Domanda tecnica per gestori in ascolto
Mercati di frontiera: chi sono e cosa hanno in più rispetto agli emergenti
La nuova sfida per gli investitori si chiama mercati di frontiera. Nuove aree geografiche, confinate fino a pochi anni fa alla periferia dei mercati globali e accessibili solo a operatori …
Corporate bond BBB, tassi mini e rischio alto. Se c’è recessione il declassamento a ‘junk’ non è lo scenario peggiore
Occhio al rischio insito nel boom di emissioni di  bond corporate ?investment grade? classificati con rating BBB. A lanciare l?allarme sono gli analisti di JP Morgan e Bank of America-Merrill Lynch …
Apple mai così bene dai tempi di Jobs, record in Borsa grazie a tregua dazi
E' tregua sui dazi tra Cina e Usa e i mercati hanno passato tutta la giornata di ieri assaporando la possibile intesa in arrivo da Washington. Mini-intesa poi puntualmente arrivata …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    355
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    219 Post(s)
    Potenza rep
    3628241

    Domanda tecnica per gestori in ascolto

    Buongiorno
    Mi sono sempre chiesto una cosa:
    Se sono gestore di un fondo azionario USA e faccio una valutazione che il mercato avrà un calo nei prossimi anni, dove non trovo valore da nessuna parte, come si gestisce il portafoglio in considerazione che sono obbligato a investire solo sul mercato azionario USA?
    Non so se sono stato chiaro

  2. #2

    Data Registrazione
    Apr 2019
    Messaggi
    1,937
    Mentioned
    22 Post(s)
    Quoted
    1230 Post(s)
    Potenza rep
    42949673
    Citazione Originariamente Scritto da utente portoghese Visualizza Messaggio
    Buongiorno
    Mi sono sempre chiesto una cosa:
    Se sono gestore di un fondo azionario USA e faccio una valutazione che il mercato avrà un calo nei prossimi anni, dove non trovo valore da nessuna parte, come si gestisce il portafoglio in considerazione che sono obbligato a investire solo sul mercato azionario USA?
    Non so se sono stato chiaro
    dipende dal tipo di fondo e quali operazioni è autorizzato a fare

    aumenta il cash come sta facendo buffett

    a lui almeno in teoria interessa battere l'indice quindi in caso di recessione vorrebbe dire riuscire a perdere di meno quindi si posizionerebbe su titoli difensivi.

  3. #3
    L'avatar di cataflic
    Data Registrazione
    Oct 2002
    Messaggi
    4,430
    Mentioned
    36 Post(s)
    Quoted
    988 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Citazione Originariamente Scritto da utente portoghese Visualizza Messaggio
    Buongiorno
    Mi sono sempre chiesto una cosa:
    Se sono gestore di un fondo azionario USA e faccio una valutazione che il mercato avrà un calo nei prossimi anni, dove non trovo valore da nessuna parte, come si gestisce il portafoglio in considerazione che sono obbligato a investire solo sul mercato azionario USA?
    Non so se sono stato chiaro
    Continui ad essere investito diminuendo il beta se fai gestione attiva, tanto anche se lo pensi hai sempre il 50% di probabilità di prenderci, quindi non è che cambi molto, anche perchè il mercato non andrà giù come una riga dritta, ma farà scrolloni e riprese e solo dopo saprai quali sono stati i punti di minimo, quindi qualcuno che investirà lì in mezzo finirà pure col guadagnarci, inoltre chi sta attuando tecniche di accumulo è giusto che possa godere dei prezzi bassi che si vengono a creare.

  4. #4
    L'avatar di consindip
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    4,527
    Mentioned
    38 Post(s)
    Quoted
    1195 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    all'interno di un mercato complessivamente in calo, in particolare un mercato enorme come quello USA, ci sono sempre titoli più appetibili ed altri meno

    poi dipende ovviamente dalle caratteristiche specifiche del fondo

    del resto se un gestore si posiziona in modalità più tranquilla e i clienti investono sui cali credendo che il gestore stia ancora facendo come dice di fare, in realtà sta danneggiando questi clienti

    per contro se un cliente già nel fondo teme una forte correzione sta al cliente uscire e non al gestore, a meno che sia un fondo flessibile con ampia facoltà di gestione

Accedi