Guadagni del Fondo vs guadagni dell' investitore...chi vince?
Cathie Wood stecca ancora, ARK compra azioni Robinhood prima del crollo e continua il 2021 disastroso del suo ETF di punta
Nuovo passo falso di Cathie Wood in un 2021 non certo roseo dopo i fasti del 2020. La sua ARK Investment Management ha ampliato le sue scommesse su Robinhood proprio …
Amazon cenerentola dei Faang nel 2021 e Bezos perde la scia di Musk tra i paperoni di Wall Street. Trimestrale confermerà il momento no?
Si avvicina il test conti per Amazon. Il 28 ottobre, dopo la campanella di chiusura, il colosso del cloud e dell’e-commerce diramerà i conti del trimestre tra luglio e settembre. …
Unicredit: cosa attendersi da conti 3° trimestre e stime analisti su dividendi futuri. Orcel dovrà parare mitraglia domande su MPS
Forte attesa per i conti di Unicredit, prima banca di Piazza Affari che si presenta al test dei conti del terzo trimestre 2021. Il cda si è riunito oggi con …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di cataflic
    Data Registrazione
    Oct 2002
    Messaggi
    5,117
    Mentioned
    68 Post(s)
    Quoted
    1429 Post(s)
    Potenza rep
    42949692

    Guadagni del Fondo vs guadagni dell' investitore...chi vince?

    Why Fund Returns Are Lower Than You Might Think | Morningstar

    Non sono cose nuove, ma forse smarcata la questione costi, rimangono altri nodi da sciogliere...

  2. #2

    Data Registrazione
    Sep 2001
    Messaggi
    356
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    68 Post(s)
    Potenza rep
    7711088
    E' una guerra persa in partenza. Una volta la media delle persone aveva la 5 elementare (e prima nemmeno quella), poi la 3 media, ora siamo al diploma superiore ed alle lauree...ma i comportamenti finanziari sono rimasti quelli delle caverne.

  3. #3
    L'avatar di bow
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    2,157
    Mentioned
    158 Post(s)
    Quoted
    1931 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da ricoman Visualizza Messaggio
    E' una guerra persa in partenza. Una volta la media delle persone aveva la 5 elementare (e prima nemmeno quella), poi la 3 media, ora siamo al diploma superiore ed alle lauree...ma i comportamenti finanziari sono rimasti quelli delle caverne.
    Personalmente ho a che fare con risparmiatori dell'età del dopoguerra (attuali novantenni), boomers (60-70 enni), generazione X (40-50), millenials (trentenni).

    Ci sono differenze. Per carità in buona parte legate all'età anagrafica.

    Comunque i boomers sono stati la generazione più divorata dal mondo della gestione del risparmio (che in Italia quasi nasce con loro). La generazione X nella mia esperienza raramente ha grandissimi portafogli e fortune e nelle cose è piuttosto cauta (con le dovute eccezioni) soprattutto ha mediamente titoli di studio più alti che li rende clienti più complessi. I millenial non hanno mediamente titoli di studio così alti (alcuni seguono più la via di Masterchef che dei master) però secondo me per la gestione del risparmio sono davvero complicati da gestire, alcuni hanno grandi sostanze ereditate e rimangono nel giro per via di "relazioni" ereditate.

    La scarsa alfabetizzazione finanziaria è una costante, voluta mi permetto di credere, perché altrimenti non esisterebbe l'Industria del risparmio.

  4. #4
    L'avatar di asimpleplan
    Data Registrazione
    Nov 2019
    Messaggi
    3,286
    Mentioned
    17 Post(s)
    Quoted
    2803 Post(s)
    Potenza rep
    16699004
    Citazione Originariamente Scritto da cataflic Visualizza Messaggio
    Why Fund Returns Are Lower Than You Might Think | Morningstar

    Non sono cose nuove, ma forse smarcata la questione costi, rimangono altri nodi da sciogliere...
    Salve Cataflic;

    riassumendo:

    problemi nel "seguire" il fondo "migliore" facendo un market timing mascherato che genera una costante underperformance:

    Non sembrano che l'articolo ne citi altri .

    Corretto?

  5. #5
    L'avatar di asimpleplan
    Data Registrazione
    Nov 2019
    Messaggi
    3,286
    Mentioned
    17 Post(s)
    Quoted
    2803 Post(s)
    Potenza rep
    16699004
    Citazione Originariamente Scritto da bow Visualizza Messaggio
    Personalmente ho a che fare con risparmiatori dell'età del dopoguerra (attuali novantenni), boomers (60-70 enni), generazione X (40-50), millenials (trentenni).

    Ci sono differenze. Per carità in buona parte legate all'età anagrafica.

    Comunque i boomers sono stati la generazione più divorata dal mondo della gestione del risparmio (che in Italia quasi nasce con loro). La generazione X nella mia esperienza raramente ha grandissimi portafogli e fortune e nelle cose è piuttosto cauta (con le dovute eccezioni) soprattutto ha mediamente titoli di studio più alti che li rende clienti più complessi. I millenial non hanno mediamente titoli di studio così alti (alcuni seguono più la via di Masterchef che dei master) però secondo me per la gestione del risparmio sono davvero complicati da gestire, alcuni hanno grandi sostanze ereditate e rimangono nel giro per via di "relazioni" ereditate.

    La scarsa alfabetizzazione finanziaria è una costante, voluta mi permetto di credere, perché altrimenti non esisterebbe l'Industria del risparmio.
    Ciao Bow;

    Leggendo le classifiche sull'educazione finanziaria l'Italia è all'ultimo posto.

    E fin qua lo sanno tutti.

    Vedo però che Singapore e l'austria sono al primo; forse in questi paesi l'industria del gestito NON esiste o esiste in altri modi?
    Ultima modifica di asimpleplan; 20-09-21 alle 16:03

  6. #6
    L'avatar di Lukeblastxx
    Data Registrazione
    May 2011
    Messaggi
    3,125
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    1285 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da ricoman Visualizza Messaggio
    E' una guerra persa in partenza. Una volta la media delle persone aveva la 5 elementare (e prima nemmeno quella), poi la 3 media, ora siamo al diploma superiore ed alle lauree...ma i comportamenti finanziari sono rimasti quelli delle caverne.
    Questi argomenti andrebbero insegnati a scuola, mentre formi un ragazzo alla scuola dell'obbligo, invece niente, ai miei tempi preferivano insegnare persino religione, ma non a gestire il denaro.
    Magari è normale in una società dove si spingono le persone a comprare a rate, chiedere costantemente prestiti / vivere una spanna sopra le proprie possibilità.

  7. #7
    L'avatar di filosofem
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Messaggi
    470
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    215 Post(s)
    Potenza rep
    10887636
    purtroppo ancora oggi parlare di educazione finaziaria è come parlare di cacca mentre si mangia...

  8. #8
    L'avatar di cataflic
    Data Registrazione
    Oct 2002
    Messaggi
    5,117
    Mentioned
    68 Post(s)
    Quoted
    1429 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da asimpleplan Visualizza Messaggio
    Ciao Bow;

    Leggendo le classifiche sull'educazione finanziaria l'Italia è all'ultimo posto.

    E fin qua lo sanno tutti.

    Vedo però che Singapore e l'austria sono al primo; forse in questi paesi l'industria del gestito NON esiste o esiste in altri modi?
    Non saprei, forse l'impianto scolastico, ho letto che in Austria c'è un liceo socio-economico, ma non ho idea della importanza storica per l'evidenza di questi dati.
    Onestamente se devo essere "statistico" mi sembra che il campione di 1000 persone per queste ricerche sulla conoscenza finanziaria possa anche non essere rappresentativo.
    Dipende da chi scelgono e come viene fatto il test, anche perchè se chiedono ad un caprone di rispondere a domande di finanza probabilmente gira i tacchi, ma forse hanno considerato queste storture, chissà...
    Data la semplicità di accesso agli strumenti finanziari, rimane di sicuro una asimmetria informativa che nessuno del settore ha interesse a colmare.
    Un conto è prendere un albero abbatterlo, tagliarci delle assi di legno, limarle, laccarle e farci un mobile....è impossibile per il 99,99% della popolazione fare in autonomia una cosa del genere, ma per fare click per comprare una roba qualsiasi a mercato ci vogliono 2 secondi e quasi tutti sono in grado di farlo.
    Forse un domani quella piattaforma operativa che oggi diamo per scontata perchè è come una tshirt tra venti strati di vestiti tra i costi bancari di altre robe, una volta "denudata" avrà un costo palese e il sistema si riequiliberà, o sapremo che dovremo "vendere" i nostri dati ad altri come già adesso fanno alcune piattaforme.

    Per tornare all'articolo, io credo che comunque sia sottovalutata la sinergia consulente-investitore, perchè è vero che Ronaldo se lo metti in campo forse fa goal anche da solo, ma senza allenatore la squadra non vince.
    Alla fine il consulente vuole gestire nel tempo, il tempo è il miglior amico degli investimenti, quindi il bias è sinergico per entrambi.

Accedi