consulente che confonde - Pagina 11
Il QE Infinity toglie già il sonno alla Lagarde (con i Bund acquistabili che finiranno presto)
Monta l?incertezza degli investitori nei confronti delle banche centrali e della loro capacità di influenzare la crescita globale. Un numero sempre maggiore di osservatori è convinto che i tagli dei …
Ftse Mib tocca nuovi massimi aspettando l’ultima di Draghi, record per Poste
Piazza Affari strappare il segno più in chiusura (+0,04% a 22.487 punti il Ftse Mib) segnando il livello di chiusura più alto del 2019. Nell?intraday il massimo risale al 17 …
Non solo BTP Italia, l’amore degli italiani verso i bond nei numeri record di Mot ed ExtraMot. Cresce l’impronta green
Durante l?evento annuale dedicato al Fixed Income sono stati presentati i trend di crescita e le principali novità dei mercati obbligazionari di Borsa Italiana. Parliamo dei mercati MOT, ExtraMOT ed …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #101

    Data Registrazione
    Feb 2006
    Messaggi
    203
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    114 Post(s)
    Potenza rep
    18054340
    Citazione Originariamente Scritto da bow Visualizza Messaggio
    Questo sarebbe vero se non conoscessi il backstage di questo 'conflitto d'interessi'.

    Se non sapessi che ai responsabili commerciali fanno corsi di psicologia per fiaccare la volontà dei consulenti con tecniche di pressione psicologica (richiamare costantemente al risultato, tormentare in qualsiasi momento, imporre rendiconti continui, far sentire inadeguati, adulare e contemporaneamente minare l'autostima etc...) degne di polizia o tortura, pur fargli fare qualsiasi cosa.
    Se non sapessi che mentono ed ingannano sui prodotti e sui costi i consulenti in primis.
    Se non avessi passato 2 ore con due tizi di una società esterna che voleva farmi proporre (cosa che mi sono sempre rifiutato) certi investimenti che poi infatti erano una truffa e che loro stessi dicevano 'ci muoviamo borderline'.
    Se una volta non mi avessero contattato 17 volte per insistere su quanti strumenti finanziari dovevo 'inserire' quel giorno.
    Se non sapessi che c'è gente che lavora senza firme o con firme false che, proprio per questo, viene chiamata a giornata lavorativa finita per 'inserisci altri 100mila'.
    Se non avessi visto fare DI TUTTO di più dai promotori finanziari (estratti conto fatti con powerpoint, firme su moduli in bianco, e infinite altre cose peggiori).
    Ecco, questo è diffuso TANTO, TROPPO, e con la disonestà ha molto a che fare. E molti responsabili sono lì perché erano maestri in questo...

    E dare la colpa al risparmiatore, che è disattento, che s'è fidato, che è incapace, che magari può anche essere una persona vile (e molti son stati purgati proprio perché moralmente giudicati male), che 'tanto non ha eredi e che deve farci',per me è immondo.
    Per prima cosa, tantissima solidarietà, e non sono ironico. Se l'ambiente è diventato addirittura questo (mia mamma è andata in pensione quando l'ambiente era molto più sereno e si occupava di mutui, non ha mai dovuto "piazzare" nulla), non so come tu faccia ad andare avanti.

    Per il resto, non vorrei essere frainteso. Credo nella cultura, nella formazione, nella crescita personale e nella responsabilità individuale, e in questo senso ho detto che il risparmiatore è, o almeno deve agire come se fosse, il principale responsabile. Lavorare una vita per mettere da parte qualcosa per poi affidare tutto "sulla fiducia" al primo promotore/bancario senza sforzarsi di capire cosa si sta comprando e farsi un minimo, ma proprio un minimo, di educazione finanziaria, per me è inconcepibile. E non è nemmeno questione di livello di istruzione, perché i concetti basici per non fare eccessivi disastri con gli investimenti non sono nemmeno poi di chissà quale complessità.

    Ciò non significa accettare le nefandezze che può perpetrare il mondo delle banche e del risparmio gestito. Dove poi occorre distinguere tra l'eticamente discutibile o riprovevole e il giuridicamente illecito (e con gli ultimi sviluppi normativi molto di ciò che apparteneva alla prima area è passato nella seconda).

    Intendevo però dire, e tu da quello che scrivi ne sei un esempio commendevole, che il "singolo" bancario/promotore non è necessariamente disonesto e magari fa molto, e ci rimette del proprio, per stare a galla senza sporcarsi troppo in un mare di squali. E questo, come dicevo, merita rispetto e solidarietà.

  2. #102
    L'avatar di bow
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    543
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    418 Post(s)
    Potenza rep
    27725966
    Citazione Originariamente Scritto da simo78 Visualizza Messaggio
    Per prima cosa, tantissima solidarietà, e non sono ironico. Se l'ambiente è diventato addirittura questo (mia mamma è andata in pensione quando l'ambiente era molto più sereno e si occupava di mutui, non ha mai dovuto "piazzare" nulla), non so come tu faccia ad andare avanti.
    Scusami se ho ammorbato con sterili lamentele. Sicuramente io vedo quello che non mi piace del mio mondo, ma vivendo a contatto con il pubblico si che c'è tanta disonestà e corruzione ovunque. Peggio del risparmio penso al mondo medico/farmaceutico dove l'informatore scientifico di turno prende accordi per fare prescrivere magari un omeopatico il cui principio attivo praticamente non esiste a gente che non sta bene...
    Per il resto, non vorrei essere frainteso. Credo nella cultura, nella formazione, nella crescita personale e nella responsabilità individuale, e in questo senso ho detto che il risparmiatore è, o almeno deve agire come se fosse, il principale responsabile. Lavorare una vita per mettere da parte qualcosa per poi affidare tutto "sulla fiducia" al primo promotore/bancario senza sforzarsi di capire cosa si sta comprando e farsi un minimo, ma proprio un minimo, di educazione finanziaria, per me è inconcepibile. E non è nemmeno questione di livello di istruzione, perché i concetti basici per non fare eccessivi disastri con gli investimenti non sono nemmeno poi di chissà quale complessità.
    Ci sono gli anziani, le persone semplici, quelli un po' sprovveduti (pensa a chi ha fatto la casalinga tutta la vita), ma al di là di questi quanti di noi hanno grandi difese?
    A me si è rotta la macchina, quando sono arrivato al più vicino meccanico, quante difese avevo? Sì, ho guardato su internet quanto costa grossomodo il pezzo, ho chiamato qualcuno più esperto di me, ma se mi ha fregato e ci ha messo un pezzo usato? Ho le competenze per smontarlo e verificare il lavoro svolto? E sui lavori fatti a casa, poco a poco ho imparato a muovermi e farmi fregare sempre meno, ma finché non sono capace di farli da solo se mi vogliono proprio fregare mi fregano.
    E l'avvocato? Se hai necessità vai da lui per farti rappresentare perché non sei in grado, se vuole solo sfilarti più parcelle possibili e portarti a perdere non è facile difenderti in maniera efficace.
    Io stesso oggi non saprei come consigliare ad un risparmiatore un consulente immancabilmente affidabile, non c'è una formula 'sicura', non dico per guadagnare, ma per non essere pelati e basta. È un settore far west, Mifid2 aiuta ma non risolve.


    Ciò non significa accettare le nefandezze che può perpetrare il mondo delle banche e del risparmio gestito. Dove poi occorre distinguere tra l'eticamente discutibile o riprovevole e il giuridicamente illecito (e con gli ultimi sviluppi normativi molto di ciò che apparteneva alla prima area è passato nella seconda).
    È un mondo folle, spinto dall'avidità. Da un lato gente senza scrupoli che, non strutturata dentro un'azienda, si è trovata a fare il promotore a partita iva... gli capita la vedova piena di soldi, sprovveduta, che si fida, che gli fanno secondo te?

    Dall'altra aziende prive al loro interno di capacità. È una rarità un manager che comunichi fluentemente in inglese e sia laureato in una banca... ma dove andiamo? Ma che internazionalizzano? C'è Vanguard, c'è Amazon, c'è la BCE, c'è PayPal e noi stiamo con il ragioniere di Catanzaro.
    E allora?
    E allora soldi facili.
    La vecchietta appunto. Le banche hanno diversificato su tutti, dall'assicurazione della casa contro il terremoto all'app dello smartphone al leasing della macchina al mutuo per comprare i pannelli fotovoltaici... epperò il 70% degli sforzi commerciali sono concentrati sulla "consulenza finanziaria". Consulenza finanziaria che io non faccio abbastanza, ma sarò quell'1 su 100 che ci prova, gli altri hanno solo un 'passo giornaliero' di prodotti da vendere. Fine
    Perché tutte queste risorse sui fondi e le polizze unit? Perché sono soldi facili, non si guadagna abbastanza con le carte di credito... Tutti i manager bancari, dal titolare di filiale al capo area, fino al direttore commerciale nazionale, si svegliano la notte pensando "oddio, a quanto sto con la raccolta indiretta?!".
    È un business perfetto: anti-ciclico, super-redditizio, bassa intensità di capitale, grazie al nostro sistema giudiziario con minimi rischi operativi reali (ovvero soldi davvero restituiti per danni fatti).
    Di fronte a questa "perfezione commerciale/industriale" del settore, nessuno è abbastanza lungimirante da capire che forse c'è qualche piccola distorsione e dei seri rischi di insostenibilità? Che grandi manager...

    Intendevo però dire, e tu da quello che scrivi ne sei un esempio commendevole, che il "singolo" bancario/promotore non è necessariamente disonesto e magari fa molto, e ci rimette del proprio, per stare a galla senza sporcarsi troppo in un mare di squali. E questo, come dicevo, merita rispetto e solidarietà.
    Ma quanti siamo? Nelle vecchie generazioni ce n'erano di più, la perdita dei diritti del lavoro (la chiamiamo fame?) ha spinto di più la gente al fare bocca buona dei colleghi dei vecchi 'borsini titoli'.
    A me dicono "bravissimo" e mi chiedono consulenza tecnica, ma son convinto che mi ritengano matto. Meglio dire di sì, fare quello che 'fan tutti' e non pensarci...
    Comunque sì, la gente responsabile e competente esiste, io qualcuno ne conosco.

  3. #103
    L'avatar di Antoniano2
    Data Registrazione
    Sep 2016
    Messaggi
    16,158
    Mentioned
    23 Post(s)
    Quoted
    10282 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da simo78 Visualizza Messaggio
    .

    Per il resto, non vorrei essere frainteso. Credo nella cultura, nella formazione, nella crescita personale e nella responsabilità individuale, e in questo senso ho detto che il risparmiatore è, o almeno deve agire come se fosse, il principale responsabile. Lavorare una vita per mettere da parte qualcosa per poi affidare tutto "sulla fiducia" al primo promotore/bancario senza sforzarsi di capire cosa si sta comprando e farsi un minimo, ma proprio un minimo, di educazione finanziaria, per me è inconcepibile. E non è nemmeno questione di livello di istruzione, perché i concetti basici per non fare eccessivi disastri con gli investimenti non sono nemmeno poi di chissà quale complessità.

    .
    Sono gli stessi che si accapigliano per i 2 cent sul sacchetto di frutta e verdura, che fanno coda di due ore per una fetta di torta gratis al centro commerciale o che si fanno 100km per risparmiare 10 euro sulla lavatrice in offerta

  4. #104
    L'avatar di bow
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    543
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    418 Post(s)
    Potenza rep
    27725966
    Citazione Originariamente Scritto da Antoniano2 Visualizza Messaggio
    Sono gli stessi che si accapigliano per i 2 cent sul sacchetto di frutta e verdura, che fanno coda di due ore per una fetta di torta gratis al centro commerciale o che si fanno 100km per risparmiare 10 euro sulla lavatrice in offerta
    Secondo me hai descritto un effetto collaterale dell'asimmetria informativa. Il sistema è costruito come una tale 'macchina per fregarti' che i più incapaci vanno in loop e cercando di 'difendersi' su quello che capiscono perdono tempo a fissare lo spillo del sacchetto, dello sconto di 10 euro, del buono omaggio dei punti del supermercato... e non guardano la trave del consulente finanziario.
    Il 90% dei clienti se gli dici: ti abbasso le commissioni sui prodotti finanziari di 2000 euro l'anno, però devo aumentare il costo di conto corrente di 50 euro al mese... dopo 2 mesi si sono trasferiti dal promotore dove il 'conto è gratis e pure il bancomat "oro"' e gli passa tutto in una Unit dove paga il 4% l'anno solo di gestione (che magari son 4000 euro in più di costi).
    Conosco gente che ha ritirato i figli dall'università perché non ce la faceva con le tasse universitarie, poi ha pagato il doppio di commissioni per la gestione annua dei fondi, che non va in vacanza per non spendere duemila euro e paga fatture al promotore di seicento euro al mese per 'gestirgli la unit'.
    Io continuo a non odiare il consumatore, anche se sciocco, anche se malavitoso, perché è un sistema costruito male, oggi fotte l'ignobile, ma è fatto per sgranocchiare anche te e i tuoi figli... e basta una firma, una debolezza, magari non tua ma di tua moglie
    Ultima modifica di bow; 30-08-19 alle 17:32

  5. #105

    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    3,406
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    1207 Post(s)
    Potenza rep
    30033068
    Citazione Originariamente Scritto da bow Visualizza Messaggio
    Secondo me hai descritto un effetto collaterale dell'asimmetria informativa. Il sistema è costruito come una tale 'macchina per fregarti' che i più incapaci vanno in loop e cercando di 'difendersi' su quello che capiscono perdono tempo a fissare lo spillo del sacchetto, dello sconto di 10 euro, del buono omaggio dei punti del supermercato... e non guardano la trave del consulente finanziario.
    Il 90% dei clienti se gli dici: ti abbasso le commissioni sui prodotti finanziari di 2000 euro l'anno, però devo aumentare il costo di conto corrente di 50 euro al mese... dopo 2 mesi si sono trasferiti dal promotore dove il 'conto è gratis e pure il bancomat "oro"' e gli passa tutto in una Unit dove paga il 4% l'anno solo di gestione (che magari son 4000 euro in più di costi).
    Conosco gente che ha ritirato i figli dall'università perché non ce la faceva con le tasse universitarie, poi ha pagato il doppio di commissioni per la gestione annua dei fondi, che non va in vacanza per non spendere duemila euro e paga fatture al promotore di seicento euro al mese per 'gestirgli la unit'.
    Io continuo a non odiare il consumatore, anche se sciocco, anche se malavitoso, perché è un sistema costruito male, oggi fotte l'ignobile, ma è fatto per sgranocchiare anche te e i tuoi figli... e basta una firma, una debolezza, magari non tua ma di tua moglie
    Bow, adesso mi sembri essere troppo pessimista. Tieni presente che c'è una buona fetta di clientela che fanno solo btp, e quelli si salvano (anche se magari corrono altri rischi).poi c'è tutta la serie di clienti cui son stati fatti fondi a finestra e li è un massacro
    Ora però la musica sta cambiando, ci sono fondi migliori,, polizze multiramo discrete, certificate. Da noi i fondi s finestra spariranno presto. Certo, in questi anni sono stati penalizzati clienti e gestori troppo prudenti, fondi orientati sull obbligazionario hanno fatto un buco nell acqua.. Ma chi si è orientato sull azionario ha avuto risultati migliori. Poi, pdr carita, porcherie se ne son fatte.
    Ma anche un notaio che di fa pagare 5k per un atto, qualche rimorso dovrebbe averlo...

  6. #106
    L'avatar di bow
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    543
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    418 Post(s)
    Potenza rep
    27725966
    Citazione Originariamente Scritto da totuccio2 Visualizza Messaggio
    Bow, adesso mi sembri essere troppo pessimista. Tieni presente che c'è una buona fetta di clientela che fanno solo btp, e quelli si salvano (anche se magari corrono altri rischi).poi c'è tutta la serie di clienti cui son stati fatti fondi a finestra e li è un massacro
    Ora però la musica sta cambiando, ci sono fondi migliori,, polizze multiramo discrete, certificate. Da noi i fondi s finestra spariranno presto. Certo, in questi anni sono stati penalizzati clienti e gestori troppo prudenti, fondi orientati sull obbligazionario hanno fatto un buco nell acqua.. Ma chi si è orientato sull azionario ha avuto risultati migliori. Poi, pdr carita, porcherie se ne son fatte.
    Ma anche un notaio che di fa pagare 5k per un atto, qualche rimorso dovrebbe averlo...
    Speriamo. Noto timidi miglioramenti anche io, anzi dal 2017 a post-mifid2 miglioramenti nient'affatto timidi.
    Anche secondo me gli ultimi prodotti (multiramo etc..) sono ordini di grandezza migliori di quelli di 3-5 anni fa. Subordinate e robe strane son scomparse... restano sti certificati, ma io blindo i mifid.
    Son d'accordo sul notaio, il carrozziere, il dentista e la clinica privata... ma quanto spesso ti ci imbatti nella vita? C'è gente in campagna commerciale 8 mesi su 12, seguendo il modello e per 8 volte nell'anno consigliando di vendere e ricomprare si darebbe un orgasmo ai responsabili commerciali...
    I sindacati vociferano di cambiamenti del catalogo radicali per adeguarli a Mifid2... speriamo. Nel caso io faccio i portafogli con gli ETF finché non mi cacciano, c'era un cliente grosso, di quelli sempre ostili ed ipercritici che quando gli dissi che non avevo problemi a costruire un portafoglio simile se necessario per poco no mi ha abbracciato...

  7. #107

    Data Registrazione
    Aug 2019
    Messaggi
    258
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    172 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da totuccio2 Visualizza Messaggio
    Bow, adesso mi sembri essere troppo pessimista. Tieni presente che c'è una buona fetta di clientela che fanno solo btp, e quelli si salvano (anche se magari corrono altri rischi).poi c'è tutta la serie di clienti cui son stati fatti fondi a finestra e li è un massacro
    Ora però la musica sta cambiando, ci sono fondi migliori,, polizze multiramo discrete, certificate. Da noi i fondi s finestra spariranno presto. Certo, in questi anni sono stati penalizzati clienti e gestori troppo prudenti, fondi orientati sull obbligazionario hanno fatto un buco nell acqua.. Ma chi si è orientato sull azionario ha avuto risultati migliori. Poi, pdr carita, porcherie se ne son fatte.
    Ma anche un notaio che di fa pagare 5k per un atto, qualche rimorso dovrebbe averlo...
    Tutto molto contestuale. Le polizze oggi sono strumento che va la maggiore dopo le scottature della grande recessione 2008 e dei crack dei subordinati bancari che hanno allontanato molta clientela che invece si sente sicura con una polizza pur non avendo idea di quello che sia. Poi la chiami polizza risparmio sicuro, polizza famiglia più, polizza futuro certo etc ed il gioco è fatto.
    E soprattutto perché spesso sono strumenti che bloccano il capitale a tempo lungo con penali per il ritiro anticipato e le banche pensano di poterci guadagnare se tra qualche anno i tassi girano al rialzo.
    Stesse banche che ormai sembrano delle edicole... Cercano di rifilarti il telefono o la play con un mutuo.
    Cmq i veri polli da spennare sono i private con fondi americani al 4-5% di commissione di ingresso e con la consulenza premium a migliaia di euro. Ma quelli che hanno soldi almeno possono permettersi di buttarli.

Accedi