Piani Individuali di Risparmio (PIR) Vol. II - Pagina 136
Italia, cresce l?ottimismo sull?economia: fiducioso l?89% degli investitori
Aumenta l’ottimismo nei confronti dell’economia italiana: l’89% degli investitori del Bel Paese infatti si dice fiducioso, facendo segnare così un +6% rispetto al primo trimestre del 2021. Un trend emerso …
UniCredit lancia la nuova gamma di Cash Collect Worst of con Maxi Premio iniziale condizionato
UniCredit lancia una nuova emissione di 15 certificati Cash Collect Worst Of Maxi Premio Iniziale Condizionato. Questi prodotti si aggiungono agli altri Cash Collect emessi dalla banca italiana negli ultimi …
Banche, sta per scoccare gong bilanci: preview Banco BPM, Bper & Co. I nuovi target price con focus stress test, M&A e dividendi
Banche sempre più protagoniste, tra rumor di M&A - che vedono protagoniste, in particolare, quelle che vengono considerate come gli anelli deboli del sistema bancario del made in Italy, ovvero …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1351
    L'avatar di pavlin
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    2,369
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    606 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da pavlin Visualizza Messaggio
    Saluti a tutti,
    ................
    Premesso che i conti che seguono sono relativi al mio portafoglio, quindi senza pretesa di generalità, la mia esperienza ad oggi è così caratterizzata:

    1) la parte di titoli esteri ha performato molto meglio della parte italiana.

    Di questo me ne ero accorto, con dispiacere, fin da subito e pensavo fosse una cosa riferibile alla differenze tra sistema Italia e gli altri stati europei in cui ho investito.
    Nel complesso la parte italiana del mio portafoglio sta sotto del 5% mentre la parte estera sta sopra del 24% (valori attuali / valore investito)
    Se metto nel conto anche i dividendi incassati, la parte italiana fa +3% mentre la parte estera fa +30%.
    Il divario si riduce appena ma resta nettissimo.

    2) oggi ho suddiviso la parte italiana del portafoglio tra Small cap e Big cap e mi sono stupito del risultato ottenuto.
    Mi risulta che la parte Small Cap ha fatto veramente male (-18% se non conto i dividendi, -13% se li considero)
    Ma le Big Cap italiane hanno performato nettamente meglio(+30% se non conto i dividendi, +45% se li considero)

    3) Le Big Cap italiane hanno performato addirittura meglio delle azioni estere che ho in portafoglio
    Non diamo sempre contro all'Italia per partito preso....

    4) nel complesso il portafoglio PIR mi segna oggi +1%, +8% se aggiungo al conto i dividendi incassati.
    Abbastanza deludente per ora.


    CONCLUSIONI:
    - Ho deciso di sovrappesare troppo in portafoglio le Small Cap italiane (ne ho molte più del 30% richiesto) e al momento ne pago le conseguenze.
    - Il fatto che gran parte del negativo sia legato alle Small Cap (più volatili e potenzialmente con maggior possibilità di accelerare al rialzo) mi fa sperare in una ripresa. Resto ottimista
    - I conti veri li tirerò trascorsi i 5 anni e per il momento resto convintamente investito nel PIR.


    Riprendo questo mio post dell'autunno scorso per fare un aggiornamento alla situazione attuale, molto migliorata sul lato Italia.


    1) la performance dei titoli esteri è oggi alla pari con la performance della parte italiana.

    Nel complesso la parte italiana del mio portafoglio sta oggi a +44,5% mentre la parte estera sta a +44,9%
    Il divario che c'era si è annullato
    Però i guadagni delle azioni straniere saranno tassati al momento della vendita, mentre quelli delle azioni italiane no.
    Se considero fin da ora il peso della tassazione, la parte italiana del mio portafoglio sta oggi a +44,5% mentre la parte estera (detratto il 26% di tassazione media) sta a +33,2%
    La situazione si è ribaltata rispetto al mio post precedente.

    2) Parte italiana Small cap e Big cap
    La parte Small Cap ha stravolto in positivo la sua performance (oggi +34,4%)
    Le Big Cap italiane hanno performato nettamente meglio (+68,4%), il divario tra Small e Big è rimasto circa invariato.

    3) Le Big Cap italiane continuano a performare meglio delle azioni estere


    4) nel complesso il portafoglio PIR mi segna oggi +43% (dividendi incassati compresi).


    CONCLUSIONI:
    - Ho deciso di sovrappesare in portafoglio le Small Cap italiane (ne ho molte più del 30% richiesto) e ne ho pagato le conseguenze in passato, ma al momento la situazione è nettamente migliorata.
    - Il sovrappeso delle Small Cap mi sta facendo godere di una rapida ripresa
    - I conti veri li tirerò trascorsi i 5 anni e per il momento resto convintamente investito nel PIR. [/QUOTE]
    Ultima modifica di pavlin; 24-05-21 alle 18:22

  2. #1352

    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    2,283
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1522 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da pavlin Visualizza Messaggio
    Riprendo questo mio post dell'autunno scorso per fare un aggiornamento alla situazione attuale, molto migliorata sul lato Italia.


    1) la performance dei titoli esteri è oggi alla pari con la performance della parte italiana.

    Nel complesso la parte italiana del mio portafoglio sta oggi a +44,5% mentre la parte estera sta a +44,9%
    Il divario che c'era si è annullato
    Però i guadagni delle azioni straniere saranno tassati al momento della vendita, mentre quelli delle azioni italiane no.
    Se considero fin da ora il peso della tassazione, la parte italiana del mio portafoglio sta oggi a +44,5% mentre la parte estera (detratto il 26% di tassazione media) sta a +33,2%
    La situazione si è ribaltata rispetto al mio post precedente.

    2) Parte italiana Small cap e Big cap
    La parte Small Cap ha stravolto in positivo la sua performance (oggi +34,4%)
    Le Big Cap italiane hanno performato nettamente meglio (+68,4%), il divario tra Small e Big è rimasto circa invariato.

    3) Le Big Cap italiane continuano a performare meglio delle azioni estere


    4) nel complesso il portafoglio PIR mi segna oggi +43% (dividendi incassati compresi).


    CONCLUSIONI:
    - Ho deciso di sovrappesare in portafoglio le Small Cap italiane (ne ho molte più del 30% richiesto) e ne ho pagato le conseguenze in passato, ma al momento la situazione è nettamente migliorata.
    - Il sovrappeso delle Small Cap mi sta facendo godere di una rapida ripresa
    - I conti veri li tirerò trascorsi i 5 anni e per il momento resto convintamente investito nel PIR.
    [/QUOTE]

    complimenti. io non ho fatto nè conti nè simulazioni, macredo di avere risultati simili, probabilmente leggermente inferiori. ho un + 13% a cui sommare i dividendi dei 5 anni
    il fenomeno che ci citi è probabilmente legato all'aver comprato small cap italiane che anche io ho sovrappesato in un momento in cui erano in bolla, drogate dai pir

  3. #1353
    L'avatar di dnt
    Data Registrazione
    Jul 2004
    Messaggi
    4,115
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    911 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Directa non finisce mai di stupirmi.
    Alla mia domanda se dopo la vendita di un titolo, visto che sarebbe impossibile investire esattamente lo stesso importo, è meglio investire la stessa cifra arrotondata per difetto o per eccesso, mi rispondono così:

    Gentile Sig. xxxxx,
    Non ci sono specifiche in tal senso nella normativa.
    Può scegliere se arrotondare per eccesso o difetto. Noi consigliamo di farlo per difetto, ma è appunto un consiglio e non un obbligo.

  4. #1354
    L'avatar di oscar.pettinari
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    1,033
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    728 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da dnt Visualizza Messaggio
    Directa non finisce mai di stupirmi.
    Alla mia domanda se dopo la vendita di un titolo, visto che sarebbe impossibile investire esattamente lo stesso importo, è meglio investire la stessa cifra arrotondata per difetto o per eccesso, mi rispondono così:

    Gentile Sig. xxxxx,
    Non ci sono specifiche in tal senso nella normativa.
    Può scegliere se arrotondare per eccesso o difetto. Noi consigliamo di farlo per difetto, ma è appunto un consiglio e non un obbligo.
    Da quello che so io su pochi euro c'e' tolleranza.....Io quando ho venduto "100" ho sempre comprato per "101" e non mi hanno mai richiamato.

  5. #1355
    L'avatar di dnt
    Data Registrazione
    Jul 2004
    Messaggi
    4,115
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    911 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da oscar.pettinari Visualizza Messaggio
    Da quello che so io su pochi euro c'e' tolleranza.....Io quando ho venduto "100" ho sempre comprato per "101" e non mi hanno mai richiamato.
    Infatti, poiché loro stessi dicono che TUTTO l'importo ricavato della vendita va investito in un solo titolo, mi è sembrato strano che consigliano di acquistare per difetto. Se vendo 100 e reinvesto 99 non ho reinvestito TUTTO il ricavato. Eppure loro consigliano così.... boh, anche io arrotonderò per eccesso.

  6. #1356
    L'avatar di oscar.pettinari
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    1,033
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    728 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da dnt Visualizza Messaggio
    Infatti, poiché loro stessi dicono che TUTTO l'importo ricavato della vendita va investito in un solo titolo, mi è sembrato strano che consigliano di acquistare per difetto. Se vendo 100 e reinvesto 99 non ho reinvestito TUTTO il ricavato. Eppure loro consigliano così.... boh, anche io arrotonderò per eccesso.
    Credo che per loro sia un discorso contabile. Cioe' se io vendo e ricompro, per l'eccedenza c'e' il dubbio che andrebbero conteggiati i 5 anni di "holding"....quindi visto e considerato che la legge permette una tolleranza di pochi euro se tu compri a meno con sicurezza questo problema non ci sarebbe. Ma sono solamente ipotesi.......

  7. #1357
    L'avatar di oscar.pettinari
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    1,033
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    728 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Per chi avesse Autogrill in ptf ricordo che c'e' un aumento di capitale in corso. Se andate su Tabellone.....Info....punto 3......g......trovate la voce AUTOGRILL AXA; cliccandoci sopra vi compare l'opzione "gestione diretta" o "gestione autonama". Chi volesse aderire deve cliccare su gestione autonoma e poi dal 23/6 al 29/6 ore 12 potra' aderire all'aumento di capitale....viceversa con "gestione directa" i diretti verranno venduti l'ultimo giorno disponibile.

  8. #1358
    L'avatar di pavlin
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    2,369
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    606 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Giorni di incasso dividendi
    Questi sono i giorni in cui si gode di più ad avere titoli nel deposito PIR

  9. #1359

    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    2,283
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1522 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da pavlin Visualizza Messaggio
    Giorni di incasso dividendi
    Questi sono i giorni in cui si gode di più ad avere titoli nel deposito PIR
    leggo meglio il tuo post precedente:
    Però i guadagni delle azioni straniere saranno tassati al momento della vendita

    sei sicuro?

  10. #1360

    Data Registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    1,860
    Mentioned
    29 Post(s)
    Quoted
    1095 Post(s)
    Potenza rep
    39474684
    La parte di tassazione estera si paga, non paghi solo la parte italiana

Accedi