Piattaforma per investimenti - Pagina 2
Autostrade: da Conte nuovo ultimatum ad Atlantia. Che avverte: ‘con revoca default sistemico da oltre 16,5 MLD e 7.000 posti lavoro a rischio”
Una eventuale revoca della concessione ad Autostrade da parte del governo italiano "provocherebbe un default sistemico gravissimo, esteso a tutto il mercato europeo, per oltre 16,5 miliardi di euro, oltre …
I bond Tesla non seguono la volatilità del titolo e svelano un altro traguardo del gioiello di Musk
Nel corso di quest?anno, la crescita vertiginosa del valore delle azioni di Tesla sui mercati ha contribuito al miglioramento del suo profilo creditizio. Secondo il punto di vista del Centro …
Intesa Sanpaolo snellisce le fila con 5.000 uscite volontarie. Messina: ‘Posto stabile a 2.500 giovani’
Intesa Sanpaolo non perde tempo e in anticipo sulla tabella di marcia trova l'intesa con i sindacati per le 5000 uscite volontarie previste entro il 2023 in seguito all'acquisizione di UBI Banca. …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #11

    Data Registrazione
    Jun 2020
    Messaggi
    283
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    210 Post(s)
    Potenza rep
    3098087
    Non voglio difendere Directa perché essendo una Sim, come dice bow, ha i suoi limiti. Però sulla carta sembra chiaro che i fondi liquidi sono in un conto terzi (Banca Sella) e sono garantiti fino a 20k mentre i titoli sono registrati nel Monte Titoli a nome del cliente.

    Per perdere soldi e titoli del cliente credo che la Sim debba commettere reati ben peggiori. In caso di fallimento invece non sono aggredibili.

    Se Directa fallisse....

    Riguardo al prestito titoli, ho da poco aperto un conto su Directa (avrei scelto Webank in alternativa ma non mi va di aprire un altro conto bancario ora) e al primo accesso viene chiesto se lo si vuole abilitare o no. Ho scelto no e pace.

    Purtroppo mi sono visto costretto a scegliere una Sim perché Chebanca (il mio conto) si prende un minimo di 6 euro ad operazione improponibile per un PAC mensile, ma anche bimestrale.
    Directa invece ha un minimo di 1,5 euro e per operazioni inferiori a circa 800 euro conviene.

    Ovviamente, nel momento che dovessi muovermi da Chebanca a Webank credo che metterei da parte Directa per l'investimento principale e lo userei solo per operazioni speciali.

  2. #12

    Data Registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    1,366
    Mentioned
    21 Post(s)
    Quoted
    795 Post(s)
    Potenza rep
    28345889
    Citazione Originariamente Scritto da Fabio.G Visualizza Messaggio
    Aspetta, guardando i costi di webank, è possibile che io paghi 12 euro a transazione, quindi 12+12=24 per comprare e poi vendere? o non ho capito bene qualcosa, giusto per capire un po
    Io uso Widiba, ero rimasto che Webank avesse costi simili.
    Posso dirti che Widiba è un bel conto (pure una PEC).

  3. #13
    L'avatar di bow
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    1,408
    Mentioned
    77 Post(s)
    Quoted
    1218 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Makemake Visualizza Messaggio
    Non voglio difendere Directa perché essendo una Sim, come dice bow, ha i suoi limiti. Però sulla carta sembra chiaro che i fondi liquidi sono in un conto terzi (Banca Sella) e sono garantiti fino a 20k mentre i titoli sono registrati nel Monte Titoli a nome del cliente.

    Per perdere soldi e titoli del cliente credo che la Sim debba commettere reati ben peggiori. In caso di fallimento invece non sono aggredibili.

    Se Directa fallisse....

    Riguardo al prestito titoli, ho da poco aperto un conto su Directa (avrei scelto Webank in alternativa ma non mi va di aprire un altro conto bancario ora) e al primo accesso viene chiesto se lo si vuole abilitare o no. Ho scelto no e pace.

    Purtroppo mi sono visto costretto a scegliere una Sim perché Chebanca (il mio conto) si prende un minimo di 6 euro ad operazione improponibile per un PAC mensile, ma anche bimestrale.
    Directa invece ha un minimo di 1,5 euro e per operazioni inferiori a circa 800 euro conviene.

    Ovviamente, nel momento che dovessi muovermi da Chebanca a Webank credo che metterei da parte Directa per l'investimento principale e lo userei solo per operazioni speciali.
    No, no che c'entra... io non parlo di fallimento. Sì pensa sempre ai fallimenti. Avere un deposito di titoli presso un ente abilitato da banca d'Italia ovviamente è sicuro: i depositi di terzi non vengono confusi con lo stato patrimoniale.
    Qualcuno di noi ha paura che il parcheggio fallisca quando ci parcheggiamo la macchina?
    No, anche il più scalcinato parcheggio se è fallito non può certo appropriarsi delle vetture che custodisce... salvo un ladro d'auto.

    Il discorso è di servizio. Come giustamente dici chi fa trading guarda alle commissioni di negoziazione, ai servizi di trading aggiuntivi, etc... E sceglie un broker o una SIM.

    Ma il risparmiatore che vuol mettere lì dei titoli e fare buy & hold... perché presso una SIM?
    Banalmente... se muore, gli eredi li trovano quei depositi per fare la successione? Se vuole trasferire i titoli verso una banca o un conto estero, la SIM garantisce tale servizio? Per una certificazione fiscale, un biglietto assembleare e mille altre cose, è solerte? E cento altri discorsi.

    Una cosa magari è contattare PosteItaliane un'altra un broker online di nicchia...

  4. #14

    Data Registrazione
    Aug 2010
    Messaggi
    225
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    97 Post(s)
    Potenza rep
    13712941
    Citazione Originariamente Scritto da bow Visualizza Messaggio
    ...Ora...
    ...alle poste (ente piuttosto importante) un deposito titoli tuo personale, senza prestito titoli, costa poco, ce l'hai sotto casa e la negoziazione di ETF costa tipo 3 euro...
    ...poi gli uffici postali so' zozzi, la app non è *****tta etc... ma chi te lo fa fare, per esigenze semplici (non trading intraday con marginazione) ad impelagarti con SIM, broker e piattaforme?

    .........

    Il discorso è di servizio. Come giustamente dici chi fa trading guarda alle commissioni di negoziazione, ai servizi di trading aggiuntivi, etc... E sceglie un broker o una SIM.

    Ma il risparmiatore che vuol mettere lì dei titoli e fare buy & hold... perché presso una SIM?
    Banalmente... se muore, gli eredi li trovano quei depositi per fare la successione? Se vuole trasferire i titoli verso una banca o un conto estero, la SIM garantisce tale servizio? Per una certificazione fiscale, un biglietto assembleare e mille altre cose, è solerte? E cento altri discorsi.

    Una cosa magari è contattare PosteItaliane un'altra un broker online di nicchia...
    Grazie per la risposta, Bow, adesso capisco perfettamente il punto.

    Nel mio caso (che é piuttosto anomalo - vivo in Messico e conservo proprietá in EU), sono peró pressoché obbligato al broker. E temevo mi indicassi problemi piú "gravi". In realtá i problemi li ho sempre avuti con le banche...o per servizi pessimi e commissioni da furto, o per pochezza del servizio online (per me essenziale), o per le maledette verifiche antiriciclaggio (che neanche sfiorano i riciclatori veri, ma che a un comune mortale possono massacrare l'operativitá, e se sei a qualche migliaio di km non ti dico il piacere...).

    Qua in Messico, stessa storia, anche peggio. L'operativa tramite banca é ridicola, un salasso assurdo. Ma anche i brokers....pochi, cari e pessimi. Ho appena aperto un conto con IB negli States, sembra (ma chissá....) che possa operare da Messico e da EU, con margini sul cambio ragionevolissimi. Sarebbe la soluzione di molti miei problemi, soluzione che nella banchetta della provincia da cui fuggí (e in cui ho chiuso il conto quest'anno) non possono neanche concepire esista.

    Saludos!

  5. #15
    L'avatar di lastrico
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    3,596
    Blog Entries
    11
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    2014 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da bow Visualizza Messaggio
    No, no che c'entra... io non parlo di fallimento. Sì pensa sempre ai fallimenti. Avere un deposito di titoli presso un ente abilitato da banca d'Italia ovviamente è sicuro: i depositi di terzi non vengono confusi con lo stato patrimoniale.
    Qualcuno di noi ha paura che il parcheggio fallisca quando ci parcheggiamo la macchina?
    No, anche il più scalcinato parcheggio se è fallito non può certo appropriarsi delle vetture che custodisce... salvo un ladro d'auto.

    Il discorso è di servizio. Come giustamente dici chi fa trading guarda alle commissioni di negoziazione, ai servizi di trading aggiuntivi, etc... E sceglie un broker o una SIM.

    Ma il risparmiatore che vuol mettere lì dei titoli e fare buy & hold... perché presso una SIM?
    Banalmente... se muore, gli eredi li trovano quei depositi per fare la successione? Se vuole trasferire i titoli verso una banca o un conto estero, la SIM garantisce tale servizio? Per una certificazione fiscale, un biglietto assembleare e mille altre cose, è solerte? E cento altri discorsi.

    Una cosa magari è contattare PosteItaliane un'altra un broker online di nicchia...
    Non lo so, ma dovessi scommettere sulla... solerzia... scommetterei su Directa piuttosto che su BancoPosta.
    Ci si può fare un’idea anche leggendo i relativi thread in sezione Trading on line dove in effetti si parla soprattutto di piattaforme, servizi, commissioni ecc. sia di broker sia di banche, non solo per trading veloce ma anche per investimenti.

    Invece la domanda sulla sicurezza in caso di fallimento me la pongo ma mi rispondo con quello che ho compreso conversando con la rappresentante di Directa in Alcune domande su DIRECTA (vol. II)

    Mi cito:


    Citazione Originariamente Scritto da cristina.digiore Visualizza Messaggio
    Buonasera,

    le SIM non avendo la forma giuridica di "banca" non posso detenere liquidità e titoli dei clienti, ma devono subdepositarli presso altre banche,
    tali depositi avvengono secondo una particolare forma giuridica di depositi, che è chiamata "deposito fondi di terzi"
    in questi depositi presso altre banche, le SIM inseriscono tutti gli averi (sia liquidi che titoli) dei clienti;

    pertanto, a differenza delle banche, le SIM hanno un doppio binario, ovvero la gestione dei "fondi propri", che è patrimonio della società,
    e la gestione dei "fondi di terzi" che è la gestione del patrimonio dei clienti;

    a differenza delle banche quindi, il concetto di "solidità" dell'intermediario assume una connotazione diversa.

    Ad esempio i depositi presso una SIM non sono tutelati dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (fondo nazionale che tutela i depositi presso le banche),
    in quanto, in effetti, non sono presso la SIM ma sono depositati presso una banca terza, in un "deposito fondi di terzi"

    Tali depositi non sono aggredibili in caso di dissesto della SIM per fallimento, o di liquidazione coatta.

    Non sono inoltre neanche sottoposti alla normativa bail-in in caso di dissesto della banca presso la quale sono depositati.
    Ai depositi nei conti terzi di SIM, SGR e Fondi Pensione, infatti, non si applica il limite di tutela bail-in dei 100.000 euro, ma vengono protetti illimitatamente.


    Garanzie sul capitale depositato-Directa

    Directa ha inoltre anche un servizio a "schema misto",
    dove la SIM fornisce solo il servizio di ricezione e trasmissione degli ordini, mentre il cliente può detenere liquidità e titoli presso una banca convenzionata a sua scelta.

    Ad oggi Directa ha banche convenzionate in tutta Italia, sono circa 170.

    Broker Trading Online | Directa SIM - Trading Online
    Grazie delle spiegazioni!
    Dunque se puoi confermare se ho ben capito il tutto...
    1. In caso di normale fallimento o liquidazione della SIM soldi e titoli dei clienti sono al sicuro (non aggredibili dai creditori) in speciali conti bancari (deposito fondi di terzi) separati dal patrimonio della Sim.
    2. Questi conti sono anche garantiti dal FITD in caso di fallimento della banca depositaria, persino oltre il limite di 100k euro.
    3. In caso di comportamento fraudolento della Sim, per cui non fosse possibile recuperare titoli e liquidi con il sistema di cui sopra (ad esempio perché in realtà non si sono seguite le regole), scatta come paracadute il fondo di garanzia specifico delle Sim di 20k su titoli e liquidi di ciascun cliente (Fondo nazionale di garanzia per la tutela dei crediti vantati dai clienti nei confronti delle società di intermediazione mobiliare).
    4. Chi vuole, comunque, può detenere soldi e titoli presso una banca di propria scelta, tra quelle convenzionate, affidando a Directa solo la negoziazione.
    Giusto?
    Ultima modifica di lastrico; 05-08-20 alle 16:02

  6. #16

    Data Registrazione
    Dec 2019
    Messaggi
    2,167
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    1246 Post(s)
    Potenza rep
    34158014
    Mi associo quando detto sopra, uso directa già da qualche annetto non vorrei fare un commento di parte (almeno ci provo) ma in questi anni ho avuto a che fare parecchie volte con il servizio clienti per approfondimenti/segnalazioni abbastanza tecniche su cui ho avuto sempre una risposta in tempi brevi, professionale e con terminologia di chi "mastica la materia", pagando il giusto pochissimo in Italia visto che siamo abituati ad eseguiti anche da 9€!!

    Avrei lo stesso trattamento da una sportellista delle poste o da uno sbarbatello consulente/promotore della banca XY? Senza che mi fa una solfa sui "straordinari prodotti" della banca/posta che basta che gli poni una domanda pseudotecnica del tipo "che benchmark segue" (cosa che mi è capitata) per azzittirlo?

    Certo se avessi un @bow dall altra parte della scrivania il mio giudizio sarebbe diverso ma una rondine non fa primavera
    Ultima modifica di Berserk85; 05-08-20 alle 16:01

  7. #17

    Data Registrazione
    Nov 2012
    Messaggi
    433
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    328 Post(s)
    Potenza rep
    10454207
    Citazione Originariamente Scritto da Fabio.G Visualizza Messaggio
    Aspetta, guardando i costi di webank, è possibile che io paghi 12 euro a transazione, quindi 12+12=24 per comprare e poi vendere? o non ho capito bene qualcosa, giusto per capire un po
    Io uso Webank paghi lo 0,19% ad eseguito con un minimo di 2,75 euro. Poi ci sono altre formule per chi effettua molte operazioni ma questa è quella per me più conveniente.

  8. #18

    Data Registrazione
    Jan 2020
    Messaggi
    158
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    78 Post(s)
    Potenza rep
    1
    Citazione Originariamente Scritto da P4skhe Visualizza Messaggio
    Io uso Webank paghi lo 0,19% ad eseguito con un minimo di 2,75 euro. Poi ci sono altre formule per chi effettua molte operazioni ma questa è quella per me più conveniente.
    Ok, e li pago sia quando compro, sia quando vendo. Giusto, quindi mi costa 9.5 euro ×2= 19 circa. Poi il deposito titoli, quanto quanto ti costa su we bank?

  9. #19

    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    173
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    143 Post(s)
    Potenza rep
    2871927
    Personalmente uso Widiba (già l'avevo), ma avevo aperto anche directa che però non ho mai usato perchè widiba essendo già il conto dove accredito lo stipendio è più comodo.

    C'è da dire però che se chiamo il call center di widiba x info anche banali sul trading non sanno una cippa, è come andare alle poste e parlare con la sessantenne di turno, invece in directa hai l'idea di parlare con gente che ci capisce davvero

Accedi