Differenza tra promessa di vendita e compravendita
E’ crypto crash: bitcoin -50% dai massimi ed Ethereum -33% a gennaio. Che sta succedendo?
Nuovo tonfo del bitcoin e della altre principali criptovalute. L’ennesimo tonfo di Wall Street, anche ieri vittima di corposi ribassi a partire dall’indice Nasdaq, testimonia una fuga dal rischio da …
L’incastro perfetto per Quirinale e governo che farebbe gioire BTP e Piazza Affari
Con l’avvicinarsi del 24 gennaio, giorno della prima votazione per l’elezione del nuovo presidente della Repubblica, si è progressivamente acuita l?incertezza sulle prospettive per lo spread Btp-Bund, che ondeggia in …
‘Il grande crollo è iniziato, S&P 500 andrà giù del 45%’. Jeremy Grantham non ha dubbi ed elenca tutti i sintomi della super bolla
Jeremy Grantham, investitore celebre per le chiamate delle scoppio di bolle di mercato,  ieri ha affermato che lo storico crollo delle azioni che aveva previsto un anno fa è in …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Jan 2015
    Messaggi
    318
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    228 Post(s)
    Potenza rep
    1486948

    Differenza tra promessa di vendita e compravendita

    Premessa la mia totale estraneità alla materia, sto aiutando un parente a vendere casa sua e, rovistando tra i molti documenti, ho anche rinvenuto i segg.:
    - "promessa di vendita" (1984), in formato di scrittura privata firmata tra il costruttore ed i miei parenti, in cui è indicata la cifra di 85mln di lire;
    - "compravendita" (1993), atto notarile firmato da: notaio, testimoni, i miei parenti e 2 coniugi che, evidentemente, erano i proprietari della casa nel periodo immediatamente precedente all'atto; in cui è indicata la somma di 228mln di lire.
    Mi spiegate che differenza c'è tra i 2 documenti e, di conseguenza, com'è stato possibile partire da una spesa di 85mln ed arrivare a 228mln? Se servono altre informazioni, chiedete pure, cercherò di recuperarle.
    Grazie in anticipo.

  2. #2

    Data Registrazione
    Jan 2021
    Messaggi
    508
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    353 Post(s)
    Potenza rep
    17121629
    Citazione Originariamente Scritto da baratto80 Visualizza Messaggio
    Premessa la mia totale estraneità alla materia, sto aiutando un parente a vendere casa sua e, rovistando tra i molti documenti, ho anche rinvenuto i segg.:
    - "promessa di vendita" (1984), in formato di scrittura privata firmata tra il costruttore ed i miei parenti, in cui è indicata la cifra di 85mln di lire;
    - "compravendita" (1993), atto notarile firmato da: notaio, testimoni, i miei parenti e 2 coniugi che, evidentemente, erano i proprietari della casa nel periodo immediatamente precedente all'atto; in cui è indicata la somma di 228mln di lire.
    Mi spiegate che differenza c'è tra i 2 documenti e, di conseguenza, com'è stato possibile partire da una spesa di 85mln ed arrivare a 228mln? Se servono altre informazioni, chiedete pure, cercherò di recuperarle.
    Grazie in anticipo.
    C'è qualcosa che non quadra nei dati che fornisci.
    Nell'atto del 1984 il venditore è un costruttore mentre nell'atto del 1993 sono i coniugi. Come può cambiare il venditore se i due atti sono collegati?
    Sei sicuro che trattasi del medesimo immobile nei due atti?
    Tra l'altro non ha senso stipulare una promessa di vendita nel 1984 ed il successivo rogito nel 1993: 9 anni dopo. Normalmente tra il preliminare ed il rogito passano solo alcune settimane per sistemare alcuni dettagli.

  3. #3
    L'avatar di reganam
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    18,326
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    29 Post(s)
    Quoted
    5759 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da beowulf56 Visualizza Messaggio
    C'è qualcosa che non quadra nei dati che fornisci.
    Nell'atto del 1984 il venditore è un costruttore mentre nell'atto del 1993 sono i coniugi. Come può cambiare il venditore se i due atti sono collegati?
    Sei sicuro che trattasi del medesimo immobile nei due atti?
    Tra l'altro non ha senso stipulare una promessa di vendita nel 1984 ed il successivo rogito nel 1993: 9 anni dopo. Normalmente tra il preliminare ed il rogito passano solo alcune settimane per sistemare alcuni dettagli.
    no, ha capito male, i suoi parenti hanno comprato nuovo nel 1984 e nel 1993 hanno venduto a una coppia.
    riguardo al prezzo nel 1984 il mercato era basso e 85 milioni erano tanti soldi per una casa,poi negli anni 80 c era un inflazione molto alta e hanno venduto ai massimi nel 1993, appena iniziavano a calare i prezzi

  4. #4

    Data Registrazione
    Jan 2015
    Messaggi
    318
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    228 Post(s)
    Potenza rep
    1486948
    E' corretta l'interpretazione di beowulf56, perciò, nonostante non ne capisco, mi sono subito insospettito, comunque appena posso dò un'occhiata allo storico delle visure catastali, così vediamo dalle volture come si sono avvicendati i proprietari dell'immobile.
    Il parente comunque ricorda bene solo quegli 85mln, mentre è caduto dal pero quando gli ho fatto leggere i 228mln scritto sull'atto di compravendita.
    Per me è fondamentale capire a quanto l'hanno comprata circa 40 anni fa per evitare di svenderla oggi... ammesso che ci si riesca visto l'attuale mercato!

  5. #5

    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    1,866
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    982 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Oggi vendi al prezzo di oggi.... guardando i prezzi delle case attorno.... quanto l'hanno pagata IN LIRE i tuoi parenti 30 o 40 anni fa... poco conta....

    Sempre se sei tu/Voi i proprietari.. visto il casino che hai descritto nel primo post... !!

  6. #6

    Data Registrazione
    Jan 2021
    Messaggi
    508
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    353 Post(s)
    Potenza rep
    17121629
    Citazione Originariamente Scritto da reganam Visualizza Messaggio
    no, ha capito male, i suoi parenti hanno comprato nuovo nel 1984 e nel 1993 hanno venduto a una coppia.
    riguardo al prezzo nel 1984 il mercato era basso e 85 milioni erano tanti soldi per una casa,poi negli anni 80 c era un inflazione molto alta e hanno venduto ai massimi nel 1993, appena iniziavano a calare i prezzi
    Per l'ennesima volta hai capito male tu. Leggi bene: per come ha scritto baratto80 i venditori sono diversi tra il preliminare (costruttore) ed il rogito (i coniugi).

  7. #7
    L'avatar di reganam
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    18,326
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    29 Post(s)
    Quoted
    5759 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da beowulf56 Visualizza Messaggio
    Per l'ennesima volta hai capito male tu. Leggi bene: per come ha scritto baratto80 i venditori sono diversi tra il preliminare (costruttore) ed il rogito (i coniugi).
    lascia stare..
    l autore del tread non capisce neanche come mai in 9 anni di alta inflazione il prezzo è passato da 85 a 228 milioni..
    che gli vuoi dire?

  8. #8
    L'avatar di ido
    Data Registrazione
    Aug 2008
    Messaggi
    4,590
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    819 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da baratto80 Visualizza Messaggio
    Per me è fondamentale capire a quanto l'hanno comprata circa 40 anni fa per evitare di svenderla oggi... ammesso che ci si riesca visto l'attuale mercato!
    a questo punto cerca di trovare quanto valeva il terreno all'epoca dell'impero romano, magari scopri che era un'area nobiliare

  9. #9

    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    17,293
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    7032 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da baratto80 Visualizza Messaggio
    E' corretta l'interpretazione di beowulf56, perciò, nonostante non ne capisco, mi sono subito insospettito, comunque appena posso dò un'occhiata allo storico delle visure catastali, così vediamo dalle volture come si sono avvicendati i proprietari dell'immobile.
    Il parente comunque ricorda bene solo quegli 85mln, mentre è caduto dal pero quando gli ho fatto leggere i 228mln scritto sull'atto di compravendita.
    Per me è fondamentale capire a quanto l'hanno comprata circa 40 anni fa per evitare di svenderla oggi... ammesso che ci si riesca visto l'attuale mercato!

    è fondamentale?? il dato che cerchi ha valenza ZERO. il mercato è oggi, non nel 1980.

  10. #10

    Data Registrazione
    Jan 2015
    Messaggi
    318
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    228 Post(s)
    Potenza rep
    1486948
    Avete ragione, ho detto una enorme fesseria, ciò che conta è il mercato attuale, colpa mia che è la prima volta che ho a che fare con sta roba!
    Resta però la curiosità sul perchè della enorme differenza del prezzo di vendita dello stesso immobile, forse interessante da chiarire anche perchè ritengo che i potenziali acquirenti vorranno capire se l'immobile è vendibile o meno o comunque se ci possono essere intoppi dal notaio al momento del rogito.

    Questi sono gli ultimi "dati" che ho acquisito sulla vicenda. Indicherò il costruttore della promessa dell'84 con "M" ed i coniugi del rogito del 93 con "C", specifico solo inoltre che si tratta di un 90enne non sempre lucido:

    1. storia secondo il mio parente
    Il terreno apparteneva a C, poi fu venduto a M, che pagò il dovuto a C *però* senza alcun atto di vendita perchè era già andato in fallimento e non aveva neppure i soldi per il notaio ed i documenti. M intascò gli 85mln dai miei parenti e stipulò la promessa di vendita e poi, a lavori ultimati, quando i miei parenti erano pronti al rogito, M cominciò a negarsi ed alla fine uscì fuori la verità, cioè che ancora il proprietario era C. I miei parenti si rivolsero dunque a C che accettò di stipulare il contratto di compravendita del 1993, inoltre pagarono loro le spese del notaio perchè "loro erano dei signori" (cit.).

    2. visure catastali
    "situazione degli intestati dal"
    - 1991: coniugi C;
    - 1993: miei parenti;
    - 1995: solo il parente attualmente in vita
    Aggiungo che i miei parenti avevano già preso ufficialmente residenza nell'immobile a partire dall'85.

    3. varie
    3.1 ho rinvenuto un'enormità di lettere dell'avvocato dei miei parenti indirizzate sia a M che a C, tutte tra il 1985 e il 1992, che dovrebbero motivare l'attesa dei 9 anni tra promessa di vendita e rogito;
    3.2 il parente ammette di non aver mai disposto di un capitale come quello indicato nel rogito del '93.
    3.3 estratti dal rogito del '93:
    pag.2
    "I medesimi [coniugi C] mi richiedono di ricever il presente atto, da conservarsi fra i miei originali, in virtù del quale i comparenti coniugi [C] vendono e trasferiscono, congiuntamente e solidamente e con ogni garanzia di legge, agli altri comparenti coniugi [miei parenti] che, indivisamente ed in pari quota fra loro, accettano di comprare quanto segue:"
    pag.5
    "Il prezzo della superiore vendita viene tra le parti convenuto ed accettato, a corpo, in lire [scrittura manuale] duecentoventotto milioni (£ 228.000.000).[/scrittura manuale]
    Detta somma è stata già prima d'ora pagata dalla parte compratrice alla parte venditrice che ne garantisce legale quietanza a saldo"
    pag.8
    [scrittura manuale] "Richiesto io notaio ho ricevuto quest'atto, dattiloscritto a mia ["cura"? non si capisce bene] da persona di mia fiducia ed in parte redatto di mio pugno e da me letto ..."[/scrittura manuale]

    @reganam Sto qui per imparare, mi spieghi la tua osservazione sull'inflazione all'interno del contesto che ho descritto ed usando termini elementari? (ovviamente se ti va)
    Citazione Originariamente Scritto da reganam Visualizza Messaggio
    lascia stare..
    l autore del tread non capisce neanche come mai in 9 anni di alta inflazione il prezzo è passato da 85 a 228 milioni..
    che gli vuoi dire?

Accedi