Creazione del mio Primo Portafoglio - Pagina 3
Il cannabis delivery sfreccia grazie a Salvinexit: JustMary alla conquista di Roma, poi capitali Ue e Ipo
JustMary.fun, startup lanciata nel 2018 a Milano da due giovani imprenditori milanesi, pensa in grande e dopo Firenze e Torino va all’attacco anche della Capitale. La startup di consegna a domicilio di …
Carige -1: assemblea straordinaria, soci chiamati a salvare la banca. Il fattore Malacalza e i cinque possibili scenari
La domanda è: i soci di Carige verseranno i nuovi mezzi freschi necessari per assicurare alla banca un futuro? E anche: ma i loro sforzi saranno davvero sufficienti, in caso …
Debito lievita di 100 miliardi in 16 mesi. Mazziero: governi cambiano, ma medicina proposta è sempre la stessa
?Il debito per l?Italia è come una corsa a 100 metri in cui i nuovi record si succedono in brevissimo tempo tra loro; non mancano i momenti in cui il …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
Prima 12345 Ultima

  1. #21

    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    83
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    55 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da BrawlerII Visualizza Messaggio
    Se vuoi seguire solo le economie sviluppate e tralasciare quelle emergenti è condivisibile, ma sopratutto per il diverso costo di gestione che non avevo controllato. Tra 50 anni ti chiederai "ma chi me l'ha fatto fare di mettere sto 25% in obbligazionario", te lo troverai con rendimento mostruosamente inferiore. Stessa cosa puntando su europa piuttosto che giappone, che sono già nell'msci world, diverso è metterci il 5% del portafoglio ma non per diversificazione ma perché punti sul suo sviluppp futuro, ma devi essere consapevole che è una scommessa e che le probabilità di fare meglio rispetto al solo msci world non sono a tuo favore
    Mi stai convincendo... effettivamente questo 25% in obbligazionario non è che mi convinca molto... l'intento era quello di proteggere una fetta di portafoglio dalla volatilità massiccia dell'azionario... ma nel lungo termine credo che il risultato sia solo quello di essersi persi parecchi punti di performance.

    mentre per gli emergenti alla fine l'Amundi non è molto costoso... anzi... ha le stesse spese dell' MSCI World... ovvero 0.20% annuo.
    credo che su un ipotesi di 100% azionario un 15% negli emergenti non sia una brutta idea... magari da "potenziare" o "alleggerire" nel corso del tempo con la gestione del PAC... ovvero nel momento in cui mi rendo conto che gli emergenti stanno prendendo sempre più piede concentro la maggior parte dei versamenti annuali su quell'ETF... nel caso in cui invece, mi rendo conto che il mercato Americano/Europeo continuano a farla da padrona concentrerò i versamenti sull'MSCI World.

    Di conseguenza a questo punto direi di fare un:
    - 85% Globale: iShares Core MSCI World UCITS ETF USD (Acc) – ISIN: IE00B4L5Y983 – TER 0.20%
    - 15% Emergenti: Amundi MSCI Emerging Markets UCITS ETF - EUR (C) – ISIN: LU1681045370 – TER 0.20%

    Citazione Originariamente Scritto da tiger-road Visualizza Messaggio
    l'indice msci world è già più che sufficiente diversificato che di più non si può.
    Al massimo potresti prendere anche un etf sullo S&P500.
    Non farei altro.
    La semplicità è la cosa migliore.
    Sarebbe buono anche fare un pac che in automatico uno acquista ogni mese un certo ammontare, ma sugli etf non so di banche che lo permettono
    Ha senso inserire un ETF sullo S&P500? ho confrontato i grafici del globale con lo S&P500 e le differenze sono minime...e nel caso in cui nei prossimi anni il mercato americano dovesse performare peggio con lo S&P500 sarebbero solo "mazzate"... considera che il globale ad oggi gira con un 61% derivante dal mercato Americano... quindi segue da vicino gli andamenti dello S&P500...
    per il fatto del PAC in automatico cosa intendi?
    la mia intenzione è quella classica ovvero di partire con un investimento iniziare al quale si aggiungeranno dei versamenti periodici (da valutare in base alle spese dei singoli versamenti se farli su base mensile o trimestrale) che investirò di volta in volta in percentuali differenti sugli ETF.

  2. #22

    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    439
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    21 Post(s)
    Potenza rep
    3817129
    Citazione Originariamente Scritto da J.a.k.i.e.m.a.r.s. Visualizza Messaggio
    Mi stai convincendo... effettivamente questo 25% in obbligazionario non è che mi convinca molto... l'intento era quello di proteggere una fetta di portafoglio dalla volatilità massiccia dell'azionario... ma nel lungo termine credo che il risultato sia solo quello di essersi persi parecchi punti di performance.

    mentre per gli emergenti alla fine l'Amundi non è molto costoso... anzi... ha le stesse spese dell' MSCI World... ovvero 0.20% annuo.
    credo che su un ipotesi di 100% azionario un 15% negli emergenti non sia una brutta idea... magari da "potenziare" o "alleggerire" nel corso del tempo con la gestione del PAC... ovvero nel momento in cui mi rendo conto che gli emergenti stanno prendendo sempre più piede concentro la maggior parte dei versamenti annuali su quell'ETF... nel caso in cui invece, mi rendo conto che il mercato Americano/Europeo continuano a farla da padrona concentrerò i versamenti sull'MSCI World.

    Di conseguenza a questo punto direi di fare un:
    - 85% Globale: iShares Core MSCI World UCITS ETF USD (Acc) – ISIN: IE00B4L5Y983 – TER 0.20%
    - 15% Emergenti: Amundi MSCI Emerging Markets UCITS ETF - EUR (C) – ISIN: LU1681045370 – TER 0.20%


    Ha senso inserire un ETF sullo S&P500? ho confrontato i grafici del globale con lo S&P500 e le differenze sono minime...e nel caso in cui nei prossimi anni il mercato americano dovesse performare peggio con lo S&P500 sarebbero solo "mazzate"... considera che il globale ad oggi gira con un 61% derivante dal mercato Americano... quindi segue da vicino gli andamenti dello S&P500...
    per il fatto del PAC in automatico cosa intendi?
    la mia intenzione è quella classica ovvero di partire con un investimento iniziare al quale si aggiungeranno dei versamenti periodici (da valutare in base alle spese dei singoli versamenti se farli su base mensile o trimestrale) che investirò di volta in volta in percentuali differenti sugli ETF.
    Hai deciso con quale somma partire e la somma da versare periodicamente?

  3. #23

    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    83
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    55 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da LucianoP Visualizza Messaggio
    Hai deciso con quale somma partire e la somma da versare periodicamente?
    indicativamente credo che la somma iniziare vada dai 12 ai 15k€ ed i versamenti saranno sull'ordine delle 500-700€ mensili (che nel caso fossero versamenti trimestrali sarabbero da 1500-2100€).

  4. #24
    L'avatar di Biolab
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    133
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    101 Post(s)
    Potenza rep
    1280090
    Citazione Originariamente Scritto da J.a.k.i.e.m.a.r.s. Visualizza Messaggio
    Mi stai convincendo... effettivamente questo 25% in obbligazionario non è che mi convinca molto... l'intento era quello di proteggere una fetta di portafoglio dalla volatilità massiccia dell'azionario... ma nel lungo termine credo che il risultato sia solo quello di essersi persi parecchi punti di performance.

    mentre per gli emergenti alla fine l'Amundi non è molto costoso... anzi... ha le stesse spese dell' MSCI World... ovvero 0.20% annuo.
    credo che su un ipotesi di 100% azionario un 15% negli emergenti non sia una brutta idea... magari da "potenziare" o "alleggerire" nel corso del tempo con la gestione del PAC... ovvero nel momento in cui mi rendo conto che gli emergenti stanno prendendo sempre più piede concentro la maggior parte dei versamenti annuali su quell'ETF... nel caso in cui invece, mi rendo conto che il mercato Americano/Europeo continuano a farla da padrona concentrerò i versamenti sull'MSCI World.

    Di conseguenza a questo punto direi di fare un:
    - 85% Globale: iShares Core MSCI World UCITS ETF USD (Acc) – ISIN: IE00B4L5Y983 – TER 0.20%
    - 15% Emergenti: Amundi MSCI Emerging Markets UCITS ETF - EUR (C) – ISIN: LU1681045370 – TER 0.20%


    Ha senso inserire un ETF sullo S&P500? ho confrontato i grafici del globale con lo S&P500 e le differenze sono minime...e nel caso in cui nei prossimi anni il mercato americano dovesse performare peggio con lo S&P500 sarebbero solo "mazzate"... considera che il globale ad oggi gira con un 61% derivante dal mercato Americano... quindi segue da vicino gli andamenti dello S&P500...
    per il fatto del PAC in automatico cosa intendi?
    la mia intenzione è quella classica ovvero di partire con un investimento iniziare al quale si aggiungeranno dei versamenti periodici (da valutare in base alle spese dei singoli versamenti se farli su base mensile o trimestrale) che investirò di volta in volta in percentuali differenti sugli ETF.
    Ciao, ho letto tutto il thread e mi piace il ragionamento a cui sei arrivato.
    Ma adesso che ci sono anche gli ETF Vanguard quotati in borsa italiana, non hai fatto un confronto con essi? Chiedo giusto per curiosità, perchè mi trovo anche io più o meno nella stessa situazione.

  5. #25

    Data Registrazione
    Apr 2011
    Messaggi
    279
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da J.a.k.i.e.m.a.r.s. Visualizza Messaggio
    indicativamente credo che la somma iniziare vada dai 12 ai 15k€ ed i versamenti saranno sull'ordine delle 500-700€ mensili (che nel caso fossero versamenti trimestrali sarabbero da 1500-2100€).
    ciao
    tempo fa feci, con Fineco, un ragionamento del genere ...Mi sono trovata bene, poi però per esigenze familiari ho dovuto dismettere.
    Il PAC che feci prevedeva l'acquisto mensile in modo tale da sfruttare al meglio le oscillazioni. Adesso con Fineco ci sono gli ETF replay e, prendendo spunto dai tuoi due ETF, credo che un pensierino ce lo farò.

  6. #26

    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    83
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    55 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Biolab Visualizza Messaggio
    Ciao, ho letto tutto il thread e mi piace il ragionamento a cui sei arrivato.
    Ma adesso che ci sono anche gli ETF Vanguard quotati in borsa italiana, non hai fatto un confronto con essi? Chiedo giusto per curiosità, perchè mi trovo anche io più o meno nella stessa situazione.
    Sinceramente ancora non ho avuto modo di studiarmeli... li avevo messi in agenda... e presto (penso nel fine settimana) mi metterò a guardare un pò come sono... (essendo un novizio... conosco i Vanguard sono grazie al libro del suo fondatore Bogle... "il piccolo libro dell'investitore intelligente" che consiglio vivamente a tutti coloro che si avvicinano al mondo della finanza... apre gli occhi su molte cose).

    Citazione Originariamente Scritto da CarmenCignarella Visualizza Messaggio
    ciao
    tempo fa feci, con Fineco, un ragionamento del genere ...Mi sono trovata bene, poi però per esigenze familiari ho dovuto dismettere.
    Il PAC che feci prevedeva l'acquisto mensile in modo tale da sfruttare al meglio le oscillazioni. Adesso con Fineco ci sono gli ETF replay e, prendendo spunto dai tuoi due ETF, credo che un pensierino ce lo farò.
    Sono anche io alla ricerca di una piattaforma (la più economica possibile) dove gestire gli investimenti... io ho il mio c/c in Intesa Sanpaolo... dove ho anche l'accredito dello stipendio... ma per quanto riguarda gli investimenti vorrei farlo appoggiandomi ad altro... non mi sono ancora interessato di quale siano le migliori piattaforme sia in termini di costi sia in termini di disponibilità di strumenti finanziari (ETF, Fondi ecc...)...

    consigli?

  7. #27

    Data Registrazione
    Apr 2011
    Messaggi
    279
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da J.a.k.i.e.m.a.r.s. Visualizza Messaggio
    Sinceramente ancora non ho avuto modo di studiarmeli... li avevo messi in agenda... e presto (penso nel fine settimana) mi metterò a guardare un pò come sono... (essendo un novizio... conosco i Vanguard sono grazie al libro del suo fondatore Bogle... "il piccolo libro dell'investitore intelligente" che consiglio vivamente a tutti coloro che si avvicinano al mondo della finanza... apre gli occhi su molte cose).



    Sono anche io alla ricerca di una piattaforma (la più economica possibile) dove gestire gli investimenti... io ho il mio c/c in Intesa Sanpaolo... dove ho anche l'accredito dello stipendio... ma per quanto riguarda gli investimenti vorrei farlo appoggiandomi ad altro... non mi sono ancora interessato di quale siano le migliori piattaforme sia in termini di costi sia in termini di disponibilità di strumenti finanziari (ETF, Fondi ecc...)...

    consigli?
    sinceramente ho sempre e solo utilizzato Fineco ...

    PS: ho appena sottoscritto l'acquisto dei due ETF con Replay di Fineco.
    Costo mensile 5.90€
    Importo mensile investimento 200€
    Ultima modifica di CarmenCignarella; 18-01-19 alle 16:00

  8. #28

    Data Registrazione
    Aug 2017
    Messaggi
    508
    Mentioned
    18 Post(s)
    Quoted
    319 Post(s)
    Potenza rep
    28590009
    Citazione Originariamente Scritto da J.a.k.i.e.m.a.r.s. Visualizza Messaggio
    Mi stai convincendo... effettivamente questo 25% in obbligazionario non è che mi convinca molto... l'intento era quello di proteggere una fetta di portafoglio dalla volatilità massiccia dell'azionario... ma nel lungo termine credo che il risultato sia solo quello di essersi persi parecchi punti di performance.

    mentre per gli emergenti alla fine l'Amundi non è molto costoso... anzi... ha le stesse spese dell' MSCI World... ovvero 0.20% annuo.
    credo che su un ipotesi di 100% azionario un 15% negli emergenti non sia una brutta idea... magari da "potenziare" o "alleggerire" nel corso del tempo con la gestione del PAC... ovvero nel momento in cui mi rendo conto che gli emergenti stanno prendendo sempre più piede concentro la maggior parte dei versamenti annuali su quell'ETF... nel caso in cui invece, mi rendo conto che il mercato Americano/Europeo continuano a farla da padrona concentrerò i versamenti sull'MSCI World.

    Di conseguenza a questo punto direi di fare un:
    - 85% Globale: iShares Core MSCI World UCITS ETF USD (Acc) – ISIN: IE00B4L5Y983 – TER 0.20%
    - 15% Emergenti: Amundi MSCI Emerging Markets UCITS ETF - EUR (C) – ISIN: LU1681045370 – TER 0.20%


    Ha senso inserire un ETF sullo S&P500? ho confrontato i grafici del globale con lo S&P500 e le differenze sono minime...e nel caso in cui nei prossimi anni il mercato americano dovesse performare peggio con lo S&P500 sarebbero solo "mazzate"... considera che il globale ad oggi gira con un 61% derivante dal mercato Americano... quindi segue da vicino gli andamenti dello S&P500...
    per il fatto del PAC in automatico cosa intendi?
    la mia intenzione è quella classica ovvero di partire con un investimento iniziare al quale si aggiungeranno dei versamenti periodici (da valutare in base alle spese dei singoli versamenti se farli su base mensile o trimestrale) che investirò di volta in volta in percentuali differenti sugli ETF.
    Occhio che la parte obbligazionaria non è lì solo a togliere rendimento.

    Riducendo la volatilità aiuta potrebbe farti da “stampella psicologica” perché sul tuo portafoglio vedrai un negativo minore e se ti troverai nell’emergenza di dover disinvestire una parte avrai un 25% più stabile da cui attingere, invece del rischio di vendere in perdita.

    Poi devi giudicare te la tua propensione al rischio, la capacità di risparmio e di generare nuovo reddito se necessario e il tuo orizzonte temporale.

    Perché un conti è dire che vorresti tenere questo portafoglio per 40 anni, un altro è calcolare la probabilità che resti lì per davvero per 40 anni (ad esempio: riusciresti a cambiare auto senza intaccare l’investimento?)

  9. #29

    Data Registrazione
    Dec 2014
    Messaggi
    197
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    123 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da J.a.k.i.e.m.a.r.s. Visualizza Messaggio
    non mi sono ancora interessato di quale siano le migliori piattaforme sia in termini di costi sia in termini di disponibilità di strumenti finanziari (ETF, Fondi ecc...)...

    consigli?
    io uso directa per comprare in italia. Su estero non saprei, per ora ho visto widiba che non mi sembra male

    altri appunti

    le obbligazioni non sembrano nemmeno a me una grande scelta, non come etf almeno, al limite qualche titolo di stato italiano. In ogni caso un 100% azionario sembra abbastanza avventato, per non dire errato, un cuscinetto per le spese o una parte in conto deposito libero o svincolabile sarebbero auspicabili come parte del portafoglio

    leggo anche che nel tuo intervento precedente sostieni di aumentare la parte di investimento sull'etf che si dovesse comportare meglio in futuro, puntando su questo. In realta' si dovrebbe fare il contrario, si compra quello che scende e si vende (o si tiene) quello che e' salito. Se non ho inteso male dovresti fare qualche altra riflessione su questo punto

  10. #30

    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    83
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    55 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da gargagnam Visualizza Messaggio
    Occhio che la parte obbligazionaria non è lì solo a togliere rendimento.

    Riducendo la volatilità aiuta potrebbe farti da “stampella psicologica” perché sul tuo portafoglio vedrai un negativo minore e se ti troverai nell’emergenza di dover disinvestire una parte avrai un 25% più stabile da cui attingere, invece del rischio di vendere in perdita.

    Poi devi giudicare te la tua propensione al rischio, la capacità di risparmio e di generare nuovo reddito se necessario e il tuo orizzonte temporale.

    Perché un conti è dire che vorresti tenere questo portafoglio per 40 anni, un altro è calcolare la probabilità che resti lì per davvero per 40 anni (ad esempio: riusciresti a cambiare auto senza intaccare l’investimento?)
    Citazione Originariamente Scritto da ryp Visualizza Messaggio
    io uso directa per comprare in italia. Su estero non saprei, per ora ho visto widiba che non mi sembra male

    altri appunti

    le obbligazioni non sembrano nemmeno a me una grande scelta, non come etf almeno, al limite qualche titolo di stato italiano. In ogni caso un 100% azionario sembra abbastanza avventato, per non dire errato, un cuscinetto per le spese o una parte in conto deposito libero o svincolabile sarebbero auspicabili come parte del portafoglio

    leggo anche che nel tuo intervento precedente sostieni di aumentare la parte di investimento sull'etf che si dovesse comportare meglio in futuro, puntando su questo. In realta' si dovrebbe fare il contrario, si compra quello che scende e si vende (o si tiene) quello che e' salito. Se non ho inteso male dovresti fare qualche altra riflessione su questo punto
    Scusatemi, errore mio nel non specificare bene la composizione del portafoglio... ovviamente il mio dire 100% azionario era riferito alla “sola” parte che destinerei all’investimento a lungo termine... resterebbero da parte:
    - fondo pensione (per adesso PIP in attesa che venga istituito il fondo pensione di categoria... sono un maresciallo della Marina Militare in servizio);
    - Polizza vita da 11k ereditata dal nonno;
    - cuscinetto di liquidità sul c/c dove tengo mediamente sempre intorno ai 5k per le emergenze e la vita quotidiana.

    È per questo che volevo valutare con voi se fosse “utile” impegnare una parte della parte da investire nelle obbligazioni... la vedo un po’ come una perdita di performance... anche se sarebbe un “toccasana” psicologico...(a doppio taglio però... perché negli anni dove l’azionario macina performance a doppia cifra magari te ti ritrovi con 4-5 punti in meno e l’integrita mentale ne risentirebbe comunque... 😉

    Per quanto riguarda la piattaforma cui appoggiarmi provo a vedere Fineco cosa offre e se ci sono tutti gli ETF che ho menzionato... visto e considerato che hanno anche una filiale fisica nel paese dove lavoro (e vivo per la maggior parte dell’anno).

Accedi