MoneyFarm portafogli in ETF Vol. 5 - Pagina 132
Borsa spinta in alto da balzi Eni, Poste e Atlantia. Tra le banche soffre ancora Unicredit
Piazza Affari torna a salire dopo il passo falso della vigilia. Il Ftse Mib ha chiuso oggi a +1,75% a quota 16.834 punti. Il driver principale sui mercati oggi è …
Utilities UE: scovare i titoli più sottovalutati con il price/book value (P/BV), un’italiana sul podio
Nel periodo compreso tra l?ultima settimana di febbraio e la metà di marzo il mercato azionario ha perso oltre il 30% del proprio valore. Quattro settimane da record. Mai, prima …
Sì ai coronabond, la carica italo-tedesca contro il virus del rigore. Tra i firmatari Letta, Monti, Boeri
Appello italo-tedesco alla Germania di Angela Merkel e alla presidente della Commissione europea Ursula von det Leyen affinché dicano di sì all'emissione dei coronabond, auspicata soprattutto dai paesi del Sud …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1311
    L'avatar di MoneyFarm
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Messaggi
    1,371
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    124 Post(s)
    Quoted
    548 Post(s)
    Potenza rep
    24558423
    Citazione Originariamente Scritto da mirkosalva Visualizza Messaggio
    Se non sbaglio l'ottimo rendimento (8.04% lordo nel 2019) anche di un portafoglio P2, che ha solo circa un 20% di azionario, dimostra che parte del gain del 2019 di tale portafoglio è stato generato anche dalla parte obbligazionaria.

    Perché avendo l'azionario (MSCI World) fatto +30% nel 2019 (grafico sotto), se la parte non azionaria del loro P2 fosse stata tutto cash (anziché obbligazioni), il rendimento del P2 sarebbe stato del 6% lordo.

    Allegato 2652779

    MoneyFarm quindi sono stati bravi a credere anche nelle obbligazioni a inizio del 2019, visto i rendimenti ridicoli che offrivano (e che continuano ad offrire).

    O sbaglio qualcosa?
    Uno dei pilastri della nostra strategia di investimento è la creazione di portafogli multi asset, ossia esposti a una molteplicitá di fonti di rendimento (obbligazionario governativo, bond societari e altro ancora).

    Ampliare l'universo investibile è estremamente importante, al fine di ottenere rendimenti reali positivi ed evitare che l'inflazione eroda i risparmi accumulati.

    Esporre il portafoglio a bond societari, bond indicizzati all'inflazione e a valute estere permette sia di ottenere rendimenti positivi, sia di sfruttare le interdipendenze tra le asset class e ridurre il rischio complessivo del portafoglio.

    Ad esempio, in momenti di "panic selling" dell'azionario, alcune asset class come bond governativi e valute forti (USD) tendono ad apprezzarsi, compensando le perdite. Anche in un contesto di tassi bassi (e negativi), è dunque importante diversificare il portafoglio (specialmente in un P2 dove la componente obbligazionaria è rilevante), per avere un portafoglio piú solido e capace di far fronte a differenti contesti di mercato.

    Nel 2019, la principale fonte di rendimento del P2 è stata l'azionario che ha reso quasi il 4%, ossia la metá del rendimento totale. Il restante 4% é stato ricavato in maniera estremamente equilibrata dal mix di asset class presenti nel portafoglio: obbligazioni governative (1.5%), obbligazioni societarie (0.7%), valute estere (0.7%) e obbligazioni indicizzate all'inflazione (quasi 1%).

    La diversificazione delle fonti di rischio rendimento rimane alla base della gestione Moneyfarm e ha aiutato il portafoglio a contenere le perdite nei periodi di alta volatilitá del 2019

  2. #1312
    L'avatar di sand1975
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    4,240
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    2840 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da mirkosalva Visualizza Messaggio
    Se non sbaglio l'ottimo rendimento (8.04% lordo nel 2019) anche di un portafoglio P2, che ha solo circa un 20% di azionario, dimostra che parte del gain del 2019 di tale portafoglio è stato generato anche dalla parte obbligazionaria.

    Perché avendo l'azionario (MSCI World) fatto +30% nel 2019 (grafico sotto), se la parte non azionaria del loro P2 fosse stata tutto cash (anziché obbligazioni), il rendimento del P2 sarebbe stato del 6% lordo.

    Allegato 2652779

    MoneyFarm quindi sono stati bravi a credere anche nelle obbligazioni a inizio del 2019, visto i rendimenti ridicoli che offrivano (e che continuano ad offrire).

    O sbaglio qualcosa?
    Non credo sia questa la logica. Se guardiamo solo ai numeri 20k su msci world e 80k su un conto deposito vincolato al 3% avrebbero reso un 8,4% compessivo con una spesa nettamente inferiore. Non me ne voglia qualcuno ma rimango convinto per questo che i portafogli che hanno senso siano quelli dal p4/p5 al massimo investendo solo una parte del patrimonio o con PAC, in questo Moneyfarm è una validissima offerta. Poi è chiaro che per motivi commerciali debbano coprire anche profili meno rischiosi...

  3. #1313

    Data Registrazione
    Dec 2019
    Messaggi
    28
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    29 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Ragazzi sono under 35 e ho aperto il conto xme Intesa impostando SDD, dopo avendomi garantito in filiale che non ci fossero commissioni specificatamente neanche per quella transazione (Errore loro nel dirmi una cosa sbagliata/Errore mio nel non essermi documentato abbastanza). Con un deposito iniziale di 5000 e mensile di 300, mi consigliate di "lasciargli" quei 0,8/1 euro mensile dato che ormai ho impostato il bonifico diretto il primo del mese? O è annullabile tale operazione, potendo effettuare "manualmente" il bonifico mensilmente, che almeno quello mi è gratuito?

  4. #1314

    Data Registrazione
    Apr 2019
    Messaggi
    5,265
    Mentioned
    65 Post(s)
    Quoted
    3671 Post(s)
    Potenza rep
    42949673
    Citazione Originariamente Scritto da Cacsby Visualizza Messaggio
    Ragazzi sono under 35 e ho aperto il conto xme Intesa impostando SDD, dopo avendomi garantito in filiale che non ci fossero commissioni specificatamente neanche per quella transazione (Errore loro nel dirmi una cosa sbagliata/Errore mio nel non essermi documentato abbastanza). Con un deposito iniziale di 5000 e mensile di 300, mi consigliate di "lasciargli" quei 0,8/1 euro mensile dato che ormai ho impostato il bonifico diretto il primo del mese? O è annullabile tale operazione, potendo effettuare "manualmente" il bonifico mensilmente, che almeno quello mi è gratuito?
    Puoi cambiare tutte le volte che vuoi.

    Non sono un grosso conoscitore di conti correnti ma mi stai dicendo che hai scelto un conto dove paghi gli addebiti in conto corrente ?.....cambia banca....

  5. #1315
    L'avatar di sand1975
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    4,240
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    2840 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    E' capitato anche a me recentemente di vedere addebiti sepa con commissioni (nello specifico bollette delle utenze). Secondo me nel 2020 condizione sufficiente per mandare a quel paese la banca...

    Un euro su 300 è lo 0,3%. Siamo stati qui a sindacare su uno 0,1 di aumento delle commissioni di MF e poi ci facciamo rapinare dalla banca?

  6. #1316

    Data Registrazione
    Dec 2019
    Messaggi
    28
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    29 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da sand1975 Visualizza Messaggio
    E' capitato anche a me recentemente di vedere addebiti sepa con commissioni (nello specifico bollette delle utenze). Secondo me nel 2020 condizione sufficiente per mandare a quel paese la banca...

    Un euro su 300 è lo 0,3%. Siamo stati qui a sindacare su uno 0,1 di aumento delle commissioni di MF e poi ci facciamo rapinare dalla banca?

    Ma infatti farla passare come "è solo un euro" in un piano di risparmio come quello progettato per me con moneyfarm mi sembrava una cavolata. Come mi consigli di muovermi? Mi sembra brutto chiudere un conto Intesa dopo neanche un mese.

  7. #1317
    L'avatar di sand1975
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    4,240
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    2840 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da Cacsby Visualizza Messaggio
    Ma infatti farla passare come "è solo un euro" in un piano di risparmio come quello progettato per me con moneyfarm mi sembrava una cavolata. Come mi consigli di muovermi? Mi sembra brutto chiudere un conto Intesa dopo neanche un mese.
    MA ti addebitano quell'euro in tutti gli addebiti SEPA? Non è per l'euro. E' che nel 2020 far passare questi costi è inaccettabile. Io ho conti correnti da quasi 30 anni e nessuna banca che ho avuto mi ha mai fatto pagare addebiti ricorrenti via mandato.

  8. #1318

    Data Registrazione
    Dec 2019
    Messaggi
    28
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    29 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da sand1975 Visualizza Messaggio
    MA ti addebitano quell'euro in tutti gli addebiti SEPA? Non è per l'euro. E' che nel 2020 far passare questi costi è inaccettabile. Io ho conti correnti da quasi 30 anni e nessuna banca che ho avuto mi ha mai fatto pagare addebiti ricorrenti via mandato.
    In tutta sincerità son un ragazzo di 20 anni quindi non saprei dirti, perchè innanzitutto questo conto è nuovo, poi non ci ho alcun finanziamento/mutuo da farci passare per dartene la certezza. Leggendo, non vorrei sbagliarmi, la commissione SDD da parte di Intesa è esclusa solo per addebiti ricorrenti di utenze domestiche.

  9. #1319
    L'avatar di sand1975
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    4,240
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    2840 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da Cacsby Visualizza Messaggio
    In tutta sincerità son un ragazzo di 20 anni quindi non saprei dirti, perchè innanzitutto questo conto è nuovo, poi non ci ho alcun finanziamento/mutuo da farci passare per dartene la certezza. Leggendo, non vorrei sbagliarmi, la commissione SDD da parte di Intesa è esclusa solo per addebiti ricorrenti di utenze domestiche.
    Non è la sezione adatta e non so che canoni e che costi hai ma non capisco perchè un millenial dovrebbe aprire un conto tradizionale che tra balzelli, canoni servizi, bonifici a pagamento, canoni carta di credito e bancomat, domiciliazioni facilmente ti costa tra i 150 e i 300 euro all'anno quando ci sono alternative di conti online anche di grandi gruppi (con possibilità di recarsi in sedi diffuse in caso di bisogno) che hanno costi zero su tutto... Inoltre se un domani volessi aprire un conto titoli e acquistare qualcosa sicuramente ti salasserebbero.

    Piuttosto quei fogli da 100 investili in MF o in qualche cena o in birre artigianali che regalarli alla banca!

    Chiedi nella sezione conti correnti...

  10. #1320

    Data Registrazione
    Dec 2019
    Messaggi
    28
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    29 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Ti rispondo e poi smetto di andare OT. Diciamo cercavo una banca con filiale fisica vicina e diversa dai 2 3 conti online che ho già. Per mia malainformazione, dato che non mi son informato a sufficienza, son andato a piedi pari su questo conto under 35, 0 costi bonifici, imposta di bollo e mantenimento.

    Intanto grazie per il rimando all'altro topic e già domani mi muoverò in merito per risparmiarmi anche quell'euro di piu. Tutta la vita birra artigianale doppio malto

Accedi