Fondo Fonte capitolo 3 - fondo pensione per i dipendenti da aziende del terziario ... - Pagina 52
‘Il grande crollo è iniziato, S&P 500 andrà giù del 45%’. Jeremy Grantham non ha dubbi ed elenca tutti i sintomi della super bolla
Jeremy Grantham, investitore celebre per le chiamate delle scoppio di bolle di mercato,  ieri ha affermato che lo storico crollo delle azioni che aveva previsto un anno fa è in …
Partita Generali, ‘Consob ostaggio di Paolo Savona’? Lui non ci sta: ‘sono io sotto scacco’
Partita Generali e Consob: su Twitter spunta un post di Paolo Savona, numero uno dell’Autorità di Borsa, ex ministro degli Affari europei del governo M5S-Lega, pomo della discordia tra la …
Netflix, tempi d’oro dei lockdown da Covid finiti? Titolo crolla -20% post trimestrale, bruciati $45 miliardi valore mercato
Per Netflix, i tempi d'oro vissuti nel periodo più buio del Covid, sembrano ormai lontani, come era d'altronde prevedibile. Il colosso dello streaming si è confermato tra i vincitori della …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #511
    L'avatar di Zino77
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    5,594
    Mentioned
    17 Post(s)
    Quoted
    940 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    A breve c'è la possibilità che mi ritrovi senza lavoro, mi chiedo se ha senso continuare a versare un minimo nel PIP che ho, oltre a Fon.te da disoccupato?
    Il credito irpef si riesce comunque a recuperare tramite bonifico invece che dal sostituto d'imposta in tempi più lunghi, sempre una scocciatura ...
    Su Fonte non ho mai fatto versamenti aggiuntivi, ma ho incrementato la mia % e con i due fondi a disposizione, negli ultimi anni sono riuscito a versare il massimo.


    Sto facendo tante riflessioni, dal tempo investito male per anni da sfruttato e senza crescere, dal tempo passato che ora sembra andato spercato, dal possibile giro di boa in cui mi trovo a 44 anni e con almento altri 20 prima della pensione .... per non parlare della possibilità di gravi malattie che possono sopraggiungere. Mio padre è deceduto giusto un anno fa a 74 anni per un tumore ipoteticamente ereditario, sono situazioni che fanno riflettere. Si pensa sempre a lavorare per la sicurezza di uno stipendio e per una serena pensione, ma la vità è già stata vissuta. Bisogna trovare un equilibrio sostenibile tra vita sana e lavoro

  2. #512

    Data Registrazione
    Jun 2008
    Messaggi
    22,337
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    7389 Post(s)
    Potenza rep
    42520190
    Citazione Originariamente Scritto da marble Visualizza Messaggio
    non ci sono requisiti particolari, basta non lavorare (e avere un montante sufficiente per campare )
    Hai detto niente...

  3. #513

    Data Registrazione
    Jun 2008
    Messaggi
    22,337
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    7389 Post(s)
    Potenza rep
    42520190
    Citazione Originariamente Scritto da Zino77 Visualizza Messaggio
    A breve c'è la possibilità che mi ritrovi senza lavoro, mi chiedo se ha senso continuare a versare un minimo nel PIP che ho, oltre a Fon.te da disoccupato?
    Il credito irpef si riesce comunque a recuperare tramite bonifico invece che dal sostituto d'imposta in tempi più lunghi, sempre una scocciatura ...
    Su Fonte non ho mai fatto versamenti aggiuntivi, ma ho incrementato la mia % e con i due fondi a disposizione, negli ultimi anni sono riuscito a versare il massimo.


    Sto facendo tante riflessioni, dal tempo investito male per anni da sfruttato e senza crescere, dal tempo passato che ora sembra andato spercato, dal possibile giro di boa in cui mi trovo a 44 anni e con almento altri 20 prima della pensione .... per non parlare della possibilità di gravi malattie che possono sopraggiungere. Mio padre è deceduto giusto un anno fa a 74 anni per un tumore ipoteticamente ereditario, sono situazioni che fanno riflettere. Si pensa sempre a lavorare per la sicurezza di uno stipendio e per una serena pensione, ma la vità è già stata vissuta. Bisogna trovare un equilibrio sostenibile tra vita sana e lavoro
    Innanzi tutto fare una bella prevenzione, visto che temi per l'ereditarietà della malattia.
    Controlli almeno semestrali se riesci.
    E poi un po' di ottimismo, che fa sempre bene alla salute.
    Stando ai temi, per mia forma mentis, tendo a semplificare le situazioni e quindi io sposterei tutto su un'unica posizione.

  4. #514
    L'avatar di tam10
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    1,734
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    379 Post(s)
    Potenza rep
    41675612
    dubbio amletico: versare o non versare il TFR pregresso sul Fonte?

    Ho 44 anni e premesso che tra 3-5 anni dovrei smettere di lavorare, poichè ne ho le @@ piene, sono indeciso se tenere il TFR in azienda per questi ultimi anni di lavoro e poi prendermi il netto ed investirlo nel Life Strategy 60/40 o se girare tutto il TFR al Fonte, chiaramente al lordo.
    Da un lato credo che il suddetto ETF sia più efficiente anche in termini di costi (TER) rispetto al Fonte, dall'altro, visto l'aspetto di voler lasciare prematuramente il mondo del lavoro, mi piacerebbe usufruire della RITA, la quale sarebbe di importo più corposo se ci metto il TFR.

    Suggerimenti?

  5. #515

    Data Registrazione
    Jun 2008
    Messaggi
    22,337
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    7389 Post(s)
    Potenza rep
    42520190
    Citazione Originariamente Scritto da tam10 Visualizza Messaggio
    dubbio amletico: versare o non versare il TFR pregresso sul Fonte?

    Ho 44 anni e premesso che tra 3-5 anni dovrei smettere di lavorare, poichè ne ho le @@ piene, sono indeciso se tenere il TFR in azienda per questi ultimi anni di lavoro e poi prendermi il netto ed investirlo nel Life Strategy 60/40 o se girare tutto il TFR al Fonte, chiaramente al lordo.
    Da un lato credo che il suddetto ETF sia più efficiente anche in termini di costi (TER) rispetto al Fonte, dall'altro, visto l'aspetto di voler lasciare prematuramente il mondo del lavoro, mi piacerebbe usufruire della RITA, la quale sarebbe di importo più corposo se ci metto il TFR.

    Suggerimenti?
    Io terrei il TFR come liquidità
    disponibile (salvo che tu non ne abbia già tanto).

    Per versarlo nel FONTE per aumentare il montante tempo ci sarà sempre tempo.

    Hai valutato che esiste un differente rischio di controparte tra ETF e FON.TE?

    PS
    Do per scontato che tu sappia che prima dei 58 anni almeno non potrai accedere alla Rita.
    Ultima modifica di sigmund1; 20-11-21 alle 16:51

  6. #516
    L'avatar di importante
    Data Registrazione
    Aug 2013
    Messaggi
    2,109
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    1082 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da tam10 Visualizza Messaggio
    dubbio amletico: versare o non versare il TFR pregresso sul Fonte?

    Ho 44 anni e premesso che tra 3-5 anni dovrei smettere di lavorare, poichè ne ho le @@ piene, sono indeciso se tenere il TFR in azienda per questi ultimi anni di lavoro e poi prendermi il netto ed investirlo nel Life Strategy 60/40 o se girare tutto il TFR al Fonte, chiaramente al lordo.
    Da un lato credo che il suddetto ETF sia più efficiente anche in termini di costi (TER) rispetto al Fonte, dall'altro, visto l'aspetto di voler lasciare prematuramente il mondo del lavoro, mi piacerebbe usufruire della RITA, la quale sarebbe di importo più corposo se ci metto il TFR.

    Suggerimenti?
    Ti dico cosa farei io
    No
    Perché non sfrutti i vantaggi fiscali
    5 k e rotti annui e il resto lo metti in qualsiasi cosa disinvestibile in qualunque momento e in qualunque scenario favorevole e non
    Se crolla il mercato con fonte sei investito, e non puoi entrare dopo se invece sale e sei investito
    Con fonte sei investito e basta
    Con il TFR in azienda fra 3-5 anni sei investito o non investito a tuo piacimento

  7. #517
    L'avatar di marble
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    4,258
    Mentioned
    66 Post(s)
    Quoted
    1999 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da tam10 Visualizza Messaggio
    dubbio amletico: versare o non versare il TFR pregresso sul Fonte?

    Ho 44 anni e premesso che tra 3-5 anni dovrei smettere di lavorare, poichè ne ho le @@ piene, sono indeciso se tenere il TFR in azienda per questi ultimi anni di lavoro e poi prendermi il netto ed investirlo nel Life Strategy 60/40 o se girare tutto il TFR al Fonte, chiaramente al lordo.
    Da un lato credo che il suddetto ETF sia più efficiente anche in termini di costi (TER) rispetto al Fonte, dall'altro, visto l'aspetto di voler lasciare prematuramente il mondo del lavoro, mi piacerebbe usufruire della RITA, la quale sarebbe di importo più corposo se ci metto il TFR.

    Suggerimenti?
    Il mio tfr pregresso (pre 2007) è in azienda e tutto sommato va bene così: è vero che ha reso meno, ma lo considero una diversificazione del rischio.

    Al momento della rita, però, chiederò all'azienda di versarmelo sul fondo per la tassazione molto più vantaggiosa (15-9) rispetto alla tassazione sul tfr.

  8. #518
    L'avatar di tam10
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    1,734
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    379 Post(s)
    Potenza rep
    41675612
    Citazione Originariamente Scritto da marble Visualizza Messaggio
    Il mio tfr pregresso (pre 2007) è in azienda e tutto sommato va bene così: è vero che ha reso meno, ma lo considero una diversificazione del rischio.

    Al momento della rita, però, chiederò all'azienda di versarmelo sul fondo per la tassazione molto più vantaggiosa (15-9) rispetto alla tassazione sul tfr.
    ringrazio te, sigmund e importante per i suggerimenti.

    Un appunto in merito alla diversificazione del rischio: consideri la tua azienda più sicura rispetto al Fonte?

    Io invece proprio perchè, pur detraendo i € 5k e rotti all'anno, ho un montante basso, volevo aumentarlo versandoci il TFR pregresso, sfruttando anche il fatto che ha una tassazione più favorevole al momento della RITA che, se la legge non cambia, chiederò tra 15 anni.

    Inoltre, rispondendo all'utente importante, se lo tengo in azienda, nel momento del licennziamento lo riscuoterò al netto delle tasse ordinarie per poi reinvestirlo nell'ETF Vanguard life strategy 60/40 che di fatto è abbastanza simile al Fonte dinamico ed io in questo ci vedo un po' un controsenso, visto che di fatto subirei una doppia tassazione.
    Se invece lo verso subito o cmq prima del licenziamento al Fonte, il versamento sarebbe al lordo.

    Dove sbaglio?

  9. #519
    L'avatar di marble
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    4,258
    Mentioned
    66 Post(s)
    Quoted
    1999 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da tam10 Visualizza Messaggio
    ringrazio te, sigmund e importante per i suggerimenti.

    Un appunto in merito alla diversificazione del rischio: consideri la tua azienda più sicura rispetto al Fonte?

    Io invece proprio perchè, pur detraendo i € 5k e rotti all'anno, ho un montante basso, volevo aumentarlo versandoci il TFR pregresso, sfruttando anche il fatto che ha una tassazione più favorevole al momento della RITA che, se la legge non cambia, chiederò tra 15 anni.

    Inoltre, rispondendo all'utente importante, se lo tengo in azienda, nel momento del licennziamento lo riscuoterò al netto delle tasse ordinarie per poi reinvestirlo nell'ETF Vanguard life strategy 60/40 che di fatto è abbastanza simile al Fonte dinamico ed io in questo ci vedo un po' un controsenso, visto che di fatto subirei una doppia tassazione.
    Se invece lo verso subito o cmq prima del licenziamento al Fonte, il versamento sarebbe al lordo.

    Dove sbaglio?
    No, non considero il tfr in azienda più al sicuro. Però in caso di crollo dell'azionario e aumento dell'inflazione il tfr ha una protezione che fonte dinamico non ha. In ogni caso se glielo chiedo non me lo danno quindi me lo faccio andar bene così

    Se andrò in rita, fra circa 6 anni, a quel punto il tfr me lo devono dare comunque quindi mi auguro che per l'azienda non faccia differenza

  10. #520

    Data Registrazione
    Jun 2008
    Messaggi
    22,337
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    7389 Post(s)
    Potenza rep
    42520190
    Citazione Originariamente Scritto da marble Visualizza Messaggio
    No, non considero il tfr in azienda più al sicuro. Però in caso di crollo dell'azionario e aumento dell'inflazione il tfr ha una protezione che fonte dinamico non ha. In ogni caso se glielo chiedo non me lo danno quindi me lo faccio andar bene così

    Se andrò in rita, fra circa 6 anni, a quel punto il tfr me lo devono dare comunque quindi mi auguro che per l'azienda non faccia differenza
    Lo sai che per molti il TFR è depositato presso la tesoreria dell'Inps?

    Lo sai che in OGNI CASO il TFR è garantito?

Accedi