Osservazione mercato immobiliare centro-est Italia (no Roma)
Correzione fino a -20% e questa volta risalita sarà più dura. Economista di Moody’s vede venti contrari abbattersi sui mercati
A Wall Street torna per il momento il sereno oggi dopo che settimana scorsa è ststa la peggiore dallo scorso autunno per il Dow Jones, con un saldo negativo di …
Startup cripto di ex traders Morgan Stanley decuplica valutazione ed entra nel club degli unicorni
Un gruppo di ex trader di Morgan Stanley è riuscito a far diventare la loro startup di criptovalute in un unicorno, portando le strategie di Wall Street nel nuovo mondo. …
Atterra in Italia Yoda, primo ETF legato alla space economy
HANetf, piattaforma indipendente pan-europea, ha lanciato sul comparto ETFplus di Borsa Italiana i quattro nuovi ETF tematici, innovativi rispetto al tema di investimento proposto ma anche interessanti ai fini del …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Sep 2020
    Messaggi
    176
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    157 Post(s)
    Potenza rep
    8335140

    Osservazione mercato immobiliare centro-est Italia (no Roma)

    Sulla linea degli altri topic simili vorrei raccogliere qui discussioni ed esperienze per il mercato immobiliare nella zona centrale-est, quindi Molise, Umbria, marche, Abruzzo.
    Ho l'impressione se ne parli poco qui (e ovviamente è dove interessa a me ) quindi credo che un solo topic possa tranquillamente bastare per raccogliere tutto.

    Comincio io con i dati della mia zona, Marche, dove si può osservare il totale declino dei prezzi negli ultimi 10 anni ma nello stesso tempo un'aumento del costo degli affitti.

    Osservazione mercato immobiliare centro-est Italia (no Roma)-schermata-2021-05-01-alle-15.07.25.png

    Osservazione mercato immobiliare centro-est Italia (no Roma)-schermata-2021-05-01-alle-15.07.39.png

    Parlando con diversi agenti immobiliari mi hanno tutti confermato che ci sono letteralmente migliaia di case in vendita ma non riescono ad avere un'offerta soddisfacente di case da affittare che sembra scarseggino sempre di più.

    La mia idea (del tutto personale e senza dati di alcun tipo) è che negli ultimi anni ho assistito a sempre più casi di mancanti pagamenti e che quindi moltissime persone abbiano semplicemente deciso di mettere in vendita ed evitare i problemi degli affitti.
    Nonostante questo le vendite non sono comunque facili, segno che evidentemente i prezzi non hanno ancora toccato il punto del loro reale valore.
    Ultima modifica di Castiel; 02-05-21 alle 01:27

  2. #2
    L'avatar di GreedyTrader
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    6,806
    Mentioned
    105 Post(s)
    Quoted
    5659 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    guarda sono spesso in Umbria x un'attività che ho lì e assolutamente non mi sentirei di consigliare investimenti immobiliari nelle regioni del centro italia che dici.
    c'è però da dire che il mercato degli affitti per come la dici tu ha una certa richiesta, il che cambia le carte in tavola. Infatti il problema di queste realtà mi si passi il termine "di provincia" è proprio la domanda di affitti, che si concentra su soggetti precari che non possono accedere ai mutui e quindi poi hanno un alto tasso di morosità.
    Se invece sei nella condizione di poter "scegliere l'inquilino" perchè le case in affitto sono poche, e la casa ha una qualche qualità (posizione, condizioni immobile etc.) allora potrai godere della scarsità relativa.
    non è poi così difficile selezionare l'inquilino a basso rischio, anche senza possedere la regge di Versailles: pensionato che si riavvicina a figlio/figlia ma non se la sente di comprare casa (o nn gli danno il mutuo), impiegato trasferito ma che sa già che tra tot anni gli cambiano sede, personale medico/paramedico, militari con famiglia stanchi di vivere in foresterie/caserme etc. etc.
    questo ovviamente presuppone appunto la scarsità relativa. Se invece è già tanto trovare un inquilino, pure che gli affitti fossero il 10% del valore dell'immobile, lascerei perdere.

  3. #3

    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    17,018
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    3757 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Nella mia città, Ancona, grazie ad università, ospedale regionale e cantiere che attirano molti pendolari e non residenti in genere, gli affitti vanno via come il pane. Io ho chiuso in questi giorni operazione di acquisto che dopo rapida ristrutturazione porterà una rendita lorda del 7-8%.

    Per le vendite è più complesso. Vanno via rapide le cose di pregio nella zona Conero/quartiere adriatico e le catapecchie in prima periferia perché acquistate da immigrati che, non si sa come, vengono mutuati (parliamo di budget 40k-70k). Più difficili i tagli medi, perché molti locali sognano roba un po' più pregiata ma gli stipendi non lo consentono. I prezzi di conseguenza sono scesi parecchio in questi anni anche perché la disoccupazione è medio-bassa, ma comunque molto più alta rispetto a pre-2008, quando era zero.

  4. #4

    Data Registrazione
    Aug 2020
    Messaggi
    118
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    75 Post(s)
    Potenza rep
    2576982
    secondo me il futuro immobiliare nelle marche dove vivo.
    ci saranno molte case ad 1 euro,molte altre saranno abbattute perchè nessuno le vuole.

  5. #5
    L'avatar di Homo_Matematicus
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Messaggi
    914
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    1002 Post(s)
    Potenza rep
    27664396
    Citazione Originariamente Scritto da e già Visualizza Messaggio
    secondo me il futuro immobiliare nelle marche dove vivo.
    ci saranno molte case ad 1 euro,molte altre saranno abbattute perchè nessuno le vuole.
    Penso che tu abbia ragione, ed i segnali ci sono già tutti.

    Qui sotto ho trovato un annuncio di una casa nuova a ridosso della grande area metropolitana di Pescara. Comodissima anche per l'autostrada. Prezzo sui 1300 al mq, talmente basso che probabilmente la ditta sta vendendo in perdita. Sotto i 1600 circa non conviene costruire.

    Vendita Appartamento Rosciano. Trilocale in via Gran Sasso 25. Nuovo, secondo piano, posto auto, balcone, riscaldamento autonomo, rif. 86652610

  6. #6

    Data Registrazione
    Sep 2020
    Messaggi
    176
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    157 Post(s)
    Potenza rep
    8335140
    Citazione Originariamente Scritto da Homo_Matematicus Visualizza Messaggio
    Penso che tu abbia ragione, ed i segnali ci sono già tutti.

    Qui sotto ho trovato un annuncio di una casa nuova a ridosso della grande area metropolitana di Pescara. Comodissima anche per l'autostrada. Prezzo sui 1300 al mq, talmente basso che probabilmente la ditta sta vendendo in perdita. Sotto i 1600 circa non conviene costruire.

    Vendita Appartamento Rosciano. Trilocale in via Gran Sasso 25. Nuovo, secondo piano, posto auto, balcone, riscaldamento autonomo, rif. 86652610
    Il problema è che queste zone hanno delle gestioni politiche peggiori di quelle del sud. Conoscendo bene molte delle città in questione posso dirvi che negli ultimi 20 anni non è stato fatto letteralmente niente, ho visto zone intere morire nella totale indifferenza sia della popolazione che delle amministrazioni.
    Nella città dove vivevo sono fallite le gestioni delle uniche 2 piscine comunali, dell'unico grande cinema rimasto, del teatro, e infine dello stadio e della squadra di calcio locale. Oltre che al dimezzamento delle risorse dell'unico ospedale della zona. Attualmente nel raggio di 30/40km non c'e' più nulla di tutto questo.
    E negli ultimi 15 anni hanno ovviamente chiuso la maggior parte delle aziende, il che vuol dire che quasi tutti i giovani si sono spostati altrove per ovvi motivi di sopravvivenza.
    Sembra veramente che non sia più nemmeno una questione di soldi, semplicemente nessuno vuole più fare assolutamente niente. C'è un'apatia incredibile nelle persone che non ho riscontrato in nessun'altra parte d'Italia.

    Penso anche io che moltissime zone in futuro finiranno nella cerchia delle "case a 1 euro". Sopratutto quelle centrali dove i terremoti degli ultimi anni hanno dato il colpo di grazia stroncando anche il turismo (pre-covid).
    Ultima modifica di Castiel; 07-05-21 alle 01:21

  7. #7
    L'avatar di Homo_Matematicus
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Messaggi
    914
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    1002 Post(s)
    Potenza rep
    27664396
    Citazione Originariamente Scritto da Castiel Visualizza Messaggio
    Il problema è che queste zone hanno delle gestioni politiche peggiori di quelle del sud. Conoscendo bene molte delle città in questione posso dirvi che negli ultimi 20 anni non è stato fatto letteralmente niente, ho visto zone intere morire nella totale indifferenza sia della popolazione che delle amministrazioni.
    Nella città dove vivevo sono fallite le gestioni delle uniche 2 piscine comunali, dell'unico grande cinema rimasto, del teatro, e infine dello stadio e della squadra di calcio locale. Oltre che al dimezzamento delle risorse dell'unico ospedale della zona. Attualmente nel raggio di 30/40km non c'e' più nulla di tutto questo.
    E negli ultimi 15 anni hanno ovviamente chiuso la maggior parte delle aziende, il che vuol dire che quasi tutti i giovani si sono spostati altrove per ovvi motivi di sopravvivenza.
    Sembra veramente che non sia più nemmeno una questione di soldi, semplicemente nessuno vuole più fare assolutamente niente. C'è un'apatia incredibile nelle persone che non ho riscontrato in nessun'altra parte d'Italia.

    Penso anche io che moltissime zone in futuro finiranno nella cerchia delle "case a 1 euro". Sopratutto quelle centrali dove i terremoti degli ultimi anni hanno dato il colpo di grazia stroncando anche il turismo (pre-covid).
    Concordo pienamente con la tua descrizione. Pur non conoscendo direttamente il centro Italia, sono dinamiche presenti anche in alcune zone del nord, dove molte aziende hanno chiuso ed i giovani vanno via. Degli ospizi a cielo aperto con economia basata su pensioni e pubblico impiego.

    L'apatia è comunque presente un po' ovunque, anche nel milanese e nelle altre aree dove la popolazione aumenta. In generale appena qualcuno dà vita ad iniziative, di qualsiasi tipo, si ritrova circondato da parassiti e avvoltoi che lo vogliono imbrogliare, andare a scrocco eccetera. Molto peggio rispetto anche solo a 20 anni fa. Sempre più gente non si fida, ha paura di essere fregata, e quindi l'ambiente sociale si desertifica.

    La cosa che mi ha colpito dell'annuncio che ho postato ieri, è che Rosciano si trova molto vicino a Pescara, Chieti e gli altri comuni dell'area. Non è isolato, e può essere abitato per lavorare in un area metropolitana con oltre 300K abitanti, con pochissimi km di "pendolaraggio". Le conseguenze sono gravi se i prezzi sottocosto arrivano anche in comuni così, perché tali prezzi sono in diretta competizione, e quindi spingono al ribasso, quelli di tutta l'area metropolitana. Il rischio è che si blocchino tutte le nuove costruzioni, tranne il lusso, e le imprese edili falliscano e/o lavorino solo per ristrutturare.

  8. #8
    L'avatar di fdg86
    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    20,464
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    8879 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Quando ci passo mi pare una zona d'Italia economicamente e socialmente un po' depressa diciamo dopo Ancona verso sud, fino a Ancona tutto ok

  9. #9

    Data Registrazione
    Apr 2020
    Messaggi
    421
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    373 Post(s)
    Potenza rep
    8125193
    Che ne pensate di Pescara?
    Ci passo spesso e mi sembra una cittadina vivibile, con un mercato immobiliare vivo e servizi discreti.
    Peccato manchi un treno diretto per Roma.
    Però sono curioso di sentire l'opinione di gente del posto.
    Per quanto riguarda le opinioni lette sopra forse vi riferite all'entroterra, perchè sulla costa località come Senigallia, San Benedetto del Tronto e Alba Adriatica tutto mi sembrano tranne che posti dove vendano in prospettiva le case ad 1 €

  10. #10

    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    21,445
    Mentioned
    60 Post(s)
    Quoted
    7224 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Preso dalla curiosità ho controllato sul sito di trenitalia.
    Di treni per Roma non ce ne sono tantissimi, tra l'altro si tratta solamente di regionali e regionali veloci.
    Ad ogni modo la mattina presto ci sono TRE che vanno diretti a Roma senza cambio, negli altri casi da uno a due cambi.
    Prezzo biglietto 14,50 euro.

Accedi