CERTIFICATI DA SEGUIRE (Volume X) - Pagina 103
L’inflazione costringe ad alzare l’asticella di rendimento, Fugnoli (Kairos) indica due mosse per potenziare il portafoglio d’investimento
Il 2021 dei mercati non ha riservato emozioni particolarmente forti. Ci sono state imponenti rotazioni all?interno dell?azionario, ma il rialzo degli indici è stato piuttosto regolare. Non ci sono stati …
Iervolino and Lady Bacardi Entertainment (ILBE) fa ciak alla Borsa di Parigi, titolo vola a +17%
Calda accoglienza degli investitori transalpini per ILBE (Iervolino e Lady Bacardi Entertainment), che ha quotato i propri titoli su Euronext Growth di Parigi tramite ammissione diretta. Ieri il titolo della …
Tutto è nato da una partita a poker. L’ascesa verticale di Mr Binance, il cripto miliardario più ricco del pianeta
Da sviluppatore di software da un giorno all’altro è balzato nell?olimpo delle persone più ricche del mondo. Parliamo di Changpeng Zhao, CZ come è conosciuto dai criptofili, che sta diventando …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1021
    L'avatar di ...
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    689
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    427 Post(s)
    Potenza rep
    23022130
    Citazione Originariamente Scritto da amanita Visualizza Messaggio
    Non mi esprimo per evitare errori; sicuramente fino al giorno della rilevazione compreso e poi.....da verificare. Ma, attento, questi tipi di certificati, non sempre per carità (ci sono state magnifiche eccezioni ad inizio d'anno), ma spesso, cedono, a supercedola staccata, più di quanto pagato, per cui valuta bene quanto è appetibile quel certificato ex cedolone.
    Sì, li ho usati in passato e ho visto che in effetti è così, la perdita rispetto al cedolone però finora è stata tutto sommato nei limiti dell'accettabile.

  2. #1022

    Data Registrazione
    Apr 2020
    Messaggi
    182
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    127 Post(s)
    Potenza rep
    4254640
    Su cedlab ho visto il DE000UD69SB2, il prezzo di emissione era di 92, e' uno di quei pochi casi in cui sarebbe stato conveniente acquistare in collocamento o mi sono perso qualcosa?

  3. #1023
    L'avatar di amanita
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Messaggi
    4,363
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    2904 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Citazione Originariamente Scritto da Poveroh Visualizza Messaggio
    Su cedlab ho visto il DE000UD69SB2, il prezzo di emissione era di 92, e' uno di quei pochi casi in cui sarebbe stato conveniente acquistare in collocamento o mi sono perso qualcosa?
    Ma no, ci sono più certificati che sarebbe stato meglio acquistare in collocamento, però, rimangono una minoranza e quindi personalmente permango della mia idea e cioè aspetto e poi vedo. Mi pare di aver letto che ormai sono 6000 i certificati disponibili per cui ce ne sono per tutti i gusti... ormai anche troppi, molti rimangono praticamente senza scambi anche per lunghissimo tempo. Alcuni improvvisamente tornano in auge, magari per un articolo o qualche intervento in forum che richiamano attenzione e contratti, per poi tornare miseramente nel dimenticatoio. Altri rimangono con buoni scambi a lungo, ma questi non sono molti, anzi sono proprio pochi. Purtroppo la mancanza di un mercato corposo per molti certificati rappresenta un handicap non da poco; se li hai in portafoglio e non hanno più appeal è una bella rogna; o te li tieni fino alla scadenza o se vuoi venderli, devi accettare il prezzo proposto dal MM, spesso decisamente sacrificato rispetto al loro valore lineare. Questo è uno degli aspetti negativi del mercato dei certificati, mai, per quello che mi risulta, sufficientemente evidenziato negli articoli vari; altri sono ben noti : regole scritte per regolamentare i mercati e mai applicate, MM che scompare nei momenti caldi e importanti senza temere nulla da nessuno e lasciandoti bellamente con il cerino in mano e se ti bruci, beh, pazienza, non tocca mica a lui.... Documenti difficili da reperire, date importanti che non si trovano e che dovrebbero essere fondamentali, chiare ed indispensabili per poter emettere un certificato. Per non parlare di certificati con caratteristiche comprensibili solo a universitari in economia e bellamente autorizzati dagli Organi di Controllo (?). Insomma il nostro mondo dei certificati problemi ne ha, ma non c'è alcuna intenzione di migliorarlo; si continua ad emettere certificati a ritmo incalzante e non so se gli investitori crescono in eguale misura, rendendo di fatto necessariamente sottile il mercato per molti prodotti. Si ammalia e si lusinga l'investitore con cedole mirabolanti e costruzioni sempre più "creative", ma i mali originali rimangono purtroppo lì, evidenti e non c'è nessuno che voglia occuparsene.

  4. #1024
    L'avatar di mac
    Data Registrazione
    Jan 2001
    Messaggi
    6,719
    Mentioned
    81 Post(s)
    Quoted
    1433 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Condivido e plaudo per questo lucidissimo intervento.

  5. #1025

    Data Registrazione
    Feb 2020
    Messaggi
    95
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    39 Post(s)
    Potenza rep
    3088132
    Citazione Originariamente Scritto da amanita Visualizza Messaggio
    Ma no, ci sono più certificati che sarebbe stato meglio acquistare in collocamento, però, rimangono una minoranza e quindi personalmente permango della mia idea e cioè aspetto e poi vedo. Mi pare di aver letto che ormai sono 6000 i certificati disponibili per cui ce ne sono per tutti i gusti... ormai anche troppi, molti rimangono praticamente senza scambi anche per lunghissimo tempo. Alcuni improvvisamente tornano in auge, magari per un articolo o qualche intervento in forum che richiamano attenzione e contratti, per poi tornare miseramente nel dimenticatoio. Altri rimangono con buoni scambi a lungo, ma questi non sono molti, anzi sono proprio pochi. Purtroppo la mancanza di un mercato corposo per molti certificati rappresenta un handicap non da poco; se li hai in portafoglio e non hanno più appeal è una bella rogna; o te li tieni fino alla scadenza o se vuoi venderli, devi accettare il prezzo proposto dal MM, spesso decisamente sacrificato rispetto al loro valore lineare. Questo è uno degli aspetti negativi del mercato dei certificati, mai, per quello che mi risulta, sufficientemente evidenziato negli articoli vari; altri sono ben noti : regole scritte per regolamentare i mercati e mai applicate, MM che scompare nei momenti caldi e importanti senza temere nulla da nessuno e lasciandoti bellamente con il cerino in mano e se ti bruci, beh, pazienza, non tocca mica a lui.... Documenti difficili da reperire, date importanti che non si trovano e che dovrebbero essere fondamentali, chiare ed indispensabili per poter emettere un certificato. Per non parlare di certificati con caratteristiche comprensibili solo a universitari in economia e bellamente autorizzati dagli Organi di Controllo (?). Insomma il nostro mondo dei certificati problemi ne ha, ma non c'è alcuna intenzione di migliorarlo; si continua ad emettere certificati a ritmo incalzante e non so se gli investitori crescono in eguale misura, rendendo di fatto necessariamente sottile il mercato per molti prodotti. Si ammalia e si lusinga l'investitore con cedole mirabolanti e costruzioni sempre più "creative", ma i mali originali rimangono purtroppo lì, evidenti e non c'è nessuno che voglia occuparsene.
    Sono pienamente d'accordo
    con il tuo pensiero e credo che molti condividano e sperano che le cosa cambiano
    ma la vedo dura

  6. #1026
    L'avatar di cipensounpo
    Data Registrazione
    Nov 2004
    Messaggi
    14,895
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    6417 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Citazione Originariamente Scritto da amanita Visualizza Messaggio
    Ma no, ci sono più certificati che sarebbe stato meglio acquistare in collocamento, però, rimangono una minoranza e quindi personalmente permango della mia idea e cioè aspetto e poi vedo. Mi pare di aver letto che ormai sono 6000 i certificati disponibili per cui ce ne sono per tutti i gusti... ormai anche troppi, molti rimangono praticamente senza scambi anche per lunghissimo tempo. Alcuni improvvisamente tornano in auge, magari per un articolo o qualche intervento in forum che richiamano attenzione e contratti, per poi tornare miseramente nel dimenticatoio. Altri rimangono con buoni scambi a lungo, ma questi non sono molti, anzi sono proprio pochi. Purtroppo la mancanza di un mercato corposo per molti certificati rappresenta un handicap non da poco; se li hai in portafoglio e non hanno più appeal è una bella rogna; o te li tieni fino alla scadenza o se vuoi venderli, devi accettare il prezzo proposto dal MM, spesso decisamente sacrificato rispetto al loro valore lineare. Questo è uno degli aspetti negativi del mercato dei certificati, mai, per quello che mi risulta, sufficientemente evidenziato negli articoli vari; altri sono ben noti : regole scritte per regolamentare i mercati e mai applicate, MM che scompare nei momenti caldi e importanti senza temere nulla da nessuno e lasciandoti bellamente con il cerino in mano e se ti bruci, beh, pazienza, non tocca mica a lui.... Documenti difficili da reperire, date importanti che non si trovano e che dovrebbero essere fondamentali, chiare ed indispensabili per poter emettere un certificato. Per non parlare di certificati con caratteristiche comprensibili solo a universitari in economia e bellamente autorizzati dagli Organi di Controllo (?). Insomma il nostro mondo dei certificati problemi ne ha, ma non c'è alcuna intenzione di migliorarlo; si continua ad emettere certificati a ritmo incalzante e non so se gli investitori crescono in eguale misura, rendendo di fatto necessariamente sottile il mercato per molti prodotti. Si ammalia e si lusinga l'investitore con cedole mirabolanti e costruzioni sempre più "creative", ma i mali originali rimangono purtroppo lì, evidenti e non c'è nessuno che voglia occuparsene.
    Leggo adesso, e mi associo ai complimenti per il post. Le opacità del mondo dei certificati sono evidenti a tutti e tu le hai riassunte molto efficacemente.

    In finanza, come in tutti i "giochi" da tappeto verde, lo sceriffo si gira dall'altra parte e il banco vince sempre...

  7. #1027

    Data Registrazione
    Dec 2003
    Messaggi
    1,441
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    169 Post(s)
    Potenza rep
    10476795
    Citazione Originariamente Scritto da amanita Visualizza Messaggio
    Ma no, ci sono più certificati che sarebbe stato meglio acquistare in collocamento, però, rimangono una minoranza e quindi personalmente permango della mia idea e cioè aspetto e poi vedo. Mi pare di aver letto che ormai sono 6000 i certificati disponibili per cui ce ne sono per tutti i gusti... ormai anche troppi, molti rimangono praticamente senza scambi anche per lunghissimo tempo. Alcuni improvvisamente tornano in auge, magari per un articolo o qualche intervento in forum che richiamano attenzione e contratti, per poi tornare miseramente nel dimenticatoio. Altri rimangono con buoni scambi a lungo, ma questi non sono molti, anzi sono proprio pochi. Purtroppo la mancanza di un mercato corposo per molti certificati rappresenta un handicap non da poco; se li hai in portafoglio e non hanno più appeal è una bella rogna; o te li tieni fino alla scadenza o se vuoi venderli, devi accettare il prezzo proposto dal MM, spesso decisamente sacrificato rispetto al loro valore lineare. Questo è uno degli aspetti negativi del mercato dei certificati, mai, per quello che mi risulta, sufficientemente evidenziato negli articoli vari; altri sono ben noti : regole scritte per regolamentare i mercati e mai applicate, MM che scompare nei momenti caldi e importanti senza temere nulla da nessuno e lasciandoti bellamente con il cerino in mano e se ti bruci, beh, pazienza, non tocca mica a lui.... Documenti difficili da reperire, date importanti che non si trovano e che dovrebbero essere fondamentali, chiare ed indispensabili per poter emettere un certificato. Per non parlare di certificati con caratteristiche comprensibili solo a universitari in economia e bellamente autorizzati dagli Organi di Controllo (?). Insomma il nostro mondo dei certificati problemi ne ha, ma non c'è alcuna intenzione di migliorarlo; si continua ad emettere certificati a ritmo incalzante e non so se gli investitori crescono in eguale misura, rendendo di fatto necessariamente sottile il mercato per molti prodotti. Si ammalia e si lusinga l'investitore con cedole mirabolanti e costruzioni sempre più "creative", ma i mali originali rimangono purtroppo lì, evidenti e non c'è nessuno che voglia occuparsene.
    Sono fondamentalmente d’accordo però in un portafoglio diversificato sono un utile strumento per investire sull’azionario con delle protezioni ben definite.
    Sono denari impiegati di cui non bisogna dover aver necessità a breve scadenza, ma comprati con un po’ di cautela i certificati possono dare soddisfazioni.
    E non si pagano una volta emessi commissioni di gestione.

  8. #1028
    L'avatar di ceck78
    Data Registrazione
    May 2005
    Messaggi
    25,575
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    2783 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Condivido, sono tanti.. sono troppi e alla fine quelli veramente validi si riducono a pochi che non è comunque facile individuare
    Ultima modifica di ceck78; 13-05-20 alle 07:41

  9. #1029

    Data Registrazione
    Apr 2020
    Messaggi
    182
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    127 Post(s)
    Potenza rep
    4254640
    Citazione Originariamente Scritto da ceck78 Visualizza Messaggio
    Condivido, sono tanti.. sono troppi e alla fine quelli veramente validi si riducono a pochi che non è comunque facile individuare
    Ottimo intervento di Amanita, sicuramente sono troppi ma aiutandoci nel forum riusciamo ad evidenziare quelli piu' papabili, e ogni giorno se ne puo' trovare uno ''sottovalutato'', ''con buone potenzialita''' o semplicemente adatto a quello che stiamo cercando in quel dato momento.

  10. #1030
    L'avatar di Edoardo_91
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Messaggi
    6,416
    Mentioned
    29 Post(s)
    Quoted
    3866 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da amanita Visualizza Messaggio
    Ma no, ci sono più certificati che sarebbe stato meglio acquistare in collocamento, però, rimangono una minoranza e quindi personalmente permango della mia idea e cioè aspetto e poi vedo. Mi pare di aver letto che ormai sono 6000 i certificati disponibili per cui ce ne sono per tutti i gusti... ormai anche troppi..................i mali originali rimangono purtroppo lì, evidenti e non c'è nessuno che voglia occuparsene.
    Post incorniciato al messaggio 1!

Accedi