Sta arrivando la recessione, vendete tutto dal mercato azionario mettendovi in salvo - Pagina 185
Mattone, azioni, oro o bitcoin? La classifica delle differenti preferenze d’investimento di Millennials, donne e Over 55
Nonostante il lockdown e l’emergenza Covid, gli italiani continuano a considerare il mattone come un investimento sicuro e redditizio. Il settore sta vivendo un importante rilancio che gli ha permesso …
Ftse Mib: chi vince e chi perde, solo 7 titoli immuni da bufera Covid
La pandemia ha copito duramente economia e mercati. Per le aziende le ricadute del lockdown si sono fatte sentire soprattutto sui dati del secondo trimestre. Le aziende che generano la …
Posizioni nette corte: Maire la più shortata di Piazza Affari, tra i primi 4 anche Bper e Banco
Dall?aggiornamento di oggi di Consob sulle posizioni nette corte (PNC) si apprende che il titolo più shortato a Piazza Affari è Maire Tecnimont con 2 posizioni short aperte per una quota …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1841
    L'avatar di bow
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    1,344
    Mentioned
    71 Post(s)
    Quoted
    1161 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da lucky$88 Visualizza Messaggio
    In teoria è la miglior strategia, però bisogna tenere conto del fattore umano e l'emotività
    Eh, infatti io ho pochi clienti androidi. E' questo il problema. Se sei un robot immortale probabilmente non ne risenti. Io consiglio di essere molto avveduti nell'assegnare gli orizzonti temporali, soprattutto quando compilate il questionario Mifid in banca, se iniziate a dargli orizzonte 6-7 anni (non 10 o 15!) ''gira'' di tutto... un motivo c'è.

    Citazione Originariamente Scritto da ezra stone Visualizza Messaggio
    ciao bow, ti leggo spesso con piacere e talvolta leggo anche il tuo blog. non penso che ti riferisca a me perchè mi sono iscritto da pochi giorni, e i miei messaggi possono essere facilmente essere tutti letti, detto ciò penso che il lazy portfolio, per quanto sia una buona strategia, anche se tenuto nel lungo periodo (20,30 o 40 anni) risenta delle fasi negative del mercato. ad esempio mentre sul finire del 2018 ci siamo trovati di fronte ad uno storno (è vero che è facile dirlo dopo che si tratti di storno e non di inversione), e quindi chi magari aveva degli etf, non doveva vendere, o magari doveva ricomprare qualche mese dopo, nel 2019, a prezzi scontati, oggi ci troviamo di fronte a qualcos' altro, qualcosa di più profondo.l ’epidemia (che tra qualche giorno l'OMS dichiarerà pandemia) e le misure di contenimento adottate per contenerle hanno un impatto peculiare: colpiscono al tempo stesso sia la domanda – calano i consumi fuori casa, si ferma lo shopping, cinema e teatri (se aperti) sono semivuoti – sia l’offerta, perché interi settori come turismo, pubblici esercizi e trasporti sono fermi o quasi e la produzione fa i conti con dipendenti assenti e difficoltà negli approvvigionamenti perché le catene di fornitura sono interrotte. senza contare che la paura potrebbe continuare a condizionare i comportamenti, penalizzando il comparto turistico per molto tempo.le banche centrali non hanno molti mezzi per sostenere l'offerta, i tassi sono già bassi e tagliarli ulteriormente non darà risultati se le imprese producono forzatamente a ritmi rallentati (nel caso delle zone rosse sono chiuse). l'intervento delle banche centrali potrebbe avere come unico risvolto quello di calmare le tensioni sui listini, però martedì la decisione della Fed in questo senso di tagliare a sorpresa 50 punti base (contro i 25 che ci si aspettava) non ha evitato un nuovo crollo a Wall Street.
    Il mio parere è che siamo di fronte alla tempesta perfetta (anni di tassi bassi e immissione di liquidità dalle banche centrale, indici che crescono ininterrottamente da un decennio, epidemia che ha colpito la seconda economia mondiale, che è anche la fabbrica del mondo, paura che l'epidemia diventi pandemia, misure dei governi per evitare del diffondersi del virus che colpisce insieme domanda ed offerta, panico tra la popolazione e panico nei mercati)
    Non mi riferisco a nessuno in particolare.
    Mi riferisco alla troppa euforia che mi ha spinto a far consolidare i clienti più grossi sotto natale (e a ricevere molte congratulazioni in questi giorni incluso un corposo aperitivo ieri... ). Questo NON perché io volessi fare il profeta di sventura, né perché credo di poter anticipare i mercati... ma diffido dell'euforia facile, di chi usa strumenti 'semplici' ma 'difficili' (come il lazy portafoglio) con leggerezza.
    Quando tutti si buttano sull'azionario e fanno calcoli a 30 anni su quanto gli renderà è il momento di addrizzare le orecchie e sacrificare un pò di guadagno potenziale per consolidare il molto guadagno già messo in tasca.
    Quindi tendenzialmente amo le strategie più brevi (sì, lo, so il promotore consiglia strategia da qui all'eternità... tanto lui le parcelle sulle commissioni di gestioni che pagate le riceve puntualmente ogni 3 mesi o addirittura mensilmente) e 'strategiche' meno alla lasciare lì.
    Poi conosco gente che è Lazy dai ribassi del 2000 (e devo dire con buoni risultati ...ma mica miracolosi...) ma lo sanno loro (e spesso me lo confidano con un certo 'disappunto') quanto hanno dovuto 'tenere botta'.

    Certamente per alcune esigenze (es. il Fondo Pensione, dove però per molti sarebbe consigliabile un approccio lifecycle) la strategia Lazy va benissimo, quindi non è un discorso universale. E' un discorso che non esiste "la strategia migliore" ma ogni persona, anzi ogni obiettivo di ogni persona, ne ha una sua da personalizzare.

    Comunque la strategia Lazy con il discorso di cui sopra non ha nulla a che vedere: biologicamente un virus ha un corso MOLTO più corto dell'orizzonte temporale Lazy, l'eventuale crisi economica (soprattutto in un'oceano di liquidità buttata sui mercati con una certa incoscienza) anche... e quindi l'investitore Lazy deve aspettare. Del resto attuando la strategia s'è dichiarato immune a oscillazioni, cigni neri, crolli dot com, guerre, pandemie, crack bancari, rialzi dei tassi etc... che vi aspettate? Che durante l'evento negativo che fa scendere le borse i giornali vi rassicurino sul "il 3 aprile si invertirà la tendenza?". No, ovviamente oggi è tutto nero e non c'è uscita dal tunnel. E quando VOI intravederete l'uscita dal tunnel i mercati già saranno risaliti probabilmente troppo, e poi sarà il momento del rialzo dei tassi, dei problemi in Giappone, in Corea, del default del Paraguay etc...
    NON POTETE anticipare il mercato. Bisogna agire con strategia e portarla avanti senza farsi condizionare, o utilizzare una strategia che tiene conto che vi fate condizionare. Se non siete capaci fatelo fare al consulente o al libretto di risparmio o al buono postale a 15 anni o a chi volete... consiglio mio.

  2. #1842

    Data Registrazione
    Feb 2020
    Messaggi
    187
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    113 Post(s)
    Potenza rep
    4497122
    Citazione Originariamente Scritto da bow Visualizza Messaggio
    Eh, infatti io ho pochi clienti androidi. E' questo il problema. Se sei un robot immortale probabilmente non ne risenti. Io consiglio di essere molto avveduti nell'assegnare gli orizzonti temporali, soprattutto quando compilate il questionario Mifid in banca, se iniziate a dargli orizzonte 6-7 anni (non 10 o 15!) ''gira'' di tutto... un motivo c'è.



    Non mi riferisco a nessuno in particolare.
    Mi riferisco alla troppa euforia che mi ha spinto a far consolidare i clienti più grossi sotto natale (e a ricevere molte congratulazioni in questi giorni incluso un corposo aperitivo ieri... ). Questo NON perché io volessi fare il profeta di sventura, né perché credo di poter anticipare i mercati... ma diffido dell'euforia facile, di chi usa strumenti 'semplici' ma 'difficili' (come il lazy portafoglio) con leggerezza.
    Quando tutti si buttano sull'azionario e fanno calcoli a 30 anni su quanto gli renderà è il momento di addrizzare le orecchie e sacrificare un pò di guadagno potenziale per consolidare il molto guadagno già messo in tasca.
    Quindi tendenzialmente amo le strategie più brevi (sì, lo, so il promotore consiglia strategia da qui all'eternità... tanto lui le parcelle sulle commissioni di gestioni che pagate le riceve puntualmente ogni 3 mesi o addirittura mensilmente) e 'strategiche' meno alla lasciare lì.
    Poi conosco gente che è Lazy dai ribassi del 2000 (e devo dire con buoni risultati ...ma mica miracolosi...) ma lo sanno loro (e spesso me lo confidano con un certo 'disappunto') quanto hanno dovuto 'tenere botta'.

    Certamente per alcune esigenze (es. il Fondo Pensione, dove però per molti sarebbe consigliabile un approccio lifecycle) la strategia Lazy va benissimo, quindi non è un discorso universale. E' un discorso che non esiste "la strategia migliore" ma ogni persona, anzi ogni obiettivo di ogni persona, ne ha una sua da personalizzare.

    Comunque la strategia Lazy con il discorso di cui sopra non ha nulla a che vedere: biologicamente un virus ha un corso MOLTO più corto dell'orizzonte temporale Lazy, l'eventuale crisi economica (soprattutto in un'oceano di liquidità buttata sui mercati con una certa incoscienza) anche... e quindi l'investitore Lazy deve aspettare. Del resto attuando la strategia s'è dichiarato immune a oscillazioni, cigni neri, crolli dot com, guerre, pandemie, crack bancari, rialzi dei tassi etc... che vi aspettate? Che durante l'evento negativo che fa scendere le borse i giornali vi rassicurino sul "il 3 aprile si invertirà la tendenza?". No, ovviamente oggi è tutto nero e non c'è uscita dal tunnel. E quando VOI intravederete l'uscita dal tunnel i mercati già saranno risaliti probabilmente troppo, e poi sarà il momento del rialzo dei tassi, dei problemi in Giappone, in Corea, del default del Paraguay etc...
    NON POTETE anticipare il mercato. Bisogna agire con strategia e portarla avanti senza farsi condizionare, o utilizzare una strategia che tiene conto che vi fate condizionare. Se non siete capaci fatelo fare al consulente o al libretto di risparmio o al buono postale a 15 anni o a chi volete... consiglio mio.
    condivido quanto scritto da te, infatti quando ho scritto il primo messaggio rispondevo @lastrico che aveva detto di essere uscito il 24 febbraio, utilizzando la strategia "stai dentro finché sale, fuggi quando va a fondo"e gli avevo detto che la strategia da lui adottata per quanto potesse sembrare semplice era (a mio avviso) la migliore. tante volte ho letto in vari 3d che puntare tutto su alcuni etf, tra cui l'immancabile msci world, con un pac nel lungo periodo si sarebbe rivelata sempre e comunque una scelta vincente, mentre al contrario la scelta di lastrico di uscire il 24 febbraio, per poi rientrare in futuro quando le acque si calmeranno "Ora c'è da capire quando si potrà chiudere l'ombrello" la ritengo sicuramente migliore

  3. #1843

    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    914
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    706 Post(s)
    Potenza rep
    27831571
    Sta arrivando la recessione, vendete tutto dal mercato azionario mettendovi in salvo-5dda9a10-8f75-42d1-8a75-9a5e814f8361.jpeg
    La lascio qui, giusto per riflettere

  4. #1844
    L'avatar di GreedyTrader
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    3,162
    Mentioned
    30 Post(s)
    Quoted
    2342 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Nessuno può sapere quando entrare e quando uscire la scelta lazy è sempre vincente basta avere asset class per ogni evenienza dal ritorno dell'inflazione alla recessione nera... Magari domani esce un vaccino o si scopre che un antivirale già noto funziona e Wall street fa +20% ... Credere di essere degli auruspici ci si può fare male... Poi magari si fa un po' di trading però il grosso rimango lazy. La situazione è molto incerta, non è come il 2008 che c'era una valanga di debito in default e quindi andare short pesante quasi una passeggiata ( beh col senno di poi ) oggi il bacillo è più imprevedibile...

  5. #1845

    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    16
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    16 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Ma è vero che i mercati asiatici hanno ripreso tutte le perdite?

    Se fosse così è inutile togliere ora gli investimenti....

    Certo è che se li togliessi ora ci sarebbero delle perdite...

    Che poi io ancora devo capire una cosa ma se io investo su un fondo d'investimento, poi sono vincolato? O posso togliere i soldi quando voglio? E se li tolgo diciamo dopo 1 anno o 2 anni mi fanno pagare qualcosa?

  6. #1846
    L'avatar di nonamoilrischio
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    7,531
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    1292 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    bow bella diesamina ma non dici un piffero pero alla fine, supponendo che la recessione duri 15 anni, che si fa si rimane liquidi a vita?

    operi nel breve ,cioe fai trading?
    mediare al ribasso è sbagliato?
    come s'investe nei mercati per stare tranquilli?

  7. #1847
    L'avatar di mrmm
    Data Registrazione
    May 2011
    Messaggi
    3,448
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    1211 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Il tempo per uscire c'è stato tutto… probabilmente anche troppo…

    Chi ha scelto di non farlo quando poteva, non ha senso lo faccia oggi dopo il crollo… resti coerente e guardi al lungo periodo…

  8. #1848

    Data Registrazione
    Feb 2020
    Messaggi
    187
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    113 Post(s)
    Potenza rep
    4497122
    Citazione Originariamente Scritto da GreedyTrader Visualizza Messaggio
    Nessuno può sapere quando entrare e quando uscire la scelta lazy è sempre vincente basta avere asset class per ogni evenienza dal ritorno dell'inflazione alla recessione nera... Magari domani esce un vaccino o si scopre che un antivirale già noto funziona e Wall street fa +20% ... Credere di essere degli auruspici ci si può fare male... Poi magari si fa un po' di trading però il grosso rimango lazy. La situazione è molto incerta, non è come il 2008 che c'era una valanga di debito in default e quindi andare short pesante quasi una passeggiata ( beh col senno di poi ) oggi il bacillo è più imprevedibile...
    ciao GreedyTrader, per quanto condivida che nessuno possa sapere quando entrare ed uscire, ritengo che la scelta migliore oggi sia quella di uscire, come ha fatto per tempo @lastrico. in parte già ho spiegato il perchè nei messaggi precedenti, a quanto già detto aggiungo che nei soli primi due mesi le esportazioni della Cina sono scese del 17%, mentre le importazioni sono scese del 5%, in Italia le zone rosse sono in aumento, forse in Lombardia la zona rossa verrà estesa a intere province,o addirittura a tutta la Regione. Io vivo in Campania, quindi una regione lontana da quelle duramente colpiti e senza focolai,faccio la spesa sempre in mezzo alla settimana e in orari morti per trovare facilmente posto auto, ho dovuto fare un bel pò di fila alla cassa(cosa mai accaduta, ero quasi sempre il solo a quegli orari) e i carrelli delle persone davanti a me erano pieni fino all'orlo di scatolame, pasta, farina, carta igienica, olio e prodotti per lo più a lunga conservazione; le scuole molto probabilmente non verranno riaperte non il 16 marzo, ma nemmeno il 4 aprile, e la scelta del governo di non dare subito la notizia di una chiusura così lunga era quella di non contribuire al panico. il segretario nazionale del secondo partito più grande d'Italia è risultato positivo, e dovranno sottoporsi al tampone anche membri delle istituzioni che lo hanno incontrato, nei prossimi giorni potrebbe essere data notizia di chiusura degli uffici pubblici (non tutti ovviamente), in Australia c'è stato un assalto alla carta igienica ed i supermercati sono rimasti senza, anche negli Usa le persone prendono d'assalto i supermercati. quello che sta accadendo nel mondo, è quello che è accaduto da noi in Italia: quando si parlava del virus cinese non ci facevamo caso,era lontano,non era in Italia, quando sono iniziati a spuntare casi (numerosi) in tutta Italia, si è creato panico a tutti i livelli, un'isteria di massa.
    Negli altri Paesi parlavano della Cina e dell'Italia come se la situazione non li riguardasse, ma quando la diffusione sarà evidente in tutti i Paesi (i numeri crescono ovunque in modo esponenziale) affronteranno più o meno gli stessi problemi che stiamo affrontando qui in Italia oggi, e anche la popolazione reagirà allo stesso modo (città deserte, crisi dei consumi), che comporterà, purtroppo inevitabilmente, PIL negativo e disoccupazione.
    Anche se oggi stesso venisse scoperto un vaccino, a parte i mesi necessari per la sperimentazione, ma ci vorrà del tempo per vedere ad esempio lo stesso numero di turisti, che preferiranno evitare l'Italia a causa del coronavirus, con tutte le conseguenze del caso (crisi alberghi, ristoranti,bar,stagionali,ecc.)

  9. #1849
    L'avatar di Antoniano2
    Data Registrazione
    Sep 2016
    Messaggi
    18,867
    Mentioned
    39 Post(s)
    Quoted
    12051 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da bow Visualizza Messaggio
    Eh, infatti io ho pochi clienti androidi. E' questo il problema. Se sei un robot immortale probabilmente non ne risenti. Io consiglio di essere molto avveduti nell'assegnare gli orizzonti temporali, soprattutto quando compilate il questionario Mifid in banca, se iniziate a dargli orizzonte 6-7 anni (non 10 o 15!) ''gira'' di tutto... un motivo c'è.



    Non mi riferisco a nessuno in particolare.
    Mi riferisco alla troppa euforia che mi ha spinto a far consolidare i clienti più grossi sotto natale (e a ricevere molte congratulazioni in questi giorni incluso un corposo aperitivo ieri... ). Questo NON perché io volessi fare il profeta di sventura, né perché credo di poter anticipare i mercati... ma diffido dell'euforia facile, di chi usa strumenti 'semplici' ma 'difficili' (come il lazy portafoglio) con leggerezza.
    Quando tutti si buttano sull'azionario e fanno calcoli a 30 anni su quanto gli renderà è il momento di addrizzare le orecchie e sacrificare un pò di guadagno potenziale per consolidare il molto guadagno già messo in tasca.
    Quindi tendenzialmente amo le strategie più brevi (sì, lo, so il promotore consiglia strategia da qui all'eternità... tanto lui le parcelle sulle commissioni di gestioni che pagate le riceve puntualmente ogni 3 mesi o addirittura mensilmente) e 'strategiche' meno alla lasciare lì.
    Poi conosco gente che è Lazy dai ribassi del 2000 (e devo dire con buoni risultati ...ma mica miracolosi...) ma lo sanno loro (e spesso me lo confidano con un certo 'disappunto') quanto hanno dovuto 'tenere botta'.

    Certamente per alcune esigenze (es. il Fondo Pensione, dove però per molti sarebbe consigliabile un approccio lifecycle) la strategia Lazy va benissimo, quindi non è un discorso universale. E' un discorso che non esiste "la strategia migliore" ma ogni persona, anzi ogni obiettivo di ogni persona, ne ha una sua da personalizzare.

    Comunque la strategia Lazy con il discorso di cui sopra non ha nulla a che vedere: biologicamente un virus ha un corso MOLTO più corto dell'orizzonte temporale Lazy, l'eventuale crisi economica (soprattutto in un'oceano di liquidità buttata sui mercati con una certa incoscienza) anche... e quindi l'investitore Lazy deve aspettare. Del resto attuando la strategia s'è dichiarato immune a oscillazioni, cigni neri, crolli dot com, guerre, pandemie, crack bancari, rialzi dei tassi etc... che vi aspettate? Che durante l'evento negativo che fa scendere le borse i giornali vi rassicurino sul "il 3 aprile si invertirà la tendenza?". No, ovviamente oggi è tutto nero e non c'è uscita dal tunnel. E quando VOI intravederete l'uscita dal tunnel i mercati già saranno risaliti probabilmente troppo, e poi sarà il momento del rialzo dei tassi, dei problemi in Giappone, in Corea, del default del Paraguay etc...
    NON POTETE anticipare il mercato. Bisogna agire con strategia e portarla avanti senza farsi condizionare, o utilizzare una strategia che tiene conto che vi fate condizionare. Se non siete capaci fatelo fare al consulente o al libretto di risparmio o al buono postale a 15 anni o a chi volete... consiglio mio.
    Esatto.

    Io ribadisco che la strategia lazy è semplice e non servono consulenti. Poi vedi come impazzisce la gente in questi giorni e capisci perché molti hanno bisogno del consulente che "si meritano" nel bene e nel male.

    Personalmente una strategia avevo e quella ho ancora. Anzi, il cambio da SWDA ad AGGH ha pure portato il micro gain da svalutazione dollaro e taglio tassi Fed

    Previsto ma comunque un buon viatico morale. Il REIT è rimasto e crolla ma faccio spallucce. L'oro sale con l'altalena e l'obbligazionario emergenti è ancora verde e cedola.

    A maggio scorso uscii troppo presto dai bond lunghi di un mesetto o due, da SWDA sono uscito una settimana dopo ma va bene perché avevo una strategia. Mi ritengo soddisfatto delle mie scelte personali senza aiuti da nessun consulente. Si impara sempre e si sbaglia sempre ma sono molto ottimista per i numeretti.

    Sul lato lavoro invece sono settimane da notte fonda e li ci sono i veri rischi, altro che bit sul computer

  10. #1850
    L'avatar di sand1975
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    6,183
    Mentioned
    36 Post(s)
    Quoted
    3876 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da Antoniano2 Visualizza Messaggio
    Esatto.

    Io ribadisco che la strategia lazy è semplice e non servono consulenti. Poi vedi come impazzisce la gente in questi giorni e capisci perché molti hanno bisogno del consulente che "si meritano" nel bene e nel male.

    Personalmente una strategia avevo e quella ho ancora. Anzi, il cambio da SWDA ad AGGH ha pure portato il micro gain da svalutazione dollaro e taglio tassi Fed

    Previsto ma comunque un buon viatico morale. Il REIT è rimasto e crolla ma faccio spallucce. L'oro sale con l'altalena e l'obbligazionario emergenti è ancora verde e cedola.

    A maggio scorso uscii troppo presto dai bond lunghi di un mesetto o due, da SWDA sono uscito una settimana dopo ma va bene perché avevo una strategia. Mi ritengo soddisfatto delle mie scelte personali senza aiuti da nessun consulente. Si impara sempre e si sbaglia sempre ma sono molto ottimista per i numeretti.

    Sul lato lavoro invece sono settimane da notte fonda e li ci sono i veri rischi, altro che bit sul computer
    Ne riparliamo se l'azionario dovesse perdere un altro 30%...

    Chi riesce ad entrare dopo un mega ribasso tipo 2008 o, forse, QUESTO, va sul velluto per tutto il periodo che vuole perchè si è già schivato il suo drawdown decennale e se anche dovesse essercene un'altro dopo 7/8 anni avrà accumulato gain e sarà sicuramente meno preoccupato.

    Diverso per chi entra PRIMA di un ribasso. Si cucca magari un -30 che ci mette 5/6 anni a recuperare e sta sulla graticola perchè magari dopo altri 2/3 statisticamente è in cantiere un'altro storno...

Accedi