Portafoglio di certificate - Pagina 2
MeglioQuesto, martedì in Live streaming su FinanzaOnline
Sarà il Gruppo MeglioQuesto, tra i principali operatori italiani del settore della customer experience multicanale, protagonista del nuovo ?Live streaming? di FinanzaOnline previsto per martedì 22 giugno. L’appuntamento in diretta …
Le criptovalute non convincono Danske Bank che conferma divieto al trading. Nuovo rinvio SEC a ETF su bitcoin
Il bitcoin e le criptovalute in generale continuano a non convincere la Danske Bank che reitera il suo no al trading di cripto nonostante la crescente richiesta da parte dei …
Webinars UniCredit: I settori e i megatrend candidati a primeggiare nel post-Covid
Torna l?appuntamento mensile con i Webinars Trading & Investimenti di UniCredit, giovedì 24 giugno ore 17.00. Ospiti del webinar Enrico Malverti, trader professionista membro del Comitato Direttivo di SIAT (Società …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #11
    L'avatar di goony
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Messaggi
    2,343
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    384 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Citazione Originariamente Scritto da bow Visualizza Messaggio
    Puoi fare tutto. Mi premurerei almeno di diversificare il rischio emittende non concentrando oltre il 10% in esposizione verso il singolo emittente.

    Per il resto salvo alcuni casi particolari (es. Trackers etc...) ricordo che i certificate sono strumenti molto complessi e se risolvi la formuletta studiati per essere sempre svantaggiosi verso il sottoscrittore rispetto a soluzioni più semplici (es. vuoi il capitale protetto collegato al nasdaq? Ti fai il conto deposito 1,8% a 5 anni vincolato di Rendimax a cedola anticipata e la cedola anticipata la investi nell'ETF nasdaq... salvo botte di fortuna improbabili guadagni sempre di più).
    Una volta tanto, non sono d'accordo con te ; prendiamo un banale investimento in azioni su un sottostante qualsiasi: è più semplice un certificate (cash collect o bonus qualsiasi) che ti protegge l'investimento fino ad una perdita del sottostante di x% e ti dà, in caso di salita, un gain dell'y% il tutto in un unico prodotto o la costruzione della stessa soluzione mediante l'acquisto di azioni ed opzioni? Oppure ci sarebbe una soluzione più semplice che ti darebbe lo stesso risultato?

    Anche nell'esempio che fai tu, personalmente, tra fare un conto deposito vincolato di Rendimax (che bisogna saper fare) ed investire in un ETF (che bisogna comunque conoscere) e comprare un certificato che ti dice che il capitale è protetto al 100% e, al verificarsi di una condizione, hai un gain dell'x%, a me sembra più semplice (da capire e da gestire) la seconda soluzione della prima.

    Non ultimo, concordo sulla diversificazione per emittente, ma lo split del 10% max non è semplicissimo da fare...i players "di un certo livello" non sono così tanti

  2. #12
    L'avatar di goony
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Messaggi
    2,343
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    384 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Citazione Originariamente Scritto da Eniforever Visualizza Messaggio
    Il problema dei certificati è che quelli buoni vengono callati subito, mentre quelli che vanno male crollano perché poco liquidi e rimborsati alla metà o peggio del valore iniziale.
    Premesso che bisogna intendersi sul termine "buoni", c'è un'infinità di certificati che hanno distribuito cedole da quando sono nati ad oggi e non sono andati in autocall (quindi secondo me rientrano a pieno titolo tra i "buoni" e non callati); quelli che crollano di valore o vengono rimborsati alla metà o peggio del valore iniziale lo fanno a causa del sottostante, non del derivato (diversamente fammi un esempio di un cert crollato di valore col sottostante andato nel verso opposto).

  3. #13
    L'avatar di Eniforever
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    13,104
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    5848 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da goony Visualizza Messaggio
    Premesso che bisogna intendersi sul termine "buoni", c'è un'infinità di certificati che hanno distribuito cedole da quando sono nati ad oggi e non sono andati in autocall (quindi secondo me rientrano a pieno titolo tra i "buoni" e non callati); quelli che crollano di valore o vengono rimborsati alla metà o peggio del valore iniziale lo fanno a causa del sottostante, non del derivato (diversamente fammi un esempio di un cert crollato di valore col sottostante andato nel verso opposto).
    Ce ne sono appunto un'infinità
    Trovare quelli giusti è un lavoro

  4. #14
    L'avatar di massit78
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    2,124
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    921 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Se volete avventurarvi nei certificati evitate il fai da te, serve competenza ed esperienza, meglio restare fuori se si pensa di essere più bravi di chi lo fa per mestiere, mio piccolo consiglio

    https://www.gbinvesting.com/

  5. #15
    L'avatar di Dedalo Invest
    Data Registrazione
    May 2019
    Messaggi
    823
    Mentioned
    21 Post(s)
    Quoted
    540 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Quella di crearsi un portafoglio di certificati penso che sia una delle idee più pericolose che possa venire in mente a un investitore non professionista.

  6. #16
    L'avatar di balcarlo
    Data Registrazione
    Jan 2002
    Messaggi
    19,156
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    34 Post(s)
    Quoted
    2634 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da Dedalo Invest Visualizza Messaggio
    Quella di crearsi un portafoglio di certificati penso che sia una delle idee più pericolose che possa venire in mente a un investitore non professionista.
    Naturalmente bisogna conosce gli strumenti ma, se ben strutturato, un portafoglio di certificati potrebbe dare grosse soddisfazioni. Anche un investitore non professionista, se ben guidato da procedure e consigli disinteressati potrebbe trovare titoli a rischio controllato.

  7. #17
    L'avatar di bobsinclair
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    7,445
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    3268 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da totuccio2 Visualizza Messaggio
    Secondo voi, e a livello del tutto teorico, così come moneyfarm fornisce una consulenza basandosi esclusivamente su etf, e possibile costruire un portafoglio quasi esclusivamente con i certificate, tenendo presente che ne esistono molti a capitale protetto 100 %?
    Per me è possibile...come suggerito da alcuni c'è GB investing che aiuta molto in tal senso...Per definizione però i certificati sono strumenti complessi e il total fai da te non è da tutti e soprattutto richiede molto lavoro...Poi è anche vero che ci sono certificati a capitale 100% protetto e quindi molto simili ad obbligazioni...In generale imho meglio per l'investitore medio non superare certe percentuali di ptf (10/20%)

  8. #18

    Data Registrazione
    Mar 2021
    Messaggi
    90
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    87 Post(s)
    Potenza rep
    3527049
    Citazione Originariamente Scritto da totuccio2 Visualizza Messaggio
    Secondo voi, e a livello del tutto teorico, così come moneyfarm fornisce una consulenza basandosi esclusivamente su etf, e possibile costruire un portafoglio quasi esclusivamente con i certificate, tenendo presente che ne esistono molti a capitale protetto 100 %?
    Direi che è come andare al casinò pensando di vincere contro il banco, magari un paio di volte ti può anche capitare, ma alla fine della serata l'unico sicuro di aver guadagnato di solito è il banco,

    tolti gli eventi estremi come la crisi finanziaria del 2008-2009, quando le cose andarono un po' diversamente....

  9. #19
    L'avatar di cataflic
    Data Registrazione
    Oct 2002
    Messaggi
    4,988
    Mentioned
    56 Post(s)
    Quoted
    1360 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Citazione Originariamente Scritto da balcarlo Visualizza Messaggio
    Naturalmente bisogna conosce gli strumenti ma, se ben strutturato, un portafoglio di certificati potrebbe dare grosse soddisfazioni. Anche un investitore non professionista, se ben guidato da procedure e consigli disinteressati potrebbe trovare titoli a rischio controllato.
    Secondo me sono molto interessanti, ma sono portafogli che aumentano di complessità a velocità esponenziale, fino a diventare incomprensibili velocemente.

  10. #20
    L'avatar di balcarlo
    Data Registrazione
    Jan 2002
    Messaggi
    19,156
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    34 Post(s)
    Quoted
    2634 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da bobsinclair Visualizza Messaggio
    Per me è possibile...come suggerito da alcuni c'è GB investing che aiuta molto in tal senso...Per definizione però i certificati sono strumenti complessi e il total fai da te non è da tutti e soprattutto richiede molto lavoro...Poi è anche vero che ci sono certificati a capitale 100% protetto e quindi molto simili ad obbligazioni...In generale imho meglio per l'investitore medio non superare certe percentuali di ptf (10/20%)
    Importante, secondo me, è non prendere i certificati in sottoscrizione, anche quelli a capitale protetto 100% spesso si riesce a prenderli sotto la parità appena arrivano sul mercato....

Accedi