come scegliere un buon consulente finanziario indipendente a milano? - Pagina 3
Cathie Wood stecca ancora, ARK compra azioni Robinhood prima del crollo e continua il 2021 disastroso del suo ETF di punta
Nuovo passo falso di Cathie Wood in un 2021 non certo roseo dopo i fasti del 2020. La sua ARK Investment Management ha ampliato le sue scommesse su Robinhood proprio …
Amazon cenerentola dei Faang nel 2021 e Bezos perde la scia di Musk tra i paperoni di Wall Street. Trimestrale confermerà il momento no?
Si avvicina il test conti per Amazon. Il 28 ottobre, dopo la campanella di chiusura, il colosso del cloud e dell’e-commerce diramerà i conti del trimestre tra luglio e settembre. …
Unicredit: cosa attendersi da conti 3° trimestre e stime analisti su dividendi futuri. Orcel dovrà parare mitraglia domande su MPS
Forte attesa per i conti di Unicredit, prima banca di Piazza Affari che si presenta al test dei conti del terzo trimestre 2021. Il cda si è riunito oggi con …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #21
    L'avatar di bow
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    2,157
    Mentioned
    158 Post(s)
    Quoted
    1931 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da aerox Visualizza Messaggio
    ma allora se ad esempio mi comprassi un acwi che mi sembra piuttosto completo
    e me lo tengo 30 anni anche se mi fa - 50 in linea teorica dovrei guadagnarci?

    SPDR MSCI ACWI UCITS ETF cè di meglio ?

    o magri un Vanguard FTSE All-World UCITS ETF (USD) Accumulating?
    Nel 2008 il mio Lyxor MSCI World fece -55% di flessione rispetto ai massimi di circa un anno prima. Non lo disinvestii, ovviamente, anzi aggiunsi in prossimità dei minimi (io non arrivai mai a -55, mi pare che sfiorai -45 perché lo presi prima dei massimi. Lo disinvestii poco tempo dopo però per passare a strumenti non a replica sintetica (mi ero fatto condizionare dalle ansie sugli swap etc... balle), ma solo dopo essere tornato in gain grazie all'aggiunta successiva. ETF diversificato su un indice globale azionario --> buy&hold (ovvio che se lo fai sul MSCI Grecia o su di un tematico di nicchia, es. Clean Energy possono essere dolori o lunghissimi travagli).

    Detto ciò gli indici Developed World, MSCI World, All World, All Country World, adesso c'è anche un All World All Cap... sono molto 'vasti', su ETF scambiati e abbastanza storici si prestano agli investimenti lunghi.
    La tua consolazione è che se crolla drammaticamente e non recupera più per 30 anni vuol dire che sei nella perdita in buona compagnia: qualcosa di davvero molto brutto e molto drammatico è accaduto al sistema finanziario ed all'economia mondiale (es. una distruzione diffusa dei mezzi produttivi mondiali, una rivoluzione devastante negli equilibri economici, una depressione economica massificata e mai vista finora).
    Il discorso è sempre il solito: prendi la patente, fai controllare la macchina e non imbocchi l'autostrada contromano perché il contrario sarebbe quasi sicuramente pericolosissimo... e questo ti da una buona confidenza di arrivare a destinazione... poi dall'impatto dell'asteroide non ti salvi, ma se per questa paura non esci di casa campi male.

    L'unico problema è che partire con l'idea di "orizzonti temporali 30 anni" mi sembra avventato. Alle prima esperienze prova un breve termine e portalo a termine con soldi veri, così comprendi le difficoltà reali di mantenere metodo e strategia nel tempo.

  2. #22
    L'avatar di cataflic
    Data Registrazione
    Oct 2002
    Messaggi
    5,117
    Mentioned
    68 Post(s)
    Quoted
    1429 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da aerox Visualizza Messaggio
    ma allora se ad esempio mi comprassi un acwi che mi sembra piuttosto completo
    e me lo tengo 30 anni anche se mi fa - 50 in linea teorica dovrei guadagnarci?

    SPDR MSCI ACWI UCITS ETF cè di meglio ?

    o magri un Vanguard FTSE All-World UCITS ETF (USD) Accumulating?
    se non mi interessare ribilanciare se non mi interessasse calmierare la volatilità potrebbe funzionare? lo so che magari il giorno prima di disinvestire mi fa - 50 e perdo tutto il guadagno ma il linea teorica può essere un ragionamento che funziona?

    se dovessi fare un portafoglio super lazy meglio un vwce o un vnga80 per 20/30 anni da non fare nulla?cosa vorrebbe dire che sono esposto al rischio cambio?guadagno meno al ritiro dell'investimento?

    entrerei subito con 50 mila euro invece che cercare di azzeccare il momento giusto ?

    se cercassi di ribilanciare con le obbligazioni o con il gold reit ecc .. non saprei quando comprarle e quindi farei più danni che altro.
    Sì, dovresti guadagnarci, ma io tra 30 anni non ci sarò qui a parlare di quella volta quando nel 2021 decidesti di investire in uno di quegli strumenti che andavano di moda allora...mi pare si chiamassero etf o qualcosa del genere, poi ti ricordi?...nel 2030 ci fu il primo uomo su Marte, nel 2036 la guerra mondiale informatica dell'IA scappata dal laboratorio di Shenzen....e quando uscì il primo visore corneale?
    ....

  3. #23
    L'avatar di rentier64
    Data Registrazione
    Mar 2021
    Messaggi
    195
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    152 Post(s)
    Potenza rep
    10866991
    Citazione Originariamente Scritto da aerox Visualizza Messaggio
    ma allora se ad esempio mi comprassi un acwi che mi sembra piuttosto completo
    e me lo tengo 30 anni anche se mi fa - 50 in linea teorica dovrei guadagnarci?

    SPDR MSCI ACWI UCITS ETF cè di meglio ?

    o magri un Vanguard FTSE All-World UCITS ETF (USD) Accumulating?
    se non mi interessare ribilanciare se non mi interessasse calmierare la volatilità potrebbe funzionare? lo so che magari il giorno prima di disinvestire mi fa - 50 e perdo tutto il guadagno ma il linea teorica può essere un ragionamento che funziona?

    se dovessi fare un portafoglio super lazy meglio un vwce o un vnga80 per 20/30 anni da non fare nulla?cosa vorrebbe dire che sono esposto al rischio cambio?guadagno meno al ritiro dell'investimento?

    entrerei subito con 50 mila euro invece che cercare di azzeccare il momento giusto ?

    se cercassi di ribilanciare con le obbligazioni o con il gold reit ecc .. non saprei quando comprarle e quindi farei più danni che altro.


    Studia, informati, leggi, perché nessuno sa meglio di te di cosa hai bisogno e solo così puoi avere un rapporto paritetico con il tuo intermediario(consulente o altro ) e capire se hai riposto la fiducia nella persona giusta.
    I risparmi sono i tuoi, sono il tuo futuro e quello della tua famiglia, non fare come molti che lasciano i soldi alla banca come se fossero i loro.
    Ultima modifica di rentier64; 27-07-21 alle 14:45

  4. #24

    Data Registrazione
    Jan 2003
    Messaggi
    2,175
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    314 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Il compito del Cfa, non è quello di costruire portafogli, non è quello di dare o promettere risultati.
    Se un cliente è già al punto finale, sa ciò che gli serve e sa cercarselo, non cerca un Cfa.
    Il compito di un consulente è quello di affiancare, assistere il cliente in tutta la fase di studio e di analisi della sua situazione.
    I clienti non sanno, o non sanno quasi mai, perché hanno da parte quella somma...
    Ce l'hanno e vorrebbero un rendimento, ma se gli chiedi a cosa pensi ti serviranno in futuro queste somme, alcuni non rispondono, altri genericamente dichiarano obiettivi di lunghissimo periodo, studio dei figli, acquisto casa per i figli, integrazione pensione, ma poi cercano i buoni di deposito per 12 o 18 mesi.
    Questo è il primo compito del Cfa, far capire al cliente perché ha questa "insana" voglia di privarsi dei soldi.
    Ieri un cliente di Intesa, mi ha fatto vedere un servizio di gestione in fondi, non sa cosa ha dentro, e quale diversificazione ha scelto la banca per lui...
    questo è il livello medio delle conoscenze e competenze dei clienti. Chiaramente non di tutti, ma di molti, vi assicuro.

  5. #25
    L'avatar di bow
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    2,157
    Mentioned
    158 Post(s)
    Quoted
    1931 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da bancale Visualizza Messaggio
    Il compito del Cfa, non è quello di costruire portafogli, non è quello di dare o promettere risultati.
    Se un cliente è già al punto finale, sa ciò che gli serve e sa cercarselo, non cerca un Cfa.
    Il compito di un consulente è quello di affiancare, assistere il cliente in tutta la fase di studio e di analisi della sua situazione.
    I clienti non sanno, o non sanno quasi mai, perché hanno da parte quella somma...
    Ce l'hanno e vorrebbero un rendimento, ma se gli chiedi a cosa pensi ti serviranno in futuro queste somme, alcuni non rispondono, altri genericamente dichiarano obiettivi di lunghissimo periodo, studio dei figli, acquisto casa per i figli, integrazione pensione, ma poi cercano i buoni di deposito per 12 o 18 mesi.
    Questo è il primo compito del Cfa, far capire al cliente perché ha questa "insana" voglia di privarsi dei soldi.
    Giusto.
    Un pò dovrebbero farlo tutti i consulenti bravi. Ma nelle "reti" a provvigione e peggio ancora nel retail domina l'interesse a vendere quello che si vuole vendere, il resto è relegato alla scenografia ed alla compliance legale (no, signor giudice! non fregavamo nessuno per vendergli la subordinata! vede? Era tutto nella strategia di portafoglio concordata).

    Ieri un cliente di Intesa, mi ha fatto vedere un servizio di gestione in fondi, non sa cosa ha dentro, e quale diversificazione ha scelto la banca per lui...
    questo è il livello medio delle conoscenze e competenze dei clienti. Chiaramente non di tutti, ma di molti, vi assicuro.
    Onestamente chiedere al cliente di ripetere nel dettaglio la consulenza ricevuta è impegnativo (anche se non dubito che gli sia stato venduto quel che si voleva vendere, come nel 90% dei casi). Anche i miei clienti più evoluti, e io gli faccio una testa con orizzonti temporali, obiettivi (concordati su quello che mi dicono loro), strategia e poi singole operazioni fatte... si dimenticano buona parte o tutto. Al massimo si possono conservare un foglio con gli appunti o l'email in cui spiego spiego spiego.

    E, temo, che dopo che gli avrai dato consulenza tu, faranno lo stesso se "insoddisfatti" (magari semplicemente perché nei prossimi 12 mesi risalgono i tassi e questo impanica l'azionario e si trovano a -15% sull'obbligazionario e -30% sull'azionario) e andranno da qualcun altro...

    Questo salvo avere come cliente Follisti o appassionati di finanza.

  6. #26
    L'avatar di Blacksmith.
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    5,568
    Mentioned
    72 Post(s)
    Quoted
    3673 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da bow Visualizza Messaggio
    Anche i miei clienti più evoluti, e io gli faccio una testa con orizzonti temporali, obiettivi (concordati su quello che mi dicono loro), strategia e poi singole operazioni fatte... si dimenticano buona parte o tutto.
    Quindi condividi anche tu il mio estremo scetticismo sull'utilità dell'educazione finanziaria erga omnes.

    Citazione Originariamente Scritto da bow Visualizza Messaggio
    Questo salvo avere come cliente Follisti o appassionati di finanza.
    Solo alla clientela capace di comprendere e condividere ogni singola decisione dovrebbe essere dato accesso agli strumenti finanziari più complessi della liquidità.

  7. #27
    L'avatar di bow
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    2,157
    Mentioned
    158 Post(s)
    Quoted
    1931 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da Blacksmith. Visualizza Messaggio
    Quindi condividi anche tu il mio estremo scetticismo sull'utilità dell'educazione finanziaria erga omnes.
    Aspetta, una cosa è chiedere a qualcuno di ripetere la consulenza ricevuta (cioè ricordarsi tutto quello che si è fatto perché, strategia etc... insomma un pò quello che sarebbe il lavoro che deve smazzarsi il consulente)... un'altra cosa l'assoluta ignoranza finanziaria.

    Ti faccio l'esempio meccanico:

    Ho portato a controllare l'auto per un rumore esterno. Il meccanico mi ha spiegato che erano arrivate le pasticche dei freni posteriori, che ha aggiunto l'olio ma non cambiato (dato che lo cambiò a x km in precedenza), quale la situazione della cinghia etc... io sono andato a casa e mi sono segnato "spesi X, sostituite pasticche posteriori, olio aggiunto non cambiato". Questo perché sto attento ed ho incrementato la mia 'alfabetizzazione meccanica'. Sono in grado di contestare il livello di usura riscontrata dal meccanico? No. Sono in grado di avere un quadro chiaro della situazione meccanica come lo ha lui (diciamo della 'strategia di manutenzione')? No (però il rumore quando frenavo è sparito ed è un burro). Se il meccanico mi ripete "guarda bisogna cambiare le pasticche dei freni posteriori" gli rispondo 'eh, no, le hai cambiate a 138000 km' se mi dice che cambiare la batteria esaurita costa 300 euro gli dico che me 'sta a fregà. Poi salvo essere un appassionato di motori, come alcuni che conosco, che fanno tutto loro e vanno dal meccanico solo quando gli serve il sollevatore idraluico che non hanno a casa, ovviamente sono 'alfabetizzato' ma non insegno all'università. Da appassionato posso decidere di mettere da solo la batteria super-potenziata, magari va bene, ma se brucio l'impianto elettrico poi non mi lamenterò.

    Altro discorso la signora Mariuccia, che gli parli di pasticche, batterie o altro, gli dice che deve pagare 1500 euro perché "si è bruciata la scheda" non ha idea di che si parla. Quella va dal meccanico 'amico del marito' per fiducia, amicizia, convinzione che non lo frega e paga (o firma nel caso titoli che è la stessa cosa).

    Solo alla clientela capace di comprendere e condividere ogni singola decisione dovrebbe essere dato accesso agli strumenti finanziari più complessi della liquidità.
    Sarebbe bene utilizzare mezzi più complessi dell'autobus solo dopo un corso di guida sicura e con ottime nozioni di meccanica, si salvano probabilmente molte vite. Eppure anche la signora Mariuccia ha bisogno della macchina e magari visto che è benestante si trova a guidare una A4 che non è detto che sia quella con i ritrovati meccanici meno complessi. Questo non giustifica il meccanico a fregarla facendole pagare 2000 euro un cambio del liquido lavavetri.

  8. #28
    L'avatar di cataflic
    Data Registrazione
    Oct 2002
    Messaggi
    5,117
    Mentioned
    68 Post(s)
    Quoted
    1429 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da Blacksmith. Visualizza Messaggio
    Quindi condividi anche tu il mio estremo scetticismo sull'utilità dell'educazione finanziaria erga omnes.



    Solo alla clientela capace di comprendere e condividere ogni singola decisione dovrebbe essere dato accesso agli strumenti finanziari più complessi della liquidità.
    Non c'è soluzione a questa questione...se uno sa e capisce non delega, oppure delega se ne ha un ritorno come risparmio di tempo e stress.
    Se mi si rompe il frigo posso andare su internet, iscrivermi a 4 forum di appassionati di "frigitoristica" interagire, scaricarmi le schede tecniche da un sito tedesco, capire che il problema è un condensatore sulla scheda estraibile solo svitando 5 vitine semi-invisibili e che basta prendere un ricambio da 0,25€, un piccolo saldatore da 10€ e con un po' di pazienza risolvo la cosa.
    Ma ci vogliono ore....ore a capire quali forum seguire, ore per vedere i video su youtube tradotti dallo slovacco, altro tempo per capire dove comprare il condensatore e il saldatore e poi sorbirsi lo stress di trovarsi con la scheda in mano col rischio di fare una figura di m. e aver buttato via giornate intere per nulla.
    Se ci riesci te ne andrai tutto tronfio, rinforzato nel tuo ego da MacGyver , perchè a te che sei intelligente, nessuno ti può fregare, ma se ti va male ti sentirai una m.

    Un altra persona pensa semplicemente :"mi si è rotto il frigo...chiamo qualcuno che me lo aggiusti" ...magari il tecnico manco lo vede perchè va a casa quando c'è la colf.
    Altri lo seguono con lo sguardo, tanto per capire se svita/riavvita una vite o se fa qualcosa di reale...se dice che è pagato a ore e poi te ne addebita 1/2 in più, robe così...
    ...questi sono i clienti del consulente, gente che non sa, che ne sa poco, o che ne sa ma non ha voglia di impiegare tempo, gente che controlla il giusto, senza spaccare il capello ....

  9. #29

    Data Registrazione
    Jan 2003
    Messaggi
    2,175
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    314 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Citazione Originariamente Scritto da bow Visualizza Messaggio
    Giusto.
    Un pò dovrebbero farlo tutti i consulenti bravi. Ma nelle "reti" a provvigione e peggio ancora nel retail domina l'interesse a vendere quello che si vuole vendere, il resto è relegato alla scenografia ed alla compliance legale (no, signor giudice! non fregavamo nessuno per vendergli la subordinata! vede? Era tutto nella strategia di portafoglio concordata).



    Onestamente chiedere al cliente di ripetere nel dettaglio la consulenza ricevuta è impegnativo (anche se non dubito che gli sia stato venduto quel che si voleva vendere, come nel 90% dei casi). Anche i miei clienti più evoluti, e io gli faccio una testa con orizzonti temporali, obiettivi (concordati su quello che mi dicono loro), strategia e poi singole operazioni fatte... si dimenticano buona parte o tutto. Al massimo si possono conservare un foglio con gli appunti o l'email in cui spiego spiego spiego.

    E, temo, che dopo che gli avrai dato consulenza tu, faranno lo stesso se "insoddisfatti" (magari semplicemente perché nei prossimi 12 mesi risalgono i tassi e questo impanica l'azionario e si trovano a -15% sull'obbligazionario e -30% sull'azionario) e andranno da qualcun altro...

    Questo salvo avere come cliente Follisti o appassionati di finanza.
    Non ho clienti Follisti, ne li cercherei.
    Non è vero che i clienti non ricordano nulla di quel che viene loro detto, certo, non sapranno riportare fedelmente il motivo per
    cui si concorda di scegliere A piuttosto che B, ma di certo non arrivano dicendo che non sanno di cosa si tratta.
    In quanto ai clienti che se ne vanno dopo 12/24 mesi, magari dopo un periodo avverso dei mercati, credo che questi siano nostri errori,
    aldilà del ruolo svolto da ognuno di noi....Quel tipo di cliente si vede lontano un miglio, e per non perdere tempo, è necessario non prenderli
    dall'inizio.

  10. #30
    L'avatar di asimpleplan
    Data Registrazione
    Nov 2019
    Messaggi
    3,286
    Mentioned
    17 Post(s)
    Quoted
    2803 Post(s)
    Potenza rep
    16699004
    Citazione Originariamente Scritto da bancale Visualizza Messaggio
    Quel tipo di cliente si vede lontano un miglio, e per non perdere tempo, è necessario non prenderli
    dall'inizio.
    Ciao Bancale, quali criteri usi\useresti per identificare questi tipi di clienti?

Accedi