Il mio portafoglio di etf da tenere negli anni, pareri? - Pagina 3
Conti correnti: raffica rincari fino a +30%, così le banche girano ai clienti l’effetto tassi e costi salvataggi
Le banche corrono ai ripari per coprire i costi dei tassi negativi e anche i conti correnti online a costo zero rischiano di diventare una chimera. La banche italiane stanno …
Dividendi 2020 da record: ben 8 titoli del Ftse Mib con rendimenti oltre il 5%, banche al top
L’assaggio di dividendi arrivato a inizio settimana, con i ricchi acconti cedola staccati da Enel e Snam, ha acceso i riflettori sulle interessanti opportunità di rendimento offerte dai titoli di …
I tre scenari per lo spread dopo test Emilia. Ing: elezioni anticipate un bene per i Btp (nel lungo periodo)
Il conto alla rovescia in vista delle elezioni regionali in Emilia Romagna è ormai prossimo alla fine e lunedì mattina, risultati alla mano, i mercati daranno il loro giudizio. Una …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #21

    Data Registrazione
    Jun 2010
    Messaggi
    2,053
    Mentioned
    25 Post(s)
    Quoted
    469 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    la valuta è di fatto come un'asset class, coprirsi vuol dire sostenere un costo certo per non esporsi ad una certa probabilità di avere un vantaggio/svantaggio nel tempo.
    credo quindi che non ci siano risposte corrette, come spesso accade in finanza

  2. #22
    L'avatar di testazza75
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    8,837
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    1917 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Una strategia di copertura legata non a Hedged etf ma a strumenti quali cfdfx di fineco in leva da acquistare quando l'etf ha beneficiato della svalutazione euro Vs Usd per poi chiudere la posizione in caso di rivalutazione come la vedete?

  3. #23
    L'avatar di masoking
    Data Registrazione
    May 2005
    Messaggi
    1,103
    Mentioned
    17 Post(s)
    Quoted
    593 Post(s)
    Potenza rep
    30170714
    Citazione Originariamente Scritto da testazza75 Visualizza Messaggio
    Una strategia di copertura legata non a Hedged etf ma a strumenti quali cfdfx di fineco in leva da acquistare quando l'etf ha beneficiato della svalutazione euro Vs Usd per poi chiudere la posizione in caso di rivalutazione come la vedete?
    Sicuramente é più divertente ma
    1) ci vuole alla base una strategia di trading, anche se su time frame settimanale o addirittura mensile. Quindi é una copertura attiva
    2) per controvalori relativamente elevati i CFD dei più rinomati broker (che fanno pagare solo lo spread b/a) mi risultano essere piuttosto dispendiosi. Riesci a farti un'idea del costo di una copertura di 100k dollari su S&P500?

  4. #24
    L'avatar di cholito
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    84
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    54 Post(s)
    Potenza rep
    928058
    Buonasera forum ho effettuato il primo ingresso sul portafoglio di etf modificando gli strumenti citati ad inizio discussione suddividendo in modo più specifico il portafoglio per macroregioni e per assets(allego qui sotto le percentuali del portafoglio che attualmente detengo e quelle che dovrei avere il prossimo mese). Nonostante gli strumenti diversi il succo non cambia essendo praticamente un portafoglio uguale ma con 2/3 strumenti in più. Ad ora mi interesserebbe sapere se fare il prossimo ingresso sempre in pac oppure entrare in un’unica soluzione e tenere fino al prossimo nuovo ingresso magari tra 6/12 mesi.

    Nella seconda foto che ho allegato ci sono le percentuali da me desiderate le cifre non consideratale (intendo fisicamente gli euro che ci sono scritti perché potrebbero variare anche di molto)

    Il mio portafoglio di etf da tenere negli anni, pareri?-f3cf192e-4ac5-4189-915d-478bc8327976.jpgIl mio portafoglio di etf da tenere negli anni, pareri?-c310bd6b-2188-4187-a117-2826c20ad10f.jpeg
    Ultima modifica di cholito; 01-05-19 alle 23:22

  5. #25
    L'avatar di masoking
    Data Registrazione
    May 2005
    Messaggi
    1,103
    Mentioned
    17 Post(s)
    Quoted
    593 Post(s)
    Potenza rep
    30170714
    Per me (sottolineato 10 volte) sono troppi strumenti. Spesso la diversificazione invece di premiare ridonda (nel tuo caso ridonderebbe in correlazione, non in aeree geografiche).
    Detto questo solo la sfera di cristallo di sa dire se é meglio entrare un pochino ora o di più tra 6...12...18... mesi.
    Una riduzione del momentum/correzione ora é più probabile ma chissà di che entità? Anche io sono per fare timing quindi é vero che mi complico la vita, ma seguo regolette di scaling in che mi dicono quando la correzione può bastarmi. Se non (anzi: FINCHÉ NON) arriva, non mi rosico.

  6. #26
    L'avatar di bow
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    796
    Mentioned
    33 Post(s)
    Quoted
    640 Post(s)
    Potenza rep
    42402098
    Citazione Originariamente Scritto da cholito Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutto il forum ieri spinto dalla voglia di allocare finalmente la mia liquidità in qualcosa di più serio e meno stressante del trading intraday e multiday ho deciso di creare un portafoglio di etf ad accumulo così ripartito.

    Per le azioni Europa ho scelto questo prodotto: iShares Core MSCI Europe UCITS ETF EUR ad accumulo e ha un peso del 17,04% sul totale investito si intende.

    Per l’azionario dei mercati emergenti mi sono diretto su Amundi scegliendo l’Amundi MSCI Emerging Markets UCITS ETF - EUR (C) che ha un peso 27,35%.

    Ho poi scelto questo prodotto per dirigermi in Nord America, sempre scegliendo Amundi, Amundi ETF MSCI North America UCITS ETF DR e occupa il 21,13% del portafoglio.

    Per quanto riguarda l’Asia ho selezionato due prodotti che hanno un peso relativamente basso sul totale del 4,25 e 2,23% e sono rispettivamente il Lyxor Core MSCI Japan (DR) UCITS ETF e l’iShares Core MSCI Pacific ex Japan UCITS ETF (Acc)

    Mi sono poi diretto per una quota del 20% sulle obbligazioni aumenterà questa quota via via che crescerò e vorrò diminuire il rischio è il prodotto che ho scelto è il seguente: Xtrackers Eurozone Government Bond UCITS ETF 1C

    Ultimo prodotto l’oro che pesa l’8% del totale con questo prodotto: Xtrackers Physical Gold ETC (Eur).

    Questo portafoglio è stato creato con il supporto del pianificatore di just etf e i prodotti sono stati scelti solo in base ai costi e all’accumulo delle cedole per me fondamentale.

    Cosa ne pensate? In quanti ingressi si può completare questo portafoglio? Meglio un piano di accumulo o entrare in un’unica soluzione? Grazie a tutti per le risposte
    E' un bilanciato azionario 80/20.
    A livello di asset class hai una buona diversificazione (nessun ETF si 'sovrappone' come investimento) agli altri. Mi sembra però sovradimensionato il comparto emergenti rispetto ai principali mercati sviluppati (parliamo di 45% mercati sviluppati e 27,35% di emergenti... ma devi tenere conto che i volumi scambiati sui mercati finanziari evoluti sono una quota decisamente maggioritaria delle attività e delle ricchezze mondiali).
    L'eurozone government bond rappresenta una riduzione di volatilità da 'accademia': il punto è che è senz'altro un comparto assolutamente privo di redditività e con un valore attuale quasi sicuramente negativo a 3-5 anni, poi nel lunghissimo periodo vabbé... forse un obbligazionario più diversificato avrebbe senso (es. metterci un governativo US... anche con hedging magari).
    E l'oro... beh, l'oro è un pò l'antitesi dell'investimento. Hai fatto una piccola 'riserva aurifera' alternativa del 8%. Sulla validità del ragionamento ci sono molte scuole di pensiero.

    Hai diversificato il pacifico (japan + pacific) potresti diversificare anche il bene rifugio (es. oro+immobiliare). Ma poi molto va anche a gusti.

    Il punto è la presa di beneficio: salvo gravi anomalie dei mercati questo è un portafoglio a 'mantenimento di valore complessivo': è diffiicle che questi asset si muovano nella stessa direzione.
    Il che vuol dire che in quasi tutte le fasi successive ti potresti trovare con alcuni asset in perdita ed altri in guadagno.

    Con gli ETF la 'presa di beneficio' è inefficiente fiscalmente (da una parte paghi capital gain dall'altra non compensi).

    Quindi è una strategia totalmente valida solo nel lunghissimo periodo (8 anni o più, temo, salvo botte di '****'). Nel lunghissimo l'inflazione porterà probabilmente in gain l'oro, la capitalizzazione di interessi del governativo potrà ammortizzare trend avversi dei tassi e l'azionario dovrebbe guadagnare.

    Nel lungo periodo aspettati di battere sistematicamente l'inflazione con i rendimenti di questo portafoglio (valutazione sulla base delle esperienze 'storiche' di questi comparti), nel breve termine potrebbero esserci fasi in cui ti metterai le mani nei capelli.

    E' comunque un portafoglio con una qualità superiore al 95% di quanto troverai mai in una filiale bancaria o da un promotore, secondo me.

  7. #27

    Data Registrazione
    Nov 2017
    Messaggi
    424
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    262 Post(s)
    Potenza rep
    1872689
    Scusate ma.. la scelta di quanti etf scegliere non dipende da quanto investo al mese?

    Se faccio un pac con 100 euro al mese considerando il costo di fineco oltre le spese di gestione (se anche fosse uno 0,10 o 0,20) non parliamo di oltre un 3% annuo?

    Se investo di più cambia il discorso...

Accedi