Monitoraggio mercato romano - parte VII - Pagina 170
Commissione Ue presenta il suo Recovery Fund. All’Italia la fetta della torta più grande, ma occhio al nodo prestiti
Un Recovery Fund che si chiamerà Next Generation EU: Nuova generazione Ue, di un valore di 750 miliardi di euro, superiore, dunque, al fondo della proposta franco-tedesca per 500 miliardi …
Oro a quota $3000? Validi assist da monetizzazione debito banche centrali ed helicopter money
Rally dell’oro negli ultimi due mesi, con i prezzi passati dai minimi di circa 1.460 dollari l’oncia di marzo, ai massimi di quasi 1.765 USD/Oz di fine maggio. Un’analoga azione …
Bce esclude Italexit e nuova crisi euro post pandemia. Lagarde minimizza su boom debiti ma c’è il paper che avverte sui conti pubblici
Italexit o Italia fuori dall’euro? Il numero due della Bce Luis de Guindos non ci crede e non condivide la preoccupazione di diversi analisti, che ammettono il rischio di un …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1691
    L'avatar di senzacertezze
    Data Registrazione
    Dec 2016
    Messaggi
    871
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    600 Post(s)
    Potenza rep
    38938540
    Citazione Originariamente Scritto da Enfant terrible Visualizza Messaggio
    E' pieno di utility e aziende di servizi di vario tipo, Roma da sola fa il pil di tutto il Lazio. Assieme a Milano è la città più vivace e ricca di opportunità, essendo un polo centrale non solo turistico ma anche culturale. Aggiungi che è molto accogliente ed inclusiva, cosa non da poco per chi deve viverci. Sui servizi sono d'accordo, è peggiorata in modo indecente! Però è una situazione che può migliorare.
    Non sono romano ma senza offesa aggiungerei che i c**i visti in giro per Roma
    li ho visti solo a Copacabana

  2. #1692

    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    6,687
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    2913 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da Benjamin_Malaussène Visualizza Messaggio
    Si, diciamo che vivere in condivisione è un passaggio temporaneo, mentre vivere da soli (o con partner) dopo una certa età dovrebbe essere un'ambizione a prescindere, non vincolata a paletti del tipo "e se poi trovo una compagna?", "E se poi ci lasciamo?", etc.
    La condivisione è dettata quasi esclusivamente da un fattore: la riduzione costi, e secondariamente, molto alla lontana, da un altro, per qualcuno: il piacere della socialità. Sinceramente, tralasciando per l'appunto il fattore economico, continuo a non vedere quale sia lo step mancante rispetto al vivere da soli/con compagna.

  3. #1693

    Data Registrazione
    Feb 2020
    Messaggi
    452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    266 Post(s)
    Potenza rep
    9099032
    Citazione Originariamente Scritto da Benjamin_Malaussène Visualizza Messaggio
    Le risposte negative date sull'acquisto prima casa a Roma non hanno senso.

    Innanzitutto perché chi compra una prima casa, lo fa perché vuole abitarci a lungo termine, e non perché guarda offerte all'estero, vuole stare a 5 minuti dalla fidanzata o dal lavoro, etc.
    Se si rimane a lungo termine in un luogo, è dimostrato che quasi sempre conviene l'acquisto all'affitto, anche perché a Roma a meno 700euro/mese un bilocale in affitto non lo trovi, mentre con la stessa cifra puoi benissimo permetterti un mutuo.

    In secondo luogo, quasi nessuno abita a 5 minuti da fidanzata/università/ufficio/etc.
    Esistono i mezzi (privati e pubblici), Roma è una delle città d'Europa con la più alta densità di mezzi a 2 ruote, ma anche in auto, scegliendo tatticamente gli orari, quasi nessuno impiega più di 1 ora.

    Sul destino della città: chi lavora nel pubblico o assimilato (ministeri, Inps, ferrovie, rai, etc), sempre nella stessa città rimarrà.
    Chi lavora nel privato, a meno di guardare all'estero (e sono molto pochi quelli che lo fanno) ha offerta praticamente in tutti i settori, e solo Milano potrebbe superarla in alcuni di essi.

    Se poi la città non piace (troppo caotica, sporca, incivile, etc.) , posso anche capirlo: ma a quel punto perché consigliate l'affitto invece di cambiare definitivamente città?


    Rimanendo sul discorso prima casa, però, converrai che per chi vuole vivere a Roma il confronto RENT VS BUY rende sempre più conveniente la seconda ipotesi?

    Se invece credi proprio che non convenga la città in sé, va anche valutato che rimanendo in Italia nessuna altra città ti offre le stesse prospettive lavorative... (se non forse Milano, ma anche lì i costi sono su livelli comparabile)
    Considerato l’impatto di un eventuale mutuo sul tenore di vita son d’accordo per buy.

  4. #1694

    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    6,687
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    2913 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da Oscar2020 Visualizza Messaggio
    Considerato l’impatto di un eventuale mutuo sul tenore di vita son d’accordo per buy.
    Il punto è che affitto e mutuo possono anche essere praticamente uguali, quindi il tenore di vita permane lo stesso, poi però dopo 15 anni il giovane con mutuo si trova patrimonializzato, l'affittuario no. Si parla di gente normale ovviamente, non chi ha ricevuto un bel po' in eredità o donazione ; )

  5. #1695

    Data Registrazione
    Feb 2020
    Messaggi
    452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    266 Post(s)
    Potenza rep
    9099032
    Capisco quello che dici, però ci sono mille fattori esistenziali, lavorativi e di opportunità e fortuna che rendono il dover pagare 1000eu a fine mese o 200k in 30 anni due condizioni differenti anche se in pratica si vive nello stesso immobile dei due casi ipotetici.
    Non esiste una sola ragione, esiste il senno di poi (facile...), la capacità di rischiare e la fortuna...e tanto altro

  6. #1696

    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    6,687
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    2913 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da Oscar2020 Visualizza Messaggio
    Capisco quello che dici, però ci sono mille fattori esistenziali, lavorativi e di opportunità e fortuna che rendono il dover pagare 1000eu a fine mese o 200k in 30 anni due condizioni differenti anche se in pratica si vive nello stesso immobile dei due casi ipotetici.
    Non esiste una sola ragione, esiste il senno di poi (facile...), la capacità di rischiare e la fortuna...e tanto altro
    Sisi questo è normale. Sempre posto che comprare una casa con mutuo, se si compra bene (che è sempre il requisito fondamentale), non è incatenarsi fisicamente al luogo; se proprio dovesse apparire quella opportunità unica, fortunata es irrinunciabile altrove, si può sempre vendere, saranno poi semplici calcoli matematici a decretare quanto quella scelta è stata infelice (economicamente parlando).

  7. #1697

    Data Registrazione
    Feb 2020
    Messaggi
    452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    266 Post(s)
    Potenza rep
    9099032
    Indubbiamente la platea di chi compra, investitori o prima casa, mutuo o cash, si ridurrà. Tempo per vendere casa sarà più dilatato, transazioni in picchiata, prezzi non so vedete voi...
    ormai neanche mi affaccio più su immob.it tanto postano le vecchie case ai vecchi prezzi i soliti noti e disperati, ex ai di cui a breve non sentiremo più parlare.

  8. #1698
    L'avatar di Cesare Giulio
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    388
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    369 Post(s)
    Potenza rep
    10153640
    Data la situazione attuale economica e demografica dell'Italia voglio fare un paio di considerazioni riguardo il mercato romano


    Ripeto sin da subito che NON sono contrario all'acquisto, ma che deve essere fatto a mio modo di vedere secondo paletti finanziari che devono servire da paracadute, paletti che sono


    -Acquisto senza mutuo, bisogna utilizzare il 50% della liquidità a disposizione


    -Acquisto con mutuo, versare il 50% di anticipo oppure il 20/30% in anticipo e il resto metterlo in prodotti finanziari sicuri giusto per recuperare gli interessi da pagare. Questo 50% deve essere il 50% della propria liquidità


    -mutuo max 15 anni con rata che non deve superare il 25% del reddito personale/familiare


    Questi sono i paletti giusti da mettere per non far diventare l abitazione un incubo personale e familiare per qualsiasi evento negativo avvenga nella vita, praticamente a mio modo di vedere la casa la puoi comprare solo quando potresti comprarla cash e utilizzi la leva del mutuo solo quando il valore della casa azzererebbe la tua liquidità in caso di acquisto cash.


    Se hai soldi in più vedi paletto 1 sopra indicato


    Paletti rigidi? Secondo me giusti per capire se Roma fa per te e soprattutto per la tua retribuzione


    Sei solo prendi 1400 al mese hai un ventello da parte e vuoi prenderti una casa da 200k? Se non sei uno statale lascia perdere e vattene da Roma, oppure se proprio vuoi rimanerci rimani in affitto e non ti andare ad indebitare più di quello che puoi.


    Adesso considerata questa lunga premessa iniziale vediamo il mercato attuale della città


    Penso che anche il più ottimista dei romani con la lupa e il Colosseo tatuati sul cuore e che sappia le basi di come viene previsto l andamento del costo immobiliare possa prevedere ALMENO un - 20% per le abitazioni NO LUSSO di Roma nei prossimi 6/7 anni (10 anni è un periodo troppo lungo per fare previsioni secondo me)


    Adesso perché nella situazione economica attuale italiana uno CHE NON HA REQUISITI SOPRA INDICATI ovvero poca liquidità, dovrebbe comprare perforza adesso e non temporeggiare qualche anno, accumulare liquidità e vedere anche se la situazione lavorativa personale a Roma regge alla crisi senza andarsi ad indebitare e salvarsi nell'immediato in caso la nave affondi?


    Alla fine facendo due calcoli una casa decente in periferia ti costa 200 k, fra cinque sei anni ipotizziamo valga 160k,che differenza fa se quei 40k li hai regalati a chi ti affitta casa o a chi ti ha venduto casa?


    E più si vuole acquistare verso il centro più il confronto perde visto che oer qualche anno ci si può accontentare di un affitto in periferia e e le case potrebbero perdere di più in euro rispetto alla periferia


    Quindi concludo dicendo che in QUESTO MOMENTO a Roma va comprato se si rispecchiano i paletti personali sopra indicati e se si strappa un - 15/20% dal prezzo richiesto per effettivamente guadagnare rispetto all affitto nei prossimi anni

    Altrimenti tanto vale aspettare e risparmiare perché tanto i soldi molto probabilmente adesso se non si strappa uno sconto immediato si regalano sia se si affitta sia se si compra


    Ps anticipo subito la classica risposta ma se uno guadagna 1400 e single o nucleo familiare monoreddito come fa a pagare affitto e patrimonializzarsi? Non può farlo, VEDI PALETTO RATA NON OLTRE 25% PROPRIO REDDITO, semplicemente a Roma senza corposi aiuti familiari con quello stipendio è povero e non vuole capirlo e per questa sua errata convinzione vuole andarsi ad indebitare a vita sacrificare futuro dei figli o la propri pensione integrativa e in questo momento storico non conviene affatto.se non ha margini di crescita lavorativa vada via da Roma, tanto la casa fronte fori imperiali non sd la potrà mai permettere e. Roma gli rimarrà da vederla quelle 3 volte al mese il fine settimana come un turista qualsiasi
    Ultima modifica di Cesare Giulio; 10-04-20 alle 11:48

  9. #1699
    L'avatar di konda
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    181
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    59 Post(s)
    Potenza rep
    3392255
    Citazione Originariamente Scritto da Cesare Giulio Visualizza Messaggio
    Data la situazione attuale economica e demografica dell'Italia voglio fare un paio di considerazioni riguardo il mercato romano


    Ripeto sin da subito che NON sono contrario all'acquisto, ma che deve essere fatto a mio modo di vedere secondo paletti finanziari che devono servire da paracadute, paletti che sono


    -Acquisto senza mutuo, bisogna utilizzare il 50% della liquidità a disposizione


    -Acquisto con mutuo, versare il 50% di anticipo oppure il 20/30% in anticipo e il resto metterlo in prodotti finanziari sicuri giusto per recuperare gli interessi da pagare. Questo 50% deve essere il 50% della propria liquidità


    -mutuo max 15 anni con rata che non deve superare il 25% del reddito personale/familiare


    Questi sono i paletti giusti da mettere per non far diventare l abitazione un incubo personale e familiare per qualsiasi evento negativo avvenga nella vita, praticamente a mio modo di vedere la casa la puoi comprare solo quando potresti comprarla cash e utilizzi la leva del mutuo solo quando il valore della casa azzererebbe la tua liquidità in caso di acquisto cash.


    Se hai soldi in più vedi paletto 1 sopra indicato


    Paletti rigidi? Secondo me giusti per capire se Roma fa per te e soprattutto per la tua retribuzione


    Sei solo prendi 1400 al mese hai un ventello da parte e vuoi prenderti una casa da 200k? Se non sei uno statale lascia perdere e vattene da Roma, oppure se proprio vuoi rimanerci rimani in affitto e non ti andare ad indebitare più di quello che puoi.


    Adesso considerata questa lunga premessa iniziale vediamo il mercato attuale della città


    Penso che anche il più ottimista dei romani con la lupa e il Colosseo tatuati sul cuore e che sappia le basi di come viene previsto l andamento del costo immobiliare possa prevedere ALMENO un - 20% per le abitazioni NO LUSSO di Roma nei prossimi 6/7 anni (10 anni è un periodo troppo lungo per fare previsioni secondo me)


    Adesso perché nella situazione economica attuale italiana uno CHE NON HA REQUISITI SOPRA INDICATI ovvero poca liquidità, dovrebbe comprare perforza adesso e non temporeggiare qualche anno, accumulare liquidità e vedere anche se la situazione lavorativa personale a Roma regge alla crisi senza andarsi ad indebitare e salvarsi nell'immediato in caso la nave affondi?


    Alla fine facendo due calcoli una casa decente in periferia ti costa 200 k, fra cinque sei anni ipotizziamo valga 160k,che differenza fa se quei 40k li hai regalati a chi ti affitta casa o a chi ti ha venduto casa?


    E più si vuole acquistare verso il centro più il confronto perde visto che oer qualche anno ci si può accontentare di un affitto in periferia e e le case potrebbero perdere di più in euro rispetto alla periferia


    Quindi concludo dicendo che in QUESTO MOMENTO a Roma va comprato se si rispecchiano i paletti personali sopra indicati e se si strappa un - 15/20% dal prezzo richiesto per effettivamente guadagnare rispetto all affitto nei prossimi anni

    Altrimenti tanto vale aspettare e risparmiare perché tanto i soldi molto probabilmente adesso se non si strappa uno sconto immediato si regalano sia se si affitta sia se si compra


    Ps anticipo subito la classica risposta ma se uno guadagna 1400 e single o nucleo familiare monoreddito come fa a pagare affitto e patrimonializzarsi? Non può farlo, VEDI PALETTO RATA NON OLTRE 25% PROPRIO REDDITO, semplicemente a Roma senza corposi aiuti familiari con quello stipendio è povero e non vuole capirlo e per questa sua errata convinzione vuole andarsi ad indebitare a vita sacrificare futuro dei figli o la propri pensione integrativa e in questo momento storico non conviene affatto.se non ha margini di crescita lavorativa vada via da Roma, tanto la casa fronte fori imperiali non sd la potrà mai permettere e. Roma gli rimarrà da vederla quelle 3 volte al mese il fine settimana come un turista qualsiasi
    da cittadino -importato- romano condivido molto di quello che hai scritto. Forse i paletti sono leggermente rigidi, ma capisco le motivazioni alla base. Io sinceramente continuo a vedere dei prezzi ancora eccessivi e soprattutto inaccessibili a chi non dovesse avere un anticipo neanche troppo basso, senza contare le spese di ristrutturazione che sono da sostenere se, per caso, ti imbatti in un immobile con prezzo "accettabile".

  10. #1700
    L'avatar di Cesare Giulio
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    388
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    369 Post(s)
    Potenza rep
    10153640
    Citazione Originariamente Scritto da konda Visualizza Messaggio
    da cittadino -importato- romano condivido molto di quello che hai scritto. Forse i paletti sono leggermente rigidi, ma capisco le motivazioni alla base. Io sinceramente continuo a vedere dei prezzi ancora eccessivi e soprattutto inaccessibili a chi non dovesse avere un anticipo neanche troppo basso, senza contare le spese di ristrutturazione che sono da sostenere se, per caso, ti imbatti in un immobile con prezzo "accettabile".
    Non ti pensare che le case nuove a Roma non abbiano bisogno di lavori, basta vedere i capolavori di Caltagirone fatti negli ultimi 20 anni

Accedi