EcoBonus al 120% fino al 2022 - Pagina 26
Piazza Affari paga tornata debole di trimestrali, chiusura no anche per Eni ed Enel
Giovedì amaro per Piazza Affari. L?indice Ftse Mib, reduce dal rally delle prime tre giornate di agosto, ha chiuso in calo dell?1,34% a 19.475 punti. Gli investitori aspettavano indicazioni circa …
Oro in volo: “Short? Avventurosi, il tappo è saltato ormai. L’argento sale perché è green”
In un 2020 difficile oro e argento stanno facendo la parte del leone. Il metallo giallo negli ultimi dieci giorni ha fatto segnare più di 250 dollari l’oncia di crescita, …
I monopattini Helbiz puntano il Nasdaq con l’aggiunta degli e-scooter MiMoto
Helbiz accelera ulteriormente sulla mobilità sostenibile allargando il proprio business agli scooter elettrici attraverso l'accordo con MiMoto Smart Mobility, first mover italiano del mercato dello sharing di motorini elettrici. Verso …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #251

    Data Registrazione
    Oct 2019
    Messaggi
    404
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    279 Post(s)
    Potenza rep
    8500291
    Citazione Originariamente Scritto da Tioppi Visualizza Messaggio
    In merito alla capienza, se la casa è cointestata tra A e B, A ha capienza e B no, è possibile far intestare le fatture solo ad A e far inserire i lavori solo ad A nel 730?
    Direi di sì, ma non mi assumo responsabilità. La certezza si trova nelle guide dell'AdE, circolare e cose simili. Il caso che poni tu dovrebbe essere quello più semplice perché hai ipotizzato che la casa sia di A e B. Parlando in generale, poi c'è tutta la casistica familiare, conviventi, conviventi ma non familiari, inquilino, proprietario incapiente ma congiunto () capiente, vendite, morti, ecc. Ecco, qui si deve stare molto attenti sia per chi potrà detrarsi l'irpef, sia per chi deve effettuare i bonifici. Perché nell'entusiasmo del bonus e dei lavori, sbagliare un passaggio burocratico, sbagliare un nominativo, un pagamento, è molto facile e si perde tutto perché le rettifiche a posteriori possono essere impossibili. Il mio consiglio è di studiarvi personalmente la documentazione dell'AdE fino a che potete e fino alla noia, farvi aiutare da un professionista potrebbe rivelarsi un ottimo investimento, ma non date per certe tutte le altre informazioni non ufficiali, anche quelle della piccola impresa edile, che anche se in totale buona fede (non ha interessi a farvi perdere il bonus in ogni caso) potrebbe non essere aggiornata, potrebbe non aver capito qualcosa, potrebbe dare per scontato cose che nel vostro caso particolare non lo sono, ma solo voi perderete il bonus.

    Se hai fretta, fai i lavori con la legge che c'è ora.
    Secondo te uno che ha fatto i lavori 15 anni fa senza agevolazioni può rientrare nel bonus del 65% che è uscito qualche anno dopo?
    Quando uscirà la legge, i lavori a partire da quella data avranno l'agevolazione. Oppure diranno che vale per i lavori a partire dal XXXXX (ad esempio 01/09/2020).
    Per me qualche chance che rientreranno anche i lavori di questi mesi c'è.

  2. #252
    L'avatar di Tioppi
    Data Registrazione
    Dec 2014
    Messaggi
    8,791
    Mentioned
    54 Post(s)
    Quoted
    3833 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    1) Magari non trovi chi ti fa la cessione del credito. Oppure leggevo che con la cessione prendi il 110% mentre in 5 anni prendi il 120% (ma l'ho letto di sfuggita. non so se è vero)

  3. #253

    Data Registrazione
    Oct 2019
    Messaggi
    404
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    279 Post(s)
    Potenza rep
    8500291
    Citazione Originariamente Scritto da panterina74 Visualizza Messaggio
    scusate ma a me questo incentivo sembra troppo bello per essere vero. E avrei due domande se qualcuno può spiegarmi:
    1) A che serve optare per la detrazione in 5 anni se posso riavere indietro tutto e subito dalle banche attraverso la cessione del credito? Oltretutto vale per capienti ed incapienti
    2 una Banca cosa ci guadagna a dover rifondere tutti sti soldi? Cioè li recupera dallo Stato quindi non possono rifiutarsi?
    Mi piace ripeterlo a ogni post : la legge e le circolari non ci sono quindi tutto quello che si sa sono bozze, indiscrezioni o articoli giornalistici fatti più per attirare lettori che per altro.

    1) Perché se si potrà detrarre X € (facciamo l'esempio di 10mila euro) con la detrazione in Y anni (5 è un numero ricorrente, ma non è detto che sia quello definitivo), la banca o altro soggetto che si prenderà il credito non ti darà 10 mila euro, ma una cifra inferiore, perché almeno (almeno...) vorrà gli interessi.
    2) (Almeno...) Gli interessi! Anzi, se riuscirà a prenderci pure qualcosa in più, avrà prestato soldi a tassi superiori a quelli dei Btp a parità di rischio dei Btp. Non è che non può rifiutarsi, ma penso che avrà tutto l'interesse a prestarli.

  4. #254

    Data Registrazione
    Dec 2018
    Messaggi
    125
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    94 Post(s)
    Potenza rep
    877195
    Citazione Originariamente Scritto da panterina74 Visualizza Messaggio
    scusate ma a me questo incentivo sembra troppo bello per essere vero. E avrei due domande se qualcuno può spiegarmi:
    1) A che serve optare per la detrazione in 5 anni se posso riavere indietro tutto e subito dalle banche attraverso la cessione del credito? Oltretutto vale per capienti ed incapienti
    2 una Banca cosa ci guadagna a dover rifondere tutti sti soldi? Cioè li recupera dallo Stato quindi non possono rifiutarsi?
    Per gli enti che si fanno carico del credito fiscale il meccanismo è molto remunerativo, perché si tratta di avere un credito sulle tasse da pagare (che sono X) a una cifra (X-una percentuale).

    Immagina una banca che dovrebbe pagare 100 milioni di euro di tasse, comprando 100 milioni di crediti fiscali a una cifra di 70/80 milioni si ha un guadagno di 20/30 milioni in 5 anni, altro che i prestiti.

    Più o meno la percentuale di sconto che richiedono Enel ed Eni è quella, magari quando altri entreranno nel mercato si abbasserà ma il ragionamento sarà lo stesso


    Ricordo che il credito da ecobonus non vale solo per le tasse sugli utili, ma anche per i contributi dei dipendenti e per l’IVA, pensate una banca quanto paga in un anno di questi importi

  5. #255

    Data Registrazione
    Feb 2016
    Messaggi
    75
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    65 Post(s)
    Potenza rep
    5
    Citazione Originariamente Scritto da Laki96 Visualizza Messaggio
    Per gli enti che si fanno carico del credito fiscale il meccanismo è molto remunerativo, perché si tratta di avere un credito sulle tasse da pagare (che sono X) a una cifra (X-una percentuale).

    Immagina una banca che dovrebbe pagare 100 milioni di euro di tasse, comprando 100 milioni di crediti fiscali a una cifra di 70/80 milioni si ha un guadagno di 20/30 milioni in 5 anni, altro che i prestiti.

    Più o meno la percentuale di sconto che richiedono Enel ed Eni è quella, magari quando altri entreranno nel mercato si abbasserà ma il ragionamento sarà lo stesso


    Ricordo che il credito da ecobonus non vale solo per le tasse sugli utili, ma anche per i contributi dei dipendenti e per l’IVA, pensate una banca quanto paga in un anno di questi importi
    quindi in questa catena a rimetterci è solo lo Stato che poi dovrà rimborsare...e dove troverebbe le risorse per far fronte a questa immane spesa (o mancato gettito fiscale)? Poniamo caso l'iniziativa abbia un successo clamoroso tutti a ristrutturare

  6. #256
    L'avatar di Tioppi
    Data Registrazione
    Dec 2014
    Messaggi
    8,791
    Mentioned
    54 Post(s)
    Quoted
    3833 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da aszx Visualizza Messaggio
    Direi di sì, ma non mi assumo responsabilità. La certezza si trova nelle guide dell'AdE, circolare e cose simili. Il caso che poni tu dovrebbe essere quello più semplice perché hai ipotizzato che la casa sia di A e B. Parlando in generale, poi c'è tutta la casistica familiare, conviventi, conviventi ma non familiari, inquilino, proprietario incapiente ma congiunto () capiente, vendite, morti, ecc.
    Avevo fatto già le ricerche l'anno scorso. Ora è arrivato il momento di inserire le spese nelle dichiarazioni
    Se non ricordo male, le solite guide ambigue ed incomplete dicono che le spese possono essere a carico di entrambi. Ovviamente non si sbilanciano in nessun esempio, nemmeno "marito e moglie fanno i lavori... ...".

    Citazione Originariamente Scritto da panterina74 Visualizza Messaggio
    quindi in questa catena a rimetterci è solo lo Stato che poi dovrà rimborsare...e dove troverebbe le risorse per far fronte a questa immane spesa (o mancato gettito fiscale)? Poniamo caso l'iniziativa abbia un successo clamoroso tutti a ristrutturare
    Dove trovava anche le risorse per i bonus al 36%, 50% e 60% degli scorsi anni.
    Poi è vero che dovrà tirar fuori molti soldi, però fai lavorare imprese, aziende, operai e relativo indotto. Tra tasse sul lavoro e tasse sugli acquisti, entreranno molti soldi. Se poi siano abbastanza, non ne ho idea.

  7. #257

    Data Registrazione
    Oct 2019
    Messaggi
    404
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    279 Post(s)
    Potenza rep
    8500291
    Citazione Originariamente Scritto da panterina74 Visualizza Messaggio
    quindi in questa catena a rimetterci è solo lo Stato che poi dovrà rimborsare...e dove troverebbe le risorse per far fronte a questa immane spesa? Poniamo caso l'iniziativa abbia un successo clamoroso tutti a ristrutturare
    Lo stato guadagnerà in:
    - emersione del nero: tutti gli interventi incentivati saranno fatturati;
    - diminuzione della bolletta energetica nazionale;
    - diminuzione dell'inquinamento e spese annesse;
    - diminuzione delle conseguenze in caso di sisma.

    Poi data la situazione, meno gente senza lavoro e il pil nel breve periodo potrebbe giovarsene.

  8. #258
    L'avatar di cipensounpo
    Data Registrazione
    Nov 2004
    Messaggi
    12,074
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    4892 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Citazione Originariamente Scritto da aszx Visualizza Messaggio
    Lo stato guadagnerà in:
    - emersione del nero: tutti gli interventi incentivati saranno fatturati;
    - diminuzione della bolletta energetica nazionale;
    - diminuzione dell'inquinamento e spese annesse;
    - diminuzione delle conseguenze in caso di sisma.

    Poi data la situazione, meno gente senza lavoro e il pil nel breve periodo potrebbe giovarsene.
    concordo. aggiungerei anche che una buona parte degli interventi "generati" da questo provvedimenti non avrebbero avuto luogo in assenza dello stesso....quindi, non dico per tutti ma per una buona parte, lo stato non ci perde....va di lusso a che li avrebbe cmq fatti pure in presenza di incentivazioni minori.

  9. #259
    L'avatar di er cash
    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    1,366
    Mentioned
    21 Post(s)
    Quoted
    1066 Post(s)
    Potenza rep
    14873569
    Riguardo le banche c'e' anche una questione tecnica da tenere in considerazione che rendera' molto difficile che accettino la cessione a costi umani...

    le banche lavorano con due vasi: la quantità in quello a sinistra determina la quantità in quello a destra con rapporto 1 a 10: ogni euro nel vaso a sinistra crea 10 euro nel vaso destra...

    Le banche prestano dal vaso a destra ma dovrebbero comprare i crediti dal vaso a sinistra... quindi a meno di non acquisire il credito a sconto tale da coprire differenza di riserva frazionaria + interesse eventualmente raccolto dal prestito di somma corrispondente uscita dal vaso a destra... non toglieranno mai niente dal vaso a sinistra... perche per ogni euro in meno dal vaso a sinistra perdono 10 euro + interessi dal vaso a destra... un costo altissimo.

    Mi sono espresso grossolanamente ma il concetto e' questo.

  10. #260

    Data Registrazione
    Oct 2019
    Messaggi
    404
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    279 Post(s)
    Potenza rep
    8500291
    Citazione Originariamente Scritto da Tioppi Visualizza Messaggio
    Avevo fatto già le ricerche l'anno scorso. Ora è arrivato il momento di inserire le spese nelle dichiarazioni
    Se non ricordo male, le solite guide ambigue ed incomplete dicono che le spese possono essere a carico di entrambi. Ovviamente non si sbilanciano in nessun esempio, nemmeno "marito e moglie fanno i lavori... ...".
    Schede - Ristrutturazioni edilizie - A chi spetta - Agenzia delle Entrate

    A chi spetta
    Possono beneficiare dell’agevolazione non solo i proprietari o i titolari di diritti reali sugli immobili per i quali si effettuano i lavori e che ne sostengono le spese, ma anche l'inquilino o il comodatario. In particolare, hanno diritto alla detrazione:

    il proprietario o il nudo proprietario
    ...
    Hanno diritto alla detrazione, inoltre, purché sostengano le spese e siano intestatari di bonifici e fatture:
    il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento (il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado) e il componente dell’unione civile
    Mia interpretazione: possono, quindi non "devono" essere a carico di entrambi. Nelle guide c'è più la logica del "chi paga può detrarsi" come nella seconda parte del mio quote, che non una detrazione tra tutti gli aventi diritto o anche solo tra tutti i proprietari.
    Se ti fai fare la dichiarazione da qualcuno, dovrebbe fugarti ogni dubbio.

Accedi