IPRP -40%: che fare?
Luigi Marattin: “Ecco cosa va cambiato nella Manovra 2023 e perché serve il price cap su gas ed elettricità”
Il governo sta apportando le ultime modifiche nella Manovra di bilancio 2023. Abbiamo intervistato Luigi Marattin, Deputato di Italia Viva, sulle modifiche richieste dal Terzo Polo su Reddito di cittadinanza, price cap sul prezzo del gas ed elettricità, PNRR, Industria 4.0 e giovani e sul dossier Telecom Italia e sul caso Juventus.Qui potete vedere l?intera
Odissea crypto: crack BlockFi, il miliardario Peter Thiel tra le vittime illustri
Si allunga la lista delle vittime del crollo di FTX. Ora BlockFi, prestatore di criptovalute, ha presentato istanza di fallimento. Il deposito in un tribunale del New Jersey arriva nel bel mezzo di quella che è una crisi profonda del settore crypto acuita dal fallimento di FTX, seconda maggiore piattaforma crypto degli Stati Uniti. Caos
Con Elon Musk è guerra Twitter-Apple. Se il free speech diventa hate speech
Scontro frontale tra Elon Musk ed Apple: il neo proprietario e ceo di Twitter, Tesla e Space X ha postato nelle ultime ore alcuni tweet al vetriolo contro
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Aug 2020
    Messaggi
    486
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    315 Post(s)
    Potenza rep
    16655101

    IPRP -40%: che fare?

    Salve a tutti.
    Ho in carico iShares European Property Yield UCITS ETF, ISIN IE00B0M63284, Ticker IPRP, a 41 €, ieri ha chiuso a 24,80€, quindi -40%. Sono indeciso tra il mediare la posizione e quindi portare il PMC attorno a 32 €, oppure usare l'importo per qualche trading alternativo nel tentativo di recuperare la perdita e poi chiudere la posizione.
    IPRP non fa parte del mio portafoglio principale nè dell'attività "ludica", diciamo che non ho particolari motivi per tenerlo. Però non volevo uscire in perdita.
    Che prospettive ci sono per l'immobiliare nel breve-medio termine?

  2. #2

    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    493
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    315 Post(s)
    Potenza rep
    9135137
    Citazione Originariamente Scritto da pomodorini Visualizza Messaggio
    Salve a tutti.
    Ho in carico iShares European Property Yield UCITS ETF, ISIN IE00B0M63284, Ticker IPRP, a 41 €, ieri ha chiuso a 24,80€, quindi -40%. Sono indeciso tra il mediare la posizione e quindi portare il PMC attorno a 32 €, oppure usare l'importo per qualche trading alternativo nel tentativo di recuperare la perdita e poi chiudere la posizione.
    IPRP non fa parte del mio portafoglio principale nè dell'attività "ludica", diciamo che non ho particolari motivi per tenerlo. Però non volevo uscire in perdita.
    Che prospettive ci sono per l'immobiliare nel breve-medio termine?
    Stessa situazione: io ho incrementato la posizione, il mio piano prevede però una presenza fissa di IPRP in portafoglio.
    Ai valori attuali ha un dividendo attorno al 4% non mi sembra però niente male.
    La sofferenza estrema del valore è data dalla congiuntura attuale:
    -forte esposizione verso la Germania (Vonovia in particolare) che insieme all’Italia risente più degli altri paesi della situazione gas
    -rialzo dei tassi

  3. #3

    Data Registrazione
    Apr 2019
    Messaggi
    14,444
    Mentioned
    184 Post(s)
    Quoted
    10448 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da pomodorini Visualizza Messaggio
    Salve a tutti.
    Ho in carico iShares European Property Yield UCITS ETF, ISIN IE00B0M63284, Ticker IPRP, a 41 €, ieri ha chiuso a 24,80€, quindi -40%. Sono indeciso tra il mediare la posizione e quindi portare il PMC attorno a 32 €, oppure usare l'importo per qualche trading alternativo nel tentativo di recuperare la perdita e poi chiudere la posizione.
    IPRP non fa parte del mio portafoglio principale nè dell'attività "ludica", diciamo che non ho particolari motivi per tenerlo. Però non volevo uscire in perdita.
    Che prospettive ci sono per l'immobiliare nel breve-medio termine?
    sono previsti ulteriori rialzi dei tassi quindi non buono.

  4. #4

    Data Registrazione
    Jul 2022
    Messaggi
    13
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    7 Post(s)
    Potenza rep
    0
    La mia opinione..
    Chiudere occhi, tappare naso e.. incrementare!
    Soprattutto se l'alternativa è un qualche "trading alternativo", non mi sembra il momento migliore.
    Se invece sposti la somma su qualche altro titolo del portafoglio principale che è sceso in questo periodo.. allora magari potrebbe valere la pena.

  5. #5
    L'avatar di GreedyTrader
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    10,492
    Mentioned
    185 Post(s)
    Quoted
    9107 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    per chi saprà aspettare reit europei molto profittevoli anche se personalmente preferisco XDER che contiene anche UK e non stacca dividendi ultratassati.
    per chi è già dentro per incrementare ci vuole un attimo di pazienza, finchè continuano a fare -2% -3% ogni giorno non è il caso di mettere cippetti

  6. #6
    L'avatar di bow
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    2,937
    Mentioned
    210 Post(s)
    Quoted
    2340 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da pomodorini Visualizza Messaggio
    Salve a tutti.
    Ho in carico iShares European Property Yield UCITS ETF, ISIN IE00B0M63284, Ticker IPRP, a 41 €, ieri ha chiuso a 24,80€, quindi -40%. Sono indeciso tra il mediare la posizione e quindi portare il PMC attorno a 32 €, oppure usare l'importo per qualche trading alternativo nel tentativo di recuperare la perdita e poi chiudere la posizione.
    IPRP non fa parte del mio portafoglio principale nè dell'attività "ludica", diciamo che non ho particolari motivi per tenerlo. Però non volevo uscire in perdita.
    Che prospettive ci sono per l'immobiliare nel breve-medio termine?
    E' un azionario settoriale, oltretutto non eccessivamente diversificato (sotto-settore del mercato europeo, in tutto una cinquantina di titoli in portafoglio). In fasi negative oscillazioni -30/-50 sono assolutamente normali... su oscillazioni da -50 a -70 si può parlare di vero crollo.
    Nel 2008 la discesa fu superiore al 60%. E ovviamente fu dopo tale discesa che si sarebbe dovuto comprare a man bassa!!
    Quindi è probabilmente il momento buono per attivare un PAC e, se si tollerano ulteriori flessioni e qualche anno (che però nei settoriali possono essere più di 5) per il ritorno ai valori precedenti, anche l'ingresso.

  7. #7
    L'avatar di GreedyTrader
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    10,492
    Mentioned
    185 Post(s)
    Quoted
    9107 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    io l'ho capita così:

    - le case e in generale immobili hanno avuto incrementi bestiali (in UE circa 20% in due anni)
    - i fitti hanno una dinamica molto più lenta e ora sono molto bassi, in relazione ai prezzi
    - i tassi a cui le varie aziende si rifinanziano impatteranno sui margini per le cose di due sopra
    - forte calo di tutto quello che è tedesco
    - preoccupazioni sui costi di manutenzione/costruzione

    ragion per cui i titoli stanno soffrendo ma a differenza del 2008 non c'è un crollo del mercato immobiliare e volendo le aziende possono vendere immobili e rientrare dei debiti. Nel 2008 invece c'erano stati svariati anni di gonfiamento bolla. Insomma ora la bolla c'è ma meno intensa e la richiesta di case è comunque sostenuta dall'immigrazione per cui nel medio lungo le prospettive del settore mi sembrano abbastanza positive

  8. #8

    Data Registrazione
    Apr 2019
    Messaggi
    14,444
    Mentioned
    184 Post(s)
    Quoted
    10448 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da GreedyTrader Visualizza Messaggio
    io l'ho capita così:

    - le case e in generale immobili hanno avuto incrementi bestiali (in UE circa 20% in due anni)
    - i fitti hanno una dinamica molto più lenta e ora sono molto bassi, in relazione ai prezzi
    - i tassi a cui le varie aziende si rifinanziano impatteranno sui margini per le cose di due sopra
    - forte calo di tutto quello che è tedesco
    - preoccupazioni sui costi di manutenzione/costruzione

    ragion per cui i titoli stanno soffrendo ma a differenza del 2008 non c'è un crollo del mercato immobiliare e volendo le aziende possono vendere immobili e rientrare dei debiti. Nel 2008 invece c'erano stati svariati anni di gonfiamento bolla. Insomma ora la bolla c'è ma meno intensa e la richiesta di case è comunque sostenuta dall'immigrazione per cui nel medio lungo le prospettive del settore mi sembrano abbastanza positive
    Vonovia ha amplificato una discesa che sarebbe stata una normale correzione.

    All epoca anche io consiglia ad un amico xder proprio per una maggiore diversificazione

  9. #9

    Data Registrazione
    Mar 2021
    Messaggi
    290
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    289 Post(s)
    Potenza rep
    22275528
    questo scivolone di iprp sia di insegnamento per tutti i soloni che nei pigri suggeriscono di mettere il 20-30% di reits, di fatto un settoriale con tempi di recupero potenzialmente molto più lunghi rispetto ad un indice generale e che non solo è fortemente correlato con azionario ma che alla luce dei dati in questa fase di rialzo dei tassi sta amplificando la correzione dell'azionario, fortunatamente mi ero fermato ad un 4-5% del ptf e ora resto alla finestra, incasso il dividend e proverò a fare qualche acquistino nei prossimi.mesi per mediare verso il basso il prezzo...per la cronaca io ho i 3 di ishares a distribuzione, iprp, iukp e iwdp che fortunatamente è stato aiutato dal cambio e consideranfo i bei dividendi non ha fatto troppo schifo...

  10. #10
    L'avatar di GreedyTrader
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    10,492
    Mentioned
    185 Post(s)
    Quoted
    9107 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Franco_ Visualizza Messaggio
    questo scivolone di iprp sia di insegnamento per tutti i soloni che nei pigri suggeriscono di mettere il 20-30% di reits, di fatto un settoriale con tempi di recupero potenzialmente molto più lunghi rispetto ad un indice generale e che non solo è fortemente correlato con azionario ma che alla luce dei dati in questa fase di rialzo dei tassi sta amplificando la correzione dell'azionario, fortunatamente mi ero fermato ad un 4-5% del ptf e ora resto alla finestra, incasso il dividend e proverò a fare qualche acquistino nei prossimi.mesi per mediare verso il basso il prezzo...per la cronaca io ho i 3 di ishares a distribuzione, iprp, iukp e iwdp che fortunatamente è stato aiutato dal cambio e consideranfo i bei dividendi non ha fatto troppo schifo...
    stai sognando ad occhi aperti non c'è nessun crollo settoriale dei REIT c'è un crollo dei valori tedeschi. Tempi di recupero più lunghi secondo quale studio scusami? Qua non stiamo parlando di NASDAQ o Alternative Energy. Da questo punto di vista prendere un ETF fortemente concentrato su Germania non ha pagato.
    Il "solone" che consiglia 20% di REITs è Swensen pensa un po'...

    PS: l'indice in Blu è MSCI World ad accumulazione
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: Cattura.jpg‎ 
Visualizzazioni: 14 
Dimensione: 55.7 KB 
ID: 2849178  

Accedi