Spread p/e - forward p/e insieme a p/bv per identificare bolle speculative - Pagina 4
Nvidia e il successo dei suoi GPU per il crypto mining. Correlazione sempre più alta con il Bitcoin (Grafico)
Se è vero che sta diventando sempre più evidente la correlazione tra il trend dell’azionario e quello dei cripto asset come Bitcoin et similia, è altrettanto vero che ci sono …
Il Covid-19 ha arricchito i miliardari: ora controllano il 3.5% della ricchezza globale
La quota di ricchezza detenuta dai miliardari a livello globale è salita a livelli record durante l?emergenza Covid-19, almeno stando a quanto riporta nella sua ricerca annuale il World Inequality Lab fondato dall?economista francese …
Su piano Unicredit aspettative molto alte, forse troppo. Ecco cosa Orcel è chiamato a dare in pasto al mercato
Unicredit si presenta all’appuntamento con la presentazione del nuovo business plan, in programma domani 9 dicembre, con il vento in poppa in Borsa. Con il +2,4% di ieri (close a …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #31
    L'avatar di cataflic
    Data Registrazione
    Oct 2002
    Messaggi
    5,150
    Mentioned
    68 Post(s)
    Quoted
    1454 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da Gabriele01 Visualizza Messaggio
    Quindi quando compri un paniere globale le cui caratteristiche sono quelle di avere bassa variabilità degli utili, quindi costanti e in crescita nel caso specifico ed hai quindi un p/e di 10, non sta a significare che in caso gli utili rimangano costanti senza crescere ripaghi l’investimento in 10 anni?
    A differenza di tanti, tu fai delle considerazioni "sensate", capisco il ragionamento che ci sta dietro, ma...purtroppo...nè questo nè altro ti darà una informazione utile per approcciare il mercato superiore a "più o meno storicamente in 10 anni ho una probabilità di avere in media il +100%, al minimo un -15% e al massimo un +200%"...accetti il rischio per un dato periodo? sì? e allora compri e tieni per quel periodo, ben conscio che niente ti saprà salvare se sei lo sfortunato a cui capita il -15%...dieci anni buttati nel gabinetto...ma lo sai solo dopo.
    Il mio punto è semplicemente questo...ma l'esperienza pare non sia trasmissibile...il bimbo si deve sfracassare col monopattino senza mani...sperando che non si faccia troppo male e che impari per la volta dopo.

  2. #32

    Data Registrazione
    May 2021
    Messaggi
    318
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    244 Post(s)
    Potenza rep
    12169188
    Citazione Originariamente Scritto da cataflic Visualizza Messaggio
    A differenza di tanti, tu fai delle considerazioni "sensate", capisco il ragionamento che ci sta dietro, ma...purtroppo...nè questo nè altro ti darà una informazione utile per approcciare il mercato superiore a "più o meno storicamente in 10 anni ho una probabilità di avere in media il +100%, al minimo un -15% e al massimo un +200%"...accetti il rischio per un dato periodo? sì? e allora compri e tieni per quel periodo, ben conscio che niente ti saprà salvare se sei lo sfortunato a cui capita il -15%...dieci anni buttati nel gabinetto...ma lo sai solo dopo.
    Il mio punto è semplicemente questo...ma l'esperienza pare non sia trasmissibile...il bimbo si deve sfracassare col monopattino senza mani...sperando che non si faccia troppo male e che impari per la volta dopo.
    Io credo che tu debba approfondire meglio..
    Questo perché se a me che mi sovraespongo ad azionario globale con parametri value, dovesse andare male, non oso immaginare a chi invece si è sovraesposto ad azionario growth.. che oltre ad essere oggettivamente caro, non ha nemmeno una stabilità negli utili.
    Quello che penso tu non abbia capito è che qui, in questo caso, si hanno davanti due scelte: azionario growth o azionario value..
    A parità di multipli io sceglierei comunque un dividend aristocrats ( earnings aristocrat)..
    Io cerco di fare meglio dell’indice globale classico proprio cercando di escludere il segmento attualmente più caro..
    So’ che posso sottoperformare, ma a me interessano flussi di cassa e comprare a prezzi in cui vi è redditività.
    Poi parli di -15% come esempio di risultato negativo a 10 anni........
    Con inflazione al 2% ( target banche centrali ) in 10 anni perdi il 20%...
    Quindi perdere il 15% su dieci anni è di fatto un risultato migliore rispetto a perdere sicuramente il 20%

  3. #33

    Data Registrazione
    May 2020
    Messaggi
    484
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    321 Post(s)
    Potenza rep
    11958373
    considera però che se il mercato storna e va ad un p/e di 15, i value che ora hanno pe di 12 è probabile che li ritrovi a 9 o 10, quindi il meno 20 % te lo becchi lo stesso

  4. #34

    Data Registrazione
    May 2021
    Messaggi
    318
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    244 Post(s)
    Potenza rep
    12169188
    Citazione Originariamente Scritto da gallocedrone Visualizza Messaggio
    considera però che se il mercato storna e va ad un p/e di 15, i value che ora hanno pe di 12 è probabile che li ritrovi a 9 o 10, quindi il meno 20 % te lo becchi lo stesso
    Ma certo!! Non ho mai detto che la volatilità non me la prendo tutta!!! Infatti posso mediare.
    Il discorso è che sei sotto del 30% magari con entrambi, ma almeno il value mantiene redditività e io continuo a percepirla sotto forma di dividendi..
    Poi certezze sugli utili non ce ne sono per definizione... per questo metà portafoglio è obbligazionario high yeld e emergenti....

  5. #35
    L'avatar di icecube
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    3,850
    Mentioned
    72 Post(s)
    Quoted
    757 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da cataflic Visualizza Messaggio
    Puoi tentare di fare previsioni, selezionare sottoindici e indicatori parziali, ma varranno sempre come uno a cui danno solo una fetta di pizza con il prosciutto e gli dicono di dire che pizza è....dirà :"prosciutto", ma invece è una quattro stagioni.
    Citazione Originariamente Scritto da wolfbalck Visualizza Messaggio
    Le previsioni possono dirti molto sul carattere di chi le fa; ma non ti dicono nulla sul futuro
    Citazione Originariamente Scritto da wolfbalck Visualizza Messaggio
    Un economista è un esperto che saprà domani perché le cose che ha predetto ieri non sono successe oggi
    Citazione Originariamente Scritto da simo78 Visualizza Messaggio
    Fossi in te mi sforzerei di avere qualche dubbio in più. Non troppi, qualcuno. Può essere salutare.
    Belle queste pillole di saggezza !!

    ...qualcuna già sentita, ma nel complesso me le segno !

    Ciao !

  6. #36

    Data Registrazione
    Dec 2020
    Messaggi
    902
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    887 Post(s)
    Potenza rep
    17417859
    Citazione Originariamente Scritto da Gabriele01 Visualizza Messaggio
    Poi parli di -15% come esempio di risultato negativo a 10 anni........
    Con inflazione al 2% ( target banche centrali ) in 10 anni perdi il 20%...
    Quindi perdere il 15% su dieci anni è di fatto un risultato migliore rispetto a perdere sicuramente il 20%
    Scusa ma se entro in VWCE ed in 10 anni ho una performance totale di -15% poi a questa non devo anche aggiungere il -20% che i miei soldi perderanno in 10 anni di inflazione al 2%?
    - Se tengo i soldi sotto al materasso dopo 10 anni avranno perso il 20%
    - Se metto i soldi in VWCE come detto sopra i miei soldi investiti varranno circa il 35% in meno

    No?!

  7. #37

    Data Registrazione
    May 2021
    Messaggi
    318
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    244 Post(s)
    Potenza rep
    12169188
    Citazione Originariamente Scritto da smam79 Visualizza Messaggio
    Scusa ma se entro in VWCE ed in 10 anni ho una performance totale di -15% poi a questa non devo anche aggiungere il -20% che i miei soldi perderanno in 10 anni di inflazione al 2%?
    - Se tengo i soldi sotto al materasso dopo 10 anni avranno perso il 20%
    - Se metto i soldi in VWCE come detto sopra i miei soldi investiti varranno circa il 35% in meno

    No?!
    Non creare ingarbugliamenti inutili....
    Se consideri orizzonte temporale lungo come 10 anni devi considerare inflazione sempre..
    Anche perché in questi 10 anni che alternative hai? Se sai che le banche centrali vogliono stabilizzazione del tasso di crescita inflazione al 2.. Ti stanno dicendo che se resti liquido perdi il 2% annualizzato minimo sul lungo termine.
    Quindi se il tuo risultato netto reale è -15% hai fatto meglio che a rimanere liquido....
    Da qui si parte...
    Se vuoi rimanere comunque ampiamente diversificato hai due strade: value o growth....
    Se nemmeno vuoi scommettere su uno dei due, hai vwce, ma comprandolo ora laddove vi è sovraesposizione al growth, ti prendi la perdita secca su quella percentuale di esposizione...Qualora il rialzo prezzi attuale fosse bolla speculativa e non boom economico..
    Ovviamente se fai pac riduci il danno fino a fare un buon lavoro.
    Però basta guardare la statistica che ho pubblicato a inizio discussione...
    Chi compra a cape alti STATISTICAMENTE ottiene rendimenti inferiori se non negativi nei 15 anni successivi.
    Al di la’ di ciò, azionario difensivo-income, è intrinsecamente più sicuro del growth a pari condizioni di multipli...
    Il rischio è insito nelle azioni per cui ci possono essere grandi aspettative di utili futuri...
    La discussione è nata proprio per porre al centro dell’attenzione questa cosa.

  8. #38
    L'avatar di cataflic
    Data Registrazione
    Oct 2002
    Messaggi
    5,150
    Mentioned
    68 Post(s)
    Quoted
    1454 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da Gabriele01 Visualizza Messaggio
    Io credo che tu debba approfondire meglio..
    Questo perché se a me che mi sovraespongo ad azionario globale con parametri value, dovesse andare male, non oso immaginare a chi invece si è sovraesposto ad azionario growth.. che oltre ad essere oggettivamente caro, non ha nemmeno una stabilità negli utili.
    Quello che penso tu non abbia capito è che qui, in questo caso, si hanno davanti due scelte: azionario growth o azionario value..
    A parità di multipli io sceglierei comunque un dividend aristocrats ( earnings aristocrat)..
    Io cerco di fare meglio dell’indice globale classico proprio cercando di escludere il segmento attualmente più caro..
    So’ che posso sottoperformare, ma a me interessano flussi di cassa e comprare a prezzi in cui vi è redditività.
    Poi parli di -15% come esempio di risultato negativo a 10 anni........
    Con inflazione al 2% ( target banche centrali ) in 10 anni perdi il 20%...
    Quindi perdere il 15% su dieci anni è di fatto un risultato migliore rispetto a perdere sicuramente il 20%
    Gabriele, in questo momento, come in tutti gli altri momenti della storia, hai davanti sempre le stesse scelte, nessuno ti obbliga a fare azioni value, o bond corporate cinesi, o mettere tutto sui bitcoin o sul real brasiliano.
    Prendi il tuo profilo di rischio....rischia quel che devi e ...God bless you!

    Qualsiasi tua deduzione e/o teoria può essere smontata e ribaltata come un calzino, basta che il mercato faccia uno starnuto e si diriga là dove nessuno ha pensato prima, come succede, non quasi sempre.....proprio sempre!
    Magari i tuoi value vanno benissimo fino al 12/10/2030 sovraperformando i growth per 50%, ma poi succede un qualcosa di inaspettato che ribalta la situazione e al 12/10/2031 sono di nuovo in testa.....queste cose non le puoi sapere prima....passano anni e anni...nel 2011 c'era la crisi del debito, l'Italia sull'orlo del fallimento, Mario Monti, la Grecia a gambe all'aria....nel 2001 erano appena crollate le torri gemelle, la guerra in Afghanistan, il G8 a Genova...il tempo passa e sedimenta situazioni e fatti che prima erano impensabili.

  9. #39
    L'avatar di bomba84
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    18,171
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    8609 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da cataflic Visualizza Messaggio
    Gabriele, in questo momento, come in tutti gli altri momenti della storia, hai davanti sempre le stesse scelte, nessuno ti obbliga a fare azioni value, o bond corporate cinesi, o mettere tutto sui bitcoin o sul real brasiliano.
    Prendi il tuo profilo di rischio....rischia quel che devi e ...God bless you!

    Qualsiasi tua deduzione e/o teoria può essere smontata e ribaltata come un calzino, basta che il mercato faccia uno starnuto e si diriga là dove nessuno ha pensato prima, come succede, non quasi sempre.....proprio sempre!
    Magari i tuoi value vanno benissimo fino al 12/10/2030 sovraperformando i growth per 50%, ma poi succede un qualcosa di inaspettato che ribalta la situazione e al 12/10/2031 sono di nuovo in testa.....queste cose non le puoi sapere prima....passano anni e anni...nel 2011 c'era la crisi del debito, l'Italia sull'orlo del fallimento, Mario Monti, la Grecia a gambe all'aria....nel 2001 erano appena crollate le torri gemelle, la guerra in Afghanistan, il G8 a Genova...il tempo passa e sedimenta situazioni e fatti che prima erano impensabili.
    sante parole

  10. #40
    L'avatar di ScientiaPotentiaEst
    Data Registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    312 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da Gabriele01 Visualizza Messaggio
    Io credo che tu debba approfondire meglio..
    Questo perché se a me che mi sovraespongo ad azionario globale con parametri value, dovesse andare male, non oso immaginare a chi invece si è sovraesposto ad azionario growth.. che oltre ad essere oggettivamente caro, non ha nemmeno una stabilità negli utili.
    La tua è una percezione che però non trova supporto nell'evidenza empirica. Storicamente i portafogli di titoli value hanno beta medi più alti, drawdown maggiori, deviazioni standard maggiori e, anche per questi motivi, hanno offerto rendimenti maggiori dei portafogli growth. Perciò, in caso di mercati bearish, portafogli value dovrebbero soffrire di più. Questo perché, in media, i titoli value sono tipicamente aziende più indebitate, gestite in modo inefficiente o in conflitto d'interessi, con maggiori rischi operativi e con scarse opportunità di crescita.

    Un discorso che invece si potrebbe fare è circa la sensibilità dei titoli a variazioni dei tassi d'interesse. Se i titoli value sono anche i titoli che distribuiscono maggiori flussi nel breve termine, mentre quelli growth ne distribuiranno di più in futuro, i primi avrebbero una duration inferiore e dunque anche una minore sensibilità ai tassi d'interesse rispetto ai secondi.
    Immagini Allegate Immagini Allegate Spread p/e - forward p/e insieme a p/bv per identificare bolle speculative-cattura.png 

Accedi