donazione immobile
TIM schiva le vendite in Borsa, ritrova slancio con accelerazione su fibra ottica  
Mentre Piazza Affari continua la sua marcia ribassista in scia ai timori di una seconda ondata di contagi da coronavirus, Telecom Italia viaggia controcorrente (tra i pochi segni in territorio …
Bankitalia: debito tocca nuovo record, a giugno vola a 2.530,6 mld  
  La risalita del debito pubblico italiano prosegue e a giugno registra un nuovo record. Secondo l'aggiornamento mensile presentato stamattina dalla Banca d'Italia, a fine giugno il debito delle amministrazioni …
Atlantia: Conte, ancora molti punti aperti su accordo per Aspi e concessioni. Nessuna rinuncia ad azione di responsabilità
L’accordo tra Atlantia e il governo sulla revisione della concessione e l?assetto di Autostrade per l?Italia (Aspi) appare ancora lontano. I negoziati proseguono ma i punti in sospeso rimangono ancora …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    47
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    852806

    donazione immobile

    Vorrei avere dei chiarimenti riguardo una situazione.

    Padre e madre hanno due figli, A e B.


    Il padre ha un immobile intestato solo a lui, e, tenendosi l'usufrutto (disponendo che l'usufrutto, alla sua morte, spetti alla moglie), dona la **** proprietà al figlio B. Nell'atto viene dichiarato che la donazione è da imputarsi sulla quota di disponibile dell'eredità che sarà dismessa dal donante, mentre la eventuale eccedenza sarà da imputarsi sulla quota di legittima, con espressa dispensa dalla collazione.

    In seguito, tramite scrittura privata, si dichiara che:

    il figlio A ha acquistato la sua casa con il denaro che gli è stato donato dal padre, e che il fratello (B), riconosce di dover versare nei confronti del fratello A un conguaglio, in quanto l'immobile del fratello A vale meno dell'immobile del fratello B.

    Domanda:
    poniamo che l'immobile del fratello B vale 100 e quello del fratello A vale 50, quanto spetta al fratello A?

  2. #2

    Data Registrazione
    Apr 2009
    Messaggi
    8,028
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da 20k/a Visualizza Messaggio
    Vorrei avere dei chiarimenti riguardo una situazione.

    Padre e madre hanno due figli, A e B.


    Il padre ha un immobile intestato solo a lui, e, tenendosi l'usufrutto (disponendo che l'usufrutto, alla sua morte, spetti alla moglie), dona la **** proprietà al figlio B. Nell'atto viene dichiarato che la donazione è da imputarsi sulla quota di disponibile dell'eredità che sarà dismessa dal donante, mentre la eventuale eccedenza sarà da imputarsi sulla quota di legittima, con espressa dispensa dalla collazione.

    In seguito, tramite scrittura privata, si dichiara che:

    il figlio A ha acquistato la sua casa con il denaro che gli è stato donato dal padre, e che il fratello (B), riconosce di dover versare nei confronti del fratello A un conguaglio, in quanto l'immobile del fratello A vale meno dell'immobile del fratello B.

    Domanda:
    poniamo che l'immobile del fratello B vale 100 e quello del fratello A vale 50, quanto spetta al fratello A?
    forse 50

  3. #3
    L'avatar di finanza1979
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    743
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    27 Post(s)
    Potenza rep
    10044777
    Si deve fare la somma dei due appartamenti dividere per 2 meno il costo dell'appartamento A.
    nel caso 25000 la differenza

  4. #4
    L'avatar di arimiao
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    1,132
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da 20k/a Visualizza Messaggio
    Vorrei avere dei chiarimenti riguardo una situazione.

    Padre e madre hanno due figli, A e B.


    Il padre ha un immobile intestato solo a lui, e, tenendosi l'usufrutto (disponendo che l'usufrutto, alla sua morte, spetti alla moglie), dona la **** proprietà al figlio B. Nell'atto viene dichiarato che la donazione è da imputarsi sulla quota di disponibile dell'eredità che sarà dismessa dal donante, mentre la eventuale eccedenza sarà da imputarsi sulla quota di legittima, con espressa dispensa dalla collazione.

    In seguito, tramite scrittura privata, si dichiara che:

    il figlio A ha acquistato la sua casa con il denaro che gli è stato donato dal padre, e che il fratello (B), riconosce di dover versare nei confronti del fratello A un conguaglio, in quanto l'immobile del fratello A vale meno dell'immobile del fratello B.

    Domanda:
    poniamo che l'immobile del fratello B vale 100 e quello del fratello A vale 50, quanto spetta al fratello A?
    fino alla morte del padre non si potrà sapere, perché bisognerà valutare il patrimonio ereditario, da quello depurare la quota disponibile donata a B, e poi fare i conteggi, anche perché le quote saranno differenti in caso di sopèravvivenza della moglie o meno.
    Devi anche considerare che a B non spetta l'intero valore dell'immobile, ma solo la parte relativa alla **** proprietà...
    Morale se i figli non van d'accordo vedo liti all'orizzonte....

Accedi