Sta arrivando la recessione, vendete tutto sul mercato azionario (vol. 6) - Pagina 200
Ftse Mib: chi vince e chi perde, solo 7 titoli immuni da bufera Covid
La pandemia ha copito duramente economia e mercati. Per le aziende le ricadute del lockdown si sono fatte sentire soprattutto sui dati del secondo trimestre. Le aziende che generano la …
Posizioni nette corte: Maire la più shortata di Piazza Affari, tra i primi 4 anche Bper e Banco
Dall?aggiornamento di oggi di Consob sulle posizioni nette corte (PNC) si apprende che il titolo più shortato a Piazza Affari è Maire Tecnimont con 2 posizioni short aperte per una quota …
S&P500, Ftse Mib e materie prime: cosa suggerisce l’analisi ciclica
Diversi i temi sul mercato anche in questo agosto, con materie prime come oro e argento sugli scudi e gli indici americani che continuano la loro corsa nonostante la situazione …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1991

    Data Registrazione
    Aug 2017
    Messaggi
    184
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    137 Post(s)
    Potenza rep
    5165863
    Citazione Originariamente Scritto da GreedyTrader Visualizza Messaggio
    la risalita aveva un suo senso ma ora si iniziano a vedere classici segni di euforia irrazionale come partenza a razzo di azioni decotte o quasi basate sul nulla, sull'orlo del fallimento. valuto caso per caso ma inizio a pensarla come gli orsetti
    non compro più nulla tranne la mia pac su ETF obbligazionari mondo, che con calo dollaro si sono un po indeboliti.
    chissà che ha ragione rastani, lui metteva i 3200 come limite oltre il quale il gioco non valeva la candela

    Sto pensando di mettere qualcosa anche io in ETF oblig mondo, sarei interessato a sapere su quali fai tu il PAC

  2. #1992

    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    4,002
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    2672 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da sm1979 Visualizza Messaggio
    Ultimamente mi capitano sotto il naso articoli riguardanti la nuova economia Green e aziende che si convertiscono all'energia pulita, ma forse più che cambio di coscenza sono interessati ai nuovi fondi forniti dalle varie comunità...
    Detto ciò, originariamente nella costruzione del PF avevo deciso di mettere dentro un 10% sulla scia di chi segue Greta e i suoi adepti e puntare sui green bond (CLIM) che ancora non ho preso perché sono alti e mi sembrano mantenuti su in modo artificioso dai vari MM. Seguendo la scia mi pare si stia andando a puntare sull'elettrico e quindi batterie di cui ho scoperto questo prodotto della wisdom (IE00BKLF1R75). Ora il fondo è nato a marzo e quindi ancora poco liquido, però sembrerebbe interessante, almeno ad un primo sguardo anche se non sono espertissimo. Mentre l'altra alternativa sarebbe l'idrogeno (secondo me molto più pulito delle batterie che devi smaltire poi). Non essendoci nulla di specifico che lo tratti stavo pensando all'italiana snam visto anche il recente accordo con i francesi e l'idea dei treni ad idrogeno.
    Cosa dite?
    Io ti consiglio di stare lontanissimo dall'idrogeno.
    Snam va bene, perché nel caso ne guadagna.

    Un po' di contesto:
    L'idrogeno è solamente un vettore energetico, va quindi prodotto usando energia da altre fonti (RES o fossili). Per poter essere impiegato ha diversi problemi: costi elevati di produzione, costi elevati di stoccaggio, difficoltà di distribuzione (per pressioni, temperature, materiali e dimensione della molecola). Ha inoltre un problema di densità energetica: per unità di volume non è così prestante.
    L'utilizzo tipico nella mobilità è la fuel cell: di fatto l'idrogeno alimenta la pila che muove l'auto. Il vantaggio è un miglior stoccaggio e una ricarica più rapida. In pratica però l'efficienza di un elettrico è decisamente migliore

    Non è da scartare a priori ma l'H2 ha futuro nel lungo termine perché si accoppia alle rinnovabili. Le RES infatti sono intermittenti per definizione e solitamente hanno picchi imprevedibili che rappresentano un problema per la rete elettrica oltre a disperdere energia.
    Quindi è probabile che la crescita delle rinnovabili apra produzioni per idrogeno.

    E' probabile che vi sia una crescita del cd. Blue Hydrogen, ovvero prodotto da fonti fossili abbinando al processo la cattura della CO2.

    Ad oggi tutte le compagnie del gas stanno buttando un occhio all'idrogeno per 2 motivi:
    - in tempi rapidi la produzione sarebbe principalmente da metano
    - l'idrogeno è visto come vettore per "decarbonizzare" il gas. L'immissione di H2, a bassa carbon footprint, è uno strumento per allungare la vita del gas che altrimenti, sotto le pressioni ambientaliste, dovrà gradualmente cedere il passo all'elettrificazione.

    Il treno a H2 è roba da teeschi, finti ambientalisti.
    I treni che vanno a EE non saranno mai sostituiti dall'idrogeno (il treno è alimentato direttamente senza batterie), al massimo è un modo per rimpiazzare quelli a gasolio.

  3. #1993

    Data Registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    1,080
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    571 Post(s)
    Potenza rep
    13015095
    Beh anche volendo, non ci sta modo di investire direttamente sull'idrogeno. Se parliamo invece di "batterie all'idrogeno" allora volendo investire sulle batterie in generala patendo da zero e seguendo tutta la catena del valore, allora VOLT di WISDOM dovrebbe bastare a coprire tutto. SNAM diciamo potrebbe fare da contorno nel caso.

  4. #1994

    Data Registrazione
    Nov 2012
    Messaggi
    2,618
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    532 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da cecc88 Visualizza Messaggio
    Io ti consiglio di stare lontanissimo dall'idrogeno.
    Snam va bene, perché nel caso ne guadagna.

    Un po' di contesto:
    L'idrogeno è solamente un vettore energetico, va quindi prodotto usando energia da altre fonti (RES o fossili). Per poter essere impiegato ha diversi problemi: costi elevati di produzione, costi elevati di stoccaggio, difficoltà di distribuzione (per pressioni, temperature, materiali e dimensione della molecola). Ha inoltre un problema di densità energetica: per unità di volume non è così prestante.
    L'utilizzo tipico nella mobilità è la fuel cell: di fatto l'idrogeno alimenta la pila che muove l'auto. Il vantaggio è un miglior stoccaggio e una ricarica più rapida. In pratica però l'efficienza di un elettrico è decisamente migliore

    Non è da scartare a priori ma l'H2 ha futuro nel lungo termine perché si accoppia alle rinnovabili. Le RES infatti sono intermittenti per definizione e solitamente hanno picchi imprevedibili che rappresentano un problema per la rete elettrica oltre a disperdere energia.
    Quindi è probabile che la crescita delle rinnovabili apra produzioni per idrogeno.

    E' probabile che vi sia una crescita del cd. Blue Hydrogen, ovvero prodotto da fonti fossili abbinando al processo la cattura della CO2.

    Ad oggi tutte le compagnie del gas stanno buttando un occhio all'idrogeno per 2 motivi:
    - in tempi rapidi la produzione sarebbe principalmente da metano
    - l'idrogeno è visto come vettore per "decarbonizzare" il gas. L'immissione di H2, a bassa carbon footprint, è uno strumento per allungare la vita del gas che altrimenti, sotto le pressioni ambientaliste, dovrà gradualmente cedere il passo all'elettrificazione.

    Il treno a H2 è roba da teeschi, finti ambientalisti.
    I treni che vanno a EE non saranno mai sostituiti dall'idrogeno (il treno è alimentato direttamente senza batterie), al massimo è un modo per rimpiazzare quelli a gasolio.
    Breve OT,

    Quali sono le % di produzione dell'énergia elettrica nel mondo tra Oil/Metano/Nucleare e rinnovabili?

  5. #1995
    L'avatar di cricket72
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    12,142
    Mentioned
    30 Post(s)
    Quoted
    266 Post(s)
    Potenza rep
    42949686

Accedi