Dove trovare il p/e dell'etf GLDV ( no forward p/e ) ? - Pagina 2
Mercati alle prese con tre nodi da qui a fine anno, focus sugli asset meglio posizionati in ottica rialzo tassi
Il mercato del lavoro, le catene di approvvigionamento e la Cina. Sono questi i tre fattori da tener ben monitorati in questo momento dell?anno per superare senza particolari problemi la …
Titolo Telecom Italia sottovalutato? Mercato non dà retta a Gubitosi e in Borsa la tlc rivede gli inferi di ottobre 2020
Per Telecom Italia si sta materializzando un altro autunno da dimenticare in Borsa e anche le parole di Luigi Gubitosi non stanno riuscendo a dare fiato al titolo che segna …
Nasce il Mib ESG: funzionamento dell’indice e lista dei 40 titoli più sostenibili di Piazza Affari. Non mancano sorprese e differenze vs Ftse Mib
Prende vita oggi il primo indice Esg sulle blue chip di Piazza Affari. Il nuovo indice Mib ESG, annunciato oggi da Euronext, è infatti il primo indice Esg (Environmental, Social …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #11

    Data Registrazione
    May 2021
    Messaggi
    303
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    224 Post(s)
    Potenza rep
    11814852
    Citazione Originariamente Scritto da Dedalo Invest Visualizza Messaggio
    Non critico il p/e in sé, ma il modo in cui viene calcolato.

    O meglio, quando le aziende pubblicano i loro bilanci, anche rispettando in pieno la legge (non mi riferisco cioè a eventuali "falsi in bilancio"), i p/e possono essere "manipolati" abbastanza facilmente.

    L' "e" al denominatore sono gli earnings, i "net income", che sono molto sensibili a eventuali plusvalenze non derivanti dalla gestione operativa, ma da eventi "una tantum" che alzano o abbassano sensibilmente l'utile netto. Ma, a parte questo, i net income sono il valore finale di un processo complesso che porta alla redazione del bilancio di esercizio e che vede l'applicazione o di regole diverse in quanto stabilite dalla legge (a seconda degli standard usati dalle aziende: US GAAP o IFRS?) oppure perché il metodo di valutazione è a discrezione dei managers (alcuni hanno interesse ad essere più aggressivi, altri ad essere conservativi): questo avviene per la valutazione del costo del venduto (e quindi del magazzino - "Inventory"), dell'ammortamento delle immobilizzazioni materiali e immateriali e di molte altre voci di bilancio.

    Quindi, per avere dei valori "veritieri" ogni singolo bilancio dovrebbe essere analizzato e rivisto interamente, in modo che si giunga al net income seguendo esattamente le stesse metodologie di valutazione.

    Ecco perché secondo me i p/e pubblicati nei database (non rielaborati) non sono molto utili, a meno di non fare tutto il lavoro di cui sopra (una massa di lavoro immensa, che nessuno è disposto a fare gratuitamente). Ed ecco perché secondo me chi investe sulla base dell'analisi fondamentale senza avere la capacità, il tempo e la volontà di fare tutto quel lavoro, in realtà investe su una base che non ha alcuna capacità previsionale.
    Si ma tutto ciò quali differenze potrà mai produrre? Un p/e di 13 può diventare p/e di 14 o di 12 ?
    Inoltre..... la maggior parte dei gestori di fondi che hanno la possibilità e volontà di fare tutto quel lavoro ( parlo di fondi attivi che possono investire a livello globale quindi soppesare o sovrappesare macroaree) non sono in grado di battere il benchmark aggiungendo pure la possibilità di fare stock picking e market timing- coperture. Di che stiamo parlando?
    Comunque, laddove c'è diversificazione, ci si aspetta diversificazione anche nelle metodologie di valutazione dei managers.....
    Quindi se per dire un gruppo di aziende utilizza US GAAP, ed altre IFRS, si ha una media anche lì..

    Ma poi, al di là di ciò non credo proprio che la cosa impatti a tal punto da prendere decisioni errate, è fantascienza.

    In più credi che emittenti come ishares, vanguard, spdr non ci abbiano mai pensato? Credi che non si possano permettere di pagare un paio di neolaureati in materia per correggere il p/e che altrimenti sarebbe fuorviante per gli investitori? Investitori che potrebbero scegliere altro emittente. O meglio, come mai nessun emittente tra quelli citati, per strappare masse gestite alla concorrenza, non ha mai pensato di far rielaborare i p/e dei propri etf? O ancora perche non lo fanno gli index provider per gli emittenti? Perchè non hanno visto questa grandissima opportunità?
    Forse perchè non serve a nulla....
    Talvolta è sufficiente usare il buon senso per arrivare a capire che certe tematiche tipo questa che il p/e è fuorviante perchè non rielaborato, sono messe in giro da chi ha interesse a far credere che se vuoi investire correttamente, devi appoggiarti per forza al "servizio " di rielaborazione p/e e pagare.
    Non dico che "Dedalo Invest" abbia interessi in questo senso, ma qualche dubbio in più è lecito in quanto società di consulenza... qualche dubbio in più rispetto ad un semplice investitore che non ha alcun interesse se non fare bene ciò che deve fare.
    O magari siete anche voi vittime di questa cosa, messa in giro da sgr, che poi non battono i benchmark nella maggior parte dei casi.

  2. #12
    L'avatar di Dedalo Invest
    Data Registrazione
    May 2019
    Messaggi
    897
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    596 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da Gabriele01 Visualizza Messaggio
    Si ma tutto ciò quali differenze potrà mai produrre? Un p/e di 13 può diventare p/e di 14 o di 12 ?
    Certo, un utile può tranquillamente diventare una perdita e viceversa.
    Citazione Originariamente Scritto da Gabriele01 Visualizza Messaggio
    Inoltre..... la maggior parte dei gestori di fondi che hanno la possibilità e volontà di fare tutto quel lavoro ( parlo di fondi attivi che possono investire a livello globale quindi soppesare o sovrappesare macroaree) non sono in grado di battere il benchmark aggiungendo pure la possibilità di fare stock picking e market timing- coperture. Di che stiamo parlando?
    Stiamo parlando (per lo meno è quello di cui sto parlando io) del fatto che il p/e preso da qualche database non ha capacità predittiva. Secondo me ovviamente.
    Infatti come dici, anche la maggior parte dei gestori dei fondi attivi non ci riescono (anche per via delle alte commissioni di gestione). Con commissioni parificate a quelle di un ETF ci riuscirebbero in molti di più (ma parificare le commissioni è quasi impossibile visti i costi e comunque in Italia siamo proprio lontani anche da un semplice ridimensionamento dei costi della gestione attiva).
    Citazione Originariamente Scritto da Gabriele01 Visualizza Messaggio
    Comunque, laddove c'è diversificazione, ci si aspetta diversificazione anche nelle metodologie di valutazione dei managers.....
    Quindi se per dire un gruppo di aziende utilizza US GAAP, ed altre IFRS, si ha una media anche lì..
    Uno standard ha delle regole, uno ha altre regole. Così com'è ora semmai è una media. Ma è una media distorta (verso il basso o verso l'alto, chissà), perché i criteri di valutazione utilizzati non sono gli stessi.
    Poi non è solo un problema di standard: anche all'interno di uno stesso standard si lascia un certo margine di scelta dei criteri di valutazione da utilizzare.
    Citazione Originariamente Scritto da Gabriele01 Visualizza Messaggio
    Ma poi, al di là di ciò non credo proprio che la cosa impatti a tal punto da prendere decisioni errate, è fantascienza.
    Certo, come no. E' risaputo che basta fare un buono screening e si guadagna più della media.

    Purtroppo fantascienza è proprio l'opposto: pensare di fare meglio del mercato con uno screening di qualche indice di bilancio.

    Citazione Originariamente Scritto da Gabriele01 Visualizza Messaggio
    In più credi che emittenti come ishares, vanguard, spdr non ci abbiano mai pensato? Credi che non si possano permettere di pagare un paio di neolaureati in materia per correggere il p/e che altrimenti sarebbe fuorviante per gli investitori? Investitori che potrebbero scegliere altro emittente. O meglio, come mai nessun emittente tra quelli citati, per strappare masse gestite alla concorrenza, non ha mai pensato di far rielaborare i p/e dei propri etf? O ancora perche non lo fanno gli index provider per gli emittenti? Perchè non hanno visto questa grandissima opportunità?
    Forse perchè non serve a nulla....
    Ma sì, bastano un paio di neolaureati e si risolve il problema...

    Forse non serve a nulla, forse costa troppo, forse non gli interessa. Chiedilo a loro. O forse la usano già e non ce lo dicono: può essere anche questo.

    Io credo che non gli interessi. La gestione passiva (e gli ETF) nascono con l'obiettivo di replicare il mercato e farlo a basso costo. Poi si sa, la concorrenza aumenta e si cercano nuovi metodi per guadagnare clienti: ETF in leva, ETF short, ETF di nicchia, ETF sui fattori, ETF a gestione attiva. Sono novità, il marketing le impone; la moda le impone. Sempre a costo basso, ma un po' più alto degli altri.

    Ovviamente potrei sbagliarmi, ci sta benissimo.
    Citazione Originariamente Scritto da Gabriele01 Visualizza Messaggio
    Talvolta è sufficiente usare il buon senso per arrivare a capire che certe tematiche tipo questa che il p/e è fuorviante perchè non rielaborato, sono messe in giro da chi ha interesse a far credere che se vuoi investire correttamente, devi appoggiarti per forza al "servizio " di rielaborazione p/e e pagare.
    Non dico che "Dedalo Invest" abbia interessi in questo senso, ma qualche dubbio in più è lecito in quanto società di consulenza... qualche dubbio in più rispetto ad un semplice investitore che non ha alcun interesse se non fare bene ciò che deve fare.
    O magari siete anche voi vittime di questa cosa, messa in giro da sgr, che poi non battono i benchmark nella maggior parte dei casi.
    Sono cose risapute in economia aziendale da anni. Per capirle, serve però una certa conoscenza dei bilanci e dell'analisi di bilancio. Ma il ragionamento che ha portato a quanto ho scritto sopra è mio e solo mio: non è messo in giro da nessuno.

    Per quanto riguarda le accuse che mi rivolgi, sei libero di pensare quello che vuoi. Il nostro sito è pubblico, gli articoli e la maggior parte di ciò che c'è è gratis. Non tutto, ma ciò che non è gratis non ha niente a che vedere con questo argomento.

    Se ti senti attaccato mi dispiace: volevo contribuire a questa discussione con un punto di vista diverso. Ma sei liberissimo di non ascoltarlo, come stai già facendo.

    La mia critica poi non va nella direzione di utilizzare un analista specializzato; semmai, va nella direzione opposta: dato che è difficilissimo ricavare informazioni che abbiano capacità predittive, è meglio comprare tutto il mercato, il più diversificato possibile.

  3. #13

    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    8,154
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    3220 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Comprare

  4. #14

    Data Registrazione
    May 2021
    Messaggi
    303
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    224 Post(s)
    Potenza rep
    11814852
    Citazione Originariamente Scritto da Dedalo Invest Visualizza Messaggio
    Certo, un utile può tranquillamente diventare una perdita e viceversa.

    Stiamo parlando (per lo meno è quello di cui sto parlando io) del fatto che il p/e preso da qualche database non ha capacità predittiva. Secondo me ovviamente.
    Infatti come dici, anche la maggior parte dei gestori dei fondi attivi non ci riescono (anche per via delle alte commissioni di gestione). Con commissioni parificate a quelle di un ETF ci riuscirebbero in molti di più (ma parificare le commissioni è quasi impossibile visti i costi e comunque in Italia siamo proprio lontani anche da un semplice ridimensionamento dei costi della gestione attiva).

    Uno standard ha delle regole, uno ha altre regole. Così com'è ora semmai è una media. Ma è una media distorta (verso il basso o verso l'alto, chissà), perché i criteri di valutazione utilizzati non sono gli stessi.
    Poi non è solo un problema di standard: anche all'interno di uno stesso standard si lascia un certo margine di scelta dei criteri di valutazione da utilizzare.

    Certo, come no. E' risaputo che basta fare un buono screening e si guadagna più della media.

    Purtroppo fantascienza è proprio l'opposto: pensare di fare meglio del mercato con uno screening di qualche indice di bilancio.


    Ma sì, bastano un paio di neolaureati e si risolve il problema...

    Forse non serve a nulla, forse costa troppo, forse non gli interessa. Chiedilo a loro. O forse la usano già e non ce lo dicono: può essere anche questo.

    Io credo che non gli interessi. La gestione passiva (e gli ETF) nascono con l'obiettivo di replicare il mercato e farlo a basso costo. Poi si sa, la concorrenza aumenta e si cercano nuovi metodi per guadagnare clienti: ETF in leva, ETF short, ETF di nicchia, ETF sui fattori, ETF a gestione attiva. Sono novità, il marketing le impone; la moda le impone. Sempre a costo basso, ma un po' più alto degli altri.

    Ovviamente potrei sbagliarmi, ci sta benissimo.

    Sono cose risapute in economia aziendale da anni. Per capirle, serve però una certa conoscenza dei bilanci e dell'analisi di bilancio. Ma il ragionamento che ha portato a quanto ho scritto sopra è mio e solo mio: non è messo in giro da nessuno.

    Per quanto riguarda le accuse che mi rivolgi, sei libero di pensare quello che vuoi. Il nostro sito è pubblico, gli articoli e la maggior parte di ciò che c'è è gratis. Non tutto, ma ciò che non è gratis non ha niente a che vedere con questo argomento.

    Se ti senti attaccato mi dispiace: volevo contribuire a questa discussione con un punto di vista diverso. Ma sei liberissimo di non ascoltarlo, come stai già facendo.

    La mia critica poi non va nella direzione di utilizzare un analista specializzato; semmai, va nella direzione opposta: dato che è difficilissimo ricavare informazioni che abbiano capacità predittive, è meglio comprare tutto il mercato, il più diversificato possibile.
    Ma qui non si tratta di fare previsioni con il p/e. Chi compra un paniere di azioni a livello globale, che hanno la caratteristica di produrre utili costanti e in crescita da anni, sta comprando stabilità presente e, con ragionevole certezza, stabilità futura sugli utili.
    Un pò come il settore consumer staples.. Ha dimostrato di essere maggiormente resiliente nelle più grandi crisi.
    Questo non significa che non possano anche loro andare in bolla. Se si osservano i multipli di quel settore si nota come non siano prezzi convenienti.

    Comprare un paniere di aziende, i cui utili ripagano l'investimento fatto in 20 anni, piuttosto che 10, non trattasi di fare previsioni su nulla. Si sta comprando qualcosa che ha una maggiore redditività.
    Hai parlato di "fare meglio del mercato".. ma qui, almeno nel mio caso, non si sta inseguendo le performance... Io ho bisogno di stabilità nella redditività. Il growth potrà fare il 20 % annuo ancora per i prossimi 10 anni (follia ma assolutamente non impossibile ) , a me importa poco se tra 10 anni ho fatto il 5% annuo.

    " pensare di fare meglio del mercato con lo screening di qualche indice di bilancio è fantascienza "

    Beh, da questa statistica emerge invece il contrario....... : Allegato 2786603


    Vedrai sotto il nome di uno you tuber- consulente finanziario indipendente, però questa statistica non è sua... ma è stata pubblicata da una società, jp morgan o forse pimco, sinceramente non ricordo.
    E non mi pare certo che si parli di cape "rielaborati".....

    Comunque non mi sento attaccato, ci mancherebbe altro, anzi ringrazio ogni volta chi prova a smontare dando chiare spiegazioni e supportando il tutto con dati chiari e inconfutabili.
    Però nutro sempre un pò di diffidenza da chi comunque trae il proprio profitto attraverso servizi di consulenza o cose simili..In quanto spesso il lavoro di chi fà consulenza ( o offre servizi di questo tipo ) è quello di ceare complicazioni laddove non ci sono, in modo da convincere il cliente che non può farcela da solo e deve affidarsi a professionisti.
    Ho partecipato a diverse conferenze organizzate da gestori, e sono molto bravi,intelligenti e preparati ( non sono ironico ), però alla fine dietro tutte le loro parole,complicazioni ecc, vi erano fondi incapaci di battere il benchmark.
    E qui cosa puoi dire? Che stavano solo facendo il loro lavoro di complicare il più possibile e scoraggiare il potenziale cliente.

    Ad ogni modo, non sto dicendo che la consulenza non serva a nulla, anzi secondo me servirebbe alla maggior parte degli investitori fai da te.

    PS. quando definisci gli etf basati su alcuni fattori solo dei modi per attrarre clienti con le novità, è vero che lo sono, ma è anche vero che alcuni etf smart beta ad esempio, si sono dimostrati efficienti rispetto ad un indice normale, su un periodo di tempo sufficientemente lungo. Basta osservare gli indici replicati da MVOL e IWQU....
    Ultima modifica di Gabriele01; 12-09-21 alle 14:56

  5. #15
    L'avatar di Dedalo Invest
    Data Registrazione
    May 2019
    Messaggi
    897
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    596 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da Gabriele01 Visualizza Messaggio
    Ma qui non si tratta di fare previsioni con il p/e. Chi compra un paniere di azioni a livello globale, che hanno la caratteristica di produrre utili costanti e in crescita da anni, sta comprando stabilità presente e, con ragionevole certezza, stabilità futura sugli utili.
    Un pò come il settore consumer staples.. Ha dimostrato di essere maggiormente resiliente nelle più grandi crisi.
    Questo non significa che non possano anche loro andare in bolla. Se si osservano i multipli di quel settore si nota come non siano prezzi convenienti.

    Comprare un paniere di aziende, i cui utili ripagano l'investimento fatto in 20 anni, piuttosto che 10, non trattasi di fare previsioni su nulla. Si sta comprando qualcosa che ha una maggiore redditività.
    Hai parlato di "fare meglio del mercato".. ma qui, almeno nel mio caso, non si sta inseguendo le performance... Io ho bisogno di stabilità nella redditività. Il growth potrà fare il 20 % annuo ancora per i prossimi 10 anni (follia ma assolutamente non impossibile ) , a me importa poco se tra 10 anni ho fatto il 5% annuo.

    " pensare di fare meglio del mercato con lo screening di qualche indice di bilancio è fantascienza "

    Beh, da questa statistica emerge invece il contrario....... : Allegato 2786603


    Vedrai sotto il nome di uno you tuber- consulente finanziario indipendente, però questa statistica non è sua... ma è stata pubblicata da una società, jp morgan o forse pimco, sinceramente non ricordo.
    E non mi pare certo che si parli di cape "rielaborati".....

    Comunque non mi sento attaccato, ci mancherebbe altro, anzi ringrazio ogni volta chi prova a smontare dando chiare spiegazioni e supportando il tutto con dati chiari e inconfutabili.
    Però nutro sempre un pò di diffidenza da chi comunque trae il proprio profitto attraverso servizi di consulenza o cose simili..In quanto spesso il lavoro di chi fà consulenza ( o offre servizi di questo tipo ) è quello di ceare complicazioni laddove non ci sono, in modo da convincere il cliente che non può farcela da solo e deve affidarsi a professionisti.
    Ho partecipato a diverse conferenze organizzate da gestori, e sono molto bravi,intelligenti e preparati ( non sono ironico ), però alla fine dietro tutte le loro parole,complicazioni ecc, vi erano fondi incapaci di battere il benchmark.
    E qui cosa puoi dire? Che stavano solo facendo il loro lavoro di complicare il più possibile e scoraggiare il potenziale cliente.

    Ad ogni modo, non sto dicendo che la consulenza non serva a nulla, anzi secondo me servirebbe alla maggior parte degli investitori fai da te.

    PS. quando definisci gli etf basati su alcuni fattori solo dei modi per attrarre clienti con le novità, è vero che lo sono, ma è anche vero che alcuni etf smart beta ad esempio, si sono dimostrati efficienti rispetto ad un indice normale, su un periodo di tempo sufficientemente lungo. Basta osservare gli indici replicati da MVOL e IWQU....
    Ok, nessun problema.

    L'ultimo mio commento riguarda la parte in grassetto: tutto il mio discorso non è finalizzato a consigliare una consulenza. Semmai di replicare il mercato, con strumenti economici come gli ETF, senza cercare di fare market timing o stock (ETF) picking. Il massimo della semplificazione, quindi.

  6. #16

    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    9,649
    Blog Entries
    61
    Mentioned
    17 Post(s)
    Quoted
    691 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Gabriele01, non posso parlare per tutte le gestioni attive ma posso rispondere ad alcuni dei tuoi dubbi per quello che facciamo noi: il P/E lo si guarda se si sta discutendo a grandi linee di qualche tematica, ma per fare picking dei singoli nomi si usano modelli analitici e previsionali sulle singole voci di bilancio a partire da quelle in cima al Conto Economico e poi a scendere per tutte le altre non calcolate, fino ai tre diversi FCF.

    Se qualcosa sa di strano, si scava nel dettaglio; se anche così puzza di marcio, si può stare definitivamente alla larga.

    Nessuno compra solo perchè vede un P/E sotto soglia, anche se si tratta dell'azienda con la minore volatilità degli utili mai registrata; purtroppo in passato ho conosciuto diverse analisti che facevano proprio così: «P/E interessante? Avanti tutta!» e poi amare delusioni.

    Ovviamente questo non assicura di battere il benchmark.

  7. #17

    Data Registrazione
    May 2021
    Messaggi
    303
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    224 Post(s)
    Potenza rep
    11814852
    Citazione Originariamente Scritto da Cren Visualizza Messaggio
    Gabriele01, non posso parlare per tutte le gestioni attive ma posso rispondere ad alcuni dei tuoi dubbi per quello che facciamo noi: il P/E lo si guarda se si sta discutendo a grandi linee di qualche tematica, ma per fare picking dei singoli nomi si usano modelli analitici e previsionali sulle singole voci di bilancio a partire da quelle in cima al Conto Economico e poi a scendere per tutte le altre non calcolate, fino ai tre diversi FCF.

    Se qualcosa sa di strano, si scava nel dettaglio; se anche così puzza di marcio, si può stare definitivamente alla larga.

    Nessuno compra solo perchè vede un P/E sotto soglia, anche se si tratta dell'azienda con la minore volatilità degli utili mai registrata; purtroppo in passato ho conosciuto diverse analisti che facevano proprio così: «P/E interessante? Avanti tutta!» e poi amare delusioni.

    Ovviamente questo non assicura di battere il benchmark.
    Si però chi faceva così si schiantava perché finiva a ragionare così su singoli titoli o indici settoriali..
    Qui si parla di indici globali, si analizza come se si analizzasse l’sp500.. o altri indici diversificati..
    Dimmi chi si è schiantato mai su un Dividend aristocrats globale, o altri indici globali sui quali l’earning è stabile.. mettendoseli in carico in momenti in cui i p/e erano sostenibili... Oltre ad un contenuto spread tra p/e e forward p/e..oltre al p/bv..
    Se osservi la statistica lì sopra definisce che un cape in carico a valori inferiori a 10, su indici come quelli analizzati, ha prodotto rendimenti positivi interessanti nei successivi 15 anni, qualsiasi fossero i prezzi di carico dell’indice..

    Non si tratta di avere il miglior rendimento futuro, ma di evitare di comprare panieri in bolla..
    Oggi cosa non è in bolla? Per logica si arriva a pensare che il growth sia in bolla, i multipli confermano.

    Basta confrontare gli indici msci world value e msci world growth...

    https://www.msci.com/documents/10199...d-a7b56eca8e0d

    https://www.msci.com/documents/10199...7-2fd47939ed28

    Non pensano ci siano dubbi su quale sia meglio mettersi in carico attualmente, considerando che nessuno conosce il futuro... Se prendi il value sai che quanto meno non hai comprato il segmento in bolla.
    Lo si nota dalla sottoperformance rispetto all'indice globale classico..
    Siccome si parla di allocazione tramite pac- VA no sell, si preferisce mettersi in carico oggi il segmento- paniere meno caro e più tardi , magari a multipli più convenienti, il segmento che oggi è potenzialmente in bolla...

    Si parla di questi indici, mica di settoriali o peggio singoli titoli.
    Ultima modifica di Gabriele01; 12-09-21 alle 21:09

  8. #18
    L'avatar di cataflic
    Data Registrazione
    Oct 2002
    Messaggi
    5,107
    Mentioned
    68 Post(s)
    Quoted
    1426 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da Gabriele01 Visualizza Messaggio
    Si però chi faceva così si schiantava perché finiva a ragionare così su singoli titoli o indici settoriali..
    Qui si parla di indici globali, si analizza come se si analizzasse l’sp500.. o altri indici diversificati..
    Dimmi chi si è schiantato mai su un Dividend aristocrats globale, o altri indici globali sui quali l’earning è stabile.. mettendoseli in carico in momenti in cui i p/e erano sostenibili... Oltre ad un contenuto spread tra p/e e forward p/e..oltre al p/bv..
    Se osservi la statistica lì sopra definisce che un cape in carico a valori inferiori a 10, su indici come quelli analizzati, ha prodotto rendimenti positivi interessanti nei successivi 15 anni, qualsiasi fossero i prezzi di carico dell’indice..

    Non si tratta di avere il miglior rendimento futuro, ma di evitare di comprare panieri in bolla..
    Oggi cosa non è in bolla? Per logica si arriva a pensare che il growth sia in bolla, i multipli confermano.
    I dati possono essere non veritieri, ma il discorso vale soprattutto con lo stock picking, se pigli un indice medi per definizione, accettando un bias situazionale dove alla maggior parte dei manager può convenire fare certe operazioni in un dato periodo storico, ma non si passa da 15 a 67...
    Il tuo ragionamento è fondamentalmente corretto, ma forse alla fine è solo una diversa espressione della volatilità del prodotto e puoi basarti anche su quella, senza scomodare i pe.
    L'impressione è che forse stai solo scegliendo un beta <1 che disegna un investimento meno rischioso e arrembante, probabilmente piú lontano da una bolla.

  9. #19

    Data Registrazione
    May 2021
    Messaggi
    303
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    224 Post(s)
    Potenza rep
    11814852
    Citazione Originariamente Scritto da cataflic Visualizza Messaggio
    I dati possono essere non veritieri, ma il discorso vale soprattutto con lo stock picking, se pigli un indice medi per definizione, accettando un bias situazionale dove alla maggior parte dei manager può convenire fare certe operazioni in un dato periodo storico, ma non si passa da 15 a 67...
    Il tuo ragionamento è fondamentalmente corretto, ma forse alla fine è solo una diversa espressione della volatilità del prodotto e puoi basarti anche su quella, senza scomodare i pe.
    L'impressione è che forse stai solo scegliendo un beta <1 che disegna un investimento meno rischioso e arrembante, probabilmente piú lontano da una bolla.
    Sono d'accordo che i dati potrebbero non essere veritieri.. però qui non si devono fare "atti di fede" e fidarsi ciecamente.. Si cerca di usare il buon senso. La statistica sta praticamente confermando una tesi su cui siamo tutti d'accordo:
    Comprare un paniere di aziende ampiamente diversificato, con una redditività in grado di ripagare l'investimento in 10 anni, è preferibile rispetto a prendere un paniere di aziende i cui utili ripagano l'investimento fatto in 30 anni.
    Se la statistica avesse riportato l'opposto, ovvero che alla messa in carico di un p/e maggiore sono stati ottenuti dei risultati migliori sul lungo termine indipendendtemente dal prezzo di carico, il buon senso ci avrebbe fatto dubitare di quella statistica.
    Quando hai orizzonte temporale diciamo infinito, ti interessa investire ogni singolo euro correttamente, perchè è vero che poi si media, ma se compri a prezzi potenzialmente folli, quei soldi investiti per il lunghissimo termine sono potenzialmente buttati.

  10. #20

    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    9,649
    Blog Entries
    61
    Mentioned
    17 Post(s)
    Quoted
    691 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Gabriele01 Visualizza Messaggio
    Si però chi faceva così si schiantava perché finiva a ragionare così su singoli titoli o indici settoriali..
    Qui si parla di indici globali, si analizza come se si analizzasse l’sp500.. o altri indici diversificati.. [...]
    Si parla di questi indici, mica di settoriali o peggio singoli titoli.
    Ovviamente io mi riferivo alla scelta dei singoli titoli, che è la leva con cui una gestione attiva dovrebbe battere una passiva.

    Per quanto riguarda il discorso bolle, al momento i titoli "growth" sono valutati non nell'ottica dei flussi di cassa che (non) danno e degli anni che impiegano ad andare a breakeven quanto nell'ottica di "growth option" (si usa proprio questa espressione): nell'immediato non ti danno nulla ed è significativa la probabilità di trovarsi in mano un pugno di mosche, ma azzeccare qualche cavallo vincente dà al portafoglio quel botto di performance che si cerca disperatamente.

    Questo è il motivo per cui da molti sono inseriti in portafoglio e tutt'ora comprati, i multipli non contano niente quando i titoli sono selezionati con questi criteri.

Accedi