E' mia opinione che in Italia non esista (più?) la proprietà immobiliare privata.
I titoli top picks 2020 di Piazza Affari scelti guardando già al 2021
L?economia dell?Italia è destinata a rimanere debole nel 2020 e nel corso dei prossimi 12 mesi oltre alla variabile economica il rischio principale sarà ancora una volta l?instabilità politica. Gli …
La Lagarde si smarca subito da Draghi e annuncia revisione strategia Bce
Parla di tassi, di debolezza del commercio globale, della necessità che la politica monetaria rimanga ancora accomodante, ma annuncia anche che, a partire dal gennaio del prossimo anno, la Bce …
Societe Generale quota sul mercato tre nuovi certificati cash collect su indici azionari
Societe Generale amplia la gamma di certificati di investimento portando su EuroTLX di Borsa Italiana tre nuovi certificati Cash Collect su alcuni dei principali indici azionari: S&P500, MSCI World ed …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Jul 2002
    Messaggi
    6,864
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2906 Post(s)
    Potenza rep
    42949690

    E' mia opinione che in Italia non esista (più?) la proprietà immobiliare privata.

    Si potrebbero citare le teorie comuniste sull'abolizione della proprietà privata.
    Si potrebbero anche citare le teorie liberiste.
    Si potrebbero poi citare le teorie capitalistiche.
    Eccetera, eccetera per tutte le dissertazioni economiche, politiche e filosofiche riguardanti anche la proprietà immobiliare privata.

    Rimanendo più terra terra in questi giorni mi sono soffermato a valutare le tasse che gravano sui 2 miei appartamenti in Italia (IMU, TASI, TARI, imposte varie su forniture, servizi, manutenzioni, eccetera, eccetera, eccetera) rapportandole con i valori catastali e di mercato ipotetici attuali.

    Ebbene, in un tempo, variabile e imprevedibile come è il mercato immobiliare e sono tutti i mercati, che valuterei di alcune decine di anni (30? 40? 50? 60?) il proprietario dei miei 2 appartamenti sarà lo Stato italiano nel senso che mi avrà prelevato in tasse l'equivalente del loro valore.

    Se poi non pagherò le tasse dovute direi che la proprietà effettiva degli appartamenti passerà ben prima e direttamente allo Stato tramite pignoramenti o quant'altro.

    La situazione credo si sia sempre più incrementata negli ultimi anni mentre fino a circa 22 anni fa (prima della famosa ISI) direi che la proprietà immobiliare privata avesse una durata temporale piuttosto maggiore e molto meno inquietante.


    Soltanto mie opinioni e miei conteggi errati oppure anche qualche traccia di verità oggettiva?
    Ultima modifica di Opinionista; 04-01-15 alle 12:24

  2. #2
    L'avatar di Nemor
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    16,343
    Mentioned
    53 Post(s)
    Quoted
    6382 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Opinionista Visualizza Messaggio
    Si potrebbero citare le teorie comuniste sull'abolizione della proprietà privata.
    Si potrebbero anche citare le teorie liberiste.
    Si potrebbero poi citare le teorie capitalistiche.
    Eccetera, eccetera per tutte le dissertazioni economiche, politiche e filosofiche riguardanti anche la proprietà immobiliare privata.

    Rimanendo più terra terra in questi giorni mi sono soffermato a valutare le tasse che gravano sui 2 miei appartamenti in Italia (IMU, TASI, TARI, imposte varie su forniture, servizi, manutenzioni, eccetera, eccetera, eccetera) e a rapportarle con i valori catastali e di mercato ipotetici attuali.

    Ebbene, in un tempo, variabile e imprevedibile come è il mercato, che valuterei di alcune decine di anni (30? 40? 50? 60?) il proprietario dei miei 2 appartamenti sarà lo Stato italiano nel senso che mi avrà prelevato in tasse l'equivalente del loro valore.

    Se poi non pagherò le tasse dovute direi che la proprietà effettiva degli appartamenti passerà ben prima e direttamente allo Stato tramite pignoramenti o quant'altro.

    La situazione credo si sia sempre più incrementata negli ultimi anni mentre fino a circa 22 anni fa (prima della famosa ISI) direi che la proprietà immobiliare privata avesse una durata temporale piuttosto maggiore e molto meno inquietante.


    Soltanto mie opinioni e miei conteggi errati oppure anche qualche traccia di verità oggettiva?
    In virtu' di queste giuste considerazioni c'e' da chiedersi se le pretese di chi vende siano o no fuori da mondo

  3. #3

    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    1,460
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    15 Post(s)
    Potenza rep
    14350005
    Citazione Originariamente Scritto da Opinionista Visualizza Messaggio
    Si potrebbero citare le teorie comuniste sull'abolizione della proprietà privata.
    Si potrebbero anche citare le teorie liberiste.
    Si potrebbero poi citare le teorie capitalistiche.
    Eccetera, eccetera per tutte le dissertazioni economiche, politiche e filosofiche riguardanti anche la proprietà immobiliare privata.

    Rimanendo più terra terra in questi giorni mi sono soffermato a valutare le tasse che gravano sui 2 miei appartamenti in Italia (IMU, TASI, TARI, imposte varie su forniture, servizi, manutenzioni, eccetera, eccetera, eccetera) rapportandole con i valori catastali e di mercato ipotetici attuali.

    Ebbene, in un tempo, variabile e imprevedibile come è il mercato immobiliare e sono tutti i mercati, che valuterei di alcune decine di anni (30? 40? 50? 60?) il proprietario dei miei 2 appartamenti sarà lo Stato italiano nel senso che mi avrà prelevato in tasse l'equivalente del loro valore.

    Se poi non pagherò le tasse dovute direi che la proprietà effettiva degli appartamenti passerà ben prima e direttamente allo Stato tramite pignoramenti o quant'altro.

    La situazione credo si sia sempre più incrementata negli ultimi anni mentre fino a circa 22 anni fa (prima della famosa ISI) direi che la proprietà immobiliare privata avesse una durata temporale piuttosto maggiore e molto meno inquietante.


    Soltanto mie opinioni e miei conteggi errati oppure anche qualche traccia di verità oggettiva?
    Credo sia una legittima scelta di politica economica: tassare per disincentivare gli investimenti nel mattone che non apportano quasi nessun beneficio per la collettività se non, nel breve, incassi per i notai e le imprese edili che fanno le ristrutturazioni e, a lungo, interessi per le banche.

  4. #4
    L'avatar di reganam
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    14,366
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    2895 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da oruss Visualizza Messaggio
    Credo sia una legittima scelta di politica economica: tassare per disincentivare gli investimenti nel mattone che non apportano quasi nessun beneficio per la collettività se non, nel breve, incassi per i notai e le imprese edili che fanno le ristrutturazioni e, a lungo, interessi per le banche.
    é una tassa patrimoniale , rubare ai ricchi per strafogarsi nel pubblico...

    Tasse patrimoniali: nel 2015 pagheremo 50 miliardi | Linkiesta.it

  5. #5

    Data Registrazione
    Jul 2002
    Messaggi
    6,864
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2906 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Citazione Originariamente Scritto da oruss Visualizza Messaggio
    Credo sia una legittima scelta di politica economica: tassare per disincentivare gli investimenti nel mattone che non apportano quasi nessun beneficio per la collettività se non, nel breve, incassi per i notai e le imprese edili che fanno le ristrutturazioni e, a lungo, interessi per le banche.
    Nessun beneficio?
    Mi sembra di avere capito che in questi ultimi anni abbia perso il lavoro quasi 1 milione di lavoratori edili perché non si costruiscono pressoché più case nuove e perché i proprietari di case stanno risparmiando e limitando molto anche le manutenzioni edili.

  6. #6
    L'avatar di reganam
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    14,366
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    2895 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Opinionista Visualizza Messaggio
    Nessun beneficio?
    Mi sembra di avere capito che in questi ultimi anni abbia perso il lavoro quasi 1 milione di lavoratori edili perché non si costruiscono pressoché più case nuove e perché i proprietari di case stanno risparmiando e limitando molto anche le manutenzioni edili.
    Le cifre ufficiali dell’Ance parlano di circa 57 mila imprese di costruzioni scomparse nella crisi al netto tra cessazioni e aperture, con 340mila occupati che non hanno più lavoro: in questo solo comparto, che tradizionalmente viene considerato anticiclico, cioè “il” settore per definizione su cui spingere per affrontare crisi pesanti. Siamo riusciti nel capolavoro di ottenere l’esatto opposto, per dissetare lo Stato beone.

    Tasse patrimoniali: nel 2015 pagheremo 50 miliardi | Linkiesta.it

  7. #7
    L'avatar di bigmad
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    25,991
    Mentioned
    144 Post(s)
    Quoted
    7038 Post(s)
    Potenza rep
    42892237
    Scusate... ma quanto caspita paghiamo di tasse per un appartamento? qualche centinaio di euro all'anno? Forse poco più di 1000?
    E allora in America, la patria del liberismo, dove pagano 10/15000 dollari all'anno???

  8. #8
    L'avatar di Nemor
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    16,343
    Mentioned
    53 Post(s)
    Quoted
    6382 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da bigmad Visualizza Messaggio
    Scusate... ma quanto caspita paghiamo di tasse per un appartamento? qualche centinaio di euro all'anno? Forse poco più di 1000?
    E allora in America, la patria del liberismo, dove pagano 10/15000 dollari all'anno???
    Non puoi paragonare 2 paesi solo in base a queste considrazioni..

  9. #9
    L'avatar di bigmad
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    25,991
    Mentioned
    144 Post(s)
    Quoted
    7038 Post(s)
    Potenza rep
    42892237
    Citazione Originariamente Scritto da Nemor Visualizza Messaggio
    Non puoi paragonare 2 paesi solo in base a queste considrazioni..
    Non li voglio paragonare affatto.
    Resta il fatto che, pur essendone colpito e pur non trovandomi in una floridissima situazione economica, riesco ancora a comprendere che un centinaio di euro al mese di tasse mi sembrano una cifra assolutamente abbordabile più o meno per chiunque. Tantopiù se la casa è affittata e parte di quei 100 euro si scaricano sull'inquilino. Senza bisogno di tanti piagnistei.

    PS: se si potesse io sarei per non pagare un euro di tasse sulla casa (almeno la prima), però da lì al gridare all'esproprio proletario ce ne passa... o no?

  10. #10

    Data Registrazione
    Jul 2002
    Messaggi
    6,864
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2906 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Citazione Originariamente Scritto da bigmad Visualizza Messaggio
    Scusate... ma quanto caspita paghiamo di tasse per un appartamento? qualche centinaio di euro all'anno? Forse poco più di 1000?
    E allora in America, la patria del liberismo, dove pagano 10/15000 dollari all'anno???
    La metto in battuta affermando che allora in questo l'America si potrebbe definire più comunista dell'U.R.S.S. di Stalin?

    Con 15.000 dollari di tasse all'anno un appartamento da 150.000 dollari non verrebbe di fatto espropriato passando dal privato proprietario a proprietà dello Stato America in 10 anni, in molto meno tempo che in Italia?

Accedi