Questo benchmark è adatto per rappresentare i fondi flessibili europei?
Borsa di Milano aggiorna massimi 2019, volano le banche, Nexi e Ferrari
Le banche trascinano anche oggi Piazza Affari a una chiusura positiva. Il Ftse Mib è andato a chiudere a 22.428 punti (+0,28%) sui nuovi massimi anni. Ieri il balzo di …
Bill Gross: addio bond, meglio le azioni ad alto dividendo. Ecco le italiane con cedole più generose
Meglio investire in bond o in azioni? Coi tassi d?interesse vicini allo zero, i rendimenti obbligazionari ?investment grade? e dei titoli di stato si sono assottigliati a tal punto che …
Moncler si mette alle spalle il rischio Cina, coro di Buy dagli analisti in attesa della trimestrale 
Moncler cerca di mettersi alle spalle le difficoltà in Borsa negli ultimi mesi dettate principalmente dai timori per le ripercussioni delle tensioni a Hong Kong. Le quotazioni hanno recuperato i …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Dec 2014
    Messaggi
    27
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    14 Post(s)
    Potenza rep
    0

    Questo benchmark è adatto per rappresentare i fondi flessibili europei?

    È noto che comunemente i fondi flessibili possano non dichiarare alcun benchmark. Poiché l'allocazione di capitale di tali fondi è dinamica e non sottoposta a rigidi limiti, determinare un bechmark di riferimento per tali fondi può essere difficoltoso. Sto valutando la performance di fondi flessibili europei ("flexible asset allocation" su morningstar), denominati in euro, che investono (almeno in teoria) in europa (investment area = "europe" su morningstar).

    Vorrei valutare la performance di questi fondi, nei confronti di un indice passivo così composto: 60% equity e 40% bond:

    - FTSE EURO BROAD INVESTMENT GRADE BOND INDEX (EUROBIG) TR (32%)
    - MSCI EUROPE GR EUR (50%)
    - FTSE WORLD BROAD INVESTMENT GRADE BOND INDEX HEDGED TR EUR (8%)
    - MSCI WORLD EX EUROPE EUR GR (10%)

    Tale benchmark è appropriato? Ci sono asset classes che ho sovrappesato? È corretto, secondo vostro parere, inserire nel benchmark anche indici non europei, anche se l'investment area dei fondi è dichiaratamente l'europa?

    Per il terzo indice, sarebbe meglio utilizzare:

    – FTSE WBIG EUR
    – FTSE WBIG Hdg EUR
    – FTSE WBIG NonEUR EUR
    – FTSE WBIG NonEUR Hdg EUR

    Vi ringrazio in anticipo per la risposta.
    Ultima modifica di cob145; 17-08-19 alle 11:38

  2. #2

    Data Registrazione
    Jun 2016
    Messaggi
    4,807
    Mentioned
    28 Post(s)
    Quoted
    2495 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da cob145 Visualizza Messaggio
    È noto che comunemente i fondi flessibili possano non dichiarare alcun benchmark. Poiché l'allocazione di capitale di tali fondi è dinamica e non sottoposta a rigidi limiti, determinare un bechmark di riferimento per tali fondi può essere difficoltoso. Sto valutando la performance di fondi flessibili europei ("flexible asset allocation" su morningstar), denominati in euro, che investono (almeno in teoria) in europa (investment area = "europe" su morningstar).

    Vorrei valutare la performance di questi fondi, nei confronti di un indice passivo così composto: 60% equity e 40% bond:

    - FTSE EURO BROAD INVESTMENT GRADE BOND INDEX (EUROBIG) TR (32%)
    - MSCI EUROPE GR EUR (50%)
    - FTSE WORLD BROAD INVESTMENT GRADE BOND INDEX HEDGED TR EUR (8%)
    - MSCI WORLD EX EUROPE EUR GR (10%)

    Tale benchmark è appropriato? Ci sono asset classes che ho sovrappesato? È corretto, secondo vostro parere, inserire nel benchmark anche indici non europei, anche se l'investment area dei fondi è dichiaratamente l'europa?

    Per il terzo indice, sarebbe meglio utilizzare:

    – FTSE WBIG EUR
    – FTSE WBIG Hdg EUR
    – FTSE WBIG NonEUR EUR
    – FTSE WBIG NonEUR Hdg EUR

    Vi ringrazio in anticipo per la risposta.
    Un Fondo Flessibile è, a mio avviso, non comparabile con alcun Indice... Se scegli di investire in un Fondo Flessibile ti affidi ad un Gestore che compie i suoi ribilanciamenti periodici secondo la sua visione del mercato.
    Qualcuno sostiene che sono in linea di principio i soli fondi che giustificano la gestione attiva e le sue conseguenze sul piano dei costi.

  3. #3

    Data Registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    502
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    293 Post(s)
    Potenza rep
    11460501
    Al limite quello che vuoi fare te, può essere comparabile con fondi bilanciati, ma un fondo flessibile che varia le % di azioni bond e liquidità non vedo come si potrebbe fare.

    Puoi confrontarlo con l'andamento di alcune linee di investimento proposte dai vari Moneyfarm ecc... Non le ho mai approfondite più di tanto ma suppongo che anche loro ribilancino gli asset in base ai momenti di mercato oltre che alle performance avute dai vari etf

  4. #4

    Data Registrazione
    Dec 2014
    Messaggi
    27
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    14 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da AliasFringe Visualizza Messaggio
    Al limite quello che vuoi fare te, può essere comparabile con fondi bilanciati, ma un fondo flessibile che varia le % di azioni bond e liquidità non vedo come si potrebbe fare.

    Puoi confrontarlo con l'andamento di alcune linee di investimento proposte dai vari Moneyfarm ecc... Non le ho mai approfondite più di tanto ma suppongo che anche loro ribilancino gli asset in base ai momenti di mercato oltre che alle performance avute dai vari etf
    In questo tipo di analisi, mi interessa sapere solo se i fondi del campione abbiano battuto o meno il benchmark. E non sto indagando quali siano stati i pesi effettivi che sono stati attribuiti dai fondi alle asset classes. Avrei solo la necessità di sintetizzare un benchmark che in linea teorica sia il più plausibile possibile. Anche se i fondi dichiarano di investire in Europa è plausibile che investano una parte del capitale in assets globali? Per quanto riguarda la componente obbligazionaria, quale dei 4 indici è migliore?

  5. #5

    Data Registrazione
    Dec 2014
    Messaggi
    27
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    14 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da piccolowarren Visualizza Messaggio
    Un Fondo Flessibile è, a mio avviso, non comparabile con alcun Indice... Se scegli di investire in un Fondo Flessibile ti affidi ad un Gestore che compie i suoi ribilanciamenti periodici secondo la sua visione del mercato.
    Qualcuno sostiene che sono in linea di principio i soli fondi che giustificano la gestione attiva e le sue conseguenze sul piano dei costi.
    Vorrei solamente creare un benchmark plausibile o teorico, nei confronti del quale confrontare la performance dei fondi. Se vogliamo lo possiamo definire dummy o naive. So che questo non consentirebbe di valutare il mkt timing e lo stock picking del gestore, ma a questo livello dell'analisi che sto facendo non mi interessa più di tanto. Voglio solo capire se il campione di fondi che ho a disposizione, è stato in grado, per il periodo che ho considerato, di battere o meno un benchmark da me stabilito riflettendo su cosa avrebbero potuto, in linea del tutto teorica e analitica, investire i fondi in questione. Ho previsto di fare ulteriori valutazioni e questa nello specifico è solo una delle tante.

  6. #6

    Data Registrazione
    Dec 2014
    Messaggi
    27
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    14 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Nello specifico i miei dubbi principali sono:
    - in linea teorica un fondo comune flessibile che ha come investment area l'europa, può investire anche (seppure in quote ridotte), al di fuori dell'europa? - Se si, è eccessivo ipotizzare che un fondo del genere investa l'8% del suo capitale in titoli obbligazionari extra ue e il 10% in titoli azionari extra ue?

    Solo per quanto riguarda i titoli obbligazionari:
    - quale dei quattro indici sopra riportati potrebbe meglio rappresentare la quota dell'8% di capitale eventualmente investita in obbligazioni non europee?

    Spero di essere stato maggiormente chiaro nel definire la mia domanda: so che non c'è una risposta corretta, vorrei solo avere un parere sulle asset classes estere e sui pesi che ho attribuito in linea del tutto teorica e analitica.

  7. #7

    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    3,382
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    1179 Post(s)
    Potenza rep
    30033068
    Citazione Originariamente Scritto da cob145 Visualizza Messaggio
    Vorrei solamente creare un benchmark plausibile o teorico, nei confronti del quale confrontare la performance dei fondi. Se vogliamo lo possiamo definire dummy o naive. So che questo non consentirebbe di valutare il mkt timing e lo stock picking del gestore, ma a questo livello dell'analisi che sto facendo non mi interessa più di tanto. Voglio solo capire se il campione di fondi che ho a disposizione, è stato in grado, per il periodo che ho considerato, di battere o meno un benchmark da me stabilito riflettendo su cosa avrebbero potuto, in linea del tutto teorica e analitica, investire i fondi in questione. Ho previsto di fare ulteriori valutazioni e questa nello specifico è solo una delle tante.
    Ma che io sappia è proprio impossibile definire un benchmark per i flessibili. Mi sembra che ti ostini a voler paragonare cose tra loro imparagonabili

  8. #8
    L'avatar di zanne84
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    1,457
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    397 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Quello che vuole fare l’utente avrebbe anche senso.
    Resta però una notevole componente discrezionale: il risultato è appunto un benchmark naive.
    Io farei un ragionamento di questo tipo:
    -prendo le principali macro asset class (az. world/euro e obb. global/euro)
    -stabilisco un rendimento obbiettivo o una volatilità obbiettivo
    -faccio frullare tutto su un banale ottimizzatore alla Markowitz
    Ecco sintetizzato il benchmark da confrontare con i fondi bilanciati in questione.
    Ecco che a questo punto subentra il problema di COSA confrontare... e qui si apre un mondo.

  9. #9

    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    2,236
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    346 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Quel fondo investe anche in commodities, quindi ti manca un'asset class oltre al fatto che i pesi che hai assegnato alle altre sono privi di significato (in un fondo flessibile non c'è un'asset allocation definita con cui potersi confrontare perchè l'allocazione dipende dalla strategia del gestore). Per i fondi flessibili non esiste un benchmark.

  10. #10

    Data Registrazione
    Jun 2016
    Messaggi
    4,807
    Mentioned
    28 Post(s)
    Quoted
    2495 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Il solo fatto di investire in un Fondo Flessibile esclude ogni possibilità di ricercare Indici come riferimento. Semplicemente decidi di affidare ad un Gestore e ai suoi analisti la gestione delle diverse asset class secondo il suo modo di interpretare l'andamento dei mercati. Quel tentativo di cui parli puoi farlo al limite con un Fondo Bilanciato, ma il Flessibile è altra roba.

Accedi