Sta arrivando la recessione, vendete tutto sul mercato azionario (Vol 25) - Pagina 173
Posizioni nette corte: Saipem la più shortata di Piazza Affari, sul podio anche Saras e Falck
Dall?ultimo aggiornamento disponibile di Consob sulle posizioni nette corte (PNC) si apprende che il titolo più shortato a Piazza Affari è Saipem con 4 posizioni short aperte per una quota pari …
Impasse sul Quirinale non scuote Btp e spread, investitori convinti che la strada è segnata e porta a un solo nome
Anche la quinta giornata di votazioni non partorisce un nuovo presidnete della Repubblica. La quinta votazione ha visto l'ennesima fumata nera con Elisabetta Casellati, candidata indicata dal centrodestra, che non …
Gli ETF per affrontare i mercati ribassisti e ovviare al peso monstre delle Big Tech su Nasdaq, S&P 500 e Msci World
Il ritorno prepotente della volatilità sui mercati pone gli investitori davanti a molti interrogativi. Restare posizionati nell’azionario? E se sì, come rimodellare il proprio portafoglio? Le turbolenze dei mercati, con …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1721

    Data Registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    2,855
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    1454 Post(s)
    Potenza rep
    28049723
    Citazione Originariamente Scritto da Unexist Visualizza Messaggio
    Bravo Lumaca, Mibbone è top quest'anno
    Purtroppo per me.... alla fine ho desistito dal tenere ancora attivo lo short. Ora devo recuperare una minus di 2.420€. Con i soldi recuperati farò il reverse long prendendo long nei ritracci. Tanto ormai si è capito che lo faranno arrivare a 30k per natale. Giocherò qualche mezzo cippino short solo intraday per recuperare qualche centone sino al riassorbimento della perdita.

  2. #1722
    L'avatar di depositatore
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Messaggi
    459
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    351 Post(s)
    Potenza rep
    10629949
    Citazione Originariamente Scritto da sand1975 Visualizza Messaggio
    Il problema è che se prezzassero quell'inflazione i rendimenti dei bond sarebbero dovuti schizzare e invece scendono e l'oro dovrebbe essere alle stelle.

    Le azioni con alta liquidità (growth essenzialmente) sarebbero dovute scapicollare con le prospettive di svalutazione della stessa e volare azionario inflativo linked (banche, reit, energia) e non vedo questa forchetta. Sale tutto.

    Qualcosa non torna comunque se provi ad applicarci una logica.


    Focalizzandosi solo sull'inflazione e supponendo che il mercato l'abbia gia' prezzata, senza tirare in gioco eventuali rialzi dei tassi (che ogni banca centrale ha paura anche solo a nominare), per i vari asset mi aspetterei:

    Azionario SU (sia growth che value)
    Oro, Petrolio e commodities SU
    REIT SU
    Crypto SU


    Ciascuna con un suo perche' ma penso che siamo d'accordo che in assenza di rialzo dei tassi gli asset di cui sopra siano saliti coerentemente con le aspettative.

    Per i bond discorso tutto diverso, in teoria le vecchie emissioni avrebbero dovuto perdere valore invece mantengono, ma sui bond penso si sia scritto molto per sottolineare come non seguono nessuna logica negli ultimi tempi.

    Che ne pensi?

  3. #1723

    Data Registrazione
    Nov 2014
    Messaggi
    548
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    394 Post(s)
    Potenza rep
    6574284
    Citazione Originariamente Scritto da Unexist Visualizza Messaggio
    C'è una bella ricerca di Bofa su questo argomento. Il concetto è che o indovini il giorno del crollo con massimo 1 anno di anticipo oppure conviene buy and holdare, subirsi il tracollo e aspettare che il mercato risalga.

    Esempio concreto: se mi aspetto che entro il 4 Novembre del prossimo anno ci sia il crollo posso uscire oggi e fare pernacchia a tutti. Se però esco adesso e il crollo avverrà fra più di 12 mesi, allora avrei fatto meglio a restare investito.

    Questa ricerca è sulla storia di SP, nessuno garantisce che sarà così anche in futuro e nessuno obbliga ad essere o sempre investiti o sempre cash senza vie di mezzo. Nonostante le limitazioni dell'analisi mi sembra di buon senso per un investitore retail pigro che invece spesso deve decidere se fare PIC, PAC o fare nulla.
    La ricerca mostra che è stato sempre così in passato, o che è stato quasi sempre (tipo 90-95%) così in passato?

  4. #1724
    L'avatar di sand1975
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    11,738
    Mentioned
    55 Post(s)
    Quoted
    7525 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    @depositatore

    X i bond ritengo che con azionario si massimi e in crescita da 14 anni si cerchi un posto safe per la marea di liquidità che da qualche parte deve andare perché non può andare tutta su azionario (pensa ai fondi pensione). Non per niente la fed che di facciata parla di tapering dall’altra aumenta i limiti per i reverse repo e le aste vanno tutte bruciate in fretta. Il prezzo lo sta facendo il mercato e non l fed.

    Alla faccia del tapering e del ‘vendere i bond finché siete in tempo’ ancora oggi i rendimenti crollano. Guardate Francia e Germania e uk oltre usa

  5. #1725

    Data Registrazione
    Mar 2018
    Messaggi
    2,315
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    1367 Post(s)
    Potenza rep
    36432109
    Se SGLD arriva a 155 devo venderne 1/3 ... vediamo

  6. #1726

    Data Registrazione
    Mar 2018
    Messaggi
    2,315
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    1367 Post(s)
    Potenza rep
    36432109
    Citazione Originariamente Scritto da sand1975 Visualizza Messaggio
    @depositatore

    X i bond ritengo che con azionario si massimi e in crescita da 14 anni si cerchi un posto safe per la marea di liquidità che da qualche parte deve andare perché non può andare tutta su azionario (pensa ai fondi pensione). Non per niente la fed che di facciata parla di tapering dall’altra aumenta i limiti per i reverse repo e le aste vanno tutte bruciate in fretta. Il prezzo lo sta facendo il mercato e non l fed.

    Alla faccia del tapering e del ‘vendere i bond finché siete in tempo’ ancora oggi i rendimenti crollano. Guardate Francia e Germania e uk oltre usa
    Veramente difficile in questo momento decidere dove mettere la liquidità ... anche per noi piccoli

  7. #1727
    L'avatar di Unexist
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    6,247
    Mentioned
    82 Post(s)
    Quoted
    4513 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da marco164 Visualizza Messaggio
    La ricerca mostra che è stato sempre così in passato, o che è stato quasi sempre (tipo 90-95%) così in passato?
    Uscire massimo 1 anno prima è il risultato della media dei migliori punti di uscita prima dei crolli degli ultimi anni, non è che c'è una percentuale di successo, nel recente passato dalla dot.com in poi in media è andata così.

    Bisogna bilanciare due fattori: se esci troppo prima ti perdi l'ultima uncinata di salita che c'è spesso prima del crollo. Se tardi troppo ad uscire invece aumenta esponenzialmente il rischio di prenderti in faccia la spianata.

    E' una ricerca molto teorica ma aiuta a calmierare il timore sempre presente di entrare al massimo per poi beccarsi il crollo. Secondo questa ricerca o hai la certezza che entro un'anno si scende duro altrimenti se pensi ad un generico "tra 2-3-4 anni si scende" allora è meglio entrare subito in PIC piuttosto che aspettare. Anche se psicologicamente non è facile da sopportare e in futuro potrebbe andare diversamente.

  8. #1728

    Data Registrazione
    May 2021
    Messaggi
    419
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    340 Post(s)
    Potenza rep
    9864410
    Citazione Originariamente Scritto da Unexist Visualizza Messaggio
    Uscire massimo 1 anno prima è il risultato della media dei migliori punti di uscita prima dei crolli degli ultimi anni, non è che c'è una percentuale di successo, nel recente passato dalla dot.com in poi in media è andata così.

    Bisogna bilanciare due fattori: se esci troppo prima ti perdi l'ultima uncinata di salita che c'è spesso prima del crollo. Se tardi troppo ad uscire invece aumenta esponenzialmente il rischio di prenderti in faccia la spianata.

    E' una ricerca molto teorica ma aiuta a calmierare il timore sempre presente di entrare al massimo per poi beccarsi il crollo. Secondo questa ricerca o hai la certezza che entro un'anno si scende duro altrimenti se pensi ad un generico "tra 2-3-4 anni si scende" allora è meglio entrare subito in PIC piuttosto che aspettare. Anche se psicologicamente non è facile da sopportare e in futuro potrebbe andare diversamente.
    mi sembra che viste le valutazioni che ci sono in giro sia molto probabile uno storno prima o poi.
    qualcosa la politica dovrà cambiare, altrimenti cambierà il modello di valutazione delle aziende e del rischio degli investimenti.
    e' evidente che non può funzionare cosi a mio modo di vedere.

  9. #1729
    L'avatar di sand1975
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    11,738
    Mentioned
    55 Post(s)
    Quoted
    7525 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Cere86 Visualizza Messaggio
    Veramente difficile in questo momento decidere dove mettere la liquidità ... anche per noi piccoli
    Il problema è che noi possiamo tenerli sul conto corrente o sul conto deposito o al massimo scialacquarceli in donne, alcool e viaggi, gli istituzionali non possono farlo e alla fine finiscono sempre su dollaro e treasuries a varie scadenze perchè non c'è asset più sicuro. O al limite i Bund o poco altro per l'area euro, e tutto il resto va dietro a questi.

  10. #1730
    L'avatar di Unexist
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    6,247
    Mentioned
    82 Post(s)
    Quoted
    4513 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da klaas Visualizza Messaggio
    mi sembra che viste le valutazioni che ci sono in giro sia molto probabile uno storno prima o poi.
    qualcosa la politica dovrà cambiare, altrimenti cambierà il modello di valutazione delle aziende e del rischio degli investimenti.
    e' evidente che non può funzionare cosi a mio modo di vedere.
    Se ricordo giusto all'incirca gli storni di SP sono:

    tutti gli anni almeno un -5%
    ogni 2-3 anni un -10%
    ogni 3-4 anni un -20%
    ogni 10 anni un -30% o peggio

    Lo storno è sicuro ci sarà, nel frattempo entro un mesetto avremo i forecast approfonditi sul 2022 e potremo prepararci all'anno nuovo

Accedi