Fondi Pensione Vol.12 - Pagina 64
Stellantis va all’attacco, Tavares indica un futuro tutto elettrico e lancia l’Electrification Day
Stellantis ha solo pochi mesi di vita ma deve già correre per non restare indietro nella serrata corsa dei big dell'auto verso un futuro sempre più incentrato sull'elettrico. Lo sa …
Orcel supera lo scoglio assemblea, Unicredit nelle mani del banchiere d’oro. M&A e non solo, le sfide del nuovo ceo
Come da attese è stata un esito sul filo di lana quello relativo alla politica di remunerazione 2021 di Unicredit con il tanto discosso maxi-stipendio garantito al nuovo ceo Andrea …
Coinbase sbarca a Wall Street e fa subito la storia, infiamma Bitcoin e batte il Nasdaq. Solo 93 società S&P 500 hanno capitalizzazione maggiore
Lo sbarco di Coinbase sul Nasdaq, indubbiamente, ha fatto e continuerà a fare la storia del Bitcoin e delle criptovalute: per la prima volta in assoluto una piattaforma di trading …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #631
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    15,821
    Mentioned
    619 Post(s)
    Quoted
    8602 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da laradio Visualizza Messaggio
    L'interpretazione della Covip del 11/10/2000 inerente le modifiche apportate dal decreto 47/2000 non è stata fatta solo per i dipendenti delle amministrazioni pubbliche ma per tutti i partecipanti ai FP . Attenzione siamo nel 2000 e il Dlgs 252 arriverà solo nel 2005. Con il Dlgs 252/2005 viene abrogato il Dlgs 124/1993 per tutti , tranne per i dipendenti delle amministrazioni pubbliche che quindi quando questi partecipano al loro fondo di categoria si applica appunto il 124/1993.
    Stai tornando sui tuoi passi. Su che base affermi:

    Con il Dlgs 252/2005 viene abrogato il Dlgs 124/1993 per tutti , tranne per i dipendenti delle amministrazioni pubbliche che quindi quando questi partecipano al loro fondo di categoria si applica appunto il 124/1993.

    Per chiarezza, solo per quello.

  2. #632
    L'avatar di --marco--
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1,389
    Mentioned
    82 Post(s)
    Quoted
    871 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da laradio Visualizza Messaggio
    L'interpretazione della Covip del 11/10/2000 inerente le modifiche apportate dal decreto 47/2000 non è stata fatta solo per i dipendenti delle amministrazioni pubbliche ma per tutti i partecipanti ai FP . Attenzione siamo nel 2000 e il Dlgs 252 arriverà solo nel 2005. Con il Dlgs 252/2005 viene abrogato il Dlgs 124/1993 per tutti , tranne per i dipendenti delle amministrazioni pubbliche che quindi quando questi partecipano al loro fondo di categoria si applica appunto il 124/1993.
    non capisco lo stupore di @mander, sono 14 anni che la previdenza complementare va vanti su due binari (tfr virtuale contro tfr reale, tipo e misura delle anticipazioni, legittimati al riscatto per decesso, come diceva @laclos01 fino al 2017 deducibilità diversa!). Ce ne sono di cose ridicole, basti pensare che il limite all'erogazione in capitale cambia da fondo a fondo... cosa veramente senza senso. Tocca adeguarsi

  3. #633
    L'avatar di --marco--
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1,389
    Mentioned
    82 Post(s)
    Quoted
    871 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da mander Visualizza Messaggio
    Stai tornando sui tuoi passi. Su che base affermi:

    Con il Dlgs 252/2005 viene abrogato il Dlgs 124/1993 per tutti , tranne per i dipendenti delle amministrazioni pubbliche che quindi quando questi partecipano al loro fondo di categoria si applica appunto il 124/1993.

    Per chiarezza, solo per quello.
    Sei come san tommaso

  4. #634
    L'avatar di laradio
    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    2,792
    Mentioned
    144 Post(s)
    Quoted
    1756 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da --marco-- Visualizza Messaggio
    non capisco lo stupore di @mander, sono 14 anni che la previdenza complementare va vanti su due binari (tfr virtuale contro tfr reale, tipo e misura delle anticipazioni, legittimati al riscatto per decesso, come diceva @laclos01 fino al 2017 deducibilità diversa!). Ce ne sono di cose ridicole, basti pensare che il limite all'erogazione in capitale cambia da fondo a fondo... cosa veramente senza senso. Tocca adeguarsi
    Ciao marco , sempre preciso. Ogni tanto dacci una mano a tenere a bada il tizio che pensa di essere sopra la legge, sopra la Covip , sopra Padula . Ultimamente non se ne può più, basta una virgola e ci vede subito un "gomblotto"

  5. #635
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    15,821
    Mentioned
    619 Post(s)
    Quoted
    8602 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da --marco-- Visualizza Messaggio
    Sei come san tommaso
    Non c'entra San Tommaso, si ritiene che la Previdenza Complementare, sia quella dettata dal testo unico del 252, dov'è scritto :

    Con il Dlgs 252/2005 viene abrogato il Dlgs 124/1993 per tutti , tranne per i dipendenti delle amministrazioni pubbliche che quindi quando questi partecipano al loro fondo di categoria si applica appunto il 124/1993.

    Le libere interpretazioni quando portano a risultati opposti e contraddittori , da chiunque interpretati portano all'arbitrio. Ogni legge ha la sua ratio .

    C'è un comma di un articolo ben chiaro e definito(3 art 11 DL 252), che fissa una regola . Questa regola non può essere liberamente interpretata e by passata:

    .quando l'aderente ha più fondi
    .quando l'aderente partecipa ad un negoziale o FA
    .quando il dip pubblico alternativamente può avere 2 soglie e 2 rendite diverse

    Sono situazioni che fanno a *****tti con il buon senso e con il preteso rispetto della legge .



    Le cose ridicole sono sempre ridicole chiunque li affermi se prive di fondamento. Il tfr virtuale non è solo ridicolo, diventa assurdo quando diventa moneta virtuale. Non può essere scambiato e compensato.

    Su 30 miliardi di tfr annuo appena la metà prende la via dei fondi, l'altra meta' resta nelle aziende ed a girare è la metà della metà quella dei privati e dei dip pubblici quando aderiscono da privati .. Di sicuro il tfr vero o virtuale non c'entra con il valore di soglia e con i riferimenti normativi esposti nel decreto.

    Questo è l'andazzo che io descrivo. A me non sta bene, non perchè cosi ho deciso perchè in punta di diritto non sta bene, salvo prova contraria. Se a te o mercuzio o sempronio sta bene cosi pazienza.

  6. #636

    Data Registrazione
    Jan 2021
    Messaggi
    27
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    16 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da PiVi1962 Visualizza Messaggio
    Premesso che: molti dipendenti pubblici non hanno il TFR, ma un altro sistema di calcolo del reddito differito, che si chiama TFS (trattamento di fine servizio); che altre categorie di dipendenti pubblici hanno ulteriori modalità del calcolo della previdenza definite per legge (ad esempio i magistrati) o per atti di forza equivalente alla legge (ad esempio i dipendenti del parlamento).

    Prima di tornare al caso che hai chiesto (un dipendente pubblico con TFR) vediamo come funziona(va) nel privato.

    Il dipendente ha diritto mese mese a ricevere una quota di reddito differito, chiamata TFR, che gli verrà versata solo al momento dell'interruzione del rapporto di lavoro dipendente. Tale quota viene accantonata dall'impresa in un apposito Fondo, cui poi attinge al momento dell'interruzione per pagare il reddito differito al dipendente.
    Sino a qualche anno fa tale importo rimaneva così nelle casse del datore di lavoro, che sostanzialmente si autofinanziava a costo zero (per meglio dire, al costo della rivalutazione del TFR).

    Oggi una grande parte dei datori di lavoro versa tale cifra all'INPS (per chi si tiene il TFR) o al FP (per chi sceglie il FP).

    Tranne... Tranne, fra gli altri, i datori di lavoro pubblici.
    Vediamo quindi come funziona per molti dipendenti pubblici.

    Le AAPP (lo stato è povero) non versano all'INPS o al FP alcunché, ma comunicano solo la cifra accantonata per il dipendente. L'INPS riceve la comunicazione e, per ciascuno di loro, la "rivaluta" con le stesse modalità del TFR se il dipendente ha scelto il TFR; ovvero il FP la "rivaluta" secondo i rendimenti del paniere di investimenti del comparto prescelto dal dipendente pubblico che ha scelto il FP.
    Quando alla fine questo dipendente andrà in pensione, l'INPS/il FP reclamerà dall'Amministrazione Pubblica l'importo finora segnato in modo solo virtuale sotto il nome del dipendente.

    Dal punto di vista del singolo, poco cambia.
    Dal punto di vista economico-finanziario: l'AP non si indebita immediatamente ma solo nel lungo periodo, INPS/FP gestiscono importi virtuali, il sistema produttivo non viene "aiutato" da questi investimenti.

    PS. Una piccola somma può realmente uscire dalle tasche dello stato (e del lavoratore) e arrivare a INPS o FP: i contributi volontari aggiuntivi e i corrispondenti contributi del datore.
    Grazie 1000, sei stato molto chiaro

  7. #637
    L'avatar di laradio
    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    2,792
    Mentioned
    144 Post(s)
    Quoted
    1756 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da mander Visualizza Messaggio
    Non c'entra San Tommaso, si ritiene che la Previdenza Complementare, sia quella dettata dal testo unico del 252, dov'è scritto :

    Con il Dlgs 252/2005 viene abrogato il Dlgs 124/1993 per tutti , tranne per i dipendenti delle amministrazioni pubbliche che quindi quando questi partecipano al loro fondo di categoria si applica appunto il 124/1993.

    Le libere interpretazioni quando portano a risultati opposti e contraddittori , da chiunque interpretati portano all'arbitrio. Ogni legge ha la sua ratio .

    C'è un comma di un articolo ben chiaro e definito(3 art 11 DL 252), che fissa una regola . Questa regola non può essere liberamente interpretata e by passata:

    .quando l'aderente ha più fondi
    .quando l'aderente partecipa ad un negoziale o FA
    .quando il dip pubblico alternativamente può avere 2 soglie e 2 rendite diverse

    Sono situazioni che fanno a *****tti con il buon senso e con il preteso rispetto della legge .



    Le cose ridicole sono sempre ridicole chiunque li affermi se prive di fondamento. Il tfr virtuale non è solo ridicolo, diventa assurdo quando diventa moneta virtuale. Non può essere scambiato e compensato.

    Su 30 miliardi di tfr annuo appena la metà prende la via dei fondi, l'altra meta' resta nelle aziende ed a girare è la metà della metà quella dei privati e dei dip pubblici quando aderiscono da privati .. Di sicuro il tfr vero o virtuale non c'entra con il valore di soglia e con i riferimenti normativi esposti nel decreto.

    Questo è l'andazzo che io descrivo. A me non sta bene, non perchè cosi ho deciso perchè in punta di diritto non sta bene, salvo prova contraria. Se a te o mercuzio o sempronio sta bene cosi pazienza.

    Ma di che ti lagni? Perché continui a contestare quello che la legge ha previsto? Nessuno interpreta niente è lo stesso Dlgs 252/2005 a sancire che per le amministrazioni pubbliche viene applicata la previgente normativa ovvero il 124/1993!

  8. #638

    Data Registrazione
    Jan 2021
    Messaggi
    207
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    141 Post(s)
    Potenza rep
    1
    salve a tutti , dovrei iniziare un fondo pensione, e avrei alcuni dubbi che mi affliggono, vorrei postare le domande che ho è sarei grato se potreaste aiutarmi.
    ci provo: il fondo che mi riguarda è Agrifondo, ho postato qualche domanda anche li, ma ho visto che la sezione è poco frequentata allora vorrei scrivere anche qui, dicevo ciò che mi interessava sapere è come posso io confrontare l'andamento del fondo, ciè se esiste un benchmark di riferimento, sull altro 3d c'è un insieme di titoli ma proprio tanti e nn so se bisogna prenderli ad uno a uno per vedere come va oppure è andato il fondo, se è cosi sarebbe un lavoraccio
    altra cosa, il rendimento del fondo viene tassato ogni anno oppure le tasse si pagano al riscatto? se dovesse essere ogni anno, anche le ultime quote dell anno vengono tassate alla pari di quelle acquistate ad inizio anno ? se è cosi nn mi sembra molto equo. poi l'ultima cosa, con quale percentuale di tassazione vengono tassati i rendimenti?
    grazie chi vorra aiutarmi.

    p.S: provendendo da un pip i soldi che andrei a trasferire al fondo negoziale in fase di riscatto, come faranno a sapere che nn dovranno essere tassati essendo il solo frutto di versamenti volontari?

  9. #639
    L'avatar di PiVi1962
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    2,439
    Mentioned
    24 Post(s)
    Quoted
    643 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da tirammannanz Visualizza Messaggio
    salve a tutti , dovrei iniziare un fondo pensione, e avrei alcuni dubbi che mi affliggono, vorrei postare le domande che ho è sarei grato se potreaste aiutarmi.
    ci provo: il fondo che mi riguarda è Agrifondo, ho postato qualche domanda anche li, ma ho visto che la sezione è poco frequentata allora vorrei scrivere anche qui, dicevo ciò che mi interessava sapere è come posso io confrontare l'andamento del fondo, ciè se esiste un benchmark di riferimento, sull altro 3d c'è un insieme di titoli ma proprio tanti e nn so se bisogna prenderli ad uno a uno per vedere come va oppure è andato il fondo, se è cosi sarebbe un lavoraccio
    altra cosa, il rendimento del fondo viene tassato ogni anno oppure le tasse si pagano al riscatto? se dovesse essere ogni anno, anche le ultime quote dell anno vengono tassate alla pari di quelle acquistate ad inizio anno ? se è cosi nn mi sembra molto equo. poi l'ultima cosa, con quale percentuale di tassazione vengono tassati i rendimenti?
    grazie chi vorra aiutarmi.

    p.S: provendendo da un pip i soldi che andrei a trasferire al fondo negoziale in fase di riscatto, come faranno a sapere che nn dovranno essere tassati essendo il solo frutto di versamenti volontari?
    Valori quota
    Quelli del 2020 li vedi qui ::: Fondo Pensione Agrifondo ::: . Mi sembra di abbastanza semplice lettura.

    Tassazione dei rendimenti.
    La tassazione dei rendimenti è del 20% (ma si può abbassare sino al 12,5%, perché dipende da quanti titoli in white list ha il Fondo).
    La cosa importante, però, è che per l'aderente è tutto trasparente: il valore della quota tiene già conto di tale tassazione.

    Tassazione del trasferimento.
    I fondi si comunicano tra loro le varie informazioni relative anche alle quote montante e rendimenti.
    Ti avverto però che anche i versamenti volontari saranno tassati quando chiederai la prestazione, a meno che tu non abbia rinunciato al beneficio della detrazione IRPEF e lo abbia comunicato per tempo al tuo PIP.
    Trasferimento e riscatto sono due operazioni diverse. In genere, ai fini di costruire la tua pensione integrativa, conviene effettuare il trasferimento.
    Ultima modifica di PiVi1962; 01-03-21 alle 20:26

  10. #640
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    15,821
    Mentioned
    619 Post(s)
    Quoted
    8602 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da laradio Visualizza Messaggio
    Ma di che ti lagni? Perché continui a contestare quello che la legge ha previsto? Nessuno interpreta niente è lo stesso Dlgs 252/2005 a sancire che per le amministrazioni pubbliche viene applicata la previgente normativa ovvero il 124/1993!
    Il decreto ha previsto il comma 3 dell'art 11, non ha previsto per i pubblici dipendenti quanto affermi tu, o marco.

    Covip fino all'entrata in vigore del decreto fa valere la delibera cui marco si riferisce, ma non va oltre il decreto.

    Tant'è che con la delibera del maggio 2019 propone uno schema di statuto che prevede una casistica uguale per tutti ed in tutte le occasioni.
    Covip non rinvanga e non rispolvera, propone :

    https://www.covip.it/sites/default/f...sultazione.pdf

Accedi