Milano (città) - Osservatorio mercato immobiliare - Parte VIII - Pagina 90
I bond segnalano problemi in arrivo, sarà fondamentale monitorare i rendimenti reali
Gli investitori dovrebbero iniziare a preoccuparsi dei loro investimenti, dal momento che i rendimenti del Tesoro USA si stanno muovendo più in alto, trascinando con loro i crediti a basso …
Trading fino a sera, nuovi orari per la Borsa tedesca che resterà aperta fino alla chiusura di Wall Street. Anche Piazza Affari pronta per gli straordinari?
Da lunedì 29 novembre la Borsa di Francoforte consentirà agli investitori di negoziare azioni, Etf/Etp e fondi comuni di investimento fino alle ore 22, potendo così reagire agli eventi sui …
La giornata più nera dell’anno per le Borse, panic selling con petrolio a -13%. Ftse Mib affonda a -4,6%
Venerdì nero a tutti gli effetti sui mercati. In coincidenza con il Black Friday che segna l?avvio della stagione degli acquisti pre-natalizi, i mercati sono stati travolti dall?emergere di una …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #891
    L'avatar di Benjamin_Malaussène
    Data Registrazione
    Aug 2019
    Messaggi
    4,026
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    3369 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da Henry Kravis Visualizza Messaggio
    anche se non ho lavorato a quei livelli non posso che confermare


    My Years on Wall Street Showed Me Why You Can’t Make a Deal on Zoom

    My Years on Wall Street Showed Me Why You Can’t Make a Deal on Zoom

    For all the endless bravado and gobs of money sloshing through Wall Street, at their core, banking and trading are apprenticeship businesses. They are akin to the Florentine guilds of the Renaissance, in which the subtleties and intricacies of art and science were absorbed over many years through careful observation.

    In my 17 years on Wall Street advising corporate executives on restructurings, leveraged buyouts and mergers and acquisitions, I was far from God’s gift to the profession. But watching and learning from Wall Street giants such as Felix Rohatyn at Lazard and Ray McGuire at Merrill Lynch were invaluable. Sitting in their offices, I’d observe them as they romanced a potential client to win an assignment, subtly laid the groundwork to help a big shot decide whether to consummate a merger or helped negotiate the terms of a bankruptcy. I learned how the business really worked and began to understand what levers to pull to get deals done.

    I was there, and I know what it’s like. So here’s my advice to you, fellow Wall Street drones: Get back to the office.

    Advising chief executives on the details of a merger agreement, navigating an initial public offering and setting up and executing a profitable trade mean watching the senior bankers and traders who have been doing it for decades. These masters have made all the mistakes that you will make — and need to make.

    When advising on how much to pay for an acquisition, whether and how to begin a hostile takeover or when to bluff during a sale process, what often matter most are things that are impossible to convey via a tiny video-chat rectangle: emotional nuances, body language and subtle social cues. That’s why Wall Street bankers and traders need to get vaccinated if they aren’t already and return to their offices as soon as possible, even as the Delta variant of the coronavirus surges.

    In the early 1990s, I watched Harvey Miller, a bankruptcy guru at Weil, Gotshal & Manges, go toe-to-toe in a conference room overlooking Central Park with my boss at Lazard, David Supino, as they divvied up the carcass of the disastrous leveraged buyouts of Federated Department Stores and Allied Stores. The yelling! The robust intellectual debate! The alpha male mind games! The subtle power dynamics of who pounded the table when and who ate off whose plate. Yet their jousting enabled the business — and many others — to get back on its feet.

    I learned by studying Mr. Rohatyn, the mergers and acquisitions legend, as he roamed the narrow, threadbare halls of the 32nd floor of 1 Rockefeller Plaza. He wielded his absolute power through a wink or a nod to lesser Lazard partners or ignoring some of them with a stony stare. I learned to watch for those signals closely, as he advised Martin Davis, the head of Paramount Communications, in the sale of Paramount to Viacom’s Sumner Redstone in the early 1990s, a deal that transformed the Hollywood landscape.

    By watching my mentors press an advantage or bluff an opponent, I absorbed their deal-making wisdom. There is simply no way that an endless series of video chats could have replaced the lessons I learned darting in and out of the offices of these men and women in Rockefeller Center or at 270 Park Avenue as I was making my way up the investment-banking ladder. (Let’s face it: You can’t suck up on a Zoom call.)

    Before the recent Covid surge, fueled by the Delta variant, executives of Goldman Sachs, one of Wall Street’s biggest and most respected banks, concluded in May that most U.S. employees needed to return to the office in June. JPMorgan Chase said in June that U.S. employees would need to return to the office at least part time by July 6. The executives decided, correctly, that the benefits of in-person collaboration outweighed the potential health risks. This is the only way employees will have the chance to fully thrive at their craft.

    Now, some big banks are re-evaluating their plans, amid the confusion about whether the vaccinated can safely resume life as we knew it before March 2020. Bankers and traders are not exactly frontline workers; theirs is not life or death work. And Wall Street has proved it can make plenty of money while nearly all its employees work from home.

    But we need Wall Street to get fully vaccinated and back to work in person so that the next generation of bankers and traders can learn how capital is raised and distributed, how industry-transforming deals get done and how to provide the liquidity that enables the trading of stocks, bonds, loans, options and other essential financial instruments. We rarely notice until it’s gone.

    There is such a thing as the art of the deal. And that artistry, too, can be lost if it’s not passed down from one generation to the next — in person
    Qui parla il mio lato ingenuo.
    Ma l'economia non potrebbe funzionare lo stesso senza tutte queste aziende di consulenza?

    Il retropensiero polemico è che con più smart working avrebbero anche più difficoltà a trovare clienti da "accalappiare"

  2. #892

    Data Registrazione
    Jul 2017
    Messaggi
    823
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    651 Post(s)
    Potenza rep
    14165282
    Citazione Originariamente Scritto da Benjamin_Malaussène Visualizza Messaggio
    Qui parla il mio lato ingenuo.
    Ma l'economia non potrebbe funzionare lo stesso senza tutte queste aziende di consulenza?

    Il retropensiero polemico è che con più smart working avrebbero anche più difficoltà a trovare clienti da "accalappiare"
    sulla prima domanda hai ragione ma servono essenzialmente per
    1) parare il c.. agli amministratori
    2) portare avanti i processi visto che il management e' troppo preso dal day-by-day

    Sul secondo retroprensiero penso che non sia corretto visto che proprio in questo periodo assistiamo ad un dealflow da record, in generale ci sono sempre stati nella storia e ci saranno sempre executive che vogliono continuare a fare operazioni inutili e dannose

  3. #893

    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    7,449
    Mentioned
    27 Post(s)
    Quoted
    4872 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da er patrizio Visualizza Messaggio
    La maggior parte delle persone non ha alcun percorso di crescita o carriera, quindi tutti questi.
    Inoltre anche i paesini di Milano sono cari rispetto al Molise o la Basilicata. Il trilo a 150k nel milanese, a 100 in Molise o Puglia.
    Per non contare cibo ed aria migliore.

    Non sottovalutate che la ricchezza è relativa, dipende da chi ti sta intorno. A milano sotto i 3k netti mensili sei comunque un working poor.

    Comunque da Google si prendono 150k l'anno, prenderne 110 l'anno per stare alle Hawai o Portorico mi sembra sempre più conveniente di San Francisco.
    Il fatto è che Google ha speso un boato per i campus e voleva che passassero più tempo possibile lì dentro, i Googlers. Ma la vita non è passare del tempo con sconosciuti che non hai scelto di poter frequentare...
    Secondo me questa visione è troppo stereotipata e soprattutto polarizzata su dinamiche on/off.
    Quando parlo di crescita non intendo fare i soldoni, dirigenza o chissà che super ambizioni. Parlo di normali percorsi lavorativi, piuttosto comuni. Il classico tizio che dopo anni da "specialist" diventa un quadretto con un suo team.
    Nel mondo ideale le cose vanno diversamente, ma scommetto quello che volete che aumenti e promozioni (poche che siano) non finiscono di certo nelle tasche del tizio full remote in Molise.

    Che esistano località del Sud supereconomiche non lo discuto, ma faccio presente che a 20 km da Milano si compra roba normale a 1500/mq. Con questi prezzi qual è la convenienza aziendale di impelagarsi in una corsa al ribasso per avere dipendenti in Calabria?

    Cibo e aria migliori, ma anche sanità/infrastrutture peggiori e problemi enormi di ricollocamento in caso le cose vadano male.

    E, di nuovo, Milano non è una megalopoli USA. Sta roba del working poor è molto legata al concetto della Milano da bere e di chi pensa che venire a lavorare a Milano in una multinazionale debba garantire una vita ganza. Il discorso del "chi ti sta intorno" mi ricorda un utente che lavorava in consulenza e "doveva" spendere in abiti costosi e orologi per qualificarsi.

    Inoltre, sempre perché Milano non è USA, bisogna vedere le cifre assolute. Se il ragazzo di Riozzo (o che si trasferisce a Riozzo) accetta i suoi 1500 di salario entry level, davvero vedete una scelta vincente la concorrenza al ribasso di chi da Campomarino "rilancia" a 1300?
    Perché la differenza sta qui: non è 150 vs 110. Parliamo di stipendi da 1500-2000 al mese.

    Sul discorso "googlers" ti do 100% ragione.

  4. #894

    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    7,449
    Mentioned
    27 Post(s)
    Quoted
    4872 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da Fabio67 Visualizza Messaggio
    Interessante vedere come già si plaude a chi ti vorrebbe ridurre lo stipendio.

    Un po’ come il vitello che fa il tifo per il macellaio.
    Ma no dai, era un discorso ipotetico

    E' chiaro che si parli di una negoziazione lavoratore/azienda. Se la questione fosse "azienda concede SW 100%" senza che il dipendente debba dare nulla in cambio non discuteremmo nemmeno.
    Ma mi pare strano che un'azienda sostanzialmente "regali" senza avere chissà quale ritorno.

    Il cost saving di un 100% remoto del personale amministrativo IMHO è risibile rispetto ad un 60%, a fronte di rischi organizzativi.


    Nel mio caso personale lavoro nella zona che considero casa e non accetto manco 1 euro di taglio Però per uno che può spostarsi nella località che preferisce credo possa esistere la scelta.

  5. #895
    L'avatar di Benjamin_Malaussène
    Data Registrazione
    Aug 2019
    Messaggi
    4,026
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    3369 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da cecc88 Visualizza Messaggio
    Ma no dai, era un discorso ipotetico

    E' chiaro che si parli di una negoziazione lavoratore/azienda. Se la questione fosse "azienda concede SW 100%" senza che il dipendente debba dare nulla in cambio non discuteremmo nemmeno.
    Ma mi pare strano che un'azienda sostanzialmente "regali" senza avere chissà quale ritorno.

    Il cost saving di un 100% remoto del personale amministrativo IMHO è risibile rispetto ad un 60%, a fronte di rischi organizzativi.


    Nel mio caso personale lavoro nella zona che considero casa e non accetto manco 1 euro di taglio Però per uno che può spostarsi nella località che preferisce credo possa esistere la scelta.
    Ok, forse qui le considerazioni sarebbero più banali.
    Non credo che nessuna azienda vada a fare un balance flow "elimino spese/aumento stipendi (o li lascio invariati ai full remote)".

    Semplicemente alcune aziende si renderanno conto di avere un potere negoziale in più per negoziare al ribasso gli stipendi (sono tra le pochissime che ti lascia venire in ufficio una volta al mese, quindi o accetti quello che ti offro, o vado dal tuo vicino di casa).
    Chi è più elastico (sia a trasferirsi che a rimanere in sw quando viene incentivato per promuoversi come azienda moderna) andrà sempre incontro a più opportunità (aumento retribuzione, promozione, cambio azienda, etc.) di chi è incatenato ad altri vincoli. Poi i compromessi sono ovviamente a livello personale (rinuncio a farmi vedere in ufficio a luglio-agosto e ad occasioni di indorare il mio lavoro al mgmt, per far fare due mesi di mare ai figli).

    Ovviamente non credo a logiche full remote in Italia, se non per pochissime figure che magari già c'erano due anni fa (il mega consulente che lavora due/tre anni per una sola azienda fatturando da casa, l'agente commerciale che già prima stava metà settimana in giro e metà settimana da casa, etc.).

    Però ripeto che trasferire logiche google qui è insensato: perché si tratta di un mondo che qui non esiste e purtroppo non esisterà mai.
    Lì il problema non è il sospetto che il dipendente stia su facebook o a fare trazioni in salotto, quanto piuttosto la volontà di stimolare processi creativi che anche la più grande/moderna azienda italiana non riuscirebbe nemmeno ad immaginare.

    Citazione Originariamente Scritto da Henry Kravis Visualizza Messaggio
    sulla prima domanda hai ragione ma servono essenzialmente per
    1) parare il c.. agli amministratori
    2) portare avanti i processi visto che il management e' troppo preso dal day-by-day

    Sul secondo retroprensiero penso che non sia corretto visto che proprio in questo periodo assistiamo ad un dealflow da record, in generale ci sono sempre stati nella storia e ci saranno sempre executive che vogliono continuare a fare operazioni inutili e dannose
    Probabilmente siamo completamente OT, però sarebbe interessante capire, dal tuo punto di vista privilegiato, che visione hai dell'economia italiana post covid (tutti questi deal sono per tagliare rami morti o per aggredire nuovi settori? ci sono aziende che crescono inaspettatamente sfruttando opportunità nuove? etc.)
    Ultima modifica di Benjamin_Malaussène; 17-08-21 alle 10:03

  6. #896
    L'avatar di Fabio67
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    6,609
    Mentioned
    32 Post(s)
    Quoted
    4144 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Non volevo traslare Google sulla realtà italiana.

    Volevo solo far notare come le aziende, non paghe di risparmiare sulle spese grazie a sedi più piccole, niente mensa e così via, hanno già adocchiato un’ulteriore possibilità di abbattere i costi, questa volta addossandoli ai lavoratori.
    Google è solo la prima e come molte altre volte è quella che batte la strada, ma già vedo l’HR della Cani&Stracci oil locale che già fa i conti di quanto potrà portare di risparmio non solo affittando meno mq ma anche offrendo salari più bassi alle new entries con la scusa che “ti faccio lavorare da casa 3 giorni su 5 così tu risparmi sui trasporti e hai più ore per te”.

    Quello che mi stupisce è il plauso generale a questo approccio, soprattutto in un paese dove i salari sono già ridicolmente bassi.

  7. #897
    L'avatar di Benjamin_Malaussène
    Data Registrazione
    Aug 2019
    Messaggi
    4,026
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    3369 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da Fabio67 Visualizza Messaggio
    Non volevo traslare Google sulla realtà italiana.

    Volevo solo far notare come le aziende, non paghe di risparmiare sulle spese grazie a sedi più piccole, niente mensa e così via, hanno già adocchiato un’ulteriore possibilità di abbattere i costi, questa volta addossandoli ai lavoratori.
    Google è solo la prima e come molte altre volte è quella che batte la strada, ma già vedo l’HR della Cani&Stracci oil locale che già fa i conti di quanto potrà portare di risparmio non solo affittando meno mq ma anche offrendo salari più bassi alle new entries con la scusa che “ti faccio lavorare da casa 3 giorni su 5 così tu risparmi sui trasporti e hai più ore per te”.

    Quello che mi stupisce è il plauso generale a questo approccio, soprattutto in un paese dove i salari sono già ridicolmente bassi.
    L'hr della aziendina della strada nell'autunno del 2002 ha detto ai propri dipendenti di lavorare da casa e poi li ha pagati 1200/mese con la cassa integrazione straordinaria. Dall'autunno 2021 un po' di mobbing ai dipendenti meno performanti e gli altri tutti i corsa in ufficio.

    Qualche spa anche un po' più grande, ha sfruttato il periodo per utilizzare le varie isopensione, solidarietà, formazione finanziata etc per liberarsi di qualche 50/60 enne e rimpiazzarlo con neolaureati sottopagati, se al sud anche sfruttando incentivi sulla contribuzione.

    Di fronte, una delle aziende più grandi al mondo che ha sede in una delle zone con i prezzi residenziali piu alti al mondo. Il -10% con la possibilità di lavorare dalla Florida o da stati interni, per generazioni che oltre al costo dell'housing hanno anche student loans da ripagare, non è così critico.

    Non è la stessa situazione di prospettare 1200 /mese da Potenza vs 1500/mese da Milano (che comunque in Italia non si farà).

  8. #898

    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    7,449
    Mentioned
    27 Post(s)
    Quoted
    4872 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da Fabio67 Visualizza Messaggio
    Non volevo traslare Google sulla realtà italiana.

    Volevo solo far notare come le aziende, non paghe di risparmiare sulle spese grazie a sedi più piccole, niente mensa e così via, hanno già adocchiato un’ulteriore possibilità di abbattere i costi, questa volta addossandoli ai lavoratori.
    Google è solo la prima e come molte altre volte è quella che batte la strada, ma già vedo l’HR della Cani&Stracci oil locale che già fa i conti di quanto potrà portare di risparmio non solo affittando meno mq ma anche offrendo salari più bassi alle new entries con la scusa che “ti faccio lavorare da casa 3 giorni su 5 così tu risparmi sui trasporti e hai più ore per te”.

    Quello che mi stupisce è il plauso generale a questo approccio, soprattutto in un paese dove i salari sono già ridicolmente bassi.
    Però il punto non era sullo SW parziale, ma sul decoupling tra il luogo di lavoro e la residenza. L'esempio che riportavi (come ho detto, poco applicabile a Milano proprio perché il grosso del delta costo immobiliare si ha con 20km di viaggio) verteva sul full remoto infatti, con distanze ben lontane.

    La deriva che citi è affine a quello che citava Benji: l'azienda ha un'arma negoziale in più per aggredire i salari, ma su quello non vedo grandi plausi.
    Al massimo noto una certa arrendevolezza da parte di chi ha già uno stipendio e, di fronte a insoddisfazioni lavorative, opta per la crescita del tempo libero. Questa è però una voce che viene da una parte "delusa" che in mancanza di altre soddisfazioni cerca una sorta di ritirata dall'impegno lavorativo, ma non credo che sia rappresentativa dell'accoglienza presso la maggioranza dei lavoratori.
    Da quel poco che ho visto, toccare un singolo euro crea enormi sollevazioni, ma probabilmente sarà qualcosa di orientato alle new entry.

  9. #899
    L'avatar di Benjamin_Malaussène
    Data Registrazione
    Aug 2019
    Messaggi
    4,026
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    3369 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da cecc88 Visualizza Messaggio
    Però il punto non era sullo SW parziale, ma sul decoupling tra il luogo di lavoro e la residenza. L'esempio che riportavi (come ho detto, poco applicabile a Milano proprio perché il grosso del delta costo immobiliare si ha con 20km di viaggio) verteva sul full remoto infatti, con distanze ben lontane.

    La deriva che citi è affine a quello che citava Benji: l'azienda ha un'arma negoziale in più per aggredire i salari, ma su quello non vedo grandi plausi.
    Al massimo noto una certa arrendevolezza da parte di chi ha già uno stipendio e, di fronte a insoddisfazioni lavorative, opta per la crescita del tempo libero. Questa è però una voce che viene da una parte "delusa" che in mancanza di altre soddisfazioni cerca una sorta di ritirata dall'impegno lavorativo, ma non credo che sia rappresentativa dell'accoglienza presso la maggioranza dei lavoratori.
    Da quel poco che ho visto, toccare un singolo euro crea enormi sollevazioni, ma probabilmente sarà qualcosa di orientato alle new entry.
    Temo anche io questa deriva "negoziale".
    Fino al 2019 ti dicevano "si, il netto sono 1500, ma hai anche il cellulare come benefit" (cellulare solo aziendale che non apporta nessun valore aggiunto alla tua vita privata/risparmi).
    Domani diventerà "sì, il netto sono 1400, ma hai anche cellulare e 2 giorni da casa come benefit" (due giorni a casa che con i costi dei trasporti per un lavoratore originario del sud hanno zero valore economico).


    Il punto è un altro: i 1400 invece dei 1500 non sono una conseguenza dell'avere lo smart working.
    Sono la conseguenza di un'economia che ristagna, di un surplus di laureati rispetto alla domanda, di un'esternalizzazione continua di servizi a basso valore aggiunto.
    Insomma un abbassamento che ci sarebbe stato comunque a prescindere dallo smart working.

    Poi a livello individuale ovviamente le cose possono essere diverse.
    L'esperto di cyber-security sfrutterà l'incertezza di questi ultimi due anni per rivendersi un paio di volte e raddoppiare la RAL.
    Il 50enne che si è scocciato di fare il pendolare cercherà di sfruttare il più possibile lo smart working, magari otterrà davvero un contratto 4/5 in remoto e riempirà il quinto con le ferie accumulate per vendere la casa in città e trasferirsi in campagna in attesa della pensione.

    Ma sono appunto situazioni individuali e non generalizzabili.

    Quello che lascia perplesso è invece adoperare politiche di moral suasion a far rientrare i dipendenti in ufficio per paura di cali immobiliari.
    Si tratterebbe di una politica miope, di cui una città come Milano non dovrebbe aver bisgono (al contrario, una città simile dovrebbe puntare ad attirare capitale umano ad alto potenziale, non ad accontentare boomers che vivono di rendita affittando case ricevute in eredità).

    Confronti con silicon valley invece sono completamente su un altro livello (nella scelta tra 200k a san francisco o 170k a miami subentrano logiche completamente differenti)

  10. #900

    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    7,449
    Mentioned
    27 Post(s)
    Quoted
    4872 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    IMHO Milano dovrebbe sfruttare l'ondata dello SW per lavorare sulla qualità della vita all'interno della città.
    Ad oggi le periferie non perdono valore, ma anzi continuano la crescita. Ma non so per quanto tempo le persone siano disposte ad acquistare a prezzi crescenti in edifici (e/o quartieri) spesso brutti quando l'opzione del pendolarismo diventa sempre più sostenibile.

    Complice la crescente sensibilità ecologica che porterà ad aggredire sempre più l'uso dell'auto privata, lo SW potrebbe rappresentare l'occasione di riqualificazione di aree periferiche con maggiori servizi di prossimità, mentre le aree centrali proseguono la rotta sempre più orientata al turismo.

Accedi