Garage e legge Tognoli, come funziona?
Banco BPM da pecora nera a star tra le banche, ma gli short non si placano. UBS vede nozze con UBI non vicine
Corre a più non posso in Borsa il titoloBanco  BPM che nelle ultime 5 sedute segna un sonante +15%, nessuno meglio di lei tra le banche. Il titolo con il …
Borsa di Milano aggiorna massimi 2019, volano le banche, Nexi e Ferrari
Le banche trascinano anche oggi Piazza Affari a una chiusura positiva. Il Ftse Mib è andato a chiudere a 22.428 punti (+0,28%) sui nuovi massimi anni. Ieri il balzo di …
Bill Gross: addio bond, meglio le azioni ad alto dividendo. Ecco le italiane con cedole più generose
Meglio investire in bond o in azioni? Coi tassi d?interesse vicini allo zero, i rendimenti obbligazionari ?investment grade? e dei titoli di stato si sono assottigliati a tal punto che …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di Lukeblastxx
    Data Registrazione
    May 2011
    Messaggi
    2,380
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    790 Post(s)
    Potenza rep
    42949681

    Garage e legge Tognoli, come funziona?

    Salve, possiedo un'appartamento del 1971 situato in zona agricola semi-periferica che un tempo disponeva di garage al piano inferiore, in seguito c'è stata divisione dell'immobile (villetta indipendente) tra due proprietari, uno al piano inferiore (con garage) ed io al piano superiore (ora senza garage).

    La domanda è posso vendere l'appartamento senza garage o rientra nella legge Tognoli che prevede un posto auto?

  2. #2

    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    93
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    27 Post(s)
    Potenza rep
    2707793
    La legge Tognoli è del 1989 quindi, non potendo essere le leggi retroattive, non vedo come potrebbe riguardare un edificio del 1971.

  3. #3

    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    93
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    27 Post(s)
    Potenza rep
    2707793
    Il frazionamento sarà sicuramente stato fatto con una pratica edilizia. Direi come prima cosa di guardare quella. Se l'atto abilitativo era conforme alle norme urbanistiche e di conseguenza hai potuto realizzare l'intervento, ritengo che non ci debbano essere ulteriori preoccupazioni.

Accedi