendo in conto periodi molto lunghi. Questo è un po' il riassunto. Pertanto, escluso non solo l'investimento ma anche il mantenimento del valore, che senso ha preoccuparsi se li si sta pagando 'il giusto' (il 'giusto' in base a cosa?). Se ti piacciono, comprali e non pensare ad altro. Saranno sempre 2000 o 3000 euro spesi. Come per un mobile o per un divano: ti faranno stare meglio dando calore alla tua casa, ma quei soldi spesi sono spesi e basta.

    P.S. Non tutti i pittori sono Artisti eh? E nemmeno tutti gli Artisti sono da investimento (ho capito che non cerchi l'investimento, però a nessuno piace escluderlo). Se continuerai a leggere il fol e magari anche molto altro, un po' alla volta capirai meglio il perchè delle perplessità sulla convenienza di tali acquisti. Tutto qua.

  2. #542
    L'avatar di eelle25
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    2,165
    Mentioned
    56 Post(s)
    Quoted
    927 Post(s)
    Potenza rep
    39133048
    @Francesco Celeri
    Ho dato un'occhiata su artprice... per Calvetti, se trovi in asta qualcosa che ti piace, porti via un 100x100cm a 500 euro a cui aggiungere i diritti. Per Ranucci un 50x70 circa e' stato aggiudicato di recente a 258euro a cui aggiungere i diritti. Ti segnalo da Dobiaschofsky Auktionen AG un lotto che verrà esitato il 6 Novembre: del 1971, 80x100cm, stima 932 euro (e di solito puoi partire dal 20% in meno), quindi valuta tu ...
    Ultima modifica di eelle25; 26-10-20 alle 14:45

  3. #543

    Data Registrazione
    Oct 2020
    Messaggi
    42
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    27 Post(s)
    Potenza rep
    2500649
    Citazione Originariamente Scritto da eelle25 Visualizza Messaggio
    @Francesco Celeri
    Ho dato un'occhiata su artprice... per Calvetti, se trovi in asta qualcosa che ti piace, porti via un 100x100cm a 500 euro a cui aggiungere i diritti. Per Ranucci un 50x70 circa e' stato aggiudicato di recente a 258euro a cui aggiungere i diritti. Ti segnalo da Dobiaschofsky Auktionen AG un lotto che verrà esitato il 6 Novembre: del 1971, 80x100cm, stima 932 euro (e di solito puoi partire dal 20% in meno), quindi valuta tu ...
    Ciao,
    grazie per la risposta, purtroppo Artprice è un sito a pagamento, lo avevo trovato ma non essendo un appassionato d'arte pagare per l'abbonamento annuale 245 euro non mi convincono, forse sbaglio, mi puoi confermare che è un sito solo per abbonati a pagamento?
    ciao e grazie del tempo che mi hai dedicato. Ho visto invece l'altro quadro, non mi piace ma certo il prezzo è diverso dalle richieste che si trovano in rete.
    Grazie ancora, saluti

  4. #544
    L'avatar di eelle25
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    2,165
    Mentioned
    56 Post(s)
    Quoted
    927 Post(s)
    Potenza rep
    39133048
    "è un sito solo per abbonati a pagamento"?, si, confermo.
    Pero' puoi registrarti su Arsvalue che offre visibilità sulle aggiudicazioni d'asta (non tutte) gratis

  5. #545
    L'avatar di Jumpfree
    Data Registrazione
    Sep 2019
    Messaggi
    587
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    294 Post(s)
    Potenza rep
    9419973
    Citazione Originariamente Scritto da eelle25 Visualizza Messaggio
    "è un sito solo per abbonati a pagamento"?, si, confermo.
    Pero' puoi registrarti su Arsvalue che offre visibilità sulle aggiudicazioni d'asta (non tutte) gratis
    Sono registrarto su Arsvalue ma non riesco mai a vedere nessun prezzo finale di aggiudicazione... Voi li vedete?

  6. #546
    L'avatar di eelle25
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    2,165
    Mentioned
    56 Post(s)
    Quoted
    927 Post(s)
    Potenza rep
    39133048
    Citazione Originariamente Scritto da Jumpfree Visualizza Messaggio
    Sono registrarto su Arsvalue ma non riesco mai a vedere nessun prezzo finale di aggiudicazione... Voi li vedete?
    Si, nel pannello Risultati, non in quello delle aste.

  7. #547

    Data Registrazione
    Oct 2020
    Messaggi
    42
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    27 Post(s)
    Potenza rep
    2500649
    Citazione Originariamente Scritto da eelle25 Visualizza Messaggio
    "è un sito solo per abbonati a pagamento"?, si, confermo.
    Pero' puoi registrarti su Arsvalue che offre visibilità sulle aggiudicazioni d'asta (non tutte) gratis
    Ciao Ellee 25,
    grazie per il bel suggerimento di arsvalue, mi sono registrato tra l'altro.
    Ho visto i prezzi di opere di Calvetti e Ranucci aggiudicate in passato.
    Per Calvetti è vero, ho visto un'opera aggiudicata a 600 euro ma la qualità era davvero imparagonabile alle altre opere da me viste, per opere diciamo nella media almeno dal mio punto di vista/gusto il prezzo di aggiudicazione variava intorno ai 1200/1500 euro. Considerati i diritti d'asta direi che i meri prezzi al di là del valore dell'artista non sono distante dai 2000 euro da me ipotizzati.
    Circa Ranucci ho visto cose simili, opere che non sono quelle + ricercate (normalmente piace molto la figura femminile al lavoro o sul sofà) si sono passate in asta anche a prezzi inferiori ai 1000 euro, ma quelle che a torto o ragione sono più graditi sono state aggiudicate a prezzi pari o superiori ai 2000 euro.
    Direi che anche in questo caso i 2500 euro che non devono aggiungere le commissioni di asta non sono una follia.
    Ovviamente parlo delle aste proposte da questo sito, di quello a pagamento non ho visto le opere.
    Mi sembra tuttavia di capire che come peraltro logico i prezzi + bassi riguardano opere meno "belle/ambite" per la media degli acquirenti. Come dire, ogni artista al suo livello fa cose che piacciono di più e costano spesso di più e cose meno gradite al pubblico medio (magari migliori per chi se ne intende) e queste "costano" o forse meglio "sono vendute" ad un prezzo inferiore semplicemente perchè pochi le desiderano e se te ne vuoi liberare devi abbassare il prezzo.

    Mi resta un quesito, a tuo/vostro parere le aste rappresentano un buon canale di acquisto fissato un artista specifico di cui prima si sono prese informazioni quanto meno circa i prezzi di vendita delle sue opere? rispetto ad acquisti in galleria per esempio...un problema delle aste mi pare potrebbe essere la garanzia di opera originale...e il canale diretto con il pittore? in teoria sembra il migliore...togliendo un intermediario...per esempio ho visto che Calvetti ha un sito internet e quindi in teoria uno potrebbe provare a contattarlo a meno che non abbia contratti con gallerie.

    ciao e grazie di tutto mi hai dato un bel consiglio.
    Francesco

  8. #548
    L'avatar di eelle25
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    2,165
    Mentioned
    56 Post(s)
    Quoted
    927 Post(s)
    Potenza rep
    39133048
    @Francesco Celeri ottimo!
    Da un punto di vista di sostentamento del mondo dell'arte, bisognerebbe sempre passare dalle gallerie (dopotutto sono quelle che fanno scouting e che aiutano - o dovrebbero aiutare - i giovani autori a crescere facendo mostre etc etc). Certo che se ti capita di conoscere l'autore e questo non ha nessun vincolo speciale con gallerie, allora potrebbe essere una buona idea contattarlo anche per visitare il suo studio e conoscerlo di persona, ma le due cose non si escludono.
    La questione dell'originalità dell'opera, sebbene in questo mondo non ci si possa mai fidare, dovrebbe essere risolta dal fatto che se l'autore e' in vita un'occhio a cosa passa sul mercato dovrebbe darlo. Inoltre se non si tratta di cifre significative o di autori estremamente appetibili, i.e. Miro' litografie, e' difficile che ci siano in giro falsi. Comunque anche le case d'asta sono dotate di regolamenti interni e puoi sempre sentirle nel caso di dubbi.
    Il passaggio in galleria dovrebbe tutelarti (ma la vera tutela nasce solo dall'autentica rilasciata dall'autore in vita e/o da esposizioni coeve alla produzione del lavoro e documentate - cataloghi di mostre e/o dalla presenza di un archivio - e lo dico sottovoce, se vorrai leggere qualche centinaio di pagine del FoL capirai perche' -).

    Le aste ti danno un'idea della richiesta economica per la tipologia di opere e l'autore. Chiaro che se ti accorgi che la qualità e' molto più bassa di quello che hai visto, allora ti da solo un punto di riferimento al limite basso... e come hai detto tu, se non ti piacciono i lavori in asta, c'e' poco da fare, devi andare in galleria.

    Spero di esserti stata utile, magari qualche altro amico del FoL mi correggerà o aggiungerà elementi di riflessione.

  9. #549

    Data Registrazione
    Oct 2020
    Messaggi
    42
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    27 Post(s)
    Potenza rep
    2500649
    Citazione Originariamente Scritto da accipicchia Visualizza Messaggio
    Il problema è che ha senso parlare di coefficiente per artsiti che abbiano un mercato vero, diffuso, documentato. Per artisti che non sono 'nel circuito', il coefficiente è fatto da loro stessi o dal gallerista che si incarica di venderli. Quindi sono valori che hanno riscontri poco allargati. Può andar bene 1000, 1500, 2000, chi lo può dire? Tanto sono valori molto probabilmente non recuperabili. Intendo dire che se un giorno volessi rivenderli avresti ben poche strade: il gallerista che te li ha venduti difficilmente te li vorrà riprendere indietro, le aste (peraltro solo aste minori) te li prenderanno solo a prezzi ben inferiori, e se vorrai metterli in vendita per conto tuo su qualche nota piattaforma dovrai proporli a prezzi ridottissimi mettendo in conto periodi molto lunghi. Questo è un po' il riassunto. Pertanto, escluso non solo l'investimento ma anche il mantenimento del valore, che senso ha preoccuparsi se li si sta pagando 'il giusto' (il 'giusto' in base a cosa?). Se ti piacciono, comprali e non pensare ad altro. Saranno sempre 2000 o 3000 euro spesi. Come per un mobile o per un divano: ti faranno stare meglio dando calore alla tua casa, ma quei soldi spesi sono spesi e basta.

    P.S. Non tutti i pittori sono Artisti eh? E nemmeno tutti gli Artisti sono da investimento (ho capito che non cerchi l'investimento, però a nessuno piace escluderlo). Se continuerai a leggere il fol e magari anche molto altro, un po' alla volta capirai meglio il perchè delle perplessità sulla convenienza di tali acquisti. Tutto qua.
    Ciao, grazie della risposta, per la differenza tra 2000 e 3000 euro beh, a parte il significato artistico che nell'ignoranza del settore mi è oscuro, io quando vedo una qualsiasi cosa che mi piace cerco di capire quanto possa essere + o meno corretto pagarla in base a prezzi di riferimento di beni simili che sono venduti da organizzazioni/aziende concorrenti. Nell'arte è certo + complesso rispetto ad un dato prodotto con un suo modello (che so smartphone HP 2314 invento). Tuttavia non avendo risorse infinite e avendo (Quello si anche da inesperto) visto che il mondo prezzi in galleria è abbastanza particolare (costerebbe 5000 euro ma per LEI 2600 guardi...e me lo hanno fatto quasi tutte le gallerie sentite in modi magari diversi...e poi se rilanci 2000...ahh per Acquisirla come cliente quasi ci perdiamo...) ecco allora che pagare la stessa opera 3000 euro o 2000 euro fa differenza, e la differenza è di 3000-2000=1000 che mi possono servire per altre spese in quanto io sono un normale cittadino senza super redditi o capitali. Se fossi piuttosto benestante allora ti darei ragione che pagare 3000 o 2000 alla fine fa poca differenza, discorso che io riesco a fare per una bibita da 1 euro al market o 3 euro al bar, differenza 2 euro che non rilevano. Ma nei quadri viste le cifre e il modus operandi la stessa opera può essere proposta a 4000 euro o 2000 a seconda di quanto tu insisti a chiedere un prezzo inferiore...e allora occorre anche per una persona di scarsa cultura artistica come me fare attenzione non solo a che artista acquistare ma anche nell'ambito della scelta, magari errata da un punto di vista artistico, a che prezzo comperare.

  10. #550

    Data Registrazione
    Oct 2020
    Messaggi
    42
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    27 Post(s)
    Potenza rep
    2500649
    Citazione Originariamente Scritto da eelle25 Visualizza Messaggio
    @Francesco Celeri ottimo!
    Da un punto di vista di sostentamento del mondo dell'arte, bisognerebbe sempre passare dalle gallerie (dopotutto sono quelle che fanno scouting e che aiutano - o dovrebbero aiutare - i giovani autori a crescere facendo mostre etc etc). Certo che se ti capita di conoscere l'autore e questo non ha nessun vincolo speciale con gallerie, allora potrebbe essere una buona idea contattarlo anche per visitare il suo studio e conoscerlo di persona, ma le due cose non si escludono.
    La questione dell'originalità dell'opera, sebbene in questo mondo non ci si possa mai fidare, dovrebbe essere risolta dal fatto che se l'autore e' in vita un'occhio a cosa passa sul mercato dovrebbe darlo. Inoltre se non si tratta di cifre significative o di autori estremamente appetibili, i.e. Miro' litografie, e' difficile che ci siano in giro falsi. Comunque anche le case d'asta sono dotate di regolamenti interni e puoi sempre sentirle nel caso di dubbi.
    Il passaggio in galleria dovrebbe tutelarti (ma la vera tutela nasce solo dall'autentica rilasciata dall'autore in vita e/o da esposizioni coeve alla produzione del lavoro e documentate - cataloghi di mostre e/o dalla presenza di un archivio - e lo dico sottovoce, se vorrai leggere qualche centinaio di pagine del FoL capirai perche' -).

    Le aste ti danno un'idea della richiesta economica per la tipologia di opere e l'autore. Chiaro che se ti accorgi che la qualità e' molto più bassa di quello che hai visto, allora ti da solo un punto di riferimento al limite basso... e come hai detto tu, se non ti piacciono i lavori in asta, c'e' poco da fare, devi andare in galleria.

    Spero di esserti stata utile, magari qualche altro amico del FoL mi correggerà o aggiungerà elementi di riflessione.
    Ciao,
    vedo che sai molte cose, sei un'artista o una addetta ai lavori?
    Hai l'abbonamento ad Artprice da quello che ho capito, sai se si può fare anche un solo mese? nel "prezziario" pare di sì ma non ho capito se è solo un modo di dividere l'abbonamento annuale in pagamenti dilazionati, un mese potrebbe avere un senso se pago 45 euro circa...un singolo giorno mi pare poco e un anno per me è costoso se non acquisto poi quadri.
    Ars value mi pare cmq un buon sito, ho visto che le aste che compaiono sono poi rintracciabili dai link delle singole gallerie molte delle quali indicate nel post apposito su questo utilissimo forum. A tuo parere artprice è molto + esteso? In effetti i prezzi tra gallerie ed aste sono talvolta significativamente diversi anche perchè alcune gallerie potrebbero scegliere questo canale per vendere delle opere che non riescono a vendere o magari di correnti pittoriche che espongono meno perchè hanno deciso di intraprendere un'altra direzione...insomma per chi non ha molte risorse può essere un canale di acquisto da monitorare.
    Mi piacerebbe capire qualcosa in più di questo mondo a cui mi sono approcciato da alcuni mesi ma senza avere punti di riferimento, non conoscendo appassionati di fatto leggo in internet e vedo trasmissioni tv. Mi pare che queste ultimi siano da evitare, non mi intendo di arte ma mi intendo di marketing e acquisto/vendite che sono il mio settore lavorativo e gli approcci delle trasmissioni tv (e talvolta pure delle gallerie) nella proposta prezzi mi fanno molto diffidare. Sconti evidentemente irreali che rischiano di confondere chi ascolta e probabilmente è proprio questo lo scopo.
    Mi piacerebbe partecipare ad una fiera dell'arte potrebbe essere interessante ma vedo che Torino si farà in parte on line e in parte utilizzando gli spazi di alcuni musei...un'altro mio interesse se rimarrà aperta è la mostra di Chagall a Rovigo, un po' distante ma in auto alla fine in 4 ore sono lì.
    ti saluto

Accedi