Milano (citta') - Osservatorio mercato immobiliare - Parte VI - Pagina 191
Intesa Sanpaolo si riaccende dopo -14% di novembre, tra analisti coro di buy. Tripla razione dividendi spiega solo in parte la sottoperformance rispetto a Unicredit & co
Intesa Sanpaolo prova a invertire l?impostazione grafica ribassista che caratterizza il titolo da metà ottobre. Dopo il massimo di periodo del 15 ottobre a quota 2,59 euro, il titolo ha …
Oltre a Mps Monte di Stato una Tim di Stato? La soluzione di Beppe Grillo: no Kkr, no scorporo rete, più CdP nel capitale
Oltre a un Monte di Stato eterno come Mps si parla nelle ultime ore, sia facendo riferimento alle possibili strategie dei francesi di Vivendi, sia alle dichiarazioni arrivate da Beppe …
Stellantis accelera sulla mobilità connessa ed elettrica: oltre 30 mld di investimenti entro il 2025
Stellantis accelera sulla mobilità connessa. Il gruppo guidato da Carlos Tavares punta nel giro di qualche anno a trasformare i suoi veicoli dalle attuali strutture elettroniche a una piattaforma software …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1901
    L'avatar di Boba Fett
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Messaggi
    10,827
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    2548 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Come detto i problemi del post-pandemia riguarderanno qualunque metropoli occidentale, mica solo Milano


    After Pandemic, Shrinking Need for Office Space Could Crush Landlords - The New York Times

  2. #1902

    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    10,238
    Mentioned
    14 Post(s)
    Quoted
    5452 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da cecc88 Visualizza Messaggio

    Parliamo però di qualcosa che va oltre il concetto di utilità e si avvicina alla passione per un'arte.
    E' ciò che più o meno volevo sottintendere. Io gli ho dato le connotazioni 'negative' (marketing e ostentazione), tu diciamo quelle positive, però è ovvio che mi riferivo a settori ben determinati (cioè, si compare pane fatto in un certo modo con lo stesso pane fatto in quel modo, pizza margherita con pizza margherita, vino rosso secco e fruttato con vino rosso secco e fruttato e via così). Io credo nell'oggettività in molti campi, il cibo è uno di essi, quindi ben si presta a parlare di utilità marginale dal mio punto di vista.

  3. #1903

    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    7,502
    Mentioned
    27 Post(s)
    Quoted
    4910 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da Homo_Matematicus Visualizza Messaggio
    Secondo me fa una grossa differenza se la casa viene comprata cash dai genitori, o se questi mettono solo l'anticipo del mutuo - con o senza aiutini successivi per le rate. Chi ha il mutuo rischia, chi davvero possiede la casa poco o nulla.

    Ad esempio il noto utente Sirswatch aveva raccontato di una tizia con stipendio normalissimo, non ricordo esattamente, a cui il padre aveva comprato senza battere ciglio un trilocale da mezzo milione all'Ortica. Chiaramente questa è una che peggiorerà il proprio status economico, ma difficilmente finirà sul lastrico.

    Tutto diverso il caso di famiglie con magari 200k da parte che ne mettono 100 per l'anticipo. Spesso hanno il patrimonio tutto a rendimento negativo - contante, casa di proprietà ed eventuali altri immobili vuoti in provincia. In questi casi il figlio ha bisogno di essere in una botte di ferro lavorativa, e se maschio di non separarsi - a fare 2 su 2 è ormai una nettissima minoranza. In caso contrario, è davvero facile finire in crisi di liquidità prima o poi, nei tanti anni di mutuo.

    Nella tua esperienza personale, che tu sappia, quanti dei tuoi conoscenti hanno comprato senza oppure con mutuo?
    In provincia diversi han comprato anche senza mutuo. Ma con acquisti di 100k massimo.
    Altri, sempre provincia, son andati di mutuo per villetta in ex casa di corte in paese (150k) e per un trilocale a Melegnano.
    Alcuni conoscenti han comprato a S Donato o S Giuliano, tutti con mutuo.

    In città tutti i miei conoscenti tranne 2 hanno acquistato con mutuo. Si son salvati 2 che si son trovati una casa a disposizione da ristrutturare.
    Ho dettagli solo di qualcuno, ma a occhio ho percepito più o meno velatamente l'aiuto della famiglia.

    Senza scatenare polemiche sui boomers, considera che c'è una discreta fetta di persone che oltre ad aver accumulato risparmio, ha anche una pensione notevole. Per una coppia di pensionati a 60 anni, con 300k di risparmi e 3k x 13 di entrate INPS ( e sto basso), non è un grosso problema tirar fuori 100k per il figlio.

    Tendenzialmente basta che sia figlio unico per arrivare a importi interessanti.

    Poi si, in caso di matrimonio con figli che va male ci sono ottime opportunità di disastro.

  4. #1904

    Data Registrazione
    Apr 2021
    Messaggi
    40
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    44 Post(s)
    Potenza rep
    1
    Citazione Originariamente Scritto da cecc88 Visualizza Messaggio
    [..]
    L'uscire è un'esigenza, difficilmente una scelta di piacere.

    In sostanza credo che la preferenza per Milano (aree metropolitane in generale) che hanno i ventenni si riflette sugli acquisti immobiliari quando arrivano ai 30-35.
    [..]
    Sicuramente uscire è un'esigenza, ma post pandemia potrebbe comunque essere anche una scelta di piacere. Si può vivere in un contesto urbano e metropolitano anche in un raggio di 10 km dal centro, non serve il centro o il semicentro. Non è neanche possibile pensare che siccome quando avevo 25 anni potevo e volevo fare serata ben più spesso, ora a 30 non possa scegliere un compromesso diverso da quanto avrei fatto prima della pandemia valorizzando maggiormente alcuni elementi come la superficie della casa (che in SW viene vissuta molto di più) e la presenza di un bel terrazzo o un giardino.

  5. #1905
    L'avatar di Antonius Full Tilt
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Messaggi
    1,133
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    1155 Post(s)
    Potenza rep
    39066233
    Citazione Originariamente Scritto da cecc88 Visualizza Messaggio
    In provincia diversi han comprato anche senza mutuo. Ma con acquisti di 100k massimo.
    Altri, sempre provincia, son andati di mutuo per villetta in ex casa di corte in paese (150k) e per un trilocale a Melegnano.
    Alcuni conoscenti han comprato a S Donato o S Giuliano, tutti con mutuo.

    In città tutti i miei conoscenti tranne 2 hanno acquistato con mutuo. Si son salvati 2 che si son trovati una casa a disposizione da ristrutturare.
    Ho dettagli solo di qualcuno, ma a occhio ho percepito più o meno velatamente l'aiuto della famiglia.

    Senza scatenare polemiche sui boomers, considera che c'è una discreta fetta di persone che oltre ad aver accumulato risparmio, ha anche una pensione notevole. Per una coppia di pensionati a 60 anni, con 300k di risparmi e 3k x 13 di entrate INPS ( e sto basso), non è un grosso problema tirar fuori 100k per il figlio.

    Tendenzialmente basta che sia figlio unico per arrivare a importi interessanti.

    Poi si, in caso di matrimonio con figli che va male ci sono ottime opportunità di disastro.
    Ti ringrazio molto per tutti gli esempi che hai proposto. Per quel che vale la mia opinione, i tuoi amici possono dormire sonni tranquilli La presenza di mutuo, in provincia o hinterland e spendendo sotto i 200k, non è piacevole ma è comunque tutta un'altra storia rispetto al mutuo per un appartamento da 500 o 600k.

    Un po' di tempo fa, in questo stesso thread ma forse in un volume precedente, qualcuno aveva affermato che il target medio dei trilo e quadrilocali per metter su famiglia in semicentro, prezzo i famosi 500/600k indicati sopra, sono giovani coppie che guadagnano sui 2k a testa.
    Sarebbe cruciale sapere quanti di questi - i loro genitori, più che loro! - comprano cash e quanti invece hanno bisogno del mutuo.

    In questi casi il rapporto tra prezzo di vendita e redditi (che se ben ricordo si chiama "affordability", come segnalato dallo stimato utente @123abc) è veramente fuori da ogni logica. I redditi sono quasi ininfluenti, ed in caso di problemi l'unica ancora di salvezza sarebbe l'ulteriore patrimonio familiare. Se però hanno avuto bisogno del mutuo, esso potrebbe non esistere o essere immobilizzato e difficile da usare in caso di crisi di liquidità.

    E' questo il motivo principale per cui io temo ci saranno problemi in semicentro (prima o poi). Se poi vien fuori che comprano solo famiglie da 5+ milioni di patrimonio, ovviamente il ragionamento non vale e non ci saranno mai problemi...

  6. #1906

    Data Registrazione
    Apr 2021
    Messaggi
    40
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    44 Post(s)
    Potenza rep
    1
    Citazione Originariamente Scritto da Wally6 Visualizza Messaggio
    Io sono dell'idea opposta a te ed a @cecco88 in merito alla tenuta dei prezzi del semicentro.
    Ad oggi infatti i maggiori ribassi si trovano proprio li, altro che periferia.
    Sono proprio quelle zone che hanno delta di incremento e decremento maggiori per gli stessi effetti che li hanno portati a crescere negli ultimi anni (turismo, università, investimenti ecc che ora sono tutti fermi al palo ad aspettare).

    Detto questo, indipendente da chi crolla prima o dopo, ritengo molto improbabile che nella cerchia della circonvalla si possa vendere a prezzi stratosferici e poco fuori i prezzi calino inesorabilmente.

    Alla fine le persone si scontrano contro la realtà: vogliono un bell'appartamento in centro a prezzo X.
    Quando vedono che non lo trovano perché costa troppo o sono di pessime caratteristiche, si dirotteranno altrove.
    E dove? Chi cerca a Milano, non cambia tutto ad un tratto idea e compra casa a Pregnana Milanese

    (solo un utente pensava di ripiegare a Reggio Emilia prendendo la TAV di mattina ogni riferimento puramente casuale )

    Si cercherà inevitabilmente in periferia e poi hinterland in base alle possibilità.
    Quindi anche queste zone continueranno ad avere interesse, senza contare che è proprio in queste zone che si stanno concentrando i progetti di sviluppo e rinnovamento più importanti su Milano.
    Quelle persone pensiate siano disposte a lasciare l'immobile dopo che gli hanno costruito la metrò (e vissuto anni di disagio) oltre a vedere altre zone rivalutate per gli stessi motivi? Idem per i vari campus universitari e nuovi poli Societari.

    Concordo invece in toto riguardo la tematica dello SW.
    Chi potrà godere di solo un paio di giorni in ufficio darà più valore alle caratteristiche della casa piuttosto alla location. Quindi a parità di prezzo, deciderà di avere + mq, terrazzo, box, giardino, verde ecc ma sempre in un area ben collegata (ergo, periferia ed hinterland).

    Sono tutti ma davvero tutti a caccia dell'occasione della vita.
    Ma di bei appartamenti ce ne sono pochi e per quanto la situazione economica sia disastrosa, fino a ieri costose case erano vendute in un mese.

    Quindi i soldi sono li, fermi in attesa di maggiore certezza sul futuro.

    Il punto per me è nel passaggio sullo smart working: è vero che tutti puntano al centro, poi semicentro, poi periferia e poi hinterland?

    Se io sono in un raggio di 100 km, magari non ci vengo proprio a Milano: ho già la mia rete di contatti qua, ho un lavoro a Milano ma ci sono stato in affitto a 500-600€ in casa in condivisione, valuto di starmene in provincia dove conosco tutti e ho un risparmio notevole con "l'inconveniente" di dovermi fare una volta ogni tanto un giro a Milano con anche la scusa del lavoro.

    Se invece mi sono trasferito da lontano, quindi devo stare a Milano ma accetto di dare maggior peso a parametri diversi dalla location, è vero: avrò competizione di tanti altri che puntano ad una soluzione carina in periferia/hinterland. Però non ho più il limite della concentrazione geografica nel centro, quindi ci sono più competitor ma più case.

  7. #1907

    Data Registrazione
    Apr 2020
    Messaggi
    206
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    197 Post(s)
    Potenza rep
    4010827
    Citazione Originariamente Scritto da Fabio67 Visualizza Messaggio
    Ma se il mangime costa 3 allora ha un senso 7 per qualcosa di buono no?
    Massimo rispetto per il vostro culto del pane, per chi se lo fa in casa etc.

    Ma quanto pane vi magnate? 1kg/mese? Parliamo di 5€ di risparmi al mese, che dovrebbero contribuire a rendere la vita a pizzo calabro più conveniente che a Milano?

    Apprezzo perchè mi sono fatto una cultura enorme sul pane, però...

  8. #1908

    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    240
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    175 Post(s)
    Potenza rep
    4461360
    Visto che si chiedono pareri...
    Sono cresciuto (liceo+uni) a Milano, lavorato a lungo all'estero, rientro a Milano e prendo 100mq in semicentro. A fine febbraio 2020 lascioMilano per stabilirmi in campagna con tutta la famiglia - e meno male... potevo permettermelo perché ero già in smartworking prima, con una o due giornate lavoro in ufficio dovute, ma essendo amante della routine e avendo in gestione le mattine dei figli grandi (lasciando i piccoli a mia moglie) tendevo ad andarci più spesso. Ora abbiamo deciso che stare lontano da Milano non ha molto senso e che snaturerebbe troppo il nostro (e mio) stile di vita, che tornare in città forse ma anche no, e stiamo guardando case in posti con 45min di pendolarismo max. Ah,mia moglie non è milanese, quindi non vuole "la zona precisa dove le amiche, la mamma bla bla". Io sono il milanese, e questa o quella zona non mi cambiano nulla....

  9. #1909
    L'avatar di Figlio
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    806
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    676 Post(s)
    Potenza rep
    11844228
    Citazione Originariamente Scritto da Maìno della Spinetta Visualizza Messaggio
    Visto che si chiedono pareri...
    Sono cresciuto (liceo+uni) a Milano, lavorato a lungo all'estero, rientro a Milano e prendo 100mq in semicentro. A fine febbraio 2020 lascioMilano per stabilirmi in campagna con tutta la famiglia - e meno male... potevo permettermelo perché ero già in smartworking prima, con una o due giornate lavoro in ufficio dovute, ma essendo amante della routine e avendo in gestione le mattine dei figli grandi (lasciando i piccoli a mia moglie) tendevo ad andarci più spesso. Ora abbiamo deciso che stare lontano da Milano non ha molto senso e che snaturerebbe troppo il nostro (e mio) stile di vita, che tornare in città forse ma anche no, e stiamo guardando case in posti con 45min di pendolarismo max. Ah,mia moglie non è milanese, quindi non vuole "la zona precisa dove le amiche, la mamma bla bla". Io sono il milanese, e questa o quella zona non mi cambiano nulla....
    non è che si sia capito molto...

  10. #1910

    Data Registrazione
    Mar 2017
    Messaggi
    1,954
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    1539 Post(s)
    Potenza rep
    24583154
    Citazione Originariamente Scritto da cecc88 Visualizza Messaggio
    In provincia diversi han comprato anche senza mutuo. Ma con acquisti di 100k massimo.
    Altri, sempre provincia, son andati di mutuo per villetta in ex casa di corte in paese (150k) e per un trilocale a Melegnano.
    Alcuni conoscenti han comprato a S Donato o S Giuliano, tutti con mutuo.

    In città tutti i miei conoscenti tranne 2 hanno acquistato con mutuo. Si son salvati 2 che si son trovati una casa a disposizione da ristrutturare.
    Ho dettagli solo di qualcuno, ma a occhio ho percepito più o meno velatamente l'aiuto della famiglia.

    Senza scatenare polemiche sui boomers, considera che c'è una discreta fetta di persone che oltre ad aver accumulato risparmio, ha anche una pensione notevole. Per una coppia di pensionati a 60 anni, con 300k di risparmi e 3k x 13 di entrate INPS ( e sto basso), non è un grosso problema tirar fuori 100k per il figlio.

    Tendenzialmente basta che sia figlio unico per arrivare a importi interessanti.

    Poi si, in caso di matrimonio con figli che va male ci sono ottime opportunità di disastro.
    quindi tutti i tuoi conoscenti tranne due che si sono trovati la casa ereditata.
    Io ho la stessa esperienza: chiunque tra i 25/35 anni si compra casa ma solo una minima parte abita nella casa eredita.
    Quindi l'ampliamento del mercato non si fonda solo sui nuovi ingressi da fuori, ma soprattutto da chi c'è già dentro.

    Non affermavi il contrario?

Accedi