Fondi H2O Vol. IV - Pagina 140
Etf europei: afflussi 2019 sopra muro 100 miliardi, anno record per ESG e strategie Smart Beta
Per la prima volta, gli ETF europei hanno registrato afflussi per oltre 100 miliardi di euro (100,8 miliardi), un dato record che porta il patrimonio totale in gestione a 870 …
Lunedì nero per Piazza Affari (-2,31%), coronavirus batte effetto Emilia. Si salva Poste
Lunedì amaro sui mercati complice l’acuirsi delle preoccupazioni sulla diffusione del coronavirus cinese, con il bilancio delle vittime e il numero di persone infette in forte aumento. Il numero di …
Mercati emergenti: coronavirus intralcia il rally, ma analisti rimangono positivi per il 2020
La rapida diffusione del coronavirus è in testa alle preoccupazioni degli investitori mondiali, anche quelli dei mercati emergenti che stanno valutando l’impatto del virus arrivata dalla Cina sull’economia globale. Il numero …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1391

    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    653
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    445 Post(s)
    Potenza rep
    2159555
    Citazione Originariamente Scritto da andrea64 Visualizza Messaggio
    Si .E' venuto fuori +0,68% ma se è vero che è diminuito il peso dei btp giovedi e hanno dovuto ricoprirsi oggi potrebbero anche esserci sorprese negative con un nav neutrale o addirittura negativo.
    Aggiornamento al 24 bilancio di gennaio:-0,89% sui conteggi.
    grazie

  2. #1392

    Data Registrazione
    Feb 2006
    Messaggi
    9,093
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    1775 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da stargate1955 Visualizza Messaggio
    Traduzione

    Vienna (Fonds | Abmeldung | Fondskurse | Analysen + News | Borse | Termine | fondscheck.de) - Come Pierre Verlé, responsabile del credito e Lead Fund Manager della strategia di credito non vincolato di Carmignac Portfolio Unconstrained Credit Strategy, sia riuscito a superare il gruppo di pari di oltre 16 punti percentuali dall'inizio dell'anno, perché l'ambiente attuale gli ricorda fortemente i primi dieci mesi del 2018 e come affronta le allocazioni illiquide, il team editoriale di "e-fundresearch.com" ha potuto scoprirlo in un'intervista di aggiornamento, secondo gli esperti di "e-fundresearch.com".


    e-fundresearch.com: Pierre Verlé, lei è responsabile del credito presso Carmignac e Lead Manager del Carmignac Portfolio Unconstrained Credit (ISIN LU1623763148 / WKN A2DSRX ): Come descriverebbe brevemente la sua filosofia d'investimento e il concetto di fondo?

    Pierre Verlé: L'obiettivo del Fondo è di massimizzare i rendimenti. Ciò si ottiene attraverso una rigorosa selezione dei crediti non solo in un dato momento, ma anche durante tutto il ciclo del credito. Il nostro obiettivo è quello di generare rendimenti interessanti e corretti per il rischio sia nei mercati del credito a basso costo che in quelli più costosi. Grazie al suo vasto universo d'investimento, il fondo è ben attrezzato per qualsiasi ambiente. Ciò include le obbligazioni societarie ad alto rendimento, ad alto grado di investimento, le obbligazioni societarie in sofferenza e le obbligazioni societarie strutturate sia nei mercati sviluppati che in quelli emergenti. Inoltre, il Fondo è in grado di gestire la classe di attività beta (riduzione del rischio netto) grazie ad un adeguato insieme di strumenti, in particolare i derivati di credito. Ciò consente al portafoglio di ridurre in modo flessibile la propria esposizione ai mercati del credito, concentrandosi al contempo sulle opportunità dal basso verso l'alto.

    e-fundresearch.com: In un contesto in cui gli investitori a reddito fisso si trovano a fronteggiare rendimenti nulli o addirittura negativi, il Carmignac Portfolio Unconstrained Credit ha finora ottenuto sia una performance assoluta chiaramente positiva sia una solida sovraperformance relativa rispetto ai suoi omologhi. Quali sono stati i motivi principali di questa performance fino ad oggi?

    Pierre Verlé: Il driver principale è stato una breve posizione in una holding che abbiamo analizzato molto attentamente per anni. Molti partecipanti al mercato erano convinti di questa società ed erano pronti a vendere (e noi eravamo pronti ad acquistare) credit default swap a brevissima scadenza su questo nome per pochissimo. La nostra analisi della liquidità della società ci aveva convinto che un default tra metà aprile e la fine di luglio 2019 era abbastanza probabile. Dato il prezzo molto basso della protezione a breve termine, il valore di mercato di queste opzioni era pari allo 0,63% del patrimonio del fondo alla fine della settimana precedente l'insolvenza.

    Un altro fattore importante della nostra performance è stata la nostra posizione lunga nelle obbligazioni delle società di telecomunicazione. In realtà, i mercati azionari e ad alto rendimento non hanno fatto una vera e propria distinzione tra le società di telecomunicazioni che possiedono le loro reti e quelle che le affittano. Eravamo quindi fiduciosi che queste attività potessero essere vendute a valutazioni molto elevate.

    Naturalmente, siamo sempre contenti quando si presentano opportunità di rischio eccezionali. Ma non siamo meno orgogliosi del resto del portafoglio, che comprende decine di piccoli investimenti con forti profili di rischio. Anche questi titoli spingono gradualmente la performance del fondo, punto base per punto base. Inoltre, anche senza le due posizioni sopra menzionate, il Carmignac Portfolio Unconstrained Credit avrebbe sovraperformato significativamente il suo indicatore di performance.

    e-fundresearch.com: In che misura avete adeguato il portafoglio durante la performance superiore alla media nel primo semestre del 2019?

    Pierre Verlé: Quando i mercati sono abbastanza valutati o costosi, rimaniamo investiti, ma con cautela. Quando il prezzo di un'obbligazione sale, il suo rendimento scende. Se la nostra valutazione dei costi del rischio si deteriora di conseguenza, il rendimento del rischio è meno attraente e ridurremmo la posizione. In effetti, il fondo è generalmente più concentrato su mercati ampi e più diversificato su mercati ristretti. Per generare un rendimento soddisfacente in questi tempi, mantenendo un posizionamento conservativo e a basso rischio, cerchiamo opportunità idiosincratiche nel portafoglio.

    Il portafoglio si concentra attualmente su un rischio di mercato limitato (rischio di credito netto) e su un'esposizione netta al mercato del credito ad alto rendimento leggermente superiore all'indicatore di riferimento. Evitiamo anche costose beta di mercato. Ci piacciono le aziende EM selezionate sotto pressione e i CLO collateralizzati con premi di rischio interessanti, cioè senza essere legati alle valutazioni di mercato.

    e-fundresearch.com: Recentemente ci sono state molte notizie relative a minori allocazioni di liquidità dai portafogli obbligazionari flessibili: Come vengono gestite le posizioni meno liquide in Carmignac?
    Pierre Verlé: Un occhio vigile sulla liquidità dei nostri fondi fa parte del DNA di Carmignac e il team di credito è conseguentemente cauto nel suo approccio. Abbiamo linee guida molto severe per le posizioni meno liquide e le seguenti regole saranno rispettate in ogni circostanza:

    - Non investiamo in obbligazioni di credito private. Tutte le nostre posizioni sono negoziate quotidianamente, c'è sempre un mercato attivo per il trading. Ciò significa che ogni obbligazione del nostro portafoglio ha un prezzo immediato con un acquirente/venditore attivo.

    - Abbiamo anche una rigorosa politica di mantenimento delle nostre posizioni. Infatti, non possiamo investire più del 10% di un'emissione obbligazionaria per Fondo, e i Fondi Carmignac non possono detenere più del 20% di un'emissione obbligazionaria in totale, il che ci permette di liquidare rapidamente le nostre posizioni sul mercato anche in scenari difficili.

    - Possiamo investire in obbligazioni per oltre 250 milioni di euro solo per garantire la liquidità.

    e-fundresearch.com: Con la FED, che ha già iniziato a tagliare i tassi d'interesse, e una BCE, che molto probabilmente seguirà in autunno, i mercati obbligazionari sono soggetti a un certo cambiamento di regime: come integrare questi aspetti nel vostro portafoglio? Dove vedete le maggiori sfide e opportunità in un ambiente più ampio?

    Pierre Verlé: L'ambiente attuale è relativamente simile a quello dei primi dieci mesi del 2018 - un periodo eccellente per i raccoglitori di obbligazioni. I mercati del credito non sono immuni dalla repressione finanziaria e sono indubbiamente costosi, ma poiché siamo a buon punto in un ciclo di credito già molto lungo, l'avversione al rischio è in crescita, il che a sua volta favorisce la diversificazione. Ci aspettiamo che l'avversione al rischio indipendente dalla politica monetaria continui a crescere e che la frequenza degli inadempimenti aumenti. Dopotutto, non c'è miglior catalizzatore per le inadempienze che un abbondante denaro a buon mercato. Ciò porta a una crescente segmentazione tra ciò che i mercati del credito considerano sicuro e ciò che considerano rischioso. Se un emittente non viene più percepito come sicuro (il che non è affatto la stessa cosa di una garanzia collaterale), una reazione eccessiva può creare opportunità che premiano gli investitori ben oltre il costo del rischio, anche in un ambiente di credito complessivamente costoso.

    Link originale
    Wertpapier Profil Unconstrained Credit W EUR Acc WKN A2DSRX ISIN LU1623763148 Chart Nachricht Aktien Kursvergleich
    Grazie Stargate
    che hai trovato l'intervista

  3. #1393
    L'avatar di stargate1955
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    810
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    526 Post(s)
    Potenza rep
    2611989
    Citazione Originariamente Scritto da consindip Visualizza Messaggio
    il discorso sui CDS riguardava il Carmignac Unconstrained

    il fondo che utilizzo come esempio a volte per dire che sono stato il primo in Italia a venderlo (quando facevo il promotore) è INVESCO Greater China A, parlo di rendimento medio annuo, è da tempo che non verifico più il rendimento di questo fondo che non utilizzo più quindi considerate la mia affermazione della percentuale non attuale


    Se il fondo è questo....In effetti non sei tanto aggiornato; il rendimento medio annuo è 12.25% non oltre il 20% forse ti sei confuso con la volatilità che in effetti è sopra il 20% precisamente al 22,37%
    Immagini Allegate Immagini Allegate Fondi H2O Vol. IV-invesco.jpg 

  4. #1394
    L'avatar di genngattu
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    609
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    336 Post(s)
    Potenza rep
    5984504
    Ragazzi eur chf ci darà soddisfazioni entro fine anno. Prevedo interventi da parte della banca Svizzera.
    Ultima modifica di genngattu; Ieri alle 23:00

  5. #1395

    Data Registrazione
    Feb 2006
    Messaggi
    9,093
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    1775 Post(s)
    Potenza rep
    42949686

    Contributo divise sul nav di Multibond dal 2013 al 2019

    In 7 anni solo 1 contributo negativo

    2019 +15,6%
    2018 +28,4%
    2017 -5,4%
    2016 +8%
    2015 +25%
    2014 +17%
    2013 0%

    Tutto questo prima delle commissioni fisse e di performance del fondo e quindi i contributi sono al lordo.
    Ultima modifica di andrea64; Ieri alle 23:49

Accedi