Prezzi delle case in calo anche nel 2019: -2,8% in Italia - Pagina 94
I titoli più amati dai trader italiani: a tutta FAANG, ma a svettare è un’altra super big
Microsoft, Facebook, Apple. Ma anche Disney, Mastercard e Netflix. Sono solo alcuni dei titoli su cui gli investitori italiani e globali hanno puntato a giugno secondo eToro. Il portale di …
UBI boccia l’OPS di Intesa: non è conveniente per 6 motivi. Messina medita sul rilancio
L’ops lanciata da Intesa Sanpaolo non è conveniente. E’ il responso del cda odierno di UBI Banca, che conferma le attese della vigilia e apre le strade a due possibili …
BTP Futura, Mef alza velo su tassi cedolari minimi. Tesoro chiama investitori retail, la tentazione del premio fedeltà
ll Mef ha finalmente comunicato i tassi cedolari minimi garantiti della prima emissione del BTP Futura, il titolo di stato italiano offerto interamente agli investitori retail. L'emissione partirà lunedì 6 …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #931
    L'avatar di Benjamin_Malaussène
    Data Registrazione
    Aug 2019
    Messaggi
    1,134
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    910 Post(s)
    Potenza rep
    42949673
    Citazione Originariamente Scritto da Flavio Ezio Visualizza Messaggio
    ?
    Nop, il target che stiamo considerando, e che è stato scritto più volte, è il classico stipendio italiano di 30 mila RAL.
    Quindi vogliamo dimostrare che @Itachi (o qualunque under 40 con competenze appetibili) avrebbe fatto meglio a rimanere in Italia perché avrebbe ricevuto una RAL di 30k su cui avrebbe potuto pagare "solo" il 21% di tasse (e anche meno se riuscisse a manterrò moglie e figli)?

    Forse non è stato esplicitato, ma credo che il suo stipendio medio sia ben oltre quei 30k...

  2. #932
    L'avatar di sand1975
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    5,913
    Mentioned
    36 Post(s)
    Quoted
    3751 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da Flavio Ezio Visualizza Messaggio
    Sì bè io comunque come detto sarei assolutamente favorevole al fatto che le trattenute pensionistiche vengano eliminate e date sotto forma di netto, perché saprei investire molto meglio di quanto fa lINPS ovviamente, quindi io ne avrei beneficio.
    Il problema vero è che il 99% delle persone se lo brucerebbe prima di arrivare alla pensione e lo stato dovrebbe comunque trovare delle risorse per impedire che il 99% di quei pensionati finiscano sotto i ponti...

    Oltre al fatto che tali importi verrebbero tassati almeno al 23%

    Riesci a far rendere il denaro più del 23/27/32% che sono le aliquote a cui ti tasserebbero?

  3. #933

    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    19,360
    Mentioned
    54 Post(s)
    Quoted
    5901 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Alexander- Visualizza Messaggio
    E' quello che dice lui, in quelle ritenute ci sono quelle previdenziali, che sono il 9.19% circa.

    Comunque se la busta paga non è fatta da cani, ci sono specificate quali sono fiscali e quali previdenziali.
    Confermo, alla voce "trattenute" in teoria dovrebbero apparire quelle due voci per distiguerle.

  4. #934

    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    7,027
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    3142 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Benjamin_Malaussène Visualizza Messaggio
    Quindi vogliamo dimostrare che @Itachi (o qualunque under 40 con competenze appetibili) avrebbe fatto meglio a rimanere in Italia perché avrebbe ricevuto una RAL di 30k su cui avrebbe potuto pagare "solo" il 21% di tasse (e anche meno se riuscisse a manterrò moglie e figli)?

    Forse non è stato esplicitato, ma credo che il suo stipendio medio sia ben oltre quei 30k...
    Scusa, ma chissene strafrega di ciò che ha fatto l'utente itachi? Tra l'altro mi ricordo benissimo che ha scritto che i motivi economici non sono stati neanche la scelta primaria per essere emigrato, ma lo ha fatto perché non sopportava il sistema Italia in quanto tale.

    In questo topic si sta falsamente cercando di dimostrare che gli stipendi dei dipendenti medi sono tassati molto: falso, smentito dai numeri.
    Il resto, cioè il perché gli stipendi (o meglio, alcuni di essi) siano bassi, è tutta un'altra questione sociale, economica e politica che non c'entra niente con l'aliquota effettiva di tassazione che ogni lavoratore paga.

  5. #935

    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    7,027
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    3142 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da sand1975 Visualizza Messaggio

    Oltre al fatto che tali importi verrebbero tassati almeno al 23%

    Riesci a far rendere il denaro più del 23/27/32% che sono le aliquote a cui ti tasserebbero?
    Che c'entra la tassazione del netto, anche le pensioni vengono tassate ovviamente, non cambierebbe nulla da quel punto di vista.
    Sai come funziona il sistema di calcolo della rivalutazione del montante pensionistico, vero? E' ancorata al PIL degli ultimi 5 anni. Con la crescita passata, presente e probabilmente futura dell'Italia, mi verrebbe da dire che anche uno stupido conto deposito farebbe meglio ( non fossimo in periodo di tassi negativi, ovviamente).

  6. #936
    L'avatar di sand1975
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    5,913
    Mentioned
    36 Post(s)
    Quoted
    3751 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da Flavio Ezio Visualizza Messaggio
    Che c'entra la tassazione del netto, anche le pensioni vengono tassate ovviamente, non cambierebbe nulla da quel punto di vista.
    Sai come funziona il sistema di calcolo della rivalutazione del montante pensionistico, vero? E' ancorata al PIL degli ultimi 5 anni. Con la crescita passata, presente e probabilmente futura dell'Italia, mi verrebbe da dire che anche uno stupido conto deposito farebbe meglio ( non fossimo in periodo di tassi negativi, ovviamente).
    Le pensioni vengono tassate in erogazione, non in fase di accumulo.

    Sai che differenza c'è tra investire un montante tassato all'origine e tassato alla fine in termini di rendimento?

    Inoltre verresti tassato 2 volte: una volta quando ti viene erogata la cifra mensile e la seconda nel momento in cui vuoi ottenere liquidità come capital gain, nel momento in cui andrai in pensione. Per questo una delle due tassazioni dovresti recuperarla in termini di rendimento.

    Senza contare che se li prendi ora vieni tassato con aliquota marginale mentre al momento dell'erogazione con aliquota media, molto più bassa.

    Del resto, anche l'erogazione del tfr in busta paga, non mi sembra abbia avuto grande successo proprio per il motivo di cui sopra.
    Ultima modifica di sand1975; 18-01-20 alle 17:21

  7. #937

    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    7,027
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    3142 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da sand1975 Visualizza Messaggio
    Le pensioni vengono tassate in erogazione, non in fase di accumulo.

    Sai che differenza c'è tra investire un montante tassato all'origine e tassato alla fine in termini di rendimento?


    Inoltre verresti tassato 2 volte: una volta quando ti viene erogata la cifra mensile e la seconda nel momento in cui vuoi ottenere liquidità come capital gain, nel momento in cui andrai in pensione. Per questo una delle due tassazioni dovresti recuperarla in termini di rendimento: impossibile.
    Nel momento in cui 'si va in pensione', si ha un capitale X investito che ti genera la rendita Y, tassata al 26 %. Grossomodo, lo stesso livello di tassazione di una pensione sui 35 mila lordi direi, quindi come ho detto prima, la tassazione alla fine è uguale.

    Durante l'accumulo, vieni sempre tassato al 26 % se fai per conto tuo, mentre le pensioni no. Quindi, supponendo che la pensione mediamente rende il 2 % (tiro a caso), per battere questo 2 % devi fare almeno il 26 % in più, cioè in questo caso 2,52 %. Perché è impossibile?

    Edit: ovviamente, tu poni il caso che i contributi pensionistici si trasformino in stipendio lordo da assoggettare a IRPEF, io no, perchè sarebbe iniquo, lo stato teoricamente in questo modo riceverebbe entrate fiscali stellari, e non dovrebbe poi neanche pensare alla spesa pensionistica, cioè è un sistema distopico inesistente ( continuo a ribadire che il fatto che volevo mettere in luce è che il rendimento derivante dai coefficienti INPS è facilmente battibile, almeno da chi sa investire un minimo)
    Ultima modifica di Flavio Ezio; 18-01-20 alle 17:48

  8. #938
    L'avatar di sand1975
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    5,913
    Mentioned
    36 Post(s)
    Quoted
    3751 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da Flavio Ezio Visualizza Messaggio
    Nel momento in cui 'si va in pensione', si ha un capitale X investito che ti genera la rendita Y, tassata al 26 %. Grossomodo, lo stesso livello di tassazione di una pensione sui 35 mila lordi direi, quindi come ho detto prima, la tassazione alla fine è uguale.

    Durante l'accumulo, vieni sempre tassato al 26 % se fai per conto tuo, mentre le pensioni no. Quindi, supponendo che la pensione mediamente rende il 2 % (tiro a caso), per battere questo 2 % devi fare almeno il 26 % in più, cioè in questo caso 2,52 %. Perché è impossibile?

    Edit: ovviamente, tu poni il caso che i contributi pensionistici si trasformino in stipendio lordo da assoggettare a IRPEF, io no, perchè sarebbe iniquo, lo stato teoricamente in questo modo riceverebbe entrate fiscali stellari, e non dovrebbe poi neanche pensare alla spesa pensionistica, cioè è un sistema distopico inesistente ( continuo a ribadire che il fatto che volevo mettere in luce è che il rendimento derivante dai coefficienti INPS è facilmente battibile, almeno da chi sa investire un minimo)
    No.

    Se ti pagano oggi il corrispettivo della pensione ci paghi la tua aliquota marginale, mediamente un 32%
    Quando invece ti tassano la pensione te la tasseranno mediamente con aliquota media, Non certo al 26% perchè ancora fino a 8000 avrai 0%, poi 23, e così via e quella che conta è l'aliquota media.

    PS: lo stesso sistema di anticipazione tfr è stato tassato con aliquota ordinaria, perchè dovrebbe fare diversamente in questo caso?

    Ma in ogni caso stiamo discutendo del nulla perchè un'ipotesi come la tua è assolutamente impossibile per svariati motivi primo tra cui il più banale che se anche solo per un mese non pagassimo i contributi tutti i pensionati non riceverebbero la pensione.
    Ultima modifica di sand1975; 18-01-20 alle 18:55

  9. #939

    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    7,027
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    3142 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da sand1975 Visualizza Messaggio
    No.

    Se ti pagano oggi il corrispettivo della pensione ci paghi la tua aliquota marginale, mediamente un 32%
    Quando invece ti tassano la pensione te la tasseranno mediamente con aliquota media, Non certo al 26% perchè ancora fino a 8000 avrai 0%, poi 23, e così via e quella che conta è l'aliquota media.
    E' esattamente quello che ho detto, l'aliquota media di tassazione di una pensione sui 35-40 mila lordi è sul 26 %.

    Citazione Originariamente Scritto da sand1975 Visualizza Messaggio
    PS: lo stesso sistema di anticipazione tfr è stato tassato con aliquota ordinaria, perchè dovrebbe fare diversamente in questo caso?
    Perché il TFR è profondamente diverso, quello sì è retribuzione differita, i contributi pensionistici invece non sono assolutamente retribuzione.
    Ripeto, immagina se davvero, nel nostro caso ipotetico di 'scomparsa' dei contributi pensionistici, il sistema dovesse rimanere con l'attuale tassazione: lo stato, oltre a non dover pagare più la spesa per le pensioni (che è la più grande spesa alla quale deve far fronte), incasserebbe proprio l'aliquota marginale di cui parlavi. Capisci che non è sostenibile, significa alzare la pressione fiscale a livelli inverosimili.
    I contributi in busta paga netti, d'altra parte, avrebbero dall'altra faccia della medaglia lo stesso effetto distruttivo , dato il sistema a ripartizione: in questo caso, lo stato dovrebbe pagare con fiscalità generale (come già parzialmente fa tra l'altro) tutti i pensionati attuali, senza contare ovviamente su quei contributi che non si pagano più, ed inoltre o ridare indietro i contributi già versati dai lavoratori, o garantire loro in vecchiaia la pensione determinata da questi.

  10. #940

    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    3,609
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    2405 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Io credo che un problema delle retribuzioni sia anche ad un aumento X lordo, il netto è la metà (senza considerare il costo per l'azienda).

    Potrebbe essere utile, oltre a tagliare l'IRPEF, limitare il versamento di contributi fino a una soglia?
    Cioè ad esempio si pagano i contributi fino a 30K di RAL in modo da accumulare una pensione contributiva che sia sufficiente. Al di sopra di quella soglia i soldi rimangono in busta a gestione del lavoratore che potrà liberamente risparmiarli, investirli o consumarli.

Accedi