EcoBonus al 110% fino al 2022 - Volume II - Pagina 32
I titoli più amati dai trader italiani: a tutta FAANG, ma a svettare è un’altra super big
Microsoft, Facebook, Apple. Ma anche Disney, Mastercard e Netflix. Sono solo alcuni dei titoli su cui gli investitori italiani e globali hanno puntato a giugno secondo eToro. Il portale di …
UBI boccia l’OPS di Intesa: non è conveniente per 6 motivi. Messina medita sul rilancio
L’ops lanciata da Intesa Sanpaolo non è conveniente. E’ il responso del cda odierno di UBI Banca, che conferma le attese della vigilia e apre le strade a due possibili …
BTP Futura, Mef alza velo su tassi cedolari minimi. Tesoro chiama investitori retail, la tentazione del premio fedeltà
ll Mef ha finalmente comunicato i tassi cedolari minimi garantiti della prima emissione del BTP Futura, il titolo di stato italiano offerto interamente agli investitori retail. L'emissione partirà lunedì 6 …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #311

    Data Registrazione
    Mar 2020
    Messaggi
    73
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    38 Post(s)
    Potenza rep
    858994
    Chiedo conferma:
    il sismabonus per le pertinenze è fisso a prescindere oppure, per fare un esempio, 1/10 della spesa per un edificio con 5 appartamenti e 5 garage oppure deve essere proporzionato, chessò, alla sua superficie, diminuendo quindi il tetto massimo

    Spero di essermi spiegato

  2. #312
    L'avatar di salsipuede
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Messaggi
    5,732
    Mentioned
    33 Post(s)
    Quoted
    1590 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da zacknar Visualizza Messaggio
    Corretto,ma nulla ti vieta di fare un ampliamento dopo che hai usufruito del bonus.Certo devono essere due pratiche ben distinte in particolar modo a livello di fatturazione.Ovviamente salvo ulteriori disposizioni ma a logica se riqualifico casa mia non puoi proibirmi di fare altre cose in futuro se mi sono concesse dalla legge e se me le pago regolarmente.
    su un fabbricato rurale accatastato come F2 "collabente", per cui il Comune concederebbe un 25% di aumento volumetria, potrebbe convenire:

    a) demolire e ricostruire con +25%, senza detrazioni, pratica di ristrutturazione, presentando il progetto minimo richiesto dalla norma.
    b) fare lavori minimi: struttura in cemento armato, no tamponamenti, un termosifone con caldaia (importante!), copertura al grezzo.
    c) dopo qualche mese accatastare come F3 "unità in corso di costruzione", al fine di chiudere la pratica... è necessario?
    d) fare nuova pratica di manutenzione straordinaria con progetto completo e terminare la costruzione usufruendo di ecobonus 110%.

    può funzionare? o c'è qualche inghippo?
    Ultima modifica di salsipuede; 26-05-20 alle 00:13

  3. #313

    Data Registrazione
    Apr 2000
    Messaggi
    167
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    42 Post(s)
    Potenza rep
    3132132
    Citazione Originariamente Scritto da newyork1977 Visualizza Messaggio
    Ho parlato 1 ora al telefona con una esco (non escort) ...

    Vi giuro che non sono riuscito a capire quanto mi riuscirebbero a liquidare...cmq poco veramente poco...se ho capito bene si 40 k che avrei di fattura mi liquiderebbero max 32 k se gli cedo il 110 , cioè 44k, se invece avessi bisogno di stato avanzamento lavori mi liquiderebbero ancora un 30% in meno per via degli interessi , calcolati a spanne 8% annuo...
    Se è così mi sa che o trovo il modo di autofinanziamento o non faccio nulla, così è una rapina a mano armata per conto mio...
    Cioè loro riuscirebbero ad erogarmi 20 Milà euro in cambio di 44 di credito fiscale....altro che far i lavori senza sborsare un euro
    Secondo me accadra' questo, in modo generalizzato, perche' c'e' grande richiesta di cessione credito e chi acquisisce dettera' le regole

  4. #314
    L'avatar di er cash
    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    1,296
    Mentioned
    19 Post(s)
    Quoted
    1009 Post(s)
    Potenza rep
    13667040
    Citazione Originariamente Scritto da salsipuede Visualizza Messaggio
    su un fabbricato rurale accatastato come F2 "collabente", per cui il Comune concederebbe un 25% di aumento volumetria, potrebbe convenire:

    a) demolire e ricostruire con +25%, senza detrazioni, pratica di ristrutturazione, presentando il progetto minimo richiesto dalla norma.
    b) fare lavori minimi: struttura in cemento armato, no tamponamenti, un termosifone con caldaia (importante!), copertura al grezzo.
    c) dopo qualche mese accatastare come F3 "unità in corso di costruzione", al fine di chiudere la pratica... è necessario?
    d) fare nuova pratica di manutenzione straordinaria con progetto completo e terminare la costruzione usufruendo di ecobonus 110%.

    può funzionare? o c'è qualche inghippo?
    Non so se possa funzionare ma apprezzo molto l approccio

  5. #315
    L'avatar di er cash
    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    1,296
    Mentioned
    19 Post(s)
    Quoted
    1009 Post(s)
    Potenza rep
    13667040
    Citazione Originariamente Scritto da Original Lorenzo Visualizza Messaggio
    Secondo me accadra' questo, in modo generalizzato, perche' c'e' grande richiesta di cessione credito e chi acquisisce dettera' le regole
    Concordo, almeno per un po funzionera cosi

  6. #316

    Data Registrazione
    Aug 2019
    Messaggi
    28
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    23 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Original Lorenzo Visualizza Messaggio
    Secondo me accadra' questo, in modo generalizzato, perche' c'e' grande richiesta di cessione credito e chi acquisisce dettera' le regole
    la penso anche io come te, ma cosi è troppo, perdono clienti e basta in questo modo. Comprano il 110% all'80? e in più tu gli assegni il lavoro e loro ci guadagnano ulteriormente con il margine sui prodotti che ti andranno ad installare ecc? Guarda a sto punto acquisto un po di credito anche io... il 6% all'anno non è mica male. Giusto per curiosità si può dire il nome della esco?

  7. #317

    Data Registrazione
    Apr 2000
    Messaggi
    167
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    42 Post(s)
    Potenza rep
    3132132
    Citazione Originariamente Scritto da kukusho Visualizza Messaggio
    la penso anche io come te, ma cosi è troppo, perdono clienti e basta in questo modo. Comprano il 110% all'80? e in più tu gli assegni il lavoro e loro ci guadagnano ulteriormente con il margine sui prodotti che ti andranno ad installare ecc? Guarda a sto punto acquisto un po di credito anche io... il 6% all'anno non è mica male. Giusto per curiosità si può dire il nome della esco?
    Gia' adesso e' difficile trovare imprese libere per iniziare lavori di una certa entita'... Figuriamoci quando il 110 entrera' in vigore. Le poche imprese detteranno le condizioni a loro favore, scegliendo tra i tanti i lavori o i crediti a condizioni piu' favorevoli. Se perdono un cliente, ne avranno altri 5 in coda.

  8. #318

    Data Registrazione
    Apr 2000
    Messaggi
    167
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    42 Post(s)
    Potenza rep
    3132132
    Secondo me sara' piu' interessante, se possibile, tenersi il credito e cederlo in parte a familiari stretti. Certo bisogna avere i soldi per fare i lavori.

  9. #319

    Data Registrazione
    Aug 2019
    Messaggi
    28
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    23 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Original Lorenzo Visualizza Messaggio
    Gia' adesso e' difficile trovare imprese libere per iniziare lavori di una certa entita'... Figuriamoci quando il 110 entrera' in vigore. Le poche imprese detteranno le condizioni a loro favore, scegliendo tra i tanti i lavori o i crediti a condizioni piu' favorevoli. Se perdono un cliente, ne avranno altri 5 in coda.
    Diamo per vero che ci siano poche imprese libere per iniziare lavori e che all'inizio la domanda dei lavori sia maggiore dell'offerta, ma il mercato edilizio e degli installatori non è un mercato chiuso e per installare un impianto non ci vuole un master ma un po di esperienza e attenersi alle istruzioni dell'azienda madre... esempio mancano i certificatori APE? Corso Online Di Certificazione Energetica Degli Edifici - APE qui ce un link per diventare in 80 ore un certificatore APE (può essere una buona soluzione per chi è adesso senza lavoro).
    Se ce tanta domanda di lavori di conseguenza si creeranno nuove imprese per soddisfarla... e se enelx (per dirne una) ti compra il credito a 80 e la ditta pinco palla si butta sul mercato acquistandolo per 81, tutti andranno da pinco palla.
    Le ditte italiane non bastano per soddisfare la domanda? benissimo verranno quelle straniere (creeranno una piccola sede in italia per intascare il credito qualora ce ne fosse bisogno).

    Citazione Originariamente Scritto da Original Lorenzo Visualizza Messaggio
    Secondo me sara' piu' interessante, se possibile, tenersi il credito e cederlo in parte a familiari stretti. Certo bisogna avere i soldi per fare i lavori.
    Questa deve essere assolutamente la prima soluzione che uno intraprende quando decide di ristrutturare usando il bonus, ci si mette d'accordo con i familiari per la cessione e si fa il giro delle banche, assicurazioni, strozzini ecc...

  10. #320

    Data Registrazione
    Aug 2019
    Messaggi
    28
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    23 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Original Lorenzo Visualizza Messaggio
    Gia' adesso e' difficile trovare imprese libere per iniziare lavori di una certa entita'... Figuriamoci quando il 110 entrera' in vigore. Le poche imprese detteranno le condizioni a loro favore, scegliendo tra i tanti i lavori o i crediti a condizioni piu' favorevoli. Se perdono un cliente, ne avranno altri 5 in coda.
    Diamo per vero che ci siano poche imprese libere per iniziare lavori e che all'inizio la domanda dei lavori sia maggiore dell'offerta, ma il mercato edilizio e degli installatori non è un mercato chiuso e per installare un impianto non ci vuole un master ma un po di esperienza e attenersi alle istruzioni dell'azienda madre... esempio mancano i certificatori APE? Corso Online Di Certificazione Energetica Degli Edifici - APE qui ce un link per diventare in 80 ore un certificatore APE (può essere una buona soluzione per chi è adesso senza lavoro).
    Se ce tanta domanda di lavori di conseguenza si creeranno nuove imprese per soddisfarla... e se enelx (per dirne una) ti compra il credito a 80 e la ditta pinco palla si butta sul mercato acquistandolo per 81, tutti andranno da pinco palla.
    Le ditte italiane non bastano per soddisfare la domanda? benissimo verranno quelle straniere (creeranno una piccola sede in italia per intascare il credito qualora ce ne fosse bisogno).

    Citazione Originariamente Scritto da Original Lorenzo Visualizza Messaggio
    Secondo me sara' piu' interessante, se possibile, tenersi il credito e cederlo in parte a familiari stretti. Certo bisogna avere i soldi per fare i lavori.
    Questa deve essere assolutamente la prima soluzione che uno intraprende quando decide di ristrutturare usando il bonus, ci si mette d'accordo con i familiari per la cessione e si fa il giro delle banche, assicurazioni, strozzini ecc...

Accedi