Opinione su Neu.Berman Em. Markets Debt Blend M Dis EUR(IE00BSNLZF58) - Pagina 3
Fed Put ormai Kaput? Assist storico Greenspan non pervenuto: Borsa Usa lasciata al suo destino?
Addio Fed put per salvare i mercati? Sembra proprio di sì: l'espressione "Fed put" indica una situazione che vede la Fed soccorrere i mercati attraverso il lancio di misure di …
Cogliere le opportunità del settore energetico con un certificato Premi Fissi Cash Collect
Uno dei temi più dibattuti nell?ultimo anno, ma anche in questo inizio di 2022, riguarda la controversa ed intricata questione della crisi energetica. L?Europa è infatti l?epicentro di una crisi …
Spread Btp-Bund e non solo: Barclays indica i rischi di coda per l’Italia se ‘nonno’ Draghi esce di scena
Nessuna fumata bianca in arrivo dal primo giro di votazioni per l?elezione del Presidente della Repubblica. La maggioranza dei partiti ha dato indicazione di votare scheda bianca in attesa del …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #21
    L'avatar di asimpleplan
    Data Registrazione
    Nov 2019
    Messaggi
    3,692
    Mentioned
    23 Post(s)
    Quoted
    3098 Post(s)
    Potenza rep
    23232636
    Citazione Originariamente Scritto da bow Visualizza Messaggio
    I bond emergenti per un orizzonte lungo sono più opportuni con copertura valutaria
    Ciao Bow; leggendo i numerosi post da parte di utenti del Fol, si parla sempre della "regola" per cui nel caso di investimenti in bond EM in USD NON occorrerebbe la copertura valutaria in quanto gli effetti valuta tra euro e usd si eliderebbero nel lungo termine ( 15-20 anni).

    Corretto?

  2. #22
    L'avatar di bow
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    2,310
    Mentioned
    181 Post(s)
    Quoted
    2065 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da asimpleplan Visualizza Messaggio
    Ciao Bow; leggendo i numerosi post da parte di utenti del Fol, si parla sempre della "regola" per cui nel caso di investimenti in bond EM in USD NON occorrerebbe la copertura valutaria in quanto gli effetti valuta tra euro e usd si eliderebbero nel lungo termine ( 15-20 anni).

    Corretto?
    Sulla base dello storico relativamente sì, ma dipende...
    ...se hai preso in dollari nel 1985 o nel 2001 e tu compri dalla Germania (la cui valuta all'epoca rifletteva di più le quotazioni dell'euro, ovviamente la liretta era molto più debole) non hai compensato un bel nulla... hai speso 1500 euro/marchi nel 1985 per qualcosa che oggi vale 880 o 1150 euro/marchi nel 2001 per qualcosa che oggi vale 880.
    Senza dubbio in un fondo/indice ad accumulo che compensa con dividendi alti l'effetto valuta, rolling di bond che escono dall'indice con quelli che entrano, etc... sei in gain, ma se nel 1985 avessi comprato all'emissione un ipotetico titolo di Stato cileno in dollari scadenza dicembre 2021 oggi lo rimborsi a 880 quello che il nostro europeo ante-valuta ha pagato 1500.

    Questo per capire che le fluttuazioni della valuta, se attutite in conto capitale dall'azionario, nell'obbligazionario pesano come macigni etc...

    La valuta è tuttavia un'opportunità oltre che un rischio. Se parliamo di dollaro (la valuta più importante al mondo, quantomeno per diffusione ed utilizzo sui mercati finanziari) puoi applicare strategie d'investimento a "LEVA VALUTARIA" (fai diventare 'rischioso' l'investimento obbligazionario, ma anche decorrelato e potenzialmente compensativo di altri investimenti). Se il mondo dollaro ha un'inflazione BUONA (cresce, genera PIL) e il mondo da cui investi tu (es. l'Euro) la ha meno buona, il dollaro è ottimo rifugio. Guarda il 2018: l'azionario Europa -17% in un anno, l'obbligazionario lungo termine giù, l'oro terribilmente giù, l'obbligazionario high yield e quello emergenti lasciamo stare... il dollaro su. Avere bilanciato il portafoglio con USD 1-3 bond ed un pò di Nasdaq ti faceva chiudere bene un anno difficile per TUTTO il resto.
    Similmente in un rialzo dei tassi dove l'inflazione è 3 in Europa, e 6 negli USA e il PIL sale più in USA, una diversificazione valutaria a bassa maturità finanziaria USA non è un approccio CONSERVATIVO al mercato (non fa oscillare poco l'investimento), ma DIFENSIVO (può fare da scudo se obbligazionario e azionario scendono in tale scenario) verso una politica via via meno accomodante della FED sulla liquidità in circolazione.

    Se però il tuo è un investimento di LUNGHISSIMO PERIODO (il fondo pensione... il deposito titoli che lascerò non movimentato in Italia per 20 anni mentre accetto il mio lavoro in Norvegia etc...) attenzione perché l'incognita valutaria sull'obbligazionario pesa. Se eri un investitore (tedesco probabilmente...) che aveva messo tanti dollari in fondo pensione nel 1985 e oggi andava in pensione o nel 2001 aveva lasciato belle obbligazioni in dollari adesso ne soffrivi ancora.

    La realtà è che, come ho cercato di spiegare nei miei video sulla "costruzione di un portafoglio d'investimento" spesso si confondo obiettivi futuri e orizzonte d'investimento del portafoglio. Ho dei risparmi dico "li accantono per la pensione" (nel mio caso 20 anni) oppure "li lascio per mio figlio neonato quando compra casa" (25-30 anni) e credo di dover fare un portafoglio con strategia d'investimento ventennale. Come abbiamo visto in 22 anni è cambiato tutto... non avevamo neppure l'euro come valuta.
    Teoricamente l'investitore 100% azionario del 1929 che ha fatto ALL IN il giorno prima del crollo della borsa sui massimi di bolla, venticinque anni dopo, nel 1954 era in gain con gli interessi (almeno in USA... in Italia l'inflazione aveva divorato tutto).

    Quindi in un'allocazione strategica di LUNGO TERMINE a me piace molto l'asset obbligazionario paesi emergenti ed anche il High yield, e anche i governativi globali a maturità lunga, ma DOSEREI la quantità di dollaro e valute estere (per non parlare di quelle emergenti!!) ad una percentuale che la redditività del restante portafoglio obbligazionario può facilmente coprire con i suoi rendimenti da interesse.

    Nella realtà poi mi trovo a gestire investimenti sempre tattici... medio termine (4-5-6-8 anni), dove tenere conto della situazione attuale, anche valutaria nonché dei mercati, è più importante del fare buy&hold con la benda sugli occhi.

  3. #23
    L'avatar di asimpleplan
    Data Registrazione
    Nov 2019
    Messaggi
    3,692
    Mentioned
    23 Post(s)
    Quoted
    3098 Post(s)
    Potenza rep
    23232636
    Citazione Originariamente Scritto da bow Visualizza Messaggio
    Quindi in un'allocazione strategica di LUNGO TERMINE a me piace molto l'asset obbligazionario paesi emergenti ed anche il High yield, e anche i governativi globali a maturità lunga, ma DOSEREI la quantità di dollaro e valute estere (per non parlare di quelle emergenti!!) ad una percentuale che la redditività del restante portafoglio obbligazionario può facilmente coprire con i suoi rendimenti da interesse.
    A livello di risultati empirici nei portafogli che hai gestito o hai visto gestire, escludendo chi ha fatto all in sul dollaro sil lungo termine ( con quali risultati(?), quali % di USD "realistiche" in un portafoglio di un europeo che vive in europa ritieni (sulla base appunto di risultati empirici) sia "accettabile"?

    Leggendo con attenzione e ringraziandoti della tua disamina, da dove viene fuori allora l'idea ( il sentito dire) per il quale nel lunghissimo periodo le fluttuazioni valutarie ( valute forti) si elidono? Da quali dati (quindi male interpretati) viene fuori la possibilmente ambigua considerazione?

  4. #24

    Data Registrazione
    Oct 2019
    Messaggi
    1,142
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    988 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Comunque riuscire addirittura a perdere soldi con i bond EM anche con un TER del 2.4% non è mica così facile. VEMT a tre anni rende il 5.6 in USD.
    Evidentemente riescono a fregare soldi al di là delle commissioni ufficiali… mi piacerebbe di capire come fanno.

  5. #25
    L'avatar di blaklyon
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Messaggi
    3,229
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    578 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    é sempre la solita storia,detengo etf EM a tassazione agevolata su tutti gli indici(boxx, barclay, jpm, vanguard) ormai quasi tutti con flussi cedolari sotto il 5% , con i costi dei fondi al 2,4 come fai a recuperare?,metabolizza le perdite e cambia cavallo (etf) ad acc o distribuzione poco cambia , anzi restando nel settore suggerisco di osservare siby che nelle ultime 2 distribuzioni ha toccato 8% quotato su xetra tax ca 13% non vale la pena di applicare il by pass, poi tutti gli altri di cui puoi sfruttare la flessibilità tipica degli etf altri validi sono lyxor, e gli x tracker, distribuzione annuale il primo directa ti fa il pac gratis, siby lo accumulo con il pac fineco ,un'altra cosa da sfatare gli etf sono ingessati agli indici , ma gli indici sono attivi ,rivisti periodicamente
    Ultima modifica di blaklyon; 05-12-21 alle 09:44

  6. #26

    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    513
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    49 Post(s)
    Potenza rep
    11453275
    Citazione Originariamente Scritto da blaklyon Visualizza Messaggio
    é sempre la solita storia,detengo etf EM a tassazione agevolata su tutti gli indici(boxx, barclay, jpm, vanguard) ormai quasi tutti con flussi cedolari sotto il 5% , con i costi dei fondi al 2,4 come fai a recuperare?,metabolizza le perdite e cambia cavallo (etf) ad acc o distribuzione poco cambia , anzi restando nel settore suggerisco di osservare siby che nelle ultime 2 distribuzioni ha toccato 8% quotato su xetra tax ca 13% non vale la pena di applicare il by pass, poi tutti gli altri di cui puoi sfruttare la flessibilità tipica degli etf altri validi sono lyxor, e gli x tracker, distribuzione annuale il primo directa ti fa il pac gratis, siby lo accumulo con il pac fineco ,un'altra cosa da sfatare gli etf sono ingessati agli indici , ma gli indici sono attivi ,rivisti periodicamente
    Grazie, ma con gli emergenti mi sento ormai scottato, penso che, riavuti i soldi, andrò in cerca di qualcosa di più solido, anche perchè sono abbastanza all'asciutto di questi strumenti

  7. #27
    L'avatar di bow
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    2,310
    Mentioned
    181 Post(s)
    Quoted
    2065 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da freetimenow Visualizza Messaggio
    Comunque riuscire addirittura a perdere soldi con i bond EM anche con un TER del 2.4% non è mica così facile. VEMT a tre anni rende il 5.6 in USD.
    Evidentemente riescono a fregare soldi al di là delle commissioni ufficiali… mi piacerebbe di capire come fanno.
    Come gestore di un fondo puoi acquistare infiniti "servizi" da produttori amici degli stessi che non finiscono nel Total Expense Ratio.
    Se paghi un consulente ci dovrebbe finire, ma se effettui uno "swap" valutario svantaggioso (che ti costa, per dire, 5%) no.
    Senza considerare le possibili numerosissime operazioni in conflitto d'interessi invisibili. Non accuso nessuno, ma potenzialmente queste cose potrebbero accadere. E poi non c'è da sottovalutare incapacità ed inefficienza. E' pura utopia credere che dietro la scrivania ci sia gente che si scervella come ottenere risultati per il cliente, il primo pensiero, da quanto ho visto io, è alla propria redditività, budget, obiettivi commerciali, industriali, aspirazioni del manager che spera di riciclarsi in quell'altra azienda e fa un favore etc...

  8. #28

    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    5,983
    Mentioned
    32 Post(s)
    Quoted
    3356 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da bow Visualizza Messaggio
    Come gestore di un fondo puoi acquistare infiniti "servizi" da produttori amici degli stessi che non finiscono nel Total Expense Ratio.
    Se paghi un consulente ci dovrebbe finire, ma se effettui uno "swap" valutario svantaggioso (che ti costa, per dire, 5%) no.
    Senza considerare le possibili numerosissime operazioni in conflitto d'interessi invisibili. Non accuso nessuno, ma potenzialmente queste cose potrebbero accadere. E poi non c'è da sottovalutare incapacità ed inefficienza. E' pura utopia credere che dietro la scrivania ci sia gente che si scervella come ottenere risultati per il cliente, il primo pensiero, da quanto ho visto io, è alla propria redditività, budget, obiettivi commerciali, industriali, aspirazioni del manager che spera di riciclarsi in quell'altra azienda e fa un favore etc...
    Ma queste sono situazioni comuni a tutte le aziende, in tutti i settori.
    Peraltro, pensare che tutti i clienti siano sempre costantemente danneggiati è una esagerazione.
    Significa pensare che tutti i clienti siamo completi ********* e non è così.
    Un minimo di servizio al cliente lo si fornisce, altrimenti la baracca non reggerebbe. Certo,ci sono casi estremi come mediolanum,dove i costi sono veramente ingestibili

  9. #29
    L'avatar di bow
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    2,310
    Mentioned
    181 Post(s)
    Quoted
    2065 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da totuccio2 Visualizza Messaggio
    Certo,ci sono casi estremi come mediolanum,dove i costi sono veramente ingestibili
    Mediolanum è una delle aziende che "va meglio" nel settore. Il che è esplicativo di quale è il settore.

  10. #30

    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    5,983
    Mentioned
    32 Post(s)
    Quoted
    3356 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da bow Visualizza Messaggio
    Mediolanum è una delle aziende che "va meglio" nel settore. Il che è esplicativo di quale è il settore.
    Io ho un cliente imprenditore che ha tanti soldi a mediolanum. A questo punto non riesco a capire

Accedi