TRUFFE finanziarie abusivi e promotori; DAVVERO COSI SEMPLICE? - Pagina 11
Confronto conti correnti: arriva l’Indicatore dei costi complessivi (ICC), cos’é e a cosa serve
Le nuove norme sulla trasparenza bancaria vedono l'introduzione del nuovo Indicatore dei costi complessivi (ICC) che mostra il costo indicativo annuo del conto corrente, espresso in euro, e sostituisce il …
Ftse Mib vola, Saipem si scuote con +6%. Per analisti è tempo di ‘buy the dip’ sulle azioni
Avvio di settimana dirompente per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib ha chiuso con uno sprint di +2,47% a quota 19.160 punti. Assist importante arriva dal balzo di Wall Street che …
Certificates Room: performance e sostenibilità, un binomio possibile
Domani martedì 29 settembre ore 17.30 si terrà l?evento Wall Street Italia dedicato al mondo degli investimenti ESG e dei certificati: iscriviti subito al link. Temi trattati Gli investimenti ESG …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #101
    L'avatar di lastrico
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    3,594
    Blog Entries
    11
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    2014 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da goony Visualizza Messaggio
    ...evidentemente a te non hanno mai rifilato un'anguria annacquata passandotela per "la migliore che ho in negozio" (con tanto di conseguente cazziatone preso da tua moglie ).
    Dopodiché la moglie ti ordina di andare da un altro fruttivendolo! Anzi meglio non ti manda più a comprare la frutta

    (Il prezzo della "consulenza" del fruttivendolo è insito nel prezzo dell'anguria, altrimenti te la compri su Amazon)
    Infatti la gente va online per comodità e per risparmiare, se il valore della “consulenza“ al negozio è percepito come basso. Anzi online puoi confrontare, leggere recensioni, valutare senza pressione psicologica.

  2. #102
    L'avatar di lastrico
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    3,594
    Blog Entries
    11
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    2014 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da totuccio2 Visualizza Messaggio
    Può essere che non sia messo in chiaro, però una volta esplicitato che si vendono prodotti per far guadagnare la banca (e si spera) anche il cliente, è una volta trovato il prodotto che si attaglia al cliente, secondo me, se lavori in banca, è corretto vendere il prodotto della banca.
    Se c'è una cosa che mi manda fuori dai gangheri, è quando mi definiscono consulente. Un po' perché ormai fa figo e tutti si definiscono così, perfino chi vende gli aspirapolveri (con tutto il rispetto), un po' per i motivi di cui sopra. Preferisco Gestore
    La frase evidenziata andrebbe stampata e attaccata sulla porta. Dopodiché mi va bene tutto, il cliente è stato avvisato.

  3. #103
    L'avatar di Dedalo Invest
    Data Registrazione
    May 2019
    Messaggi
    516
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    328 Post(s)
    Potenza rep
    32859244
    Citazione Originariamente Scritto da lastrico Visualizza Messaggio
    La frase evidenziata andrebbe stampata e attaccata sulla porta. Dopodiché mi va bene tutto, il cliente è stato avvisato.
    Il problema è proprio questo. Se il "consulente" bancario, o chiamiamolo gestore o venditore o come uno preferisce, informasse il cliente che lui sta vendendo prodotti per far guadagnare la banca (e si spera) anche il cliente, andrebbe tutto bene: il cliente è informato, poi sta a lui scegliere se continuare o meno. Il conflitto d'interesse, che c'è, viene comunicato. Sicuramente, molti clienti continuerebbero tranquillamente la trattativa (non tutti però).

    Il problema è che la suddetta figura il 99% delle volte NON informa il cliente come dovrebbe. Non comunica il conflitto d'interesse. E questo modo di agire non può assolutamente essere
    giustificato con il fatto che anche i fruttivendoli o gli elettrauto fanno lo stesso (anche perché non è la stessa cosa).

    In altre parole, c'è una scelta volontaria di non comunicare il conflitto di interesse.

    Questa scelta volontaria, che molto spesso viene favorita - se non imposta - dall'alto, è alla base della mancanza di etica professionale di questi soggetti che, di conseguenza, non rispettano alcuna deontologia professionale.

  4. #104
    L'avatar di goony
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Messaggi
    1,954
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    104 Post(s)
    Potenza rep
    27386636
    Citazione Originariamente Scritto da Dedalo Invest Visualizza Messaggio
    Il problema è proprio questo. Se il "consulente" bancario, o chiamiamolo gestore o venditore o come uno preferisce, informasse il cliente che lui sta vendendo prodotti per far guadagnare la banca (e si spera) anche il cliente, andrebbe tutto bene: il cliente è informato, poi sta a lui scegliere se continuare o meno. Il conflitto d'interesse, che c'è, viene comunicato. Sicuramente, molti clienti continuerebbero tranquillamente la trattativa (non tutti però).

    Il problema è che la suddetta figura il 99% delle volte NON informa il cliente come dovrebbe. Non comunica il conflitto d'interesse. E questo modo di agire non può assolutamente essere
    giustificato con il fatto che anche i fruttivendoli o gli elettrauto fanno lo stesso (anche perché non è la stessa cosa).

    In altre parole, c'è una scelta volontaria di non comunicare il conflitto di interesse.

    Questa scelta volontaria, che molto spesso viene favorita - se non imposta - dall'alto, è alla base della mancanza di etica professionale di questi soggetti che, di conseguenza, non rispettano alcuna deontologia professionale.
    Raga, ma scusate...non che io voglia difendere i consulenti bancari, (perchè sanno farlo benissimo da soli), ma allora perchè non chiediamo la stessa cosa al "consulente di vendita di automobili" quando andiamo a comprare una macchina usata in un autosalone? Anche lì crediamo che il consulente di vendita ci consiglierà la macchina migliore per noi? Scommetto di no! Ma in quel caso (giustamente) facciamo le pulci alla sua proposta di vendita, informandoci a dovere prima di recarci da lui, in modo da essere preparati a capire cosa ci sta proponendo.

    Io la differenza fra i due contesti non la vedo

  5. #105

    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    4,560
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    2211 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Dedalo Invest Visualizza Messaggio
    Il problema è proprio questo. Se il "consulente" bancario, o chiamiamolo gestore o venditore o come uno preferisce, informasse il cliente che lui sta vendendo prodotti per far guadagnare la banca (e si spera) anche il cliente, andrebbe tutto bene: il cliente è informato, poi sta a lui scegliere se continuare o meno. Il conflitto d'interesse, che c'è, viene comunicato. Sicuramente, molti clienti continuerebbero tranquillamente la trattativa (non tutti però).

    Il problema è che la suddetta figura il 99% delle volte NON informa il cliente come dovrebbe. Non comunica il conflitto d'interesse. E questo modo di agire non può assolutamente essere
    giustificato con il fatto che anche i fruttivendoli o gli elettrauto fanno lo stesso (anche perché non è la stessa cosa).

    In altre parole, c'è una scelta volontaria di non comunicare il conflitto di interesse.

    Questa scelta volontaria, che molto spesso viene favorita - se non imposta - dall'alto, è alla base della mancanza di etica professionale di questi soggetti che, di conseguenza, non rispettano alcuna deontologia professionale.
    mettiamo pure tutti gli avvisi che vuoi , ma che i clienti che fanno un investimento "non sanno che fanno guadagnare la banca" la vedo un po' dura. Qualcuno, dei più anziani e sprovveduti non lo sa, ma ormai anche i sassi sanno che i fondi prevedono delle commissioni.
    Sull'entità delle commissioni, in soldoni proprio, son più d'accordo, è difficile che uno che ha 200 k in gestito "si renda conto" di quanto effettivamente rende alla banca. Questo aspetto dovrebbe sicuramente essere esplicitato meglio

  6. #106
    L'avatar di Dedalo Invest
    Data Registrazione
    May 2019
    Messaggi
    516
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    328 Post(s)
    Potenza rep
    32859244
    Citazione Originariamente Scritto da goony Visualizza Messaggio
    Raga, ma scusate...non che io voglia difendere i consulenti bancari, (perchè sanno farlo benissimo da soli), ma allora perchè non chiediamo la stessa cosa al "consulente di vendita di automobili" quando andiamo a comprare una macchina usata in un autosalone? Anche lì crediamo che il consulente di vendita ci consiglierà la macchina migliore per noi? Scommetto di no! Ma in quel caso (giustamente) facciamo le pulci alla sua proposta di vendita, informandoci a dovere prima di recarci da lui, in modo da essere preparati a capire cosa ci sta proponendo.

    Io la differenza fra i due contesti non la vedo
    Già parli di consulente di vendita...
    Qui siamo in un forum finanziario. Se vai in un forum di automobili troverai discussioni simili, immagino.

    Premesso che anche gli investitori hanno le loro responsabilità, il confronto con le automobili è una forzatura:
    • Se proprio vuoi fare il confronto con i venditori di auto, l'automobile è un bene fisico, vedi subito ciò che compri: il "consulente/venditore" può dirti quello che vuole ma almeno tu hai sotto gli occhi da subito quello che stai comprando. Una volta firmato il contratto, esci dal concessionario guidando l'auto. Quanto hai pagato l'auto, lo sai da subito.
    • In un investimento ciò che otterrai (se ti va bene, una somma superiore a quella che hai investito) lo "vedrai" tra X anni. Per arrivare a questo risultato ci sono diversi fattori (invisibili) che entrano in gioco. Se hai "acquistato" bene o male non lo saprai se non tra un numero di anni potenzialmente molto alto. Non si tratta di un bene fisico, ed è per questo che la consulenza è importante. Ma se il "consulente" ti nasconde i costi o pensa a fare l'interesse proprio o della banca in primo luogo, viene meno all'etica professionale.
    • In ultima analisi, se i conflitti di interesse esistono anche in altre categorie di professionisti, allora sono giustificati?

    Citazione Originariamente Scritto da totuccio2 Visualizza Messaggio
    mettiamo pure tutti gli avvisi che vuoi , ma che i clienti che fanno un investimento "non sanno che fanno guadagnare la banca" la vedo un po' dura. Qualcuno, dei più anziani e sprovveduti non lo sa, ma ormai anche i sassi sanno che i fondi prevedono delle commissioni.
    Sull'entità delle commissioni, in soldoni proprio, son più d'accordo, è difficile che uno che ha 200 k in gestito "si renda conto" di quanto effettivamente rende alla banca. Questo aspetto dovrebbe sicuramente essere esplicitato meglio
    Penso sia a questo che la maggior parte degli utenti si sta riferendo.

  7. #107

    Data Registrazione
    Aug 2010
    Messaggi
    224
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    97 Post(s)
    Potenza rep
    13712941
    Citazione Originariamente Scritto da totuccio2 Visualizza Messaggio
    mettiamo pure tutti gli avvisi che vuoi , ma che i clienti che fanno un investimento "non sanno che fanno guadagnare la banca" la vedo un po' dura. Qualcuno, dei più anziani e sprovveduti non lo sa, ma ormai anche i sassi sanno che i fondi prevedono delle commissioni.
    Sull'entità delle commissioni, in soldoni proprio, son più d'accordo, è difficile che uno che ha 200 k in gestito "si renda conto" di quanto effettivamente rende alla banca. Questo aspetto dovrebbe sicuramente essere esplicitato meglio
    Effettivamente é giá difficile rendersi conto delle commissioni... ma a me sembra molto peggio, in quanto le commissioni difficili da percepire sono SOLO la parte esplicita del costo per il cliente. C'é poi una parte che sarebbe quantificabile solo a posteriori, ed é la quantitá che la "meravigliosa" e carissima gestione fa perdere al cliente rispetto ad un ETF WORLD. Se a fine anno informassero il cliente: la gestione XXX ti ha fatto sottoperformare l'ETF WORLD di xxmila euro, e PER QUESTO mi devi pagare xx mila euro... Questa sarebbe una Mifid vera! E magari qualche cliente inizierebbe a pensare alle alternative

  8. #108
    L'avatar di Blacksmith.
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    4,968
    Mentioned
    59 Post(s)
    Quoted
    3212 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da lastrico Visualizza Messaggio
    Non esistono esperti di finanza?
    Gli esperti di finanza sono quelli che sanno calcolare il prezzo delle "cose".

    Gli "esperti" di finanza sono quelli che pensano che i prezzi di mercato non rispecchino il vero valore delle "cose".

    Agli esperti di finanza viene chiesto di confezionare prodotti finanziari che possano ingannare anche gli "esperti" di finanza.

  9. #109
    L'avatar di Benjamin_Malaussène
    Data Registrazione
    Aug 2019
    Messaggi
    1,684
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1394 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da goony Visualizza Messaggio
    Secondo me l'importante è essere chiari: il dipendente bancario vende quello che il suo datore di lavoro gli mette a disposizione e non è lì per fare gli interessi del cliente, ma quelli di chi lo paga, come qualsiasi altro venditore; il fatto che venga definito "consulente" non implica certo che faccia gli interessi dell'investitore a dispetto del suo datore di lavoro, questo dovrebbe essere chiaro.

    Se si vuole un consulente privo di conflitti di interesse la banca è l'ultimo posto dove cercarlo (senza offesa per alcuno, ovviamente).
    Per me è chiaro.

    Rispondevo a chi sosteneva: "se non fai anche l'interesse della banca, ti ritrovi senza stipendio"

    Bisogna capire che questo discorso rischia di portare a "se consideri la tua professionalità alla stregua di un venditore di prodotti (come il fruttivendolo o il commesso di catena di libri), ti ritroverai comunque senza stipendio".

    Citazione Originariamente Scritto da totuccio2 Visualizza Messaggio
    sulla professionalità di Bow non ci piove. Può anche darsi che domani tutto il sistema crolli come un castello di carte, il mio discorso era diverso.
    Non trovo correttissimo (poi c'è di molto peggio, per carità), consigliare un determinato tipo di prodotto quando la tua azienda ti chiede altro, finita li.
    Ok ma bow è, rispetto a noi, un "personaggio virtuale".

    Non pensi invece che chi entra in banca si aspetti di trovare sempre qualcuno che conosca (almeno a livello base) i prodotti che vende e sappia indicarne correttamente il prezzo (in termini di commissioni) ed i profili di rischio/rendimento?

    Altrimenti diventa davvero svilente dover paragonare la professionalità di un dipendente di banca a quella di un commesso di un negozio di una grande catena (anche perché immagino gli stipendi non siano gli stessi).
    Ultima modifica di Benjamin_Malaussène; 12-08-20 alle 16:38

  10. #110
    L'avatar di goony
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Messaggi
    1,954
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    104 Post(s)
    Potenza rep
    27386636
    Citazione Originariamente Scritto da Blacksmith. Visualizza Messaggio
    Gli esperti di finanza sono quelli che sanno calcolare il prezzo delle "cose".

    Gli "esperti" di finanza sono quelli che pensano che i prezzi di mercato non rispecchino il vero valore delle "cose".

    Agli esperti di finanza viene chiesto di confezionare prodotti finanziari che possano ingannare anche gli "esperti" di finanza.
    Io metterei questo cartello fuori dalla porta, al posto dell'altro suggerito

Accedi