Bonus e Cessione: Poste Italiane VOL II - Pagina 52
Notti insonni pensando alle proprie finanze, ecco cosa occorre per gestire al meglio i risparmi
Il 27% degli italiani ha dichiarato di non aver dormito di notte almeno una volta negli ultimi sei mesi per problemi legati alla sfera finanziaria e a soffrire di questa …
L’inflazione pesa su tutti, è tempo di cambiare le abitudini di spesa. Il crollo di Walmart & co. è più che un indizio
L?impennata dell?inflazione si fa sentire sempre di più sui consumatori. All’iniziale batosta legala al caro energia tra bollette record e costo della benzina, adesso le ricadute sono a macchia d’olio. …
Tol Expo 2022, chiusa la ventesima edizione: un successo per contenuti e partecipazione
Un successo, per i contenuti espressi e il pubblico presente all?evento. Si può riassumere così questa ventesima edizione della Trading Online Expo, organizzata da Borsa Italiana e tenutasi fisicamente a …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #511
    L'avatar di Cosmos
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Messaggi
    8,832
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    527 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Citazione Originariamente Scritto da Dany_R Visualizza Messaggio
    In che senso?
    F24 è il modulo per pagare le tasse se non hai sostituto d'imposta. Se invece hai sostituito d'imposta le tasse vengono trattenute dal tuo datore di lavoro.
    Il punto è come fai a far valere il tuo credito. A prescindere se questo credito viene detratto dalle tasse versate tramite f24 piuttosto che dal sostituto d' imposta.
    Citazione Originariamente Scritto da Cosmos Visualizza Messaggio
    nel senso che se hai acquistato un credito puoi sfruttarlo solamente in compensazione e non puoi chiederlo a rimborso sul 730
    o puoi cederlo successivamente....

  2. #512
    L'avatar di The Miracle
    Data Registrazione
    Sep 2000
    Messaggi
    13,036
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    1170 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Citazione Originariamente Scritto da Cosmos Visualizza Messaggio
    ulteriore problema ci sarà per imprese che hanno crediti ceduti prima del 11 novembre....le poste acquisteranno questi crediti??
    il contratto è firmato, i credi disponibili dal 10.
    Vorrei ben vedere non li prendessero, il DL è entrato in vigore l'11.

  3. #513

    Data Registrazione
    Jul 2021
    Messaggi
    93
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    75 Post(s)
    Potenza rep
    2165759
    Citazione Originariamente Scritto da Cosmos Visualizza Messaggio
    il problema sarà di chi cederà per primo il credito d'imposta....per quelli successivi agenzia delle entrate non può fare nulla..!! il controllo deve essere a monte....se io ricevo un credito d'imposta ceduto per la quarta o quinta volta come faccio a sapere che è un credito non spettante...?? ripeto il controllo sarà fatto solo sul primo cessionario anche perchè se viene apposto il visto non ci vorranno altri visti successivi
    L'art. 121 nella sua prima versione già prevedeva controlli solo in capo al primo cedente. E' per questo che Poste non chiede nulla, se il credito non è spettante l'Agenzia delle Entrate può chiederlo solo e soltanto al beneficiario della detrazione, cioè al soggetto che lo cede per la prima volta. Una volta entrato nella piattaforma i crediti sono liberamente cedibili tra i vari soggetti, il controllo sulla validità resta in capo al beneficiario originale. Da questo punto di vista nulla è cambiato.

    Citazione Originariamente Scritto da Cosmos Visualizza Messaggio
    nel senso che se hai acquistato un credito puoi sfruttarlo solamente in compensazione e non puoi chiederlo a rimborso sul 730
    Sinceramente non so se è già prevista una sezione delle dichiarazione dei redditi dove poter indicare i crediti acquistati, a memoria non mi pare. In ogni caso tecnicamente potresti compensare in F24 un acconto Irpef che ti ritroverai in dichiarazione e ti genererà un credito rimborsabile. Non mi pare sia vietato pertanto dovrebbe essere perfettamente lecito.

  4. #514
    L'avatar di TrueBlood
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    1,411
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    97 Post(s)
    Potenza rep
    26855359
    Citazione Originariamente Scritto da marco.ska Visualizza Messaggio
    L'art. 121 nella sua prima versione già prevedeva controlli solo in capo al primo cedente. E' per questo che Poste non chiede nulla, se il credito non è spettante l'Agenzia delle Entrate può chiederlo solo e soltanto al beneficiario della detrazione, cioè al soggetto che lo cede per la prima volta. Una volta entrato nella piattaforma i crediti sono liberamente cedibili tra i vari soggetti, il controllo sulla validità resta in capo al beneficiario originale. Da questo punto di vista nulla è cambiato.
    Quindi cosa potrebbe cambiare per Poste? Sono in ballo con un lavoro di ristrutturazione importante (che terminerà a febbraio 2022), per il quale sto scontando le fatture ogni due emissioni per rientrare delle spese. Per evitare ogni problema, avevo già previsto di saldare insieme tutte le fatture restanti la prossima settimana, per poter fare la cessione con Poste prima del passaggio al 2022. E ora questo blocco è un bel problema...

  5. #515

    Data Registrazione
    Jul 2021
    Messaggi
    93
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    75 Post(s)
    Potenza rep
    2165759
    Citazione Originariamente Scritto da TrueBlood Visualizza Messaggio
    Quindi cosa potrebbe cambiare per Poste? Sono in ballo con un lavoro di ristrutturazione importante (che terminerà a febbraio 2022), per il quale sto scontando le fatture ogni due emissioni per rientrare delle spese. Per evitare ogni problema, avevo già previsto di saldare insieme tutte le fatture restanti la prossima settimana, per poter fare la cessione con Poste prima del passaggio al 2022. E ora questo blocco è un bel problema...
    E' la mia opinione, quindi prendila per quello che vale...Secondo me il nuovo DL cambia poco a Poste. Anzi, l'obbligo per il cedente di munirsi di visto di conformità e attestazione di congruità delle spese limita notevolmente il rischio di acquistare crediti non genuini (la cui responsabilità comunque, come abbiamo già detto, ricade sul cedente e non su Poste). Potrebbe essere più rilevante la possibilità di AdE di sospendere il credito, ma questo potrebbe forse incidere solo sulle tempistiche, anche se i 5 giorni a disposizione di AdE dovrebbero già essere garantiti dall'attuale procedura. Secondo me paradossalmente questi nuovi obblighi spingeranno molta gente verso le banche che si appoggiano a Deloitte, Pwc e compagnia. Non tutti hanno commercialista per il visto e tecnico per i computi e quelle piattaforme si occuperebbero di queste formalità. Tuttavia Poste ha già ridotto notevolmente la propria offerta rispetto all'inizio, siamo passati da un 89% ad un 83%, potrebbero cogliere l'occasione per ridurre ulteriormente ma personalmente non ne vedo il motivo e anzi potrebbe essere un autogol che li renderebbe molto meno convenienti di altri istituti che magari alla stessa cifra di acquisto o con sovrapprezzo risibile offrirebbero visto e congruità.

  6. #516

    Data Registrazione
    Jan 2017
    Messaggi
    548
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    334 Post(s)
    Potenza rep
    6116496
    Citazione Originariamente Scritto da marco.ska Visualizza Messaggio
    Sinceramente non so se è già prevista una sezione delle dichiarazione dei redditi dove poter indicare i crediti acquistati, a memoria non mi pare. In ogni caso tecnicamente potresti compensare in F24 un acconto Irpef che ti ritroverai in dichiarazione e ti genererà un credito rimborsabile. Non mi pare sia vietato pertanto dovrebbe essere perfettamente lecito.
    Ma se sei un dipendente non fai acconti irpef te direttamente. Li fa l'azienda al tuo posto. Oppure posso fare un acconto senza 'avvisare' l'azienda? È un meccanismo strano.
    Ma si può compensare qualsiasi tributo o solo l'irpef? Mi viene in mente solo L'imu o l'immondizia che si potrebbe compensare con l'f24

  7. #517

    Data Registrazione
    Jul 2021
    Messaggi
    93
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    75 Post(s)
    Potenza rep
    2165759
    Citazione Originariamente Scritto da marco.ska Visualizza Messaggio
    E' la mia opinione, quindi prendila per quello che vale...Secondo me il nuovo DL cambia poco a Poste. Anzi, l'obbligo per il cedente di munirsi di visto di conformità e attestazione di congruità delle spese limita notevolmente il rischio di acquistare crediti non genuini (la cui responsabilità comunque, come abbiamo già detto, ricade sul cedente e non su Poste). Potrebbe essere più rilevante la possibilità di AdE di sospendere il credito, ma questo potrebbe forse incidere solo sulle tempistiche, anche se i 5 giorni a disposizione di AdE dovrebbero già essere garantiti dall'attuale procedura. Secondo me paradossalmente questi nuovi obblighi spingeranno molta gente verso le banche che si appoggiano a Deloitte, Pwc e compagnia. Non tutti hanno commercialista per il visto e tecnico per i computi e quelle piattaforme si occuperebbero di queste formalità. Tuttavia Poste ha già ridotto notevolmente la propria offerta rispetto all'inizio, siamo passati da un 89% ad un 83%, potrebbero cogliere l'occasione per ridurre ulteriormente ma personalmente non ne vedo il motivo e anzi potrebbe essere un autogol che li renderebbe molto meno convenienti di altri istituti che magari alla stessa cifra di acquisto o con sovrapprezzo risibile offrirebbero visto e congruità.
    Mi autocito per rettificare parzialmente quanto ho scritto: rileggendo bene tra le pieghe del decreto, in realtà hanno introdotto una specifica disposizione legata alla normativa antiriciclaggio che impone a banche e poste di rifiutare le acquisizioni in presenza di operazioni sospette. Di fatto la procedura di Poste, non prevendo la verifica di alcun documento, non permette di avere elementi per fare questa valutazione...che sia questo il nodo cruciale che segnerà la fine della cessione a Poste per come l'abbiamo conosciuta finora?

  8. #518
    L'avatar di paolo.66
    Data Registrazione
    Sep 2018
    Messaggi
    52
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    47 Post(s)
    Potenza rep
    1761831
    salve. io ho finito i lavori a casa il 10 ottobre.
    il 20 ottobre ho fatto due cessioni sul sito delle poste
    una per la ristrurazione da 96.000 euro al 50% quindi 48.000
    una per gli infissi da 20.000 euro al 65% quindi 13.000
    il 21 ottobre ho fatto la pratica su ade
    il 9 novembre i due crediti risultano accettati su ade in monitoraggio 85crediti
    aspettavo solo l'accredito di poste

    credete che l'abbia scampata e le poste finiranno la pratica di cessione oppure sono finito anche io nel blocco della asseverazione?
    Ultima modifica di paolo.66; 14-11-21 alle 07:59

  9. #519
    L'avatar di Cosmos
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Messaggi
    8,832
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    527 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Citazione Originariamente Scritto da paolo.66 Visualizza Messaggio
    salve. io ho finito i lavori a casa il 10 ottobre.
    il 20 ottobre ho fatto due cessioni sul sito delle poste
    una per la ristrurazione da 96.000 euro al 50% quindi 48.000
    una per gli infissi da 20.000 euro al 65% quindi 13.000
    il 21 ottobre ho fatto la pratica su ade
    il 9 novembre i due crediti risultano accettati su ade in monitoraggio 85crediti
    aspettavo solo l'accredito di poste

    credete che l'abbia scampata e le poste finiranno la pratica di cessione oppure sono finito anche io nel blocco della asseverazione?
    si...quando hanno accettato il credito è fatta!!

  10. #520
    L'avatar di Cosmos
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Messaggi
    8,832
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    527 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    come al solito sono intervenute le banche a far le scarpe alle poste.....adesso chiederanno mille adempimenti come le banche e spese pratica

Accedi