etf prima accumulazione poi distribuzione
Tassi di interesse negativi ci dicono che il futuro vale più del presente in un mondo dove sovrabbonda il risparmio
Cosa si nasconde dietro questa grossa ondata di tassi d?interesse negativi? Da Francoforte  a Zurigo passando per Tokio, più di un terzo dei bond presenti sul mercato offrono ormai ritorni …
Calendario conti 3° trimestre 2019 Ftse Mib: apre Saipem, banche e FCA le più attese
Dopo un inizio poco fortunato, il mese di ottobre ha visto un forte rialzo dei mercati azionari internazionali. Gli indici USA sono tornati sui massimi storici, mentre quelli europei (Ftse …
Descalzi a tutto campo: Eni non sarà preda M&A, dividendo può salire
Eni è diventata la compagnia più efficiente tra le grandi con riserve proprie che sono state scoperte e non comprate, con costi per i nuovi barili molto bassi, a meno …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di twentysense
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    4,700
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    1222 Post(s)
    Potenza rep
    42949682

    etf prima accumulazione poi distribuzione

    A parte la forse perenne discussione tra accumulazione e distribuzione, volevo un parere su quanto segue.

    Ho ben chiaro il vantaggio (fiscale e di possibilità di guadagno) degli accu vs. quelli a distrib ed è chiaro che in un periodo di PAC non ha senso usare ETF a distribuzione perché in sostanza si userebbero i dividendi per ricomprare (almeno in parte) quote dell'ETF stesso.
    Però sono anche dell'idea che avere tutto ad accumulazione significa che l'unico modo per fruire dei (si spera) guadagni è vendere delle quote - e magari si ha la tentazione di non toccarli per non rovinare il risultato, non godendosi mai i frutti dei sacrifici fatti negli anni per risparmiare.

    Al che stavo pensando: in una prima fase si fa PAC con strumenti ad accumulazione, mettendo insieme la posizione nell'arco di tot anni (es: 10); dopodiché si switcha - tutto o in parte - sul corrispondente ETF a distribuzione.

    Pareri?

    Una cosa che mi viene in mente è che - supponiamo pure che il fondo sia in guadagno - allo switch si avranno più soldi, ma le quote costeranno di più.

  2. #2

    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    159
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    81 Post(s)
    Potenza rep
    2825186
    Sono della tu stessa opinione, dal punto di vista psicologico.

    Altrimenti si vende una percentuale del gain dell'accumulo ogni anno

  3. #3

    Data Registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    505
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    296 Post(s)
    Potenza rep
    11653399
    l'accendiamo

  4. #4
    L'avatar di Felix_87
    Data Registrazione
    Sep 2016
    Messaggi
    1,464
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    837 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da twentysense Visualizza Messaggio
    A parte la forse perenne discussione tra accumulazione e distribuzione, volevo un parere su quanto segue.

    Ho ben chiaro il vantaggio (fiscale e di possibilità di guadagno) degli accu vs. quelli a distrib ed è chiaro che in un periodo di PAC non ha senso usare ETF a distribuzione perché in sostanza si userebbero i dividendi per ricomprare (almeno in parte) quote dell'ETF stesso.
    Però sono anche dell'idea che avere tutto ad accumulazione significa che l'unico modo per fruire dei (si spera) guadagni è vendere delle quote - e magari si ha la tentazione di non toccarli per non rovinare il risultato, non godendosi mai i frutti dei sacrifici fatti negli anni per risparmiare.

    Al che stavo pensando: in una prima fase si fa PAC con strumenti ad accumulazione, mettendo insieme la posizione nell'arco di tot anni (es: 10); dopodiché si switcha - tutto o in parte - sul corrispondente ETF a distribuzione.

    Pareri?

    Una cosa che mi viene in mente è che - supponiamo pure che il fondo sia in guadagno - allo switch si avranno più soldi, ma le quote costeranno di più.
    Se questo ti permette psicologicamente di investire bene, ben venga la distribuzione, se vuoi ottimizzare il risultato a discapito del controllo delle emozioni, scegli ad accumulo.

  5. #5

    Data Registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    505
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    296 Post(s)
    Potenza rep
    11653399
    una volta che hai terminato di versare, come si possa avere un risultato ottimizzato in accumulo rispetto a distribuzione è una tua opinione che i fatti facilmente smentiscono in fase di discesa dei mercati...

    senza contare che appunto si opta per la distribuzione per avere uscite graduali dall'investimento, quindi non sarebbero nemmeno comparabili come servizi

  6. #6
    L'avatar di Felix_87
    Data Registrazione
    Sep 2016
    Messaggi
    1,464
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    837 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da AliasFringe Visualizza Messaggio
    una volta che hai terminato di versare, come si possa avere un risultato ottimizzato in accumulo rispetto a distribuzione è una tua opinione che i fatti facilmente smentiscono in fase di discesa dei mercati...

    senza contare che appunto si opta per la distribuzione per avere uscite graduali dall'investimento, quindi non sarebbero nemmeno comparabili come servizi
    hai ragione, mi sono dimenticato di scrivere, fatto salvo se ci si concentra a prendere un unico esempio sulla forzatura della casualità favorevole alla distribuzione.

  7. #7

    Data Registrazione
    Jan 2017
    Messaggi
    176
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    88 Post(s)
    Potenza rep
    2776330
    Citazione Originariamente Scritto da AliasFringe Visualizza Messaggio
    una volta che hai terminato di versare, come si possa avere un risultato ottimizzato in accumulo rispetto a distribuzione è una tua opinione che i fatti facilmente smentiscono in fase di discesa dei mercati...

    senza contare che appunto si opta per la distribuzione per avere uscite graduali dall'investimento, quindi non sarebbero nemmeno comparabili come servizi
    Puo' anche darsi che si scelga la distribuzione per avere un'integrazione al reddito e, come diceva giustamente @Felix_87, se ti fa sentire tranquillo e vivere con serenità il tuo investimento ben venga...

    Per fare ancora meglio bisognerebbe che tutti i dividendi, condizionati e non, fossero scalabili dalle eventuali minus, ma qui si entra in un discorso ti tipo politico-lobbystico che sarebbe sicuramente OT.

    Tralascio anche il discorso meglio distribuzione o accumulazione che ha già generato millemila post sul forum con le due scuole di pensiero arroccate nelle rispettive fortezze...

  8. #8

    Data Registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    505
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    296 Post(s)
    Potenza rep
    11653399
    Citazione Originariamente Scritto da Felix_87 Visualizza Messaggio
    hai ragione, mi sono dimenticato di scrivere, fatto salvo se ci si concentra a prendere un unico esempio sulla forzatura della casualità favorevole alla distribuzione.
    in realtà no, la principale differenza è appunto che se tu vuoi restare sempre con l'investimento ad accumulo è perché cerchi un prodotto differente da uno che distribuisce e che quindi ti riduce l'investimento e ti aumenta il conto corrente portando a casa piano piano il guadagno.

    poi non so cosa intendi per casualità, i mercati o salgono o scendono o restano fermi...

    @awkward
    bhe sì do per scontato che se uno passa da accumulo a distribuzione è perché vuole portarsi a casa una piccola "rendita periodica" senza rinunciare a lasciare il capitale investito, altrimenti avrebbe poco senso

  9. #9
    L'avatar di Sara78
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    6,931
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    2074 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da AliasFringe Visualizza Messaggio

    senza contare che appunto si opta per la distribuzione per avere uscite graduali dall'investimento, quindi non sarebbero nemmeno comparabili come servizi
    Il punto è proprio questo. Da un lato si punta all'uscita graduale dell'investimento, dall'altra si punta sull'effetto composto, restando investiti.
    Francamente per un pac farei comunque l'accumulazione, per un investimento più corposo che sia suddiviso in 2/3/4/5 tranches, se l'obiettivo è la rendita starei sulla distribuzione.
    Trasformare l'accumulazione in distribuzione comporta un ulteriore rischio/opportunità: la modifica al rialzo o al ribasso dell'aliquota di tassazione che colpirebbe/o beneficerebbe l'intero investimento "composto", che invece non avrebbe colpito/beneficiato i dividendi precedentemente distribuiti, e tassati alla attuale aliquota, optando per il sistema a distribuzione.
    Ultima modifica di Sara78; 20-09-19 alle 17:19

  10. #10
    L'avatar di twentysense
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    4,700
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    1222 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da awkward Visualizza Messaggio
    [...]
    Per fare ancora meglio bisognerebbe che tutti i dividendi, condizionati e non, fossero scalabili dalle eventuali minus, ma qui si entra in un discorso ti tipo politico-lobbystico che sarebbe sicuramente OT.

    Tralascio anche il discorso meglio distribuzione o accumulazione che ha già generato millemila post sul forum con le due scuole di pensiero arroccate nelle rispettive fortezze...
    Concordo, lasciamo fuori ipotesi ad oggi non esistenti e confronti già fatti altrove, non sono l'obiettivo di questo thread

Accedi