Investire in Opzioni - Pagina 113
L’inflazione pesa su tutti, è tempo di cambiare le abitudini di spesa. Il crollo di Walmart & co. è più che un indizio
L?impennata dell?inflazione si fa sentire sempre di più sui consumatori. All’iniziale batosta legala al caro energia tra bollette record e costo della benzina, adesso le ricadute sono a macchia d’olio. …
Tol Expo 2022, chiusa la ventesima edizione: un successo per contenuti e partecipazione
Un successo, per i contenuti espressi e il pubblico presente all?evento. Si può riassumere così questa ventesima edizione della Trading Online Expo, organizzata da Borsa Italiana e tenutasi fisicamente a …
Dividendi Piazza Affari 2022: 19 big del Ftse Mib staccano la cedola lunedì 23 maggio, ecco i titoli più generosi
Sta per arrivare il dividend-day 2022 per Piazza Affari. Lunedì 23 maggio staccheranno la cedola molte delle big del listino milanese. Dopo il corposo antipasto del mese scorso, il più …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1121
    L'avatar di francs
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    12,714
    Blog Entries
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1655 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da Blacksmith. Visualizza Messaggio
    1- La distorsione sta nel pensare che davvero tutti i profitti e tutti i capzi siano davvero prevedibili. I prezzi sono solo domanda e offerta che ognuno fa come gli pare.

    Così vale pure per le opzioni però. 2- I prezzi sono oggettivi a parità di volatilità attesa. La domanda e l'offerta si sposta sulla volatilità implicita. Ma, analogamente, ognuno avrà la sua volatilità target.
    1- Infatti: quello è l'ingresso ed è imprevedibile (in realtà se ti chiami WB sembra di no, perché anche lì come in qualsiasi altro campo della conoscenza umana c'è chi il talento ce l'ha e chi no).
    2- Le opzioni non sono altro che una funzione di variabili che dipendono sempre da S, (altre no, ma contano meno) che è l'uscita di un sistema in cui l'ingresso è imprevedibile e si ricade nella 1, quindi anche l'uscita è imprevedibile (non esistono relazioni che leghino univocamente IN e OUT, solo fiducia).

    Lo studio di S e derivati e le relazioni che li legano è sempre lo studio delle uscite di un sistema: che esistano relazioni che legano S è derivati è certo e fuori discussione e che tali relazioni vengano usate per investire su S e derivati anche: a casa mia si chiama feedback, riporti l'uscita imprevedibile nel vettore degli ingressi imprevedibili (cioè ci riporti la lettura di S stesso) per decidere se investire o no e quindi modificare di nuovo l'uscita S. Ma il vettore degli ingressi (l'insieme delle cause della variazione di S) non contiene solo il feedback, è ben più ampio, e per questo puoi fare solo educated guesses su S più o meno educated (altrimenti non esiste un mercato).
    Se sei Credit Swisse che fa turbativa d'asta coi futures e XIV certo sarai un attore molto pesante dentro l'insieme delle cause della variazione di S e porterai S dove dici tu perché sei praticamente "solo tu" a controllare l'ingresso che in quel caso era proprio il feedback.

    E questo spiega anche che la distorsione cognitiva ce l'hanno quelli che non capiscono che devi essere abbastanza forte da prendere il volante e portare l'autobus dove dici tu e che studiare l'autobus aiuta, ma non sarà mai conclusivo.
    Ultima modifica di francs; 17-01-22 alle 12:38

  2. #1122

    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    961
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    556 Post(s)
    Potenza rep
    15798599
    Citazione Originariamente Scritto da Cren Visualizza Messaggio
    Se posso permettermi - e assumendo che il tuo interesse sia fare qualche soldino sui mercati anziché semplice passione didattica per la materia - non perderei tempo così.

    Come detto in precedenza, i tecnicismi sulle misure di rischio non servono a fare soldi, al massimo servono a non essere vittima di illusioni ottiche.

    Puoi mettere molto più a frutto il tuo tempo cercando di capire cosa succede sui mercati per elaborare delle idee di trading; l'ultimo libro di Sinclair è un buon punto di partenza per capire cosa intendo.

    Cerca di restare sul concreto: se ti avviti su modelli di pricing, calibrazione, alberi trinomiali, volatilità stocastica etc. quasi sicuramente sei andato fuori strada come trader e investitore (ma magari vuoi fare il quantitativo, dipende da te).

    A questo punto più utile che ti getti con profondo spirito critico nello strabordante calderone di "fattori" che dovrebbero sconfessare l'ipotesi di efficienza dei mercati, parti da SSRN.

    È ciò che cercavo di spiegare all'amico che decantava la vendita sistematica di Put: tutto bene, ma il valore aggiunto non sta nella tecnica quanto nei criteri con cui scegli il sottostante.
    è proprio qui che volevo tornare, sarei anche d'accordo, ma prima di andare a spulciare i criteri con cui si sceglie il sottostante, sarebbe utile avere dei feedback chiari e soprattutto semplici sulla bontà della strategia perchè obiettivamente gli avvitamenti mi sembrano troppo frequenti a scapito secondo me della concretezza. Se la strategia della sell put riteniamo sia un qualcosa che se fatta con rigore e disciplina ci possa assicurare un profitto abbastanza ricorrente (per quanto si possa parlare di ricorrente in questo modo ma fatemi passare il termine), poi la scelta del sottostante cambierà di qualche frazione percentuale il profitto. In ogni caso senza addentrarsi troppo, come macro sottostante in primis c'è l'azione che si vorrebbe detenere al prezzo di strike, solo aziende super solide possibilmente value e con IV attuale > di Vola storica con trend in crescita sia in termini di revenue che di earnings. Mi fate sapere meglio sulla strategia e/o sulle srategie che usate e i profitti ottenuti?

  3. #1123

    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    10,569
    Blog Entries
    61
    Mentioned
    28 Post(s)
    Quoted
    800 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Piergrigio Visualizza Messaggio
    Se la strategia della sell put riteniamo sia un qualcosa che se fatta con rigore e disciplina ci possa assicurare un profitto abbastanza ricorrente (per quanto si possa parlare di ricorrente in questo modo ma fatemi passare il termine)
    Questo è il benchmark, il profitto ricorrente chiaramente c'è (in fondo c'è il premio al rischio della volatilità e il Delta è positivo, si va al traino dello S&P 500) ma non mi sembra il dettaglio più significativo: l'obiettivo che dovresti avere sarebbe battere questo benchmark selezionando le azioni giuste.

    Cboe S&P 500 PutWrite Index:
    The Cboe S&P 500 PutWrite IndexSM (PUT) tracks the value of a hypothetical portfolio of securities (PUT portfolio) that yields a buffered exposure to S&P 500 stock returns. The PUT portfolio is composed of one- and three-month Treasury bills and of a short position in at-the-money put options on the S&P 500 index (SPX puts). The number of puts sold is selected to ensure that the value of the portfolio does not become negative when the portfolio is rebalanced.

    The PUT portfolio is rebalanced monthly, typically on the third Friday of the month when SPX options expire. A new number of SPX puts is then sold.
    Investire in Opzioni-capture.png
    Citazione Originariamente Scritto da Piergrigio Visualizza Messaggio
    [...] la scelta del sottostante cambierà di qualche frazione percentuale il profitto.
    "Secondo me" proprio no, è il singolo fattore più importante di tutti: scegli male i sottostanti e ti farai malissimo, sceglili bene e le assegnazioni o i roll saranno un piccolo male passeggero.
    Citazione Originariamente Scritto da Piergrigio Visualizza Messaggio
    In ogni caso senza addentrarsi troppo, come macro sottostante in primis c'è l'azione che si vorrebbe detenere al prezzo di strike, solo aziende super solide possibilmente value e con IV attuale > di Vola storica con trend in crescita sia in termini di revenue che di earnings.
    Difficile per aziende value avere grossi tassi di crescita in termini di fatturato e/o utili, ma quantomeno avere le idee chiare sulle caratteristiche è un ottimo punto di partenza.
    Citazione Originariamente Scritto da Piergrigio Visualizza Messaggio
    Mi fate sapere meglio sulla strategia e/o sulle srategie che usate e i profitti ottenuti?
    Vedi messaggi precedenti.

    Al momento come venditore di Put sto lavorando solo su ETF ma con una componente enorme di (tentativo di?) timing, quindi non sistematico.

    @Gianni78bari: rispondo qui perchè ci sono problemi coi messaggi privati; anche quel libro è interessante ma meno per quanto riguarda l'approccio, è un po' più un condensato di modelli.

  4. #1124

    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    961
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    556 Post(s)
    Potenza rep
    15798599
    Grazie mille Cren, non ero a conoscenza dell'indice di benchmark che hai messo The Cboe S&P 500 PutWrite Index !
    ok una volta scelta la strategia hai ragione che la differenza la fanno i titoli su cui in realtà ti ho detto value ma nei parametri che metto sullo screener non faccio questa distinzione anzi spesso mi oriento (mi "escono") sulle growth ma sempre molto solide.
    grazie ancora

  5. #1125

    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    122
    Blog Entries
    16
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    64 Post(s)
    Potenza rep
    11108875
    Citazione Originariamente Scritto da Cren Visualizza Messaggio
    @Gianni78bari: rispondo qui perchè ci sono problemi coi messaggi privati; anche quel libro è interessante ma meno per quanto riguarda l'approccio, è un po' più un condensato di modelli.
    Grazie per la risposta.
    Anche io stavo avendo problemi coi messaggi.
    Oltre Sinclair ho in programma di leggere The second leg down, è del 2017 di Hari Krishnan. 200 pagine discorsive, senza modelli e senza equazioni, solo simbologia di base
    di seguito l'indice ed un estratto riguardo il contenuto:
    "This book has been inspired by the various crises I have faced
    as a money manager and the techniques I have learned and devised for managing through them. As
    every crisis is somewhat different, finding the most efficient hedge is a never-ending quest. I do hope
    that readers will find something that they can use to avert catastrophic losses. It is common for portfolio managers to hide their best ideas. In some cases, they might even publish
    strategies that didn’t quite work, for implementation reasons. This leads to a situation where
    people who don’t have any money management experience write extensive books about investing,
    while those who have the most to contribute are relatively silent. How is it possible to provide some
    valuable content without giving too much away? In this book, I have tried to veer from the norm. By
    focusing on hedging, rather than alpha generation, I have been able to go into some detail about specific
    strategies, without pretending to offer a cook book for making money. These have actually been
    battle-tested in the markets, for institutional clients.

    chapter 1
    Introduction 1
    The Airplane Ticket Trade 1
    The Bull Cycle 2
    The Renegades 3
    Claws of the Bear 3
    Zugzwang 4
    The Sceptics 5
    A Sad Truth 5
    Common Mistakes 6
    Imprecise but Effective 7
    Hedging Against Implausible Scenarios 8
    A Black Swan in Correlation 8
    Taking Profits 8
    The Good, the Bad and the Ugly 9
    The Great Escape 9
    Having a Plan 10
    Trend Following as a Defensive Strategy 11
    Taking the Offensive 12
    The Pre-Conditions for Market Crises 12
    Banks: The Great Multiplier 13
    A Change in Risk Regime 13
    chapter 2
    “Safe” Havens and the Second Leg Down 14
    The Matterhorn 15
    Mrs. Watanabe’s No. 1 Investment Club 18
    The Risk of What Others are Holding 19
    The Risk of What Others are Likely to Do 22
    Here We Go Again 24
    Summary 28
    vii
    viii Contents
    chapter 3
    An Overview of Options Strategies 29
    The Building Blocks: Calls and Puts 29
    Why Buy a Call or Put? 34
    The Black–Scholes Equation and Implied Volatility 36
    The Implied Volatility Skew 38
    Hedging Small Moves 38
    Delta Hedging: The Idealised Case 39
    Practical Limits of Delta Hedging 41
    Hedging Options with Other Options 43
    Put and Call Spreads 43
    Straddles and Strangles 44
    The Deformable Sheet 46
    Skew Dynamics for Risky Assets 48
    The 1×2 Ratio Spread and Its Relatives 50
    The Batman Trade 53
    Implied Correlation and the Equity Index Skew 56
    From Ratios to Butterflies 59
    Calendar Spreads 65
    Summary 67
    chapter 4
    Hedging the Wings 68
    Taking the Other Side of the 1×2 68
    Comparing the 25 and 10 Delta Puts 69
    Hedging Sovereign Bond Risk 78
    Selling Put Ratio Spreads on the S&P 500 83
    The Hypothetical Implied Distribution 83
    Our Findings So Far 84
    Back-Tests: A Cautionary Note 84
    A Short Digression: Delta-Neutral or Comfortably Balanced? 87
    The 665 Put 87
    Implications of the Square Root Strategy 88
    Futures vs Spot 89
    A Dramatic Example 89
    A Cross-Sectional Study 91
    The “New” VIX: Model-Independent, Though Not Particularly Intuitive 94
    The Spot VIX: Oasis or Mirage? 94
    Migrating to VIX Options 98
    Reflections on Figure 4.36 101
    Migrating to Different Markets: The V2X 103
    Risk-Regime Analysis 104
    Conditional Performance of Hedging Strategies 106
    Summary 109
    Contents ix
    chapter 5
    The Long and the Short of It 110
    Short-Dated Options 110
    The Physicists Weigh In 112
    Buying Time 117
    Long-Dated Options 119
    Far from the Madding Crowd 121
    R Minus D 122
    The Lumberjack Plot 125
    Selective Application of the Weekly Options Strategy 126
    Summary 127
    chapter 6
    Trend Following as a Portfolio Protection Strategy 128
    What is Trend Following? 128
    Trend Following Dogma 130
    The Crisis Alpha Debate 131
    An Aside: Diversifying Across Time 134
    Taking Advantage of a Correction 135
    The Niederhoffer Argument 135
    Chasing 1-Day Moves 138
    Pushing the Analogy Too Far 139
    Analysing the Data Directly 141
    LEGO Trend Following 142
    Summary 143
    chapter 7
    Strategies for Taking Advantage of a Market Drop 144
    The Elastic Band 144
    Trading Reversals 147
    More Texas-Style Hedging 149
    Selling Index Put Spreads 151
    Breathing Some Life into the Equity Risk Premium 152
    Buying VIX Puts 153
    Selling VIX Upside 154
    The Remarkable Second Moment 155
    Summary 158
    chapter 8
    “Flash Crashes”, Crises and the Limits of Prediction 159
    Lord of the Fireflies 159
    Cascading Sales 160
    A Concrete Example 162
    An Aside 162
    Paths, Prints 163
    x Contents
    The Role of the Central Bank 164
    Credit Cycles at the Zero Bound 164
    The Monetary Policy Palette 165
    Reading the Tea Leaves 168
    Summary and Conclusion 169

  6. #1126

    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    10,569
    Blog Entries
    61
    Mentioned
    28 Post(s)
    Quoted
    800 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Gianni78bari Visualizza Messaggio
    Oltre Sinclair ho in programma di leggere The second leg down, è del 2017 di Hari Krishnan.
    Davvero ottimo libro, consiglio caldamente.

    Poi si risolve quasi tutto nel comprare il mercato e proteggere la posizione con ratio spread inversi quando ci sono determinate condizioni di skew, però te la racconta in modo molto condivisibile.

  7. #1127
    L'avatar di matmo
    Data Registrazione
    Oct 2016
    Messaggi
    1,081
    Mentioned
    14 Post(s)
    Quoted
    725 Post(s)
    Potenza rep
    15009382
    Scusatemi sono molto interessato agli aspetti psicologici che stanno dietro agli investimenti finanziari. Posso chiedervi senza alcun secondo fine, se gli studi alla fine veramente servono? Sono un fan di Kahneman, da qui mi viene la domanda. Mi torna che chi lavora nella finanza spesso si senta un guru, allo stesso tempo mi torna che il merito del trader nelle performances annuali abbia un impatto vicino allo zero. Ripeto, senza alcuna polemica, solo per avere un punto di vista di chi sicuramente il mercato lo conosce.

  8. #1128
    L'avatar di Emmhanuel
    Data Registrazione
    Feb 2002
    Messaggi
    1,046
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    263 Post(s)
    Potenza rep
    13677903
    Citazione Originariamente Scritto da matmo Visualizza Messaggio
    sono molto interessato agli aspetti psicologici che stanno dietro agli investimenti finanziari. Posso chiedervi, se gli studi alla fine veramente servono? Sono un fan di Kahneman.
    Kahneman pur condividendo, non è assolutamente sufficiente. Con il modello 1 - emozionale fai le cax xate. Serve il modello 2 - razionale. E per quest'ultimo devi studiare, a meno che tu sia figlio d'arte, o qlc ti regala bello e fatto tutto il pacchetto delle cose da sapere/fare esoprattutto non fare. A quel punto devi tenere a bada l'istinto caz zeggiante sub 1 sempre in agguato. In bocca al lupo.

  9. #1129

    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    122
    Blog Entries
    16
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    64 Post(s)
    Potenza rep
    11108875
    Citazione Originariamente Scritto da matmo Visualizza Messaggio
    Scusatemi sono molto interessato agli aspetti psicologici che stanno dietro agli investimenti finanziari. Posso chiedervi senza alcun secondo fine, se gli studi alla fine veramente servono? Sono un fan di Kahneman, da qui mi viene la domanda. Mi torna che chi lavora nella finanza spesso si senta un guru, allo stesso tempo mi torna che il merito del trader nelle performances annuali abbia un impatto vicino allo zero. Ripeto, senza alcuna polemica, solo per avere un punto di vista di chi sicuramente il mercato lo conosce.
    Ti dò il mio parere:
    Da me guru fa rima con p.i.r.l.a.
    Detto questo secondo me bisogna intendersi su alcune cose.
    Quello che fa uno che lavora sul suo conto retail è fondamentalmente diverso da quello che fa uno che lavora per Goldman e JP.
    Immagina ci siano due a guidare nel traffico cittadino, uno con un furgone e l'altro con un monopattino. In città quest'ultimo sfreccia tra le macchine, mentre l'altro si muove lentamente cercando di risparmiare carburante. Il primo è più agile però rischia di ammazzarsi. Il secondo va più lento però più sicuro. Lo studio rappresenta il casco e le luci di posizione per chi va sul monopattino.
    L'ideale sarebbe non solo studiare ma mettersi alla prova, compreso il proprio capitale.
    In ogni caso la cosa più pericolosa è pensare di essere arrivati.

    IMVHO

  10. #1130
    L'avatar di Emmhanuel
    Data Registrazione
    Feb 2002
    Messaggi
    1,046
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    263 Post(s)
    Potenza rep
    13677903
    , nonché che sia inarrivabile

Accedi