Avrei alcune domande sul funzionamento pratico delle opzioni
Goldman su dividendi banche: un miraggio anche nel 2021. Da check up a 5 fattori è Unicredit l’unica top in Italia
La carestia di dividendi per il settore bancario potrebbe durare ben più a lungo di quello che ci si aspetti.  Oggi il ceo di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, ha legato la …
Chiusura Borsa Italiana: Diasorin vola ai massimi storici, Banca Generali +8,5%. Tonfo di Bper e Banco
Piazza Affari lima il negativo sul finale e il Ftse Mib chiude a -0,18% a quota 17.380 punti. Sponda dal rally di Wall Street che sale al momento di oltre …
Ubi Banca rivendica valore autonomia in tempi COVID, Messina (Intesa): ‘Ops più che mai valida, deciderà il mercato’
Nel giorno dell’assemblea annuale degli azionisti – rigorosamente a porte chiuse per l’emergenza COVID – Ubi Banca rivendica la propria solidità anche senza Intesa SanPaolo, e anche in tempi di …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    2,703
    Mentioned
    28 Post(s)
    Quoted
    1704 Post(s)
    Potenza rep
    42949674

    Avrei alcune domande sul funzionamento pratico delle opzioni

    Sono 2 giorni che le studio, ma sono sempre più confuso. A quanto ho capito, le opzioni, se le acquisto, mi danno il diritto di acquistare (call) o vendere (put) il titolo sottostante a un prezzo fissato in anticipo. Se le vendo invece ho l'obbligo e non il diritto di vendere (call) o acquistare (put) a un prezzo prefissato. Se le opzioni sono di tipo americano, posso esigerle anche prima della scadenza, se di tipo europeo solo alla scadenza. Il prezzo di strike sarebbe il prezzo a cui avverrà l'acquisto o la vendita. Fin qui è tutto giusto?
    Se si, passiamo al lato pratico:
    1) Ci sono dei lotti minimi. Ogni lotto rappresenta quello che loro chiamano contratto, giusto? Quindi, se il mio broker fa 1€ a contratto e il lotto minimo di (per fare un esempio) Poste Italiane è di 500 opzioni, per ogni 500 opzioni pagherò 1€ di commissione?
    2) Se chiudo una posizione vendendo delle opzioni che ho in portafoglio, non ne diventerò in alcun modo responsabile, giusto? L'obbligo di adempiere dovrebbe rimanere in capo a chi ha venduto originariamente l'opzione, quindi, se ritengo che l'opzione mi farà andare in perdita sfruttando il diritto che mi dà, potrei venderla e recuperare almeno in parte la perdita, corretto? Inoltre, potrei anche fare trading di opzioni senza mai esigerne una, no?
    3) Come funziona in pratica l'adempimento dell'obbligo di acquisto/vendita della controparte? Se io decido di esigere l'opzione, il suo broker esegue in automatico la transazione per lui e mi/gli consegna le azioni?
    4) Come faccio io a esigere quanto previsto dall'opzione? Come broker ho Degiro. Ci sarà tipo un pulsante "vendi a X", "acquista a Y"?

    Grazie in anticipo a chi risponderà

  2. #2
    L'avatar di sticky strike
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    1,590
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    228 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da emanu37429 Visualizza Messaggio
    Sono 2 giorni che le studio, ma sono sempre più confuso. A quanto ho capito, le opzioni, se le acquisto, mi danno il diritto di acquistare (call) o vendere (put) il titolo sottostante a un prezzo fissato in anticipo. Se le vendo invece ho l'obbligo e non il diritto di vendere (call) o acquistare (put) a un prezzo prefissato. Se le opzioni sono di tipo americano, posso esigerle anche prima della scadenza, se di tipo europeo solo alla scadenza. Il prezzo di strike sarebbe il prezzo a cui avverrà l'acquisto o la vendita. Fin qui è tutto giusto?
    Se si, passiamo al lato pratico:
    1) Ci sono dei lotti minimi. Ogni lotto rappresenta quello che loro chiamano contratto, giusto? Quindi, se il mio broker fa 1€ a contratto e il lotto minimo di (per fare un esempio) Poste Italiane è di 500 opzioni, per ogni 500 opzioni pagherò 1€ di commissione?
    2) Se chiudo una posizione vendendo delle opzioni che ho in portafoglio, non ne diventerò in alcun modo responsabile, giusto? L'obbligo di adempiere dovrebbe rimanere in capo a chi ha venduto originariamente l'opzione, quindi, se ritengo che l'opzione mi farà andare in perdita sfruttando il diritto che mi dà, potrei venderla e recuperare almeno in parte la perdita, corretto? Inoltre, potrei anche fare trading di opzioni senza mai esigerne una, no?
    3) Come funziona in pratica l'adempimento dell'obbligo di acquisto/vendita della controparte? Se io decido di esigere l'opzione, il suo broker esegue in automatico la transazione per lui e mi/gli consegna le azioni?
    4) Come faccio io a esigere quanto previsto dall'opzione? Come broker ho Degiro. Ci sarà tipo un pulsante "vendi a X", "acquista a Y"?

    Grazie in anticipo a chi risponderà
    Ciao, la teoria corretta, riguardo le domande:
    1) il lotto minimo che intendi è il numero di azioni a cui corrisponde un lotto di opzione di un certo sottostante, in Italia un lotto di opzioni copre di solito 100, 500, 1000 azioni del titolo sottostante. In USA quasi tutte se non tutte le opzioni su azioni hanno come contract size 100 azioni. Le commissioni sono per lotto di opzioni, quindi nel tuo esempio 1 euro a lotto, ma il premio che paghi o incassi dipende dal contract size, quindi se il premio di una certa opzione fosse 0.50 euro, e il suo contract size 500 azioni, il premio in euro sarebbe 250 euro.
    2) se vendi un opzione che hai precedentemente acquistato la posizione si compensa e si chiude, come avviene per tutti i prodotti scambiati su mercati regolamentati. Stesso discorso se vendi prima una opzione e poi la ricompri per chiudere la posizione. Quindi puoi ovviamente fare compravendita di opzioni prima della loro scadenza senza incorrere in consegne (questo vale sempre per opzioni di tipo europeo, mentre potresti avere qualche rischio su opzioni americano ma gli esercizi prima della scadenza sono rari)
    3) il processo è automatico, qualsiasi opzione che a scadenza è 1 tick in the money viene esercitata
    4) se ti riferisci all'esercizio prima della scadenza di opzioni di tipo americano devi comunicarlo al tuo broker, ma salvo tue necessità specifiche non conviene quasi mai esercitare opzione in anticipo, fai prima a venderla.

  3. #3

    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    2,703
    Mentioned
    28 Post(s)
    Quoted
    1704 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da sticky strike Visualizza Messaggio
    Ciao, la teoria corretta, riguardo le domande:
    1) il lotto minimo che intendi è il numero di azioni a cui corrisponde un lotto di opzione di un certo sottostante, in Italia un lotto di opzioni copre di solito 100, 500, 1000 azioni del titolo sottostante. In USA quasi tutte se non tutte le opzioni su azioni hanno come contract size 100 azioni. Le commissioni sono per lotto di opzioni, quindi nel tuo esempio 1 euro a lotto, ma il premio che paghi o incassi dipende dal contract size, quindi se il premio di una certa opzione fosse 0.50 euro, e il suo contract size 500 azioni, il premio in euro sarebbe 250 euro.
    2) se vendi un opzione che hai precedentemente acquistato la posizione si compensa e si chiude, come avviene per tutti i prodotti scambiati su mercati regolamentati. Stesso discorso se vendi prima una opzione e poi la ricompri per chiudere la posizione. Quindi puoi ovviamente fare compravendita di opzioni prima della loro scadenza senza incorrere in consegne (questo vale sempre per opzioni di tipo europeo, mentre potresti avere qualche rischio su opzioni americano ma gli esercizi prima della scadenza sono rari)
    3) il processo è automatico, qualsiasi opzione che a scadenza è 1 tick in the money viene esercitata
    4) se ti riferisci all'esercizio prima della scadenza di opzioni di tipo americano devi comunicarlo al tuo broker, ma salvo tue necessità specifiche non conviene quasi mai esercitare opzione in anticipo, fai prima a venderla.
    Grazie mille

Accedi