GOLD SILVER e metalli in generale Vol. 18
Luigi Marattin: “Ecco cosa va cambiato nella Manovra 2023 e perché serve il price cap su gas ed elettricità”
Il governo sta apportando le ultime modifiche nella Manovra di bilancio 2023. Abbiamo intervistato Luigi Marattin, Deputato di Italia Viva, sulle modifiche richieste dal Terzo Polo su Reddito di cittadinanza, price cap sul prezzo del gas ed elettricità, PNRR, Industria 4.0 e giovani e sul dossier Telecom Italia e sul caso Juventus.Qui potete vedere l?intera
Odissea crypto: crack BlockFi, il miliardario Peter Thiel tra le vittime illustri
Si allunga la lista delle vittime del crollo di FTX. Ora BlockFi, prestatore di criptovalute, ha presentato istanza di fallimento. Il deposito in un tribunale del New Jersey arriva nel bel mezzo di quella che è una crisi profonda del settore crypto acuita dal fallimento di FTX, seconda maggiore piattaforma crypto degli Stati Uniti. Caos
Con Elon Musk è guerra Twitter-Apple. Se il free speech diventa hate speech
Scontro frontale tra Elon Musk ed Apple: il neo proprietario e ceo di Twitter, Tesla e Space X ha postato nelle ultime ore alcuni tweet al vetriolo contro
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di robinbreak
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    2,447
    Mentioned
    19 Post(s)
    Quoted
    1790 Post(s)
    Potenza rep
    42949686

    GOLD SILVER e metalli in generale Vol. 18

    un po' di storia....

    GOLD, SILVER e Metalli in Generale - 17
    GOLD, SILVER e Metalli in Generale - 16
    GOLD, SILVER e Metalli in Generale - 15
    GOLD, SILVER e Metalli in Generale - 14
    GOLD, SILVER e Metalli in Generale - 13
    GOLD, SILVER e Metalli in Generale - 12
    GOLD, SILVER e Metalli in Generale - 11
    GOLD, SILVER e Metalli in Generale - 10
    GOLD, SILVER e Metalli in Generale - 9.0
    GOLD, SILVER e Metalli in Generale - 8.0
    GOLD, SILVER e Metalli in Generale - 7.0
    argento /oro ... 6.0
    Argento/Silver & Oro/Gold 5.0
    Argento/Silver & Oro/Gold 4.0
    Argento/silver 3.0
    Argento/silver 2.0

    --------------------------------------------------

    Una vita di metalli preziosi comprati, venduti, scambiati e regalati.
    Non tutti miei ovviamente.
    Perche' il metallo fisico sara' sempre metallo fisico.



























    --------------------------------------------------

    I seguenti grafici si autoaggiornano, in quanto link ad immagini aggiornate quotidianamente da finviz













    Istruzioni per l'uso...
    ...adattate al silver e con il permesso di Prylar



    Avviso per chi si affaccia per la prima volta sul settore.

    Trattare le materie prime non e' come trattare le azioni, a prescindere dalla loro volatilità e fattore di rischio.
    Pensare che si possa passare con disinvoltura dall'esperienza di trading sui Paesi emergenti - per citare un settore azionario particolarmente rischioso - al trading sul gas naturale utilizzando magari ETC a leva, attratti dai potenziali rapidi ed elevati rendimenti, è un ottimo sistema per dissolvere rapidamente (e spesso definitivamente) parti importanti del proprio capitale e poi cadere, a ragione, in profonde depressioni.

    Il primo suggerimento da dare alle new entry, prima di cimentarsi in questo settore, è di prendersi qualche giornata per rileggersi il più possibile dei post dei vecchi threads.
    Rivivere nelle testimonianze fornite in tempo reale da tutti coloro che oltre ad investire hanno scambiato con gli altri idee, euforia, paure e scelte di investimento è il modo migliore per comprendere quanto a dura prova sia sottoposto, nei momenti di maggiore volatilità, l'equilibrio emotivo più ancora del capitale investito.


    Quindi si consiglia a chi si avvicina per la prima volta agli ETC di NON investire senza prima

    1. Avere ben comprese le caratteristiche degli strumenti utilizzati (futures, certificati, ETC long e short con o senza leva), il rapporto che questi strumenti hanno con gl'indici sottostanti (ad esempio la dipendenza dagli spread tra i futures a scadenze diversa e quindi la dipendenza da contango o backwardation) e che influenza nefasta hanno su di essi il fattore tempo e il decadimento da volatilità.

    2. Conoscere l'entità e l'imprevedibilità della volatilità delle quotazioni ed essere capace di gestirla, sia tecnicamente sia soprattutto emotivamente.

    3. Aver predisposto una efficace gestione del rischio utilizzando stop loss, take profit, ingressi e uscite diluite nel tempo, strumenti di copertura, eccetera.

    4. Conoscere gli orari di contrattazione e i rischi ulteriori che si corrono a tenere posizioni aperte per più giorni, esposte quindi alle fluttuazioni sul mercato americano mentre il mercato europeo è chiuso: i futures sul SILVER sono scambiati in continuo , mentre gli ETC si possono trattare solo a borsa italiana aperta.

    5. Essere consapevoli della dipendenza delle quotazioni dal cambio euro/dollaro (i future sul gas sono quotati in dollari).

    6. Essere certi di poter seguire quotidianamente le quotazioni, soprattutto nei momenti di svolta del mercato.

    7. Conoscere la dipendenza delle materie prime da eventi politici, economici, ambientali che possono modificarne radicalmente e improvvisamente l'andamento.

    Il mercato delle materie prime è particolarmente pericoloso per i cassettisti, non solo per il loro andamento ciclico ma soprattutto per le caratteristiche degli strumenti di investimento - massimamente gli ETC - che, in talune condizioni che si verificano spesso, possono non seguire (o seguire solo parzialmente) il sottostante nei rialzi, ma seguendolo fin troppo bene nei ribassi, di solito amplificandoli.

    Un cassettista che s'illuda di recuperare le perdite attendendo tempi migliori dovrebbe osservare l'andamento in continuo calo, sia pure con oscillazioni, delle quotazioni degli ETC - soprattutto quelli in leva - rispetto al valore dei sottoindici DJ-UBSxx che sono il sottostante di ETC, calo coerente con quanto esposto nel paragrafo precedente: quando dopo una discesa una materia prima recupera la perdita, il certificato/ETC si ferma di solito a un valore inferiore, spesso anche di molto, a quello di partenza.
    Suggerisco di guardare i grafici a due anni dell'indice DJUBSNG e dell'ETC "ETFS Leveraged Natural Gas" (ad esempio qui) per comprendere appieno e con solo uno sguardo, che armi di distruzione di capitali siano il tempo e il decadimento da volatilità applicati agli ETC!

    Per contro, gli strumenti disponibili per operare, soprattutto quelli a leva, pur essendo estremamente pericolosi se utilizzati contro trend possono essere estremamente efficaci nelle operazioni intraday o nelle posizioni aperte con un orizzonte temporale brevissimo, ma a condizione di utilizzarli con coscienza e competenza: sono difficili da gestire come tutti quelli basati sui futures, dove disciplina e gestione del rischio sono copiosamente richiesti.

    Rileggere e studiare i post precedenti è quindi un'ottima palestra, sia per consolidare le proprie competenze tecniche, sia per comprendere, dal diario in real time di chi c'è già passato, a quali momenti di tensione si andrà incontro.

    Valutare quindi con molta attenzione quanto questo tipo di investimento sia compatibile con la propria preparazione tecnica e il proprio profilo di rischio.
    Non entrare in questo mercato senza una strategia in grado di tollerare nuovi minimi. Pur senza operare con strumenti derivati tipo future o warrant, anche con strumenti con semplice leva 2 la possibilità di perdere il 20% in una sola giornata e il 50% o più in pochi giorni è tutt'altro che remota, anzi: è piuttosto concreta, come ha dimostrato l'ETC in leva sull'argento ai primi di maggio 2011.




    Correlazione fra quotazioni del cambio EUR/USD ed ETC/ETF.

    Gli ETC, siano essi short, long senza leva e long con leva, sono strumenti il cui sottostante è quotato in dollari americani. Da un po' di tempo esistono anche ETC ed ETN con protezione dal rischio cambio, ma in questa sede parliamo di quelli che non hanno tale protezione. La quotazione in euro che viene visualizzata sulle piattaforme di trading europeo risente anche del cambio. E' pertanto possibile che un movimento del cambio EUR/USD possa portare sia lo strumento short che quelli long ad essere verdi/rossi contemporaneamente, oppure mostrare variazioni di prezzo non correlate a quelle del prezzo spot della materia prima.

    Vista la natura degli strumenti, l'apprezzamento dell'euro sul dollaro è un evento negativo perchè la quotazione in euro di uno qualsiasi di questi strumenti diminuisce. Al contrario, se il dollaro si apprezza sull'euro la quotazione in euro di questi strumenti aumenta di valore. OCCHIO QUINDI AL CAMBIO EUR/USD.

    Ringraziando Marble per la pazienza e la tenacia con cui a suo tempo ci spiegò questi concetti, faccio una precisazione molto importante:
    sugli strumenti in leva, IL CAMBIO NON HA EFFETTO LEVA. Se l'euro guadagna l'1% sul dollaro, sia lo strumento in leva che lo strumento senza leva perdono l'1% nella loro quotazione in euro.


    Raccolta di post e contributi sulle caratteristiche e le problematiche del rollover in presenza di contango-backwardation.

    Marble.





    Comunque ora cerchiamo di spiegare perché gli ETC non sono come un ETF o un'azione.

    1. Per tradare silver si deve tradare direttamente un future o un qualche strumento che si basa sui futures. Al COMEX viene quotato un future per ogni mese di "consegna". Ogni future scade 5 gg lavorativi prima della fine del mese precedente (ovvero Novembre scade a fine Ottobre). Ciò comporta che se si vuole tenere nel tempo una posizione sul silver si è costretti a vendere il future prima della scadenza e comprare un future successivo.
      Questa operazione è detta ROLL (o anche "rollover") ed in sé è un fatto puramente tecnico.

    2. Come avviene il Roll? (* - vedere la nota in basso)
      Gli ETC hanno come sottostante un indice (Il DJ UBS SILVER Subindex) che applica regole ferree sul roll: com'è spiegato anche nel post #3 qui sotto, ogni mese pari, fra il 5° ed il 9° giorno di apertura dei mercati, l'ETC vende ogni sera il 20% del future che ha in portafoglio e compra un pari importo del future che scade tre mesi dopo.
      Esempio: a inizio Ottobre, vende il future di Novembre e compra quello di Gennaio. Dopo due mesi, a Dicembre, venderà Gennaio per comprare Marzo. E così via. Gli ETC replicano tale indice.

    3. Non abbiate paura del ROLL.
      Anche se il future che si compra costa di più di quello che si vende (di solito è così e questo fenomeno si chiama "contango"), ciò non comporta un calo della quotazione dell’ETC perché si avranno meno quote ma di valore maggiore: il valore in portafoglio resta costante.

    4. Eventualmente, potreste temere il CONTANGO.
      Come detto, di norma il future successivo costa un po’ di più del future che sta per scadere (soprattutto in vista dell'Inverno). Questa situazione è detta Contango.
      La situazione inversa, detta BACKWARDATION, è più rara. In situazione di Contango può accadere piuttosto facilmente che dopo il roll il nuovo future scenda di prezzo per allinearsi ai future più prossimi alla scadenza. Ciò SIGNIFICA che in assenza di “turbative” che facciano fortemente oscillare il valore del silver (uragani, crisi economica, siccità, insetti....), l’ETC Long di norma perde valore nel tempo.
      Anche per questo motivo l'ETC NON È strumento da cassettista.

    5. Un'ultima avvertenza.
      I future che hanno scadenza più vicina sono normalmente più volatili di quelli con scadenza più lontana, per cui nei periodi in cui l’indice replica il future vicino alla scadenza l’ETC è molto volatile. Ci sono giornate in cui la quotazione dell'ETC in leva può oscillare in più o in meno con percentuali a doppia cifra in meno di mezz’ora.
      Quando invece l’indice replica un future più lontano, le oscillazioni sono più limitate ma in genere concordi con il future più vicino (ovvero se cresce il future prossimo, crescono – meno – anche i successivi, e viceversa).


    Dai precedenti contributi, quindi, si capisce che il roll in condizioni di contango aumenta anche di molto la quotazione del future, lasciando purtroppo inalterata la quotazione dell'ETC associato.
    E' come se lo spread tra i contratti aumentasse il prezzo di carico della posizione sull'ETC sottraendo integralmente all'investitore il relativo guadagno, come se fosse una tassa occulta.
    Quindi, in una lunga fase di crescita delle quotazioni, all'ETC vengono sottratti tutti i potenziali guadagni associati agli spread di tutti i roll eseguiti in condizioni di contango, provocando una perdita solo occulta, in quanto si guadagna meno di quanto si dovrebbe.
    Per contro, quotazioni sempre più alte del future ne aumentano proporzionalmente il rischio di ribassi che, al contrario, si ripercuotono integralmente sulla quotazione dell'ETC.

    Il contango, quindi, limita il premio al rischio dell'investitore long che compra a prezzi bassi perchè gli erode tutti i guadagni legati agli spread durante i roll, esponendolo invece in pieno ai ribassi del future sottostante.

    (*) In QUESTO POST c'è un'ulteriore spiegazione del meccanismo del roll-over e dell'influenza che hanno contango e backwardation sulle quotazioni degli ETC; nello specifico si parla del silver ma il discorso è valido per tutti gli ETC in leva.
    Ultima modifica di robinbreak; 13-03-22 alle 20:18

  2. #2
    L'avatar di loucyfer
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    15,027
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    5684 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Buonasera Robin, cortesemente, tra gli "scappati di casa" su cui posizionare un eventuale cippino, inseriresti GSV ?

    Grazie.

    Gold Standard Ventures Corp. | Home

  3. #3
    L'avatar di robinbreak
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    2,447
    Mentioned
    19 Post(s)
    Quoted
    1790 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da loucyfer Visualizza Messaggio
    Buonasera Robin, cortesemente, tra gli "scappati di casa" su cui posizionare un eventuale cippino, inseriresti GSV ?

    Grazie.

    Gold Standard Ventures Corp. | Home


    Anzitutto specifichiamo cosa stai comprando se compri GSV.
    Non stai comprando oro, non stai comprando una miniera in produzione.
    Stai comprando diritti di estrazione su questo pezzo di terra nel deserto del Nevada.







    Ad oggi l'azienda ha zero fatturato (quindi perdite nette), non ha un'oncia d'oro a bilancio, non ha MAI estratto un'oncia d'oro dal terreno di cui sopra.

    Pero' hanno fatto diversi rilievi in superficie ed hanno trovato delle vene promettenti.
    Non hanno nemmeno i soldi per fare rilievi in profondita', quindi per ora hanno posticipato le perforazioni a data da destinarsi (questo potrebbe essere un bene se tra qualche anno trovano altro oro in profondita').

    Parliamoci chiaro, un'azienda come questa e' lontana 5 anni dall'estrarre la prima oncia d'oro (ottimisticamente), probabilmente 10 anni dal fare profitti stabili.
    Pero' se dovesse partire un bull market sui preziosi, GSV diveneterebbe un target goloso per l'acquisizione da parte di una major (NEM, AEM, GOLD, etc) essendo un deposito nella migliore giurisdizione del mondo (Nevada), con molto potenziale, ad un prezzo abbastanza basso, e con la possibilita' che si trovi altro metallo nelle vicinanze o in profondita'.

    Quindi si' un cippino ci sta.
    Ma voglio specificare, una speculazione come questa e' forse al decimo posto nella scala di priorita' di un investitore.
    Migliaia di aziende come questa sono finite nel nulla nonostante i bull market sui preziosi.
    Ultima modifica di robinbreak; 13-03-22 alle 21:16

  4. #4
    L'avatar di loucyfer
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    15,027
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    5684 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da robinbreak Visualizza Messaggio


    Anzitutto specifichiamo cosa stai comprando se compri GSV.
    Non stai comprando oro, non stai comprando una miniera in produzione.
    Stai comprando diritti di estrazione su questo pezzo di terra nel deserto del Nevada.







    Ad oggi l'azienda ha zero fatturato (quindi perdite nette), non ha un'oncia d'oro a bilancio, non ha MAI estratto un'oncia d'oro dal terreno di cui sopra.

    Pero' hanno fatto diversi rilievi in superficie ed hanno trovato delle vene promettenti.
    Non hanno nemmeno i soldi per fare rilievi in profondita', quindi per hanno posticipato le perforazioni a data da destinarsi (questo potrebbe essere un bene se tra qualche anno trovano altro oro in profondita').

    Parliamoci chiaro, un'azienda come questa e' lontana 5 anni dall'estrarre la prima oncia d'oro (ottimisticamente), probabilmente 10 anni dal fare profitti stabili.
    Pero' se dovesse partire un bull market sui preziosi, GSV diveneterebbe un target goloso per l'acquisizione da parte di una major (NEM, AEM, GOLD, etc) essendo un deposito nella migliore giurisdizione del mondo (Nevada), con molto potenziale, ad un prezzo abbastanza basso, e con la possibilita' che si trovi altro metallo nelle vicinanze o in profondita'.

    Quindi si' un cippino ci sta.
    Ma voglio specificare, una speculazione come questa e' forse al decimo posto nella scala di priorita' di un investitore.
    Migliaia di aziende come questa sono finite nel nulla nonostante i bull market sui preziosi.

  5. #5
    L'avatar di loucyfer
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    15,027
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    5684 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Cortesemente ancora un'idea speculativa Robin, in considerazione del fatto che vivi in Canada.

    Cosa ne pensi del settore cannabis (ovviamente se lo conosci) e in particolare delle due più grandi aziende canadesi del settore, TLRY e CGC ?

    Grazie.

  6. #6

    Data Registrazione
    Feb 2001
    Messaggi
    16,228
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    8178 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    robin ma da quante once sono quelle monetone d'argento ?
    5 oz ?

  7. #7
    L'avatar di robinbreak
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    2,447
    Mentioned
    19 Post(s)
    Quoted
    1790 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da loucyfer Visualizza Messaggio
    Cortesemente ancora un'idea speculativa Robin, in considerazione del fatto che vivi in Canada.

    Cosa ne pensi del settore cannabis (ovviamente se lo conosci) e in particolare delle due più grandi aziende canadesi del settore, TLRY e CGC ?

    Grazie.
    Sono esposto su TLRY e CGC con cippini minuscoli del portafoglio, comprati qualche mese fa.
    Ma e' un buon esempio per capire come gestire i bear market.
    Il trend e' in discesa da 12 mesi, quindi la mia strategia operativa e' quella di vendere call a breve sulla posizione in portafoglio, e vendere put a lungo su quello che considero "full position at cheap price".

    Prendendo ad esempio pratico TLRY.
    Ho 200 azioni e il mio prezzo di carico e' attorno agli $11. Prezzo attuale $5.19
    Mi piacerebbe avere una posizione totale di 600 azioni entro il 2023.
    Quindi vendo 2 lotti di call scadenza 14 aprile 2022, strike $6. Incasso circa $60. Ogni 2 mesi faccio rollover. Ne ho gia' venduti 3 lotti (scaduti out of money) ed incassato oltre $200.
    Vendo 2 lotti di put scadenza 17 giugno 2022, strike $4. Incasso circa $80. Ogni 4 mesi faccio rollover. Ne ho gia' venduto un lotto (scaduto out of money) ed incassato $100.
    Vendo 2 lotti di put scadenza 20 gennaio 2023, strike $4. Incasso circa $190. Ogni 12 mesi faccio rollover.
    Per i movimenti di cui sopra ovviamente paghero' commissioni e tasse.
    E il tutto sotto marginazione, quindi anche un po' di pagamenti di interesse sul debito.
    Ma il cash flow e il cuscinetto che le opzioni provvedono a fornire nell'arco dei prossimi 18 mesi mi permetteranno di avere la mia posizione su TLRY di 600 azioni a prezzi scontati, anche supponendo che il bear market continui (anzi, sperando che il bear market continui cosi' mi triggherano le put a $4 e mi vengono assegnate le azioni)






    Ultima modifica di robinbreak; 13-03-22 alle 22:14

  8. #8
    L'avatar di loucyfer
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    15,027
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    5684 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da robinbreak Visualizza Messaggio
    Sono esposto su TLRY e CGC con cippini minuscoli del portafoglio, comprati qualche mese fa.
    Ma e' un buon esempio per capire come gestire i bear market.
    Il trend e' in discesa da 12 mesi, quindi la mia strategia operativa e' quella di vendere call a breve sulla posizione in portafoglio, e vendere put a lungo su quello che considero "full position at cheap price".

    Prendendo ad esempio pratico TLRY.
    Ho 200 azioni e il mio prezzo di carico e' attorno agli $11. Prezzo attuale $5.19
    Mi piacerebbe avere una posizione totale di 600 azioni entro il 2023.
    Quindi vendo 2 lotti di call scadenza 14 aprile 2022, strike $6. Incasso circa $60. Ogni 2 mesi faccio rollover. Ne ho gia' venduti 3 lotti (scaduti out of money) ed incassato oltre $200.
    Vendo 2 lotti di put scadenza 17 giugno 2022, strike $4. Incasso circa $80. Ogni 4 mesi faccio rollover. Ne ho gia' venduto un lotto (scaduto out of money) ed incassato $100.
    Vendo 2 lotti di put scadenza 20 gennaio 2023, strike $4. Incasso circa $190. Ogni 12 mesi faccio rollover.
    Per i movimenti di cui sopra ovviamente paghero' commissioni e tasse.
    E il tutto sotto marginazione, quindi anche un po' di pagamenti di interesse sul debito.
    Ma il cash flow e il cuscinetto che le opzioni provvedono a fornire nell'arco dei prossimi 18 mesi mi permetteranno di avere la mia posizione su TLRY di 600 azioni a prezzi scontati, anche supponendo che il bear market continui (anzi, sperando che il bear market continui cosi' mi triggherano le put a $4 e mi vengono assegnate le azioni)







  9. #9

    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    368
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    91 Post(s)
    Potenza rep
    2166860
    Secondo voi queste riserve sono circa aggiornate ad oggi?

    L’Italia è 3a al mondo come riserve d’oro ?


    Gold Reserves - Countries - List

  10. #10
    L'avatar di robinbreak
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    2,447
    Mentioned
    19 Post(s)
    Quoted
    1790 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da moneysi Visualizza Messaggio
    Secondo voi queste riserve sono circa aggiornate ad oggi?

    L’Italia è 3a al mondo come riserve d’oro ?


    Gold Reserves - Countries - List
    Sì l'Italia non è messa male in quanto ad oro statale.
    Però quell'oro è nelle mani di politici e burocrati della peggior razza, visto che ogni anno riusciamo ad eleggere individui sempre più infimi a spendere le nostre tasse e gestire il nostro paese.

    Il vero oro che conta è quello nelle mani dei privati, quello che può essere scambiato brevi manu, regalato, comprato e venduto, maneggiato, vestito, esaminato, visionato, valutato, adorato ed amato.

    Quello sotto il controllo di Draghi tale non è, e quindi irrilevante dal punto di vista della ricchezza e del benessere del paese.

    Per quanto riguarda metalli preziosi posseduti privatamente, India e Cina sono davanti a tutti.

Accedi