Ci sono moltissimi consigli per gli acquisti.. ma come e quando disinvestire gli ETF? - Pagina 3
Posizioni nette corte: Maire in vetta ai più shortati di Piazza Affari, nelle prime posizioni anche Fincantieri e Webuild
Dall?ultimo aggiornamento disponibile di Consob sulle posizioni nette corte (PNC) si apprende che il titolo più shortato a Piazza Affari è Maire Tecnimont con 4 posizioni short aperte per una quota pari al 4,63% del capitale sociale.Bio-On conquista il secondo gradino più alto del podio con 2 PNC pari al 2,59% del capitale.Fincantieri si posiziona al
Settembre da incubo per Wall Street: occhio ad alcuni indicatori che lanciano dei segnali d’acquisto
Indici azionari di Wall Street in profondo rosso a settembre. Quando manca una seduta al termine del mese e del trimestre lo S&P 500 e gli altri principali indici viaggiano sui minimi annui. L?indice S&P 500 è capitolato del 7,9% a settembre, il Dow Jones ha sofferto un tonfo del 7,2% e peggio fa il
Porsche in Borsa vale più del doppio di Ferrari. Confronto con le altre big auto e prospettive dopo l’IPO più attesa del 2022
Porsche si è quotata sulla Borsa di Francoforte con il ticker P911 in quella che era l?Ipo più attesa dell?anno e non ha deluso le aspettative. Si tratta infatti della maggiore IPO dell?ultimo decennio in Europa. Il debutto è avvenuto in una giornata debole per i mercati, ma Porsche dopo aver aperto a 84 euro,
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #21

    Data Registrazione
    Aug 2017
    Messaggi
    368
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    211 Post(s)
    Potenza rep
    13192341
    Nel libro Just keep buying Nick Maggiulli dice che si disinveste solo nei seguenti casi:

    To rebalance
    To get out of a concentrated (or losing) position
    To meet your financial needs

    Inoltre sottolinea che è opportuno comprare appena se ne ha l'opportunità ma che per vendere è bene farlo lentamente, compatibilmente con le proprie necessità finanziarie.



    Buy quickly and sell slowly

  2. #22
    L'avatar di don't call me babe
    Data Registrazione
    Mar 2016
    Messaggi
    53
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    35 Post(s)
    Potenza rep
    2614243
    Citazione Originariamente Scritto da trailrunner Visualizza Messaggio
    Non so quali siano gli altri strumenti finanziari in cui hai investito oltre agli etf azionari citati, comunque in fase successoria con l'azionario vero e proprio (singole azioni), così come le obbligazioni, gli etc, gli etn (e al contrario degli etf) hai il vantaggio di non pagare capital gain sulla plusvalenza maturata, gli strumenti vengono semplicemente caricati agli eredi al nuovo prezzo, però se gli stessi sono in perdita, questo si trasforma in uno svantaggio. Non sono un grande esperto in materia successoria, ma ho appena visto questo video di Bowman che è molto istruttivo a riguardo!

    https://www.youtube.com/watch?v=iVlaWbHGHBc
    Ho guardato il video... madò che universo che si scoperchia pensando alle successioni!
    Istruttivo sì, e la prima lezione che ho imparato è quanto sono ignorante in materia e quanto, almeno in Italia, l'ignoranza può provocare danni notevoli...

    Grazie trailrunner

  3. #23

    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    119
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    34 Post(s)
    Potenza rep
    6261703
    Ottima discussione! Seguo

  4. #24
    L'avatar di balcarlo
    Data Registrazione
    Jan 2002
    Messaggi
    20,402
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    71 Post(s)
    Quoted
    3536 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    Citazione Originariamente Scritto da don't call me babe Visualizza Messaggio
    Salve a tutti,

    posto che arriva il momento in cui uno desidera godere i frutti dei propri investimenti, non ho trovato molte informazioni in giro sul processo decisionale da seguire per capire come e quando disinvestire gli ETF.

    Non sto parlando di situazioni di necessità ma di quali criteri seguire liberamente in modo da raccogliere di volta in volta i frutti più maturi.

    Mi farebbe piacere ascoltare le vostre esperienze e i consigli che vorrete condividere qui. Se avete anche delle letture da consigliarmi - non troppo tecniche che non sono brava - mi farebbe piacere anche quello.

    Inizio io condividendo un pensiero che non so se corrisponda a una buona strategia: per la parte di capitale che ipotizzo di utilizzare entro 24 mesi a cadenza mensile (tipo un PAC a me stessa ), è meglio spostare tutta la somma su un investimento liquido e a bassissimo rischio e prelevare mensilmente da lì, piuttosto che lasciare i soldi investiti su azionario, con il rischio annesso di risentire di sbalzi anche forti.

    Se questo pensiero vale, sorge però immediatamente una domanda: come scelgo l'ETF da cui disinvestire? Come faccio a capire i rendimenti attuali derivati da un PAC?
    Per gli etf più aggressivi e soprattutto azionari, credo che una strategia potrebbe essere quella di mettere degli stop loss, magari non troppo stretti e lasciar correre gli eventuali profitti. Se il capitale si dovesse apprezzare, si potrebbe gradatamente alzare lo stop loss che sarebbe uno stop profit. Purtroppo non tutti gli Istituti permettono di inserire tale operatività sugli ETF ma, in finanza, una delle prime regole è quella di contenere le perdite.

  5. #25
    L'avatar di bow
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    2,853
    Mentioned
    204 Post(s)
    Quoted
    2255 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da don't call me babe Visualizza Messaggio
    posto che arriva il momento in cui uno desidera godere i frutti dei propri investimenti, non ho trovato molte informazioni in giro sul processo decisionale da seguire per capire come e quando disinvestire gli ETF.

    Non sto parlando di situazioni di necessità ma di quali criteri seguire liberamente in modo da raccogliere di volta in volta i frutti più maturi.
    Secondo me il metodo migliore sarebbe il seguente:

    1- Crea un portafoglio d'investimento, con la cifra (o gli incrementi periodici) che preferisci e con un Orizzonte Temporale che preveda un "termine".
    2- Se non sono sopraggiunte "necessità" (frequenti soprattutto in portafogli dall'orizzonte lungo/molto lungo) al termine dell'OT puoi 'tirare le somme'. Quale è stato il rendimento? Come si è comportato il portafoglio nelle fasi critiche? Sei stato in grado di gestirlo e tenere fede alla 'strategia' diciamo, oppure ti è apparso tutto troppo complesso per ragioni operative, di tempo, emotive?
    3- Alla luce delle risposte alle domande del punto 2, puoi ora studiare un nuovo portafoglio, con un'allocazione (es. rischio, quota di azionario etc...) più consapevole dell'esperienza fatta, e un orizzonte temporale nuovo. Il portafoglio nuovo può essere composto parzialmente (o totalmente, o per nulla) da strumenti del precedente (es. ETF da detenere), ma la fase di 'chiusura' del precedente può darti il momento di uscita 'tattico' da molti dei vecchi investimenti, che sulla base dell'esperienza potrai avere molte più competenze per 'filtrare'.

  6. #26

    Data Registrazione
    Jul 2020
    Messaggi
    3,064
    Mentioned
    39 Post(s)
    Quoted
    2079 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Ottima domanda ma le risposte date fino ad ora a mio parere lasciano un po' a desiderare.
    Ti dico la mia strategia.
    1. Acquisto solo ETF a distribuzione (e qualche azione singola con dividendi e qualche btp + un conto deposito). L'idea alla base di questo punto è consolidare il capitale negli anni e poterlo quindi reinvestire adattando la mia strategia (se il mercato azionario non conviene ad esempio potrei reinvestire i dividendi in obbligazioni o metterli su conto deposito consolidando comunque il gain).
    2. Niente scadenza vera e propria, solo indicativa. Per circa 15-20 anni continuerò solo a comprare, tra 15-20 anni, solo se conviene, vendo tutto. In caso contrario attendo fino al gain e nel frattempo continuo a prendere i proventi da etf. La vendita avverrà solo se i dividendi non sono abbastanza ricchi da dare una buona rendita.
    3. Non penso che un pac al contrario abbia un senso. Se c'è un gain si vende tutto perché se si aspetta si potrebbe andare in loss, se c'è un loss non conviene vendere si va solo a perderci.

  7. #27

    Data Registrazione
    Feb 2021
    Messaggi
    381
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    353 Post(s)
    Potenza rep
    11463707
    Personalmente cercherei di vendere gli eventuali ETF settoriali e tenere solo 1 ETF globale diversificato.
    Poi seguirei la regola dell'età: avere una % sull'obbligazionario pari all'età. Es. a 50 anni avere un 50% sull'obbligazionario; all'età della pensione avere un 80% sull'obbligazionario.
    Non farei vendite periodiche troppo numerose per via delle commissioni.

  8. #28

    Data Registrazione
    Aug 2017
    Messaggi
    368
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    211 Post(s)
    Potenza rep
    13192341
    Citazione Originariamente Scritto da Maestr Visualizza Messaggio

    3. Non penso che un pac al contrario abbia un senso. Se c'è un gain si vende tutto perché se si aspetta si potrebbe andare in loss, se c'è un loss non conviene vendere si va solo a perderci.
    Questo è concettualmente sbagliato. Il presupposto è che i mercati tendono a crescere nel tempo, quindi vendere lentamente ha l'effetto statistico di aumentare il prezzo medio di vendita.

  9. #29
    L'avatar di Manu1972
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    2,996
    Mentioned
    33 Post(s)
    Quoted
    2231 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Secondo me il metodo migliore sarebbe il seguente:

    ripercorrere a ritroso le tappe fatte per accumulare, nè più, nè meno

    hai il fondo emergenza, bene...non fai nulla.
    quando lo intacchi, vai a vendere la quota necessaria per ripristinare il fondo emergenza.
    cosa vendi? quello che ti permette di mantenere il portafoglio nell'equilibrio che hai scelto

    e buon ferragosto, ci portiamo avanti buon natale

  10. #30
    L'avatar di don't call me babe
    Data Registrazione
    Mar 2016
    Messaggi
    53
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    35 Post(s)
    Potenza rep
    2614243
    Citazione Originariamente Scritto da bow Visualizza Messaggio
    Secondo me il metodo migliore sarebbe il seguente:

    1- Crea un portafoglio d'investimento, con la cifra (o gli incrementi periodici) che preferisci e con un Orizzonte Temporale che preveda un "termine".
    2- Se non sono sopraggiunte "necessità" (frequenti soprattutto in portafogli dall'orizzonte lungo/molto lungo) al termine dell'OT puoi 'tirare le somme'. Quale è stato il rendimento? Come si è comportato il portafoglio nelle fasi critiche? Sei stato in grado di gestirlo e tenere fede alla 'strategia' diciamo, oppure ti è apparso tutto troppo complesso per ragioni operative, di tempo, emotive?
    3- Alla luce delle risposte alle domande del punto 2, puoi ora studiare un nuovo portafoglio, con un'allocazione (es. rischio, quota di azionario etc...) più consapevole dell'esperienza fatta, e un orizzonte temporale nuovo. Il portafoglio nuovo può essere composto parzialmente (o totalmente, o per nulla) da strumenti del precedente (es. ETF da detenere), ma la fase di 'chiusura' del precedente può darti il momento di uscita 'tattico' da molti dei vecchi investimenti, che sulla base dell'esperienza potrai avere molte più competenze per 'filtrare'.
    beh, qui prendo appunti! Sono proprio le domande strategiche di cui avevo bisogno
    Confido di trovare anche le risposte nel tempo

Accedi