Fondi Pensione Vol.13 - Pagina 123
Vietnam e Arabia alla guida dei VARPS. Focus su cinque paesi decorrelati dai mercati emergenti principali
Di seguito pubblichiamo il commento a cura di Tim Love, Investment Director responsabile delle strategie azionarie dei paesi emergenti di GAM Nel 2016 abbiamo identificato cinque mercati chiave all’interno dell’universo …
Dividendo Intesa Sanpaolo fa gola a tanti, titolo gongola e vede i top dal 2018 con +35% Ytd
Intesa Sanpaolo sugli scudi in attesa del corposo dividendo che verrà staccato lunedì 18 ottobre. Il titolo ha veleggiato oggi nelle posizioni di testa del Ftse Mib (close a +2,05% …
E’ frenesia da Bitcoin, +35% a ottobre con conto alla rovescia per lancio primo ETF ad hoc negli States. Occhio a trappola sell on news
Nuovo scatto del Bitcoin che si porta nei pressi dei 60.000 dollari per la prima volta in sei mesi avvicinandosi al suo massimo storico, mentre i trader esprimono fiducia sul …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1221
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    17,248
    Mentioned
    645 Post(s)
    Quoted
    9659 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da ared Visualizza Messaggio
    Si, però fino a un certo punto. Le anticipazioni/rita ci posso stare.
    Poi mi muoverei per ottimizzare i coefficienti della rendita e addirittura li farei nazionali.

    Nessuno li vuole levare le anticipazioni, e i coefficienti sono migliorabili, l'avro' detto decine di volte



    Dipende dalla riforma. Per dire quella proposta dall' ultima commissione è pessima.

    La mia riforma prevede , la deduzione, l'eliminazione della tassazione dei rendimenti, la tassazione del capitale come per il tfr e le rendite al 23%. Anche questo detto e ripetuto



    Te lo ha dimostrato con i numeri di una simulazione, se trovi un errore sta a te trovare dove sbaglia lui.

    Non si tratta di simulare niente ,e non servono le battaglie di retroguardia. La revisione dell'irpef e il riassetto fiscale e normativo della PC sono doverosi.



    mander io sono un tipo di sostanza le chiacchere le lascio ad altri.
    Se già così c'è poca adesione (e dal 2007 doveva esplodere..) e se inoltre la azzoppi fai solo peggio.
    E' la legge della domanda e dell'offerta.

    Non azzoppo, ristrutturo, eliminino le aberrazioni, e rendo la PC appetibile, al pensionando contributivo puro


    Io non nulla contro il sistema EET se alla fine mi mettono un T pari al 9%, anzi penso che così si iscriverebbero più persone.

    Aridaje il capitale va tassato come reddito da lavoro esattamente come il tfr , la rendita al 23% come reddito di capitale


    E' il dl 252 / 2005 che deve adeguarsi al diritto tributario, fare il contrario è bestemmia solo a pensarlo, e tu l'hai pensato, detto e ridetto.

  2. #1222
    L'avatar di marble
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    3,794
    Mentioned
    46 Post(s)
    Quoted
    1649 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da ared Visualizza Messaggio
    io penso finisca all'inps se non decide.
    Sinceramente ne so poco di questioni burocratiche.

    Nel sito di fonte trovo:

    L’adesione tacita si realizza quando il dipendente, allo scadere dei sei mesi dall’assunzione, non abbia espresso alcuna volontà in merito alla destinazione del TFR maturando (non restituendo al datore di lavoro il Modulo TFR2). In questo caso il TFR maturando verrà versato a Fon.Te.. Comunque, il versamento della contribuzione può essere attivato, successivamente compilando e sottoscrivendo l’apposito Modulo di attivazione della contribuzione per un “iscritto silente” da consegnare al datore di lavoro.
    Il lavoratore, che ha scelto e comunicato al datore di lavoro di non conferire il TFR a previdenza complementare, potrà decidere in qualunque momento di aderire al Fondo


    Poi dato che degli utenti di un forum ci si deve fidare fino ad un certo punto e del sito di fonte forse ancor meno ho consigliato di sentire anche l'azienda

  3. #1223
    L'avatar di marble
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    3,794
    Mentioned
    46 Post(s)
    Quoted
    1649 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da mander Visualizza Messaggio
    No io dico che la PC deve :

    . essere finalizzata a ottenere un integrazione pensionistica
    . essere sostenibile , fiscalmente agevolata e riformata.

    Tu dici di non essere in grado di parlare in nome e per conto della collettività , ma metti in guardia quelli come te che mungono la vacca, senza spiegare perchè una PC riformata nel segno di mander non sia a priori conveniente , specie se abbinata alla revisione dell'irpef

    Se deduci , non tassi il rendimento, paghi la plusvalenza come nel 2006 e la rendita al 23 , cose che non torna a chi non conviene ? Spiega

    Perchè dovrebbe fallire la PC, perchè non dovrebbe essere scelta da chi avrà bisogno dell'integrazione e nient'altro.
    Perchè continui ad usare toni da tregenda, nessuno vuol stravolgere questa pc che comunque va aggiustata, per essere semplificata,riconoscibile e praticabile

    A me a colpito una espressione reiterata di ared dice e ridice : se il dl 252 è in deroga si modifichi il diritto tributario, magari non si rende conto , magari non è il solo a rivendicare lo status quo, tu renditi conto.
    Parole, e mai numeri. Parole, spesso denigratorie del tuo interlocutore.

    Io non mungo nessuna vacca. Ho aderito a 43 anni appena ho avuto notizia che esistesse un fondo pensione negoziale. Per tua informazione, non ho mai preso anticipazioni né aperto posizioni intestate a terzi, né aperto un secondo fondo. Ma questo è irrilevante. Chi lo fa, fa bene, e non munge vacche, utilizza uno strumento secondo normativa. La tua costante tecnica di denigrare chi non la pensa come te la trovo irritante e non aggiungo aggettivi peggiori.

    Ho aderito con l'obiettivo rendita. Poi come sai ci ho fatto un po' di conti e ho ricavato che la rendita è un regalo a privati, e lascia all'aderente delle briciole. A mio parere, se c'è qualcuno che munge vacche, sono le compagnie, non gli aderenti e non i sindacati contro i quali ci si diverte a sparare contro, guardando in questo modo alla pagliuzza e non alla trave. Ho quindi intenzione di optare per la rita e non lasciare un centesimo in mano alla industria del risparmio gestito.

    Delle tue proposte, trovo quindi irricevibile per me l'obbligo di rendita. Ci fosse obbligo, non aderirei.

    Quanto al passaggio da ETT a EET. Se fosse come dici tu - e non è chiaro - devi spiegare con numeri come lo stato possa rinunciare agli introiti annui odierni della tassazione sui rendimenti. Se ce la fa, ben venga.

    Il sistema ETT ha un aspetto tutto sommato virtuoso. Per adesioni di lunga durata e su comparti remunerativi, ci guadagna l'aderente e lo stato ha un ritorno. Una situazione win win, che dovrebbe portare ad incentivare adesioni a giovane età. Il fatto che la maggioranza dei paesi abbia un sistema EET è argomento irrilevante. Ribatto che non ho notizia che gli altri paesi ETT vogliano cambiare metodo; ma anche questo è irrilevante. Solo i numeri contano. Si simuli la nuova proposta, e ne riparliamo.

    Infine, tutta la questione di armonizzare la tassazione la trovo stucchevole. Quello che conta è capire chi ci guadagna, chi ci perde, i costi per lo stato... e il grasso che cola alle compagnie.

  4. #1224
    L'avatar di LuchiLucs
    Data Registrazione
    Mar 2021
    Messaggi
    126
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    87 Post(s)
    Potenza rep
    1615474
    Citazione Originariamente Scritto da Santi91 Visualizza Messaggio
    3450 (i 15k al 23%) +3510 (i 13k al 27%) +6460 (i 17k al 38%) = 13420 IMPOSTA LORDA
    Se non avessi versato i famosi 5000 nel fondo pensione sarebbe 3450+3510+8360 (il 38% di [50k-28]) = 15320 IMPOSTA LORDA

    Infatti 15320 - 13420 fa 1900 che è il 38% dei 5000 versati.

    Le addizionali dipende dalle regioni e città Dipartimento Finanze -
    Ho capito il calcolo sulle scaglioni ma non ho capito le addizionali a quale parte del reddito si riferiscono, sempre nel tuo calcolo facendo finta che le addionali di lombardia/milano sono del 0.0252 per cosa le moltiplichi?

  5. #1225
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    17,248
    Mentioned
    645 Post(s)
    Quoted
    9659 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da marble Visualizza Messaggio
    Parole, e mai numeri. Parole, spesso denigratorie del tuo interlocutore.

    Io non mungo nessuna vacca. Ho aderito a 43 anni appena ho avuto notizia che esistesse un fondo pensione negoziale. Per tua informazione, non ho mai preso anticipazioni né aperto posizioni intestate a terzi, né aperto un secondo fondo. Ma questo è irrilevante. Chi lo fa, fa bene, e non munge vacche, utilizza uno strumento secondo normativa. La tua costante tecnica di denigrare chi non la pensa come te la trovo irritante e non aggiungo aggettivi peggiori.

    Ho aderito con l'obiettivo rendita. Poi come sai ci ho fatto un po' di conti e ho ricavato che la rendita è un regalo a privati, e lascia all'aderente delle briciole. A mio parere, se c'è qualcuno che munge vacche, sono le compagnie, non gli aderenti e non i sindacati contro i quali ci si diverte a sparare contro, guardando in questo modo alla pagliuzza e non alla trave. Ho quindi intenzione di optare per la rita e non lasciare un centesimo in mano alla industria del risparmio gestito.

    Delle tue proposte, trovo quindi irricevibile per me l'obbligo di rendita. Ci fosse obbligo, non aderirei.

    Quanto al passaggio da ETT a EET. Se fosse come dici tu - e non è chiaro - devi spiegare con numeri come lo stato possa rinunciare agli introiti annui odierni della tassazione sui rendimenti. Se ce la fa, ben venga.

    Il sistema ETT ha un aspetto tutto sommato virtuoso. Per adesioni di lunga durata e su comparti remunerativi, ci guadagna l'aderente e lo stato ha un ritorno. Una situazione win win, che dovrebbe portare ad incentivare adesioni a giovane età. Il fatto che la maggioranza dei paesi abbia un sistema EET è argomento irrilevante. Ribatto che non ho notizia che gli altri paesi ETT vogliano cambiare metodo; ma anche questo è irrilevante. Solo i numeri contano. Si simuli la nuova proposta, e ne riparliamo.

    Infine, tutta la questione di armonizzare la tassazione la trovo stucchevole. Quello che conta è capire chi ci guadagna, chi ci perde, i costi per lo stato... e il grasso che cola alle compagnie.
    Non personalizzo mai le questioni, la PC cosi come tutte le discussioni dove intervengo mi sforzo di inquadrarle nel contesto socioeconomico del ns paese. Tutto ciò che è bene per il paese è anche il mio bene, senza pretendere si salvare l'umanita' ed il paese ad ogni costo. Di salvatori del paese e patrioti il paese è pieno.

    Vediamo in termini generali di cosa è la PC in Italia:

    . rappresenta il 9,8% del Pil (nel 2019 tale percentuale era all'8,6%). L'incidenza dei fondi pensione appare molto ridotta, in Italia, se si considera che, nella media Ocse, essi gestiscono somme pari al 63,5% del Pil.

    . lo schema della previdenza potrebbe essere riassunto come segue: prevede contributi previdenziali obbligatori molto elevati e offre in cambio (almeno per ora) tassi di sostituzione fra i più consistenti al mondo.

    . in Italia la percentuale dei contributi previdenziali obbligatori si trovava, nel 2018, al 33%. Tale percentuale è “solo” del 18,4% nella media dei Paesi sviluppati, mentre negli Stati Uniti si scende ulteriormente al 12,4%.


    . il tasso di sostituzione netto delle pensioni italiane, che, nel 2018, era il quarto più elevato al mondo per quanto riguarda gli uomini e il più elevato in assoluto per le donne


    . ùn sistema pensionistico che preleva obbligatoriamente una larga fetta del reddito, riduce fisiologicamente la possibilità di destinare ulteriori fondi alle forme di pensione integrativa

    . alle categorie che più faticano a versare contributi previdenziali viene spesso suggerito di “costruirsi in autonomia la pensione”


    Se segui minimamente l'evoluzione del debito pubblico e i motivi per cui la nostra economia segna il passo ai primi posti trovi il debito implicito ed esplicito che la ns previdenza comporta. Sostituire parte della spesa previdenziale spostandola sulla PC diventa strategico ed essenziale .

    Sostanzialmente non sono io o tu che salverai la patria, non sarà nemmeno il dl 252 visto che oltre a creare il vulnus non è servito a sviluppare la PC senso desiderato creare un contraltare alla previdenza pubblica.

    PS. Di mio in quelle note non c'è niente li ho copiaincollati da questo link:

    Pensione integrativa: l'Italia a confronto con gli altri Paesi | WeWealth
    Ultima modifica di mander; 12-09-21 alle 13:02

  6. #1226
    L'avatar di marble
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    3,794
    Mentioned
    46 Post(s)
    Quoted
    1649 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da ared Visualizza Messaggio

    Io non nulla contro il sistema EET se alla fine mi mettono un T pari al 9%, anzi penso che così si iscriverebbero più persone.
    Ovviamente. Sarebbe una detassazione secca sui rendimenti annui. Festa grande!

    Chi paga?

    E mi chiedo... chi ritiene che già oggi la pc sia una mucca munta da un manipolo di furbastri, come può supportare una ulteriore detassazione?

  7. #1227
    L'avatar di TSHELBY
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    383
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    306 Post(s)
    Potenza rep
    4006433
    Qualcuno conosce il fondo pensione Moneyfarm nei dettagli?
    Sul sito sembra essere decantato come uno dei migliori, ma non trovo giudizi nel foglio valutazioni del Sole 24 ore.
    Dal sito di MF leggo commissione di gestione annua pari a 1,25%, indipendentemente dalla linea di gestione scelta e un costo amministrativo annuo di 10 euro. Non ci sono costi di caricamento, trasferimento, cambio linea, riscatto e anticipazione.
    Non avevo un fondo di categoria, ne una percentuale derivante dall'azienda, vi chiedo per un profilo temporale di 25 anni se questo come costi può essere migliore di Allianz Insieme.
    Allianz Insieme avevo intenzione di scegliere profilo 80 Azionario e 20 bilanciato, cercando di non farmi inserire il Lifecycle (30€ annui), so che lì le commissioni sono 0.70% + 0.80% (così mi sembra di ricordare almeno), ma non so come pesano sul portafoglio, nel senso quante volte queste vengono acquisti sul mercato, se una volta l'anno, quando bonifico o in varie finestre. Lì non c'è possibilità di riscatto o anticipazione, se non casi molto particolari di salute, o un po' più semplici come acquisto immobile di un figlio, ma non per l'intera somma, ma credo per qualsiasi fondo pensione è così.
    Non esiste un 3d dedicato, per questo chiedo qui. Grazie a chi saprà aiutarmi.
    Ultima modifica di TSHELBY; 12-09-21 alle 16:02

  8. #1228
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    17,248
    Mentioned
    645 Post(s)
    Quoted
    9659 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da marble Visualizza Messaggio
    Ovviamente. Sarebbe una detassazione secca sui rendimenti annui. Festa grande!

    Chi paga?

    E mi chiedo... chi ritiene che già oggi la pc sia una mucca munta da un manipolo di furbastri, come può supportare una ulteriore detassazione?
    Prima di continuare a parlare di PC, occorre soffermarsi su questo punto:


    . in Italia la percentuale dei contributi previdenziali obbligatori si trovava, nel 2018, al 33%. Tale percentuale è “solo” del 18,4% nella media dei Paesi sviluppati, mentre negli Stati Uniti si scende ulteriormente al 12,4%.

    Questo :

    . limita lo sviluppo della pc
    . crea un ampio cuneo fiscale
    . riduce la possibilità di competere , determina una decrescita , rende tutto l'impianto della previdenza di base insostenibile

    Quindi dire che la PC è un fatto individuale un opzione da esercitare a particolari condizioni e vantaggi è sbagliato e fuorviante. O si sviluppa la PC , riducendo il peso della previdenza di base con modelli a capitalizzazione , o il paese non sarà in grado di mantenere il gap ai valori vigenti in ambito OCSE.

    I nascenti PEPP sono la risposta europea per attuare un ulteriore sgravio della previdenza di base... utilizzando l'EET e una moderata fiscalità di vantaggio armonizzata .

    Levatevi dalla testa che il mander voglia sobillare chissa' che e per che cosa. I nostri concorrenti sono in netto vantaggio perchè hanno margini per pagarsi e sviluppare ulteriormente la previdenza integrativa, quella che serve per integrare la pensione, non quella che serve per anticipare la pensione, o per pagare meno tasse.

    Credo che lo stato dell'arte dimostri chiaramente che non è la sola facilitazione fiscale spinta a far crescere la PC , cosi come non bastano i bassi costi dei negoziali.

    Aspetti fiscali del sistema previdenziale complementare.

    Non vedo mai intervenire un contributivo puro per dire dire la sua , una figura che nel panorama pensionistico assume sempre più rilevanza e consistenza.






    .

  9. #1229
    L'avatar di Benjamin_Malaussène
    Data Registrazione
    Aug 2019
    Messaggi
    3,826
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    3205 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da mander Visualizza Messaggio
    Prima di continuare a parlare di PC, occorre soffermarsi su questo punto:


    . in Italia la percentuale dei contributi previdenziali obbligatori si trovava, nel 2018, al 33%. Tale percentuale è “solo” del 18,4% nella media dei Paesi sviluppati, mentre negli Stati Uniti si scende ulteriormente al 12,4%.

    Questo :

    . limita lo sviluppo della pc
    . crea un ampio cuneo fiscale
    . riduce la possibilità di competere , determina una decrescita , rende tutto l'impianto della previdenza di base insostenibile

    Quindi dire che la PC è un fatto individuale un opzione da esercitare a particolari condizioni e vantaggi è sbagliato e fuorviante. O si sviluppa la PC , riducendo il peso della previdenza di base con modelli a capitalizzazione , o il paese non sarà in grado di mantenere il gap ai valori vigenti in ambito OCSE.

    I nascenti PEPP sono la risposta europea per attuare un ulteriore sgravio della previdenza di base... utilizzando l'EET e una moderata fiscalità di vantaggio armonizzata .

    Levatevi dalla testa che il mander voglia sobillare chissa' che e per che cosa. I nostri concorrenti sono in netto vantaggio perchè hanno margini per pagarsi e sviluppare ulteriormente la previdenza integrativa, quella che serve per integrare la pensione, non quella che serve per anticipare la pensione, o per pagare meno tasse.

    Credo che lo stato dell'arte dimostri chiaramente che non è la sola facilitazione fiscale spinta a far crescere la PC , cosi come non bastano i bassi costi dei negoziali.

    Aspetti fiscali del sistema previdenziale complementare.

    Non vedo mai intervenire un contributivo puro per dire dire la sua , una figura che nel panorama pensionistico assume sempre più rilevanza e consistenza.

    .
    Mander nei suoi discorsi sulle.pseudo riforme previdenziali tralscia sempre due punti fondamentali.

    Ok: abbassi i contributi Inps.
    Come fa l'inps a pagare al contempo le pensioni in essere? Dalla fiscalità generale.
    Quindi il lavoratore, doppiamente bastonato, si troverà una pensione pubblica più bassa (meno contributi Inps) ed un'aliquota Irpef più alta (perché i soldi finiranno in Inps per il pagamento delle pensioni correnti).

    Ok: abbassi i contributi Inps.
    Quale componente? Come le associazioni imprenditoriali spingono, finisce che si abbassa la componente a carico del datore di lavoro.
    Quindi il lavoratore di prima oltre a pagare più tasse (o a vedere meno servizi) dovrà anche pagare contributi previdenziali privati dal suo stesso stipendio per andare a compensare i contributi mancanti. Lo stesso effetto di abbassare i salari.

    Più tasse, pensione pubblica più bassa, pensione privata alla mercé dell'industria del risparmio gestito e buste paga più magre.

  10. #1230
    L'avatar di marble
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    3,794
    Mentioned
    46 Post(s)
    Quoted
    1649 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da TSHELBY Visualizza Messaggio
    Qualcuno conosce il fondo pensione Moneyfarm nei dettagli?
    Sul sito sembra essere decantato come uno dei migliori, ma non trovo giudizi nel foglio valutazioni del Sole 24 ore.
    Dal sito di MF leggo commissione di gestione annua pari a 1,25%, indipendentemente dalla linea di gestione scelta e un costo amministrativo annuo di 10 euro. Non ci sono costi di caricamento, trasferimento, cambio linea, riscatto e anticipazione.
    Non avevo un fondo di categoria, ne una percentuale derivante dall'azienda, vi chiedo per un profilo temporale di 25 anni se questo come costi può essere migliore di Allianz Insieme.
    Allianz Insieme avevo intenzione di scegliere profilo 80 Azionario e 20 bilanciato, cercando di non farmi inserire il Lifecycle (30€ annui), so che lì le commissioni sono 0.70% + 0.80% (così mi sembra di ricordare almeno), ma non so come pesano sul portafoglio, nel senso quante volte queste vengono acquisti sul mercato, se una volta l'anno, quando bonifico o in varie finestre. Lì non c'è possibilità di riscatto o anticipazione, se non casi molto particolari di salute, o un po' più semplici come acquisto immobile di un figlio, ma non per l'intera somma, ma credo per qualsiasi fondo pensione è così.
    Non esiste un 3d dedicato, per questo chiedo qui. Grazie a chi saprà aiutarmi.
    COVIP | Interactive ISC


    Moneyfarm è un pip di Allianz


    5101 ALLIANZ GLOBAL LIFE DAC
    Fondo PIANO PENSIONE MONEYFARM - PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE
    Comparto MFM LINEA AZIONARIA
    Note
    Categ. comparto BIL
    ISC a 2 anni 1,62
    ISC a 5 anni 1,48
    ISC a 10 anni 1,42
    ISC a 35 anni 1,37

    mi manterrei sull'originale

    118 ALLIANZ SPA
    Fondo INSIEME - FONDO PENSIONE APERTO A CONTRIBUZIONE DEFINITA
    Comparto LINEA AZIONARIA
    Note
    Categ. comparto AZN
    ISC a 2 anni 0,80
    ISC a 5 anni 0,80
    ISC a 10 anni 0,80
    ISC a 35 anni 0,80



    118 ALLIANZ SPA
    Fondo INSIEME - FONDO PENSIONE APERTO A CONTRIBUZIONE DEFINITA
    Comparto LINEA BILANCIATA
    Note
    Categ. comparto AZN
    ISC a 2 anni 0,75
    ISC a 5 anni 0,75
    ISC a 10 anni 0,75
    ISC a 35 anni 0,75



    p. s.
    sicuro che insieme abbia un comparto 80/20?

Accedi