Maledetto petrolio - Pagina 10
Ftse Mib vola, Saipem si scuote con +6%. Per analisti è tempo di ‘buy the dip’ sulle azioni
Avvio di settimana dirompente per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib ha chiuso con uno sprint di +2,47% a quota 19.160 punti. Assist importante arriva dal balzo di Wall Street che …
Certificates Room: performance e sostenibilità, un binomio possibile
Domani martedì 29 settembre ore 17.30 si terrà l?evento Wall Street Italia dedicato al mondo degli investimenti ESG e dei certificati: iscriviti subito al link. Temi trattati Gli investimenti ESG …
Borsa Usa sempre più FAMAG-dipendente: a settembre Apple, Amazon & Co. mettono in crisi Wall Street
Il mese che si avvia a conclusione ha dato sicuramente prova di se stesso, dimostrando come le migliori performance che la borsa Usa ha riportato nella sua storia non sono …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #91
    L'avatar di sand1975
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    6,613
    Mentioned
    36 Post(s)
    Quoted
    4128 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da Antoniano2 Visualizza Messaggio
    Ah ecco li tieni a disposizione per il pranzo dei sohvranisti
    Chiusa la parentesi
    Tranquillo che se i sovranisti dovessero pasteggiare con parte dei miei liquidi credo proprio che chi è investito se la passerebbe molto peggio... perché vorrebbe dire collasso del sistema bancario europeo che trascinerebbe giù tutte le borse mondiali.

  2. #92
    L'avatar di Antoniano2
    Data Registrazione
    Sep 2016
    Messaggi
    19,711
    Mentioned
    45 Post(s)
    Quoted
    12515 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da sand1975 Visualizza Messaggio
    Tranquillo che se i sovranisti dovessero pasteggiare con parte dei miei liquidi credo proprio che chi è investito se la passerebbe molto peggio... perché vorrebbe dire collasso del sistema bancario europeo che trascinerebbe giù tutte le borse mondiali.
    No. Nel caso di italexit prima ridenominerebbero i cc poi tasserebbero i depositi esteri. Al resto del mondo fregherebbe poco. Sono solo 1000 mld di debito in più che si fanno gli italiani per sfizio.

  3. #93
    L'avatar di Antoniano2
    Data Registrazione
    Sep 2016
    Messaggi
    19,711
    Mentioned
    45 Post(s)
    Quoted
    12515 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da totuccio2 Visualizza Messaggio
    tu le hai sempre azzeccate, immagino
    No, ma tendo ad evitare di ripetere gli errori precendenti. Farne di nuovi è meno noioso.

    Provo anche ad imparare dagli errori sia nello specifico che in generale. Poi è un OT sull'allocazione, non su di me.
    Mi è venuto in mente perchè dalle cronache di alcuni investitori emergeva lo stesso feticismo per petrolio, commodities e aziende collegate anche nel 2008.

  4. #94

    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    4,559
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    2211 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Antoniano2 Visualizza Messaggio
    No, ma tendo ad evitare di ripetere gli errori precendenti. Farne di nuovi è meno noioso.

    Provo anche ad imparare dagli errori sia nello specifico che in generale. Poi è un OT sull'allocazione, non su di me.
    Mi è venuto in mente perchè dalle cronache di alcuni investitori emergeva lo stesso feticismo per petrolio, commodities e aziende collegate anche nel 2008.
    Purtroppo è vero. Avevo già preso bastonate sul petrolio in tempi passati, ore le prenderò di nuovo. Ma che un certificate senza leva che quotava quest'inverno 980 arrivasse a 140, onestamente non era pensabile . Ti dirò di più: La marea di detentori di btp che sta dormendo sonni (relativamente)tranquilli in questo periodo, farebbe bene a non vivere tanto serena.
    Questa ondata di liquidità prima o poi la pagheremo

  5. #95

    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    288
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    161 Post(s)
    Potenza rep
    5312302
    Segnalo questo interessante paper ([PDF] How Could We Have Been So Wrong? The Puzzle of Disappointing Returns to Commodity Index Investments | Semantic Scholar) per chi volesse approfondire temi discussi prima quali contango, differenza tra performance degli etf vs prezzi spot delle materie prime, ecc.

    Ovviamente chi si occupa di materie prime conoscerà queste cose già più che bene, ma per il sottoscritto che ha sempre creduto nell'investimento in commodity quale strumento per diversificare il portafoglio nel lungo periodo, ci sono diverse considerazioni interessanti.

    Senza dilungarsi troppo per me il messaggio chiave (ben sintetizzato nella tabella che riporto qui sotto e che trovate nel paper) é il seguente: l'investitore di lungo periodo NON ha motivo di investire in commodities perché anche assumendo che effettivamente le commodities apportino diversificazione al portafoglio, tuttavia i costi di "storage" annuo necessariamente NON rendono conveniente/sensato l'investimento nel lungo periodo.

    Questo argomento é "un po' meno valido" sull'oro (che secondo il paper ha un costo di storage di c 1,3% che insieme ad un moderato contango porta ad una sottoperformance annua del c 1,8%), ma comunque c'é.

    Maledetto petrolio-1.1.jpg

    Io ad esempio non compro fondi comuni ma etf proprio perché non voglio pagare il 2% di commissioni, ma solo lo 0,2% o giù di lì.
    Mi chiedo quindi se valga ancora la pena o meno avere oro in portafoglio (che al momento posseggo per circa il 5% del portafoglio in ottica di diversificazione).
    Su questo punto vale la pena considerare anche il fatto che l'oro sul lungo periodo ha ritorni modesti (tendenzialmente in linea all'inflazione o quasi). Se a questi ritorni andiamo a toglierli l'1,8%/anno temo che l'investimento finisca per avere un rendimento reale negativo.

  6. #96

    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    4,559
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    2211 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Zan* Visualizza Messaggio
    Segnalo questo interessante paper ([PDF] How Could We Have Been So Wrong? The Puzzle of Disappointing Returns to Commodity Index Investments | Semantic Scholar) per chi volesse approfondire temi discussi prima quali contango, differenza tra performance degli etf vs prezzi spot delle materie prime, ecc.

    Ovviamente chi si occupa di materie prime conoscerà queste cose già più che bene, ma per il sottoscritto che ha sempre creduto nell'investimento in commodity quale strumento per diversificare il portafoglio nel lungo periodo, ci sono diverse considerazioni interessanti.

    Senza dilungarsi troppo per me il messaggio chiave (ben sintetizzato nella tabella che riporto qui sotto e che trovate nel paper) é il seguente: l'investitore di lungo periodo NON ha motivo di investire in commodities perché anche assumendo che effettivamente le commodities apportino diversificazione al portafoglio, tuttavia i costi di "storage" annuo necessariamente NON rendono conveniente/sensato l'investimento nel lungo periodo.

    Questo argomento é "un po' meno valido" sull'oro (che secondo il paper ha un costo di storage di c 1,3% che insieme ad un moderato contango porta ad una sottoperformance annua del c 1,8%), ma comunque c'é.

    Maledetto petrolio-1.1.jpg

    Io ad esempio non compro fondi comuni ma etf proprio perché non voglio pagare il 2% di commissioni, ma solo lo 0,2% o giù di lì.
    Mi chiedo quindi se valga ancora la pena o meno avere oro in portafoglio (che al momento posseggo per circa il 5% del portafoglio in ottica di diversificazione).
    Su questo punto vale la pena considerare anche il fatto che l'oro sul lungo periodo ha ritorni modesti (tendenzialmente in linea all'inflazione o quasi). Se a questi ritorni andiamo a toglierli l'1,8%/anno temo che l'investimento finisca per avere un rendimento reale negativo.
    Si sono strumenti troppo soggetti a costi estranei, anche se non ho capito l ex post stock premium cos e e Neanche le ultime tre righe

  7. #97
    L'avatar di Unexist
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    1,091
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    774 Post(s)
    Potenza rep
    23938041
    Grazie per il documento Zan.

  8. #98
    L'avatar di Blacksmith.
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    4,968
    Mentioned
    59 Post(s)
    Quoted
    3212 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da belanda Visualizza Messaggio
    Se fosse vero che si perde sempre, dovremmo vedere una linea tutta in discesa e non è cosi. Chi è bravo posti un grafico
    Mi ero dimenticato di rispondere a @belanda

    Nel grafico vedi la performance relativa dell'ETF USOil (che tiene i contratti front-month fino a due settimane dalla scadenza e poi passa ai successivi) rispetto ai prezzi dei contratti front-month.

    Come vedi la linea non è sempre in discesa: ci sono periodi, come gli ultimi due anni, in cui la linea è piatta (cioè USO segue bene il prezzo del petrolio) e addirittura periodi in cui la linea sale (quando i futures sono in backwardation).

    Maledetto petrolio-uso.png

  9. #99
    L'avatar di consindip
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    5,165
    Mentioned
    51 Post(s)
    Quoted
    1655 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Zan* Visualizza Messaggio
    Segnalo questo interessante paper ([PDF] How Could We Have Been So Wrong? The Puzzle of Disappointing Returns to Commodity Index Investments | Semantic Scholar) per chi volesse approfondire temi discussi prima quali contango, differenza tra performance degli etf vs prezzi spot delle materie prime, ecc.

    Ovviamente chi si occupa di materie prime conoscerà queste cose già più che bene, ma per il sottoscritto che ha sempre creduto nell'investimento in commodity quale strumento per diversificare il portafoglio nel lungo periodo, ci sono diverse considerazioni interessanti.

    Senza dilungarsi troppo per me il messaggio chiave (ben sintetizzato nella tabella che riporto qui sotto e che trovate nel paper) é il seguente: l'investitore di lungo periodo NON ha motivo di investire in commodities perché anche assumendo che effettivamente le commodities apportino diversificazione al portafoglio, tuttavia i costi di "storage" annuo necessariamente NON rendono conveniente/sensato l'investimento nel lungo periodo.

    Questo argomento é "un po' meno valido" sull'oro (che secondo il paper ha un costo di storage di c 1,3% che insieme ad un moderato contango porta ad una sottoperformance annua del c 1,8%), ma comunque c'é.

    Maledetto petrolio-1.1.jpg

    Io ad esempio non compro fondi comuni ma etf proprio perché non voglio pagare il 2% di commissioni, ma solo lo 0,2% o giù di lì.
    Mi chiedo quindi se valga ancora la pena o meno avere oro in portafoglio (che al momento posseggo per circa il 5% del portafoglio in ottica di diversificazione).
    Su questo punto vale la pena considerare anche il fatto che l'oro sul lungo periodo ha ritorni modesti (tendenzialmente in linea all'inflazione o quasi). Se a questi ritorni andiamo a toglierli l'1,8%/anno temo che l'investimento finisca per avere un rendimento reale negativo.
    ciao, l'oro può servire come de-correlante e necessita di ribilanciamenti all'interno di un portafoglio; io sull'oro vado da zero a 15%; i ritorni dell'oro nel tempo, così come i dati sull'inflazione, così come quelli sui mercati azionari, sono dati sul passato, quindi possono essere indicativi ma non è detto che valgano anche per il futuro, in particolare in un'epoca storica in cui le banche centrali stanno stravolgendo tutte le logiche dell'economia per come è stata pensata fino a pochi anni fa

    i mercati finanziari sono (dovrebbero) essere lo specchio dell'economia reale e del mondo in cui viviamo; purtroppo ci basiamo di solito sugli ultimi 150 anni di dati ma il mondo reale è cambiato nel frattempo a dismisura, quindi considero l'utilizzo di certi dati come mero esercizio storico

    è comunque evidente che ci sono costi in questi prodotti di vario tipo; l'alternativa è fare come si faceva come quando non esistevano: farne a meno; possiamo tornare a comprare sterline oro, krugerrand, terreni e cartelle fondiarie

  10. #100

    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    4,559
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    2211 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Nei limiti delle umane previsioni, c'è secondo voi possibilita che il gsci crude oil in un paio di di mesi
    Arrivi da 26 a 40,45?

Accedi