Fondi Pensione Vol.11 - Pagina 12
Piazza Affari bagna dicembre con un rialzo. Intesa e Stm in paradiso, Unicredit agli inferi (-8%)
Piazza Affari inizia l’ultimo mese dell’anno con il piede giusto nonostante il crollo di Unicredit in scia alla notizia del divorzio da Mustier. Il Ftse Mib ha chiuso le contrattazioni …
Evento Relatech X: innovazione e sostenibilità gli ingredienti essenziali per un modello di business vincente
Relatech, Digital Enabler Solution Knowledge (D.E.S.K.) Company e PMI innovativa quotata su AIM Italia, ha ospitato ieri l?evento Relatech X, momento di condivisione con un panel tutto al femminile, su …
Caccia ai Faang dei mercati emergenti. Alibaba e Tencent nella cinquina degli START
Non solo FAANG. Anche se manca ancora un mese alla fine dell’anno, si può già fare una folta lista di vincitori in Borsa con le Big Tech in primissima fila …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #111

    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    6,111
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    1146 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    intervengo per la prima volta per chiedere una spiegazione.
    Ho un fondo pensione con commissioni 1,30% piu 50 euro l'anno di spese amministrative e utilizzo ogni anno la deduzione fiscale. Mi chiedo se mi convenga continuare a versare visto che la deduzione si applica al singolo versamento che oggi è circa il 10% del montante) mentre le commissioni si applicano all'intero montante,
    Considerando che poi dovrò pagare il 15% quando ritirerò il capitale, vi chiedo quali calcoli devo fare per capire se è conveniente continuare a versare. Grazie

    Inoltre, per gli esperti, volevo segnalare che oggi sul fatto quotidiano è apparso un articolo di Beppe Scienza che dichiara sconveniente mettere parte del TFR in un fondo pensione, perchè il TFR in azienda avrebbe una rivalutazione sicura e 3 volte maggiore dell'inflazione attuale, mentre la stessa cosa non si può dire per i fondi pensione.

  2. #112

    Data Registrazione
    Apr 2017
    Messaggi
    1,534
    Mentioned
    41 Post(s)
    Quoted
    893 Post(s)
    Potenza rep
    29950039
    Citazione Originariamente Scritto da Paolo Vittori Visualizza Messaggio
    intervengo per la prima volta per chiedere una spiegazione.
    Ho un fondo pensione con commissioni 1,30% piu 50 euro l'anno di spese amministrative e utilizzo ogni anno la deduzione fiscale. Mi chiedo se mi convenga continuare a versare visto che la deduzione si applica al singolo versamento che oggi è circa il 10% del montante) mentre le commissioni si applicano all'intero montante,
    Considerando che poi dovrò pagare il 15% quando ritirerò il capitale, vi chiedo quali calcoli devo fare per capire se è conveniente continuare a versare. Grazie

    Inoltre, per gli esperti, volevo segnalare che oggi sul fatto quotidiano è apparso un articolo di Beppe Scienza che dichiara sconveniente mettere parte del TFR in un fondo pensione, perchè il TFR in azienda avrebbe una rivalutazione sicura e 3 volte maggiore dell'inflazione attuale, mentre la stessa cosa non si può dire per i fondi pensione.
    Quel che é certo é hai un fondo pensione molto caro.
    Valuta se possa convenire cambiarlo.
    Se non hai diritto ad un fondo negoziale valuta Alleanz Insieme o Amundi Secondapensione.

    Su beppe scienza vedila cosí: ad oggi un vincolo rendimax (conto deposito) a 5 anni rende molto piú del tasso di inflazione, diciamo circa 7 volte.
    Allora non ha senso investore nei mercati azionari, perché nessuno ti garantisce he continuino a rendere mediamente tra le 14 e le 16 volte il tasso di inflazione, come é stato negli ultimi 100 anni

  3. #113
    L'avatar di --marco--
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1,332
    Mentioned
    80 Post(s)
    Quoted
    822 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da laradio Visualizza Messaggio
    Nel senso che Favaretto/Vecchietti sono così potenti da insabbiare tutto o perchè non capaci di portare a termine un'anagrafe fondi?
    La seconda, all'epoca c'era ancora chi non si piegava al monopolio veneto ;-) Non ho mai visto un loro documento sul tema ma sono quasi certo che loro avessero preparato un progetto, non erano solo chiacchiere

  4. #114
    L'avatar di --marco--
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1,332
    Mentioned
    80 Post(s)
    Quoted
    822 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da laradio Visualizza Messaggio
    La proposta di modificare l’elargizione della prestazione facendo riferimento a tutti i montanti in essere presuppone che essi debbano essere convertiti e liquidati simultaneamente. E’ perché , per capriccio di un siculo?

    Il fine del fondo pensione è appunto integrare la pensione del sistema obbligatorio. Tale fine si assolve principalmente trasformando il capitale accumulato in una rendita compensativa ma anche attingendo al medesimo capitale accumulato e liquidato se ciò è rientrante negli estremi di legge.

    Perché impedire i benefici fiscali ad un già pensionato anticipato che vorrebbe integrare la sua pensione obbligatoria? Ai vacanzieri il bonus per andare in Trinacria e a lui due dita negli occhi?
    Hai perfettamente ragione, sarebbe un casino. L'evoluzione della normativa è andata nel senso che hai descritto te di massimizzare la flessibilità. Basta pensare alla rita e alla possbilità di prenderla parziale e alla possibilità di prendere una rita parziale al 50% (per es.) e il giorno dopo chiedere il restante 50% in forma di capitale. Cose impensabili anni fa.
    Cmq io contesto a @mander la sicurezza che le gli aderenti con più fondi lo facciano per non incappare nell'obbligo di rendita. Secondo me la % di questi non è elevatissima. L'utente che scrive sul fol è molto diverso dall'aderente medio ad un fp

  5. #115
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    14,669
    Mentioned
    568 Post(s)
    Quoted
    7787 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da --marco-- Visualizza Messaggio
    Hai perfettamente ragione, sarebbe un casino. L'evoluzione della normativa è andata nel senso che hai descritto te di massimizzare la flessibilità. Basta pensare alla rita e alla possbilità di prenderla parziale e alla possibilità di prendere una rita parziale al 50% (per es.) e il giorno dopo chiedere il restante 50% in forma di capitale. Cose impensabili anni fa.
    Cmq io contesto a @mander la sicurezza che le gli aderenti con più fondi lo facciano per non incappare nell'obbligo di rendita. Secondo me la % di questi non è elevatissima. L'utente che scrive sul fol è molto diverso dall'aderente medio ad un fp
    Un conto è contestare sul piano ideologico,altro farlo sul piano dei numeri e dei fatti.

    Dice la relazione Covip che sono 800.000 le posizioni plurime il 10%,e che il premio medio è la meta dell'importo detraibile.

    Giocano,o sono persone che non han bisogno della PC e cercano solo di evitare il comma 3.

    Spiega : perchè sarebbe un casino,tenere conto delle posizioni plurime siano esse aperte o chiuse in precedenza.

    Caro marco non basta contestare,occorre spiegare.La PC vista da dentro sembra fatta per i lavoratori avanti con l'anzianità e per vecchi bacucchi..Solo 60 rendite quest'anno

    Io non mi riferisco alla variopinta tipologia dei forumisti guardo i numeri chiave della PC.

  6. #116

    Data Registrazione
    Apr 2017
    Messaggi
    1,534
    Mentioned
    41 Post(s)
    Quoted
    893 Post(s)
    Potenza rep
    29950039
    secondo me tra quelli che hanno più di un fondo, molti hanno aderito al secondo dopo un cambio di lavoro, senza informarsi sul fatto che sia possibile far confluire il vecchio fondo nel nuovo.
    altri sono stati abbindolati da impiegati di assicurazioni varie e magari mentre stipulavano la RC auto si son fatti rifilare il PIP di turno.

    solo alcuni, i più informati e attenti, hanno fatto i conti e scelto di aprire due fondi per non essere costretti alla rendita ma poter riscuotere il 100% del capitale.
    io, tra l'altro, non mi sento affatto di dire che facciano male: accettare la rendita significa scommettere di vivere più a lungo di quanto un altro ti prospetta.
    e quando arrivi ad una certa età, magari di scommesse ne hai già pieno il cappello e ti accontenti di prenderti il tuo malloppo e trasferirti nel portogallo di turno.

  7. #117
    L'avatar di --marco--
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1,332
    Mentioned
    80 Post(s)
    Quoted
    822 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da santabrianza Visualizza Messaggio
    secondo me tra quelli che hanno più di un fondo, molti hanno aderito al secondo dopo un cambio di lavoro, senza informarsi sul fatto che sia possibile far confluire il vecchio fondo nel nuovo.
    altri sono stati abbindolati da impiegati di assicurazioni varie e magari mentre stipulavano la RC auto si son fatti rifilare il PIP di turno.

    solo alcuni, i più informati e attenti, hanno fatto i conti e scelto di aprire due fondi per non essere costretti alla rendita ma poter riscuotere il 100% del capitale.
    io, tra l'altro, non mi sento affatto di dire che facciano male: accettare la rendita significa scommettere di vivere più a lungo di quanto un altro ti prospetta.
    e quando arrivi ad una certa età, magari di scommesse ne hai già pieno il cappello e ti accontenti di prenderti il tuo malloppo e trasferirti nel portogallo di turno.
    Concordo. Ovviamente è una sensazione, un'opionione personale. non ho i mezzi per dire quanti sono quelli che lo fanno per non incorrere nell'obbligo di rendita ma per esperienza personale una buona parte non sa che esiste un obbligo di rendita, una buona parte versa ben al di sotto del limite di deducibilità e non avrà questo problema, una buona parte sono iscritti da poco e sono prossimi al pensionamento e non avrà questo problema, ecc. ecc. e via via si screma.

  8. #118
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    14,669
    Mentioned
    568 Post(s)
    Quoted
    7787 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da --marco-- Visualizza Messaggio
    Concordo. Ovviamente è una sensazione, un'opionione personale. non ho i mezzi per dire quanti sono quelli che lo fanno per non incorrere nell'obbligo di rendita ma per esperienza personale una buona parte non sa che esiste un obbligo di rendita, una buona parte versa ben al di sotto del limite di deducibilità e non avrà questo problema, una buona parte sono iscritti da poco e sono prossimi al pensionamento e non avrà questo problema, ecc. ecc. e via via si screma.
    Covip sforna centinaia di tabelle,non c'è bisogno di supporre o di percepire.Basta leggerle e studiarle

    Sono 800 milioni il dieci x cento degli aderenti,i plurimi.Seppoi rapportiamo questi aderenti alla forza lavoro abbiamo un tasso di partecipazione del 31%.Se guardiamo l'eta' media dei p'artecipanti i giovani sono minoranza.

    I giovani sono minoranza perchè la PC è stata costruita dimenticandosi dei giovani per tacitare i vecchi e conservare i loro anacronistici privilegi.Se si vuole fare la TAC a questi 800 mila dove sta il problema.



    . il 26% del totale ISCRITTI, non ha effettuato alcun versamento nel 2019,

    . circa un quinto, versa tra 500 e
    1.500 euro di contributi versati nel 2019.

    . alle classi successive appartiene un numero
    via via inferiore di iscritti; fa eccezione la fascia tra 4.500 e 5.165 euro – che include il
    limite di deducibilità fiscale dei contributi fissato dalla normativa in 5.164,57 euro –
    nella quale è concentrato il 6,5 per cento degli iscritti totali.



    . complessivamente, soltanto
    il 7,5 per cento degli iscritti ha effettuato versamenti eccedenti il limite di deducibilità
    fiscale.


    Tu concordi, egli concorda,io ti...scordo,ma cosi la PC non avrà un futuro.
    Ultima modifica di mander; 13-07-20 alle 13:12

  9. #119

    Data Registrazione
    Apr 2017
    Messaggi
    1,534
    Mentioned
    41 Post(s)
    Quoted
    893 Post(s)
    Potenza rep
    29950039
    Perché non ha futuro?
    La PC é uno strumento e mi pare funzioni anche abbastanza bene.
    Che poi lo si usi per integrare una rendita o per avere il gruzzolo necessario per la casetta sulla riviera ligure in cui farsi il proprio buen retiro che cambia?

    E anche chi versa poco, magari solo tfr piú quota minima, é sempre meglio che niente e alla fin della fiera lo strumento PC ti evita di sperperare il tfr nei 3 o 4 cambi di lavoro che probabilmente fai durante la vita.
    No?

  10. #120
    L'avatar di --marco--
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1,332
    Mentioned
    80 Post(s)
    Quoted
    822 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da santabrianza Visualizza Messaggio
    Perché non ha futuro?
    La PC é uno strumento e mi pare funzioni anche abbastanza bene.
    Che poi lo si usi per integrare una rendita o per avere il gruzzolo necessario per la casetta sulla riviera ligure in cui farsi il proprio buen retiro che cambia?

    E anche chi versa poco, magari solo tfr piú quota minima, é sempre meglio che niente e alla fin della fiera lo strumento PC ti evita di sperperare il tfr nei 3 o 4 cambi di lavoro che probabilmente fai durante la vita.
    No?
    Sono ancora d'accordo con te. Poi va detto che in un fp ci puoi stare tranquillamente 40 anni e nel corso del tempo le cose cambiano, cambiano le idee, le priorità, le disponibilità economiche, il contesto, la salute, cambia tutto. A 20 anni versavo il minimo, a 30 ho cominciato a raggiungere il massimo fiscalmente deducibile, adesso lo supero, nel frattempo ho usufruito di un'anticipazione e se fino ai 30 non volevo prendere la rendita adesso ho cambiato idea e punto a riceverne una su uno specifico fp, magari tra qualche anno posso non trovarla più un'idea brillante, magari tra 20 anni mollo tutto e prendo la rita, magari riscatto tutto pagando più tasse. La flessibilità dello strumento è impagabile e permette di adeguarlo al mutare degli eventi/esigenze. Vederla come @mander significa vincolare le persone ad una pensione complementare (anche chi non ne avrà bisogno) e rendere lo strumento meno appetibile.

Accedi