Comprare A/10 e cambio destinazione d'uso
Per Banco BPM il risiko non è più un must. AD Castagna mette a tacere sirene risiko, Carige affonda in Borsa
Il caso vuole che Giuseppe Castagna, amministratore delegato di Banco BPM, metta a tacere le sirene del risiko delle banche italiane proprio nel giorno in cui le borse mondiali, più …
Vontobel: ingresso di due risorse per presidiare il mercato italiano dei Certificati, il più importante dopo Germania e Svizzera
Jacopo Fiaschini e Gino Ercole Zincone hanno fatto il loro ingresso ufficiale in Vontobel. Entrambi saranno interamente dedicati al presidio e allo sviluppo del mercato italiano dei Certificati, dove Vontobel …
Collasso Evergrande e il rischio effetto domino: minaccia per immobiliare, banche e l’economia in generale
L’intensificarsi della crisi del gruppo cinese Evergrande, il costruttore più indebitato del mondo, sta causando scosse in tutto il mercato cinese dei bond e alimentando i timori che ci possano essere …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di cavallobolso
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    4,826
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    268 Post(s)
    Potenza rep
    42949683

    Comprare A/10 e cambio destinazione d'uso

    Nella mia città (Firenze) visto anche il proliferare dello smartworking ci sono interessantissimi A/10 che potrebbero diventare a volte senza troppe spese dal punto di vista edilizio abitazioni più che decenti (al max va allargata/ricavata la cucina...ma spesso erano case signorili in origine, quindi va semplicemente riportato allo stato precedente)

    Qualcuno si è mai imbarcato in questa avventura, a livello autorizzativo (comunale e condominiale...nel secondo caso difficile ci sia un regolamento così restrittivo) ci sono problematiche insormontabili? So che gli oneri non sono pochi (uno su tutti la compensazione per il posto auto...a Firenze un salasso). Avete un'idea di quanto verrebbe lavori esclusi trasformare un ufficio di 125mq in A/2?

  2. #2

    Data Registrazione
    Oct 2020
    Messaggi
    46
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    29 Post(s)
    Potenza rep
    858994
    Ciao, sto facendo anche io qualche considerazione simile.
    Non sono certamente un esperto, ma ho sentito dire da amici che lavorano nel settore che, se non apporti modifiche importanti, difficilmente il comune concede l’autorizzazione al passaggio perché da un punto di vista economico (tasse) non gli conviene.
    Sei riuscito a reperire ulteriori informazioni?

  3. #3

    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    287
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    120 Post(s)
    Potenza rep
    9316326
    Citazione Originariamente Scritto da ale1970 Visualizza Messaggio
    Ciao, sto facendo anche io qualche considerazione simile.
    Non sono certamente un esperto, ma ho sentito dire da amici che lavorano nel settore che, se non apporti modifiche importanti, difficilmente il comune concede l’autorizzazione al passaggio perché da un punto di vista economico (tasse) non gli conviene.
    Sei riuscito a reperire ulteriori informazioni?
    Mi dispiace contraddirti, ma il cambio di destinazione d'uso anche senza opere è disciplinato dalla normativa urbanistica e dallo strumento urbanistico comunale (piano regolatore, piano operativo in toscana e non so che altro a seconda delle regioni). Tutto questo per dire che se nella zona dove ricade l'immobile, l'intervento è consentito, l'amministrazione non lo può diniegare. Peraltro l'intervento qualora non comporti aumento di carico urbanistico è sottoposto a CILA o viceversa a SCIA e quindi è il tecnico incaricato che assevera la conformità dell'intervento.

  4. #4

    Data Registrazione
    Oct 2020
    Messaggi
    46
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    29 Post(s)
    Potenza rep
    858994
    Citazione Originariamente Scritto da geomarc Visualizza Messaggio
    Mi dispiace contraddirti, ma il cambio di destinazione d'uso anche senza opere è disciplinato dalla normativa urbanistica e dallo strumento urbanistico comunale (piano regolatore, piano operativo in toscana e non so che altro a seconda delle regioni). Tutto questo per dire che se nella zona dove ricade l'immobile, l'intervento è consentito, l'amministrazione non lo può diniegare. Peraltro l'intervento qualora non comporti aumento di carico urbanistico è sottoposto a CILA o viceversa a SCIA e quindi è il tecnico incaricato che assevera la conformità dell'intervento.
    Domanda: io come privato cittadino come posso accedere al piano regolatore per capire, caso per caso, se il cambio d'uso é consentito?
    Posso chiedere direttamente al comune o devo appoggiarmi ad un professionista del settore o altro?
    Grazie per le precisazioni

  5. #5
    L'avatar di Opinionista
    Data Registrazione
    Jul 2002
    Messaggi
    11,012
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    5214 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da ale1970 Visualizza Messaggio
    Domanda: io come privato cittadino come posso accedere al piano regolatore per capire, caso per caso, se il cambio d'uso é consentito?
    Posso chiedere direttamente al comune o devo appoggiarmi ad un professionista del settore o altro?
    Grazie per le precisazioni

    E' mia opinione che potresti provare a porre la tua domanda all'ufficio tecnico del tuo comune.

    Cioè è mia opinione che se sono abbastanza gentili e non troppo convenzionati potrebbero rispondere direttamente alla tua domanda senza dirti soltanto di rivolgerti invece a professionisti della zona nel settore edilizio.

  6. #6

    Data Registrazione
    Jul 2020
    Messaggi
    184
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    129 Post(s)
    Potenza rep
    1575160
    Citazione Originariamente Scritto da ale1970 Visualizza Messaggio
    Domanda: io come privato cittadino come posso accedere al piano regolatore per capire, caso per caso, se il cambio d'uso é consentito?
    Posso chiedere direttamente al comune o devo appoggiarmi ad un professionista del settore o altro?
    Grazie per le precisazioni
    Il piano regolatore è pubblico ma sono centinaia di pagine non semplici da comprendere se non sei pratico meglio affidarsi ad un professionista

  7. #7

    Data Registrazione
    Oct 2020
    Messaggi
    46
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    29 Post(s)
    Potenza rep
    858994
    Citazione Originariamente Scritto da Bits10 Visualizza Messaggio
    Il piano regolatore è pubblico ma sono centinaia di pagine non semplici da comprendere se non sei pratico meglio affidarsi ad un professionista
    Chiaro.
    Grazie!

  8. #8

    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    1,784
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    949 Post(s)
    Potenza rep
    41771644
    Citazione Originariamente Scritto da cavallobolso Visualizza Messaggio
    Nella mia città (Firenze) visto anche il proliferare dello smartworking ci sono interessantissimi A/10 che potrebbero diventare a volte senza troppe spese dal punto di vista edilizio abitazioni più che decenti (al max va allargata/ricavata la cucina...ma spesso erano case signorili in origine, quindi va semplicemente riportato allo stato precedente)

    Qualcuno si è mai imbarcato in questa avventura, a livello autorizzativo (comunale e condominiale...nel secondo caso difficile ci sia un regolamento così restrittivo) ci sono problematiche insormontabili? So che gli oneri non sono pochi (uno su tutti la compensazione per il posto auto...a Firenze un salasso). Avete un'idea di quanto verrebbe lavori esclusi trasformare un ufficio di 125mq in A/2?
    attento che non sempre l'operazione è fattibile

  9. #9
    L'avatar di cavallobolso
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    4,826
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    268 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da ale1970 Visualizza Messaggio
    Ciao, sto facendo anche io qualche considerazione simile.
    Non sono certamente un esperto, ma ho sentito dire da amici che lavorano nel settore che, se non apporti modifiche importanti, difficilmente il comune concede l’autorizzazione al passaggio perché da un punto di vista economico (tasse) non gli conviene.
    Sei riuscito a reperire ulteriori informazioni?
    Ho trovato il costo della monetizzazione del posto auto su strada (fai 5k) e poco altro, sicuramente andrebbe creata una vera cucina...ma in generale sembra davvero che alla fine ci può essere un cavillo comunale/condominiale che vanifica tutto.
    Naturalmente non lo sai mai con certezza fino a quando non ci sei dentro...e se devo scontare questo rischio in offerta, chiaramente diventa non competitiva

  10. #10

    Data Registrazione
    Jul 2021
    Messaggi
    53
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    24 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da cavallobolso Visualizza Messaggio
    Ho trovato il costo della monetizzazione del posto auto su strada (fai 5k) e poco altro, sicuramente andrebbe creata una vera cucina...ma in generale sembra davvero che alla fine ci può essere un cavillo comunale/condominiale che vanifica tutto.
    Naturalmente non lo sai mai con certezza fino a quando non ci sei dentro...e se devo scontare questo rischio in offerta, chiaramente diventa non competitiva
    5000 euro per monetizzare un posto auto a Firenze?

Accedi