Il mio primo PAC in Fondo Azionario
Furia Germania contro conte ‘Draghila’, i retroscena del meeting Bce più caldo di sempre
La "marea" monetaria fortemente voluta da Mario Draghi non va giù ai tedeschi. L'eco di quanto successo nel meeting di giovedì 12 settembre è ancora forte e il numero uno …
Conti correnti online e rivoluzione Psd2, tutto più complicato con il mobile token in nome della sicurezza
Il giorno X è arrivato, oggi entra in vigore l?ultima parte della Psd2, acronimo di Payment Services Directive 2, la direttiva europea dedicata ai servizi di pagamento digitali. Una vera …
Mutui, cosa cambia per quelli vecchi e nuovi dopo ‘all in’ della Bce
Buone notizie per chi ha un mutuo. Ieri la Bce ha annunciato un nuovo Quantitative Easing (QE) per una durata indefinita, insieme alla volontà di mantenere i tassi “ai livelli …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione

  1. #1

    Data Registrazione
    Aug 2019
    Messaggi
    2
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0

    Il mio primo PAC in Fondo Azionario

    Buongiorno a tutti,
    sono un neofita nel mondo finanziario, ho letto moltissimo su questo forum e vi scrivo per cercare di chiarire gli ultimi dubbi rimasti.

    Mi sto affacciando al mondo della finanza perché vorrei investire una parte residuale del mio reddito con le seguenti caratteristiche:
    - 200€/mese + integrazioni 2 volte l'anno con versamenti di 1000€ cad
    - disponibile ad espormi a rischi medio-alti per puntare a possibili rendimenti medio-alti
    - orientamento temporale 5 anni con possibilità di liquidare l'investimento in qualsiasi momento
    - scarsa conoscenza dei mercati e degli strumenti, quindi, necessità di trovare una modalità che non richieda una gestione attiva (massimo 2 volte l'anno)

    Pochi giorni fa mi sono recato in banca e mi hanno consigliato di sottoscrivere un PAC con il fondo Eurizon Azioni Internazionali (ISIN: IT0001080446).
    Vi riporto di seguito il dettaglio dei costi così come mi è stato riportati nella proposta commerciale:

    - Spese di sottoscrizione: 1,5%
    - Spese correnti: 1,92%/anno
    - Commissioni sul rendimento: 20%
    - Costo per ogni versamento 1€

    Considerando i miei obiettivi d'investimento, il PAC su fondi è lo strumento migliore?
    Il fondo consigliatomi è valido o esistono alternative migliori? Ho letto anche della possibilità di fare PAC su ETF ma in questo caso non saprei come muovermi e a quale istituto/banca rivolgermi. Avete consigli?
    I costi a cui sono esposto mi sembrano alti. Avete dei suggerimenti anche in merito a quale "intermediario" posso utilizzare per ottenere gli stessi risultati con minori costi?
    Vedete dei "rischi" o delle criticità in merito al piano sottoscritto? Il termine a 5 anni può rappresentare un problema? Queste tipo di sottoscrizioni possono essere estese in un secondo momento?

    Queste sono tutte le domande che mi sorgono spontanee ma se avete altri consigli o suggerimenti fatevi avanti
    Grazie!
    Flavio

  2. #2

    Data Registrazione
    Jun 2018
    Messaggi
    775
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    500 Post(s)
    Potenza rep
    17945038
    Forse non hai letto molto 😁
    Investimento azionario e orizzonte di 5 anni non vanno d'accordo. Dovresti alzare l'asticella ad almeno almeno 10 anni o in alternativa abbassare la propensione al rischio.
    Scegliendo la seconda soluzione ti suggeriranno per la liquidità già disponibile un conto deposito come quello vincolato a 5 anni di Rendimax che da il 3% lordo. O delle polizze ramo I come quella di Aviva.
    Optando per la prima via il classico consigli è un pac su un etf azionario globale come SWDA tramite Fineco o altro (Directa, Binck, ecc).

  3. #3

    Data Registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    373
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    197 Post(s)
    Potenza rep
    9198844
    rischi medio-alti secondo me lo devi considerare come investimento sui 10 anni, poi magari ti va bene e già fra un anno hai guadagnato parecchio...

    secondo me, comunque meglio che dai un'occhiata a:
    - gimme5: sono dei fondi di una casa di investimento molto conosciuta e premiata, puoi investire anche 5€ alla volta senza addebiti di commissioni, puoi scegliere una o più linee tra le loro, magari quelli flessibili dove lasci ai gestori la possibilità di giostrare tra azioni e obbligazioni
    - Moneyfarm: anche loro offrono un servizio assimilabile a un fondo flessibile, la differenza sta nel fatto che usano ETF, ma poi ribilanciano loro appunto come accade in un fondo flessibile
    - Tinaba - Banca Profilo: idem come Moneyfarm

    p.s. fermo restando che se sei un lavoratore dipendente, la prima opzione resta quella di riservare almeno una parte del risparmio in un fondo pensione (una parte che però non devi riscattare ma tenere per il lungo periodo). col fondo pensione ha un notevole risparmio fiscale

  4. #4

    Data Registrazione
    Aug 2019
    Messaggi
    2
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Grazie mille per i feedback!!
    Avevo dimenticato di dire che già possiedo un conto deposito e un fondo pensione. Entrambi però lavorano su un arco temporale lungo, per questo motivo cercavo qualcosa che riuscisse a coniugare un buon rendimento (maggiore ai primi 2) con un arco temporale più breve e che non precludesse la possibilità di riscatto.
    Il fondo che ho sottoscritto ha un grado di rischio pari a 5. Può andar bene anche per investimenti sui 5 anni o è troppo rischioso?
    Attualmente la mia banca è Intesa SanPaolo, passando a Fineco (con PAC su ETF) o gimme5 (profilo aggressivo) avrei un risparmio di costi? I rendimenti sono migliori (nel caso di SWDA e gimme5 con profilo aggressivo)?
    In alternativa, conoscete dei fondi Intesa da consigliarmi?

  5. #5

    Data Registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    373
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    197 Post(s)
    Potenza rep
    9198844
    gimme5 avresti questi:
    Costi Gimme5

    - sottoscrizione zero e zero per ogni versamento successivo
    - 1% sulla gestione, quelle che sopra hai chiamato spese correnti (già incluse nelle quotazioni del fondo)
    - commissione di performance 15% e col vantaggio che viene calcolata sulla differenza del valore attuale col massimo storico del fondo, quindi non anno su anno
    - 1€ le spese per il rimborso o lo switch
    nessun'altra spesa, se non quelle che la tua banca da cui fai partire il bonifico o l'addebito diretto ti potrebbe addebitare (per i conti on line non ci sono spese, banca intesa non so se fà pagare qualcosa in questi casi).

    Fineco sò che ha la modalità replay per fare dei PAC su etf in modalità fai da te, ma secondo me spenderesti meno con Moneyfarm o Tinaba Banca Profilo come ti dicevo sopra.
    Diciamo che con Fineco non avresti più spese una volta finito di versare in quanto poi la posizione resta ferma, ma durante i versamenti pagheresti di più.
    Con le altre 2 soluzioni sia che tu versi o no, hai comunque le loro spese di gestione.

Accedi