Strategia particolare per iniziare con ETF, funzionerà? - Pagina 2
Tassateci ora: “Patriotic Millionaires” protestano a Davos contro il World Economic Forum
Un gruppo di milionari si è unito per protestare contro il World Economic Forum, raduno dell’élite economica e politica a Davos, in Svizzera, chiedendo ai governi “tassateci ora” per affrontare …
Prezzo gas giù in Europa (minimi da scoppio guerra), mentre balza negli Usa. Ecco il perché di questa dicotomia
Ieri si è assistito a un andamento dicotomico dei prezzi del gas naturale, con quello USA che continua a a salire (ieri è balzato di oltre l’8%), mentre quello TTF …
Kairos prudente su mercati, ma vede opportunità da ritorno a Piazza Affari del ‘primario’. Plenitude (Eni) e l’idrogeno di De Nora (con Snam), le Ipo 2022 più attese
Trabattoni resta cauto sul mercato secondario, mentre si potrebbero aprire nuove opportunità dal ritorno a Piazza Affari del mercato primario
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #11

    Data Registrazione
    Apr 2019
    Messaggi
    12,374
    Mentioned
    164 Post(s)
    Quoted
    8797 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da Siloso Visualizza Messaggio
    Avete ragione, ho avuto lo stesso dubbio. In questi casi faccio sempre un back testing, per vedere se il "modello" funziona. Sicuramente il fatto che sia andato bene nel passato non implica che vada bene anche in futuro, ma almeno si vede se non si è preso un granchio colossale.

    E' vero che aspettando un -1,5% potresti perdere 3 volte un +1,5%, ,ma questo potrebbe accadere anche fra il 1 del mese e quello successivo.

    Ad ogni modo lasciamo parlare i dati, ho fatto queste 2 prove

    ISIN IE00B4L5Y983, Ticker SWDA
    1- Acquisto 1° giorno lavorativo del mese (Value Averaging)
    2- Acquisto ogni -1,5% (Value Averaging)
    3- Classico PAC con acquisto fisso ogni mese
    3- Classico PAC con acquisto ogni -1,5%

    Ho preso in considerazione il periodo 1 gennaio 2018 - 1 gennaio 2022 (4 anni), con un max di 3 ingressi mensili (per armonizzare entrambe le strategie a 48 ingressi).

    I risultati sono:

    *** Strategia 1 ***
    196k investiti
    3902 quote
    309k valore portafoglio
    57,6% risultato

    *** Strategia 2 ***
    208k investiti
    4253 quote
    337k valore portafoglio
    62% risultato

    *** Strategia 3 ***
    240k investiti
    4450 quote
    347k valore portafoglio
    44,6% risultato

    *** Strategia 4 ***
    240k investiti
    4555 quote
    356k valore portafoglio
    48% risultato

    Metto il file in allegato, se volete vedere meglio.
    Allegato 2807071


    Quindi tra il classico PAC e il value averaging non c'è storia. Questo lo sapevamo ma serviva solo come controprova per il campionamento dei dati.
    La strategia del value averaging unita all'acquisto sugli storni, sembra rendere di più, anche se non cambia il giorno e la notte: solo un 4,4%.
    Volatilità 20%

    x2

    Sono 40 rate

    Fai partire l’aquisto automatico se durante il percorso ci sono delle discese aumenti la rata per ogni -5%

  2. #12
    L'avatar di Abaddon
    Data Registrazione
    Jun 2018
    Messaggi
    1,513
    Mentioned
    58 Post(s)
    Quoted
    1084 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Ciao,
    analisi interessante, ma ci sono dei problemi:
    1. Scommetto che i cali clusterizzano ovvero si concentreranno quasi sicuramente in brevi periodi temporali che poi, spalmati su tempi più lunghi, porteranno alle medie di cui parli. Tradotto, entrare per esempio dopo un meno 2 per cento significa spesso prendere altre perdite sul groppone.
    2. Il mercato va a fasi di medio periodo. Veniamo da 10 anni di mercato rialzista e, al netto del problema concettuale sopra esposto, hai ottenuto quei risultati. Per provare quanto ti sto dicendo, prova a rifare l'analisi dal 2001 al 2005. Scommetto che otterrai risultati diametralmente opposti.
    3. Se crediamo nella regressione verso la media, allora visto lo scostamento verso l'alto dei prezzi, ci stiamo avviando verso un'altra fase in cui quanto hai rilevato non varrà più.


    In conclusione, non farei market timing. Se proprio vuoi fai un piano di accumulo, vai di dollar averaging. Se proprio te la senti, ma studialo bene, valuta anche il Value averaging.

  3. #13
    L'avatar di marble
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    4,570
    Mentioned
    70 Post(s)
    Quoted
    2175 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da Abaddon Visualizza Messaggio
    Ciao,
    analisi interessante, ma ci sono dei problemi:
    1. Scommetto che i cali clusterizzano ovvero si concentreranno quasi sicuramente in brevi periodi temporali che poi, spalmati su tempi più lunghi, porteranno alle medie di cui parli. Tradotto, entrare per esempio dopo un meno 2 per cento significa spesso prendere altre perdite sul groppone.
    2. Il mercato va a fasi di medio periodo. Veniamo da 10 anni di mercato rialzista e, al netto del problema concettuale sopra esposto, hai ottenuto quei risultati. Per provare quanto ti sto dicendo, prova a rifare l'analisi dal 2001 al 2005. Scommetto che otterrai risultati diametralmente opposti.
    3. Se crediamo nella regressione verso la media, allora visto lo scostamento verso l'alto dei prezzi, ci stiamo avviando verso un'altra fase in cui quanto hai rilevato non varrà più.


    In conclusione, non farei market timing. Se proprio vuoi fai un piano di accumulo, vai di dollar averaging. Se proprio te la senti, ma studialo bene, valuta anche il Value averaging.
    Aggiungo che "comprare quando un giorno ha fatto - 1,5%" non è certo che ci si riesca. Se attendi la chiusura, il giorno dopo di prima mattina probabilmente compri un parziale rimbalzo.

    Se piazzi all'apertura un ordine condizionato a - 1,5%, compri un sacco di volte in più del previsto, quando raggiunge quel calo e poi rimbalza prima della chiusura. O magari scende di più e non lo sfrutti.

    Quindi si finisce per acquistare con una media di calo molto minore dei calcoli fatti a tavolino.

    Se bastasse piazzare un ordine a - 1,5% ogni mattina, sarebbe facile...

  4. #14
    L'avatar di Siloso
    Data Registrazione
    Jul 2015
    Messaggi
    1,098
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    486 Post(s)
    Potenza rep
    12397882
    Citazione Originariamente Scritto da marble Visualizza Messaggio
    Aggiungo che "comprare quando un giorno ha fatto - 1,5%" non è certo che ci si riesca. Se attendi la chiusura, il giorno dopo di prima mattina probabilmente compri un parziale rimbalzo.

    Se piazzi all'apertura un ordine condizionato a - 1,5%, compri un sacco di volte in più del previsto, quando raggiunge quel calo e poi rimbalza prima della chiusura. O magari scende di più e non lo sfrutti.

    Quindi si finisce per acquistare con una media di calo molto minore dei calcoli fatti a tavolino.

    Se bastasse piazzare un ordine a - 1,5% ogni mattina, sarebbe facile...
    La mia stima è stata fatta sulla chiusura del SWDA su Borsa italiana, quindi alle 17:30, ovviamente finchè non chiude la borsa italiana tutto può accadere.

    Però come dice giustamente Abaddon, il back testing sugli ultimi 10 anni potrebbero essere un caso di studio limitato, ed ovviamente come ogni back testing non è previsione del futuro.

    Il mio ragionamento è semplice, perchè comprare il 15 fisso del mese, quando il 16 magari potrei comprare a meno?
    E' pur vero, come dite voi, che magari dal 15 al 30 fa un +8% e poi entri il 31 con un -1,5% relativo.

    Nulla è certo, nulla è scontato.


    Ho deciso quindi di cambiare la mia strategia in:
    - Almeno 1 acquisto entro il 31 del mese
    - Max 2 acquisti durante il mese sul -1,5%


    Non sto assolutamente dicendo di aver ragione, è solo una strategia che vorrei testare.
    Vedremo tra 3-6 mesi che differenza ci sarà acquistando fisso il 15 del mese o in questo modo.

  5. #15

    Data Registrazione
    Feb 2021
    Messaggi
    1,100
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    709 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da Siloso Visualizza Messaggio
    La mia stima è stata fatta sulla chiusura del SWDA su Borsa italiana, quindi alle 17:30, ovviamente finchè non chiude la borsa italiana tutto può accadere.

    Però come dice giustamente Abaddon, il back testing sugli ultimi 10 anni potrebbero essere un caso di studio limitato, ed ovviamente come ogni back testing non è previsione del futuro.

    Il mio ragionamento è semplice, perchè comprare il 15 fisso del mese, quando il 16 magari potrei comprare a meno?
    E' pur vero, come dite voi, che magari dal 15 al 30 fa un +8% e poi entri il 31 con un -1,5% relativo.

    Nulla è certo, nulla è scontato.


    Ho deciso quindi di cambiare la mia strategia in:
    - Almeno 1 acquisto entro il 31 del mese
    - Max 2 acquisti durante il mese sul -1,5%


    Non sto assolutamente dicendo di aver ragione, è solo una strategia che vorrei testare.
    Vedremo tra 3-6 mesi che differenza ci sarà acquistando fisso il 15 del mese o in questo modo.
    La sensazione è che per due spiccioli (a volte randomicamente +, a volte - e tendendo alla media su versamenti crescenti) sia necessario uno sbattimento che invece un bell'ETF Replay (o altro PAC automatico) ci risparmia, consentendoci di dedicarci ad hobby più gratificanti @Abaddon ha già detto tutto comunque ...

  6. #16
    L'avatar di Dedalo Invest
    Data Registrazione
    May 2019
    Messaggi
    1,310
    Mentioned
    36 Post(s)
    Quoted
    921 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da Siloso Visualizza Messaggio
    Avete ragione, ho avuto lo stesso dubbio. In questi casi faccio sempre un back testing, per vedere se il "modello" funziona. Sicuramente il fatto che sia andato bene nel passato non implica che vada bene anche in futuro, ma almeno si vede se non si è preso un granchio colossale.

    E' vero che aspettando un -1,5% potresti perdere 3 volte un +1,5%, ,ma questo potrebbe accadere anche fra il 1 del mese e quello successivo.

    Ad ogni modo lasciamo parlare i dati, ho fatto queste 2 prove

    ISIN IE00B4L5Y983, Ticker SWDA
    1- Acquisto 1° giorno lavorativo del mese (Value Averaging)
    2- Acquisto ogni -1,5% (Value Averaging)
    3- Classico PAC con acquisto fisso ogni mese
    3- Classico PAC con acquisto ogni -1,5%

    Ho preso in considerazione il periodo 1 gennaio 2018 - 1 gennaio 2022 (4 anni), con un max di 3 ingressi mensili (per armonizzare entrambe le strategie a 48 ingressi).

    I risultati sono:

    *** Strategia 1 ***
    196k investiti
    3902 quote
    309k valore portafoglio
    57,6% risultato

    *** Strategia 2 ***
    208k investiti
    4253 quote
    337k valore portafoglio
    62% risultato

    *** Strategia 3 ***
    240k investiti
    4450 quote
    347k valore portafoglio
    44,6% risultato

    *** Strategia 4 ***
    240k investiti
    4555 quote
    356k valore portafoglio
    48% risultato

    Metto il file in allegato, se volete vedere meglio.
    Allegato 2807071


    Quindi tra il classico PAC e il value averaging non c'è storia. Questo lo sapevamo ma serviva solo come controprova per il campionamento dei dati.
    La strategia del value averaging unita all'acquisto sugli storni, sembra rendere di più, anche se non cambia il giorno e la notte: solo un 4,4%.
    Confrontare il PAC classico (DCA) con il Value Averaging non è così semplice.

    Dai dati che riporti qui sopra sembra che il capitale iniziale a disposizione sia di 240k, perché è quello investito nei 2 PAC classici. Nelle strategie VA non lo hai investito tutto, sei rimasto con della liquidità che non hai conteggiato nei rendimenti.

    Non conteggiare la liquidità porta a risultati non corretti. E' un errore che è stato fatto in tutte le pubblicazioni sul Value Averaging prima dell'articolo di Hayley del 2012 (compreso il libro di Edleson che il VA l'ha "inventato"). Hayley si accorse di questa cosa e la rese pubblica nel suo noto articolo (anche se lui si riferiva soprattutto alla distorsione dei rendimenti annualizzati, ma il concetto è simile).

    Se vuoi confrontare un PAC classico con uno VA senza distorsioni devi considerare la liquidità residua e il capitale iniziale, che deve essere già disponibile fin dall'inizio e deve essere pari a 240k.
    Nella strategia 1, investi nei 4 anni 196k: rimani con 44k liquidi. Nella seconda, investi 208k e rimani con 32k liquidi. Nelle strategie 3 e 4, tutto il capitale è investito e la liquidità finale è 0.

    I rendimenti dovrebbero allora essere conteggiati così:

    -untitledva.png

    La strategia migliore è la 2, il cui rendimento è del 53,75%. La seconda migliore strategia è la 4, con il 48,33%. La terza è la 1 con il 47,08% e la quarta è la 3 con il 44,58%.

    La liquidità non va ignorata. Si potrebbe obiettare che nei PAC non serve tutta dall'inizio ed è vero: questo però va a favore del PAC classico, non del VA: nel VA a volte serve molta liquidità perché le rate possono assumere valori parecchio alti, soprattutto andando avanti con gli anni. E se manca la liquidità, la strategia backtestata rimane solo teorica (da qui, per chi ha letto il mio articolo, nasce tutto il discorso del filtro anti-Hayley nei backtest, la cui attivazione o meno porta a risultati molto diversi).

    Ci sono dei modi per evitare di dover pagare maxi-rate: ad esempio, fissando un importo massimo della rata. Anche questo però ha un impatto sui risultati finali (a volte in meglio, altre in peggio). Insomma per fare confronti corretti, le variabili da prendere in considerazione sono parecchie (più di quelle di questo semplice esempio).

    Per finire, un backtest di 4 anni su un singolo strumento è senz'altro interessante ma è un po' poco per trarre conclusioni generali: come sempre, meglio usare serie storiche molto più lunghe e backtestare molti più strumenti (e soprattutto farlo in modo corretto).

  7. #17
    L'avatar di Siloso
    Data Registrazione
    Jul 2015
    Messaggi
    1,098
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    486 Post(s)
    Potenza rep
    12397882
    I vostri punti di vista ed obiezioni sono molto interessanti.

    Vi terrò informati su come andrà

Accedi