Obbligazionari a breve a medio o a lungo termine? - Pagina 3
BTP Italia tornerà a far breccia tra le famiglie? Emissione al via tra tante certezze e qualche incognita
Tutto pronto per il Btp Italia. Il collocamento della quindicesima emissione del titolo di stato indicizzato all?inflazione (FOI meno tabacchi) dedicato ai piccoli risparmiatori italiani avrà luogo dal 21 al …
Tassi di interesse negativi ci dicono che il futuro vale più del presente in un mondo dove sovrabbonda il risparmio
Cosa si nasconde dietro questa grossa ondata di tassi d?interesse negativi? Da Francoforte  a Zurigo passando per Tokio, più di un terzo dei bond presenti sul mercato offrono ormai ritorni …
Calendario conti 3° trimestre 2019 Ftse Mib: apre Saipem, banche e FCA le più attese
Dopo un inizio poco fortunato, il mese di ottobre ha visto un forte rialzo dei mercati azionari internazionali. Gli indici USA sono tornati sui massimi storici, mentre quelli europei (Ftse …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #21
    L'avatar di Blacksmith.
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    4,285
    Mentioned
    48 Post(s)
    Quoted
    2580 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da biondorules Visualizza Messaggio
    Con l'aumento dei tassi in teoria si dovrebbero verificare perdite maggiori sulla parte lunga e minori sulla parte breve che tenderà a 100
    Le notizie che si leggono sull'aumento dei tassi si riferiscono ai tassi a breve, a tre o a sei mesi. L'aumento dei tassi a breve si ripercuote in modi molto diversi sulle scadenze più lontane. E' un errore immaginare che la curva dei rendimenti possa subire degli shift paralleli. I tassi a due anni possono aumentare del 2% e i decennali possono aumentare solo dello 0,5%. La curva dei rendimenti può anche appiattirsi. Un aumento dei tassi può essere dovuto sia ad incrementate attese inflazionistiche che ad un aumento dei tassi reali.

    I tassi delle scadenze più lontane rappresentano le attese di lungo periodo sull'evoluzione dei tassi a breve termine. Non bisogna immaginare che il mercato pensi che i tassi a breve resteranno sempre gli stessi. Si può avere un assaggio di quali siano le attese sull'andamento dei tassi a breve dalla curva forward della BCE. Euro area yield curves

    Le scadenze più lontane hanno generalmente un premio a termine, cioè hanno un rendimento leggermente maggiore rispetto all'ipotesi di reinvestimento successivo fatto sempre su tassi a breve termine. Quando si afferma che sia preferibile investire sulla parte breve della curva o su quella lunga, si fa un'ipotesi sulla possibilità che l'aumento dei tassi a breve che ci sarà nella realtà sia più o meno rapido di quello implicito nella curva dei rendimenti.

  2. #22
    L'avatar di biondorules
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    8,770
    Mentioned
    14 Post(s)
    Quoted
    1572 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    @blacksmith, ti leggo sempre volentieri perché sei un utente molto preparato dal quale ho preso molti spunti, concordo con quello che dici. Il premio sulla parte lunga della curva è dato da cds che in teoria su un emittente sana dovrebbero essere piu elevati R = swap rate + cds.

    Voglio solo dire che mi aspetto perdite in conto capitale sui bond a duration maggiore, esempio petrobras 19 3% a fine anno stava a 101 ora sta a 99,5 mentre petrtobras 44 ad era a 106 ed ora sta a 99.

    Sarebbe stato meglio prendere un treasury come esempio per via del merito creditizio pero in wl avevo pb e penso che ci siamo capiti

    Grazie di nuovo per i tuoi interventi.

    Ciao

  3. #23
    L'avatar di biondorules
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    8,770
    Mentioned
    14 Post(s)
    Quoted
    1572 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da giovanni123456789 Visualizza Messaggio
    ora spiegatelo a un bimbo delle scuole medie
    Caro Giovanni, cosa vuoi che ti spieghi , vedi come sono messo! Non ho nemmeno una piatta che mi permetta di sovrapporre i grafici

  4. #24
    L'avatar di Blacksmith.
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    4,285
    Mentioned
    48 Post(s)
    Quoted
    2580 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da biondorules Visualizza Messaggio
    Sarebbe stato meglio prendere un treasury come esempio per via del merito creditizio ...
    Quando si parla di tassi ci si riferisce ai tassi privi di rischio. I rendimenti delle obbligazioni di emittenti molto rischiosi dipendono più dalle variazioni del merito di credito che dall'andamento dei tassi privi di rischio; anche se la loro relazione meriterebbe uno specifico approfondimento.

    Un tipo di valutazione erroneamente trascurata nel forum è quella del rendimento immediato; ne ho letto solo in messaggi di Bubino451. Molti pensano solo a cedolare, trascurando la sensibilità dei prezzi; altri pensano solo al trading, considerando le cedole quasi come un fastidio. Ma l'unico rendimento da prendere in considerazione dovrebbe essere il total return, fatto da cedole + prezzo. Obbligazioni emesse in epoche diverse, con cedole facciali molto diverse, rispondono in modo molto diverso alle variazioni dei tassi.

  5. #25
    L'avatar di ernesto71
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    2,983
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    444 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Lascio qua un po' di didattica e un articolo del 2005 con delle considerazioni sui dei casi reali
    CURVA DEI TASSI (Enciclopedia)
    La curva dei tassi
    Ora la domanda sorge spontanea: è ancora valida la capacità predittiva della curva?
    Ciao

  6. #26

    Data Registrazione
    Jun 2016
    Messaggi
    4,808
    Mentioned
    28 Post(s)
    Quoted
    2498 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da ernesto71 Visualizza Messaggio
    Lascio qua un po' di didattica e un articolo del 2005 con delle considerazioni sui dei casi reali
    CURVA DEI TASSI (Enciclopedia)
    La curva dei tassi
    Ora la domanda sorge spontanea: è ancora valida la capacità predittiva della curva?
    Ciao
    Mi piacerebbe avere un tuo commento sui testi che ci hai proposto e che trovo davvero interessanti e istruttivi...

  7. #27
    L'avatar di ernesto71
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    2,983
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    444 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da piccolowarren Visualizza Messaggio
    Mi piacerebbe avere un tuo commento sui testi che ci hai proposto e che trovo davvero interessanti e istruttivi...
    Che vuoi che ti dica....mi ci ero imbattuto qualche mese fa. Avevo anche un video ( che non trovo più) di un gestore che parlava, in epoche pre Qe, di come usasse la curva per confezionare i prodotti finanziari. Asseriva però che ora con i Qe tutto risulta sfalsato. Per il resto le considerazioni che fa Altroconsumo mi sembrano perlomeno di buon senso. Peccato non avere i grafici per allenare l'occhio.
    Ciao

  8. #28
    L'avatar di templar
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    3,538
    Mentioned
    18 Post(s)
    Quoted
    935 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da ernesto71 Visualizza Messaggio
    Che vuoi che ti dica....mi ci ero imbattuto qualche mese fa. Avevo anche un video ( che non trovo più) di un gestore che parlava, in epoche pre Qe, di come usasse la curva per confezionare i prodotti finanziari. Asseriva però che ora con i Qe tutto risulta sfalsato. Per il resto le considerazioni che fa Altroconsumo mi sembrano perlomeno di buon senso. Peccato non avere i grafici per allenare l'occhio.
    Ciao
    c'è un altro tipo di curva dei rendimenti, secondo me più interessante, ma nettamente meno precoce ( lagging), come indicatore pre-recessionario, della classica yield curve ( di cui peraltro mi pare di vedere in questo 3d una discussione piuttosto elementarizzata, come è giusto che sia, essendo un concetto un pò OT....): la breakeven y. curve...
    la segnalo perchè proprio oggi questa curva si è, per la prima volta dal 2008, invertita....
    perchè è interessante e perchè è lagging?
    vi assicuro che gli investitori obbligazionari dovrebbero sempre tenerla d'occhio...
    Immagini Allegate Immagini Allegate Obbligazionari a breve a medio o a lungo termine?-2018-03-08_13-54-10.jpg 

  9. #29
    L'avatar di templar
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    3,538
    Mentioned
    18 Post(s)
    Quoted
    935 Post(s)
    Potenza rep
    0

    Sherman ratio di un fondo obbligazionario

    poichè l'analisi della yield curve ( "classica" ), pur fondamentale per un investimento obbligazionario fatto non coi piedi, è un pochino OT in questa sezione, e poichè mi sembra che il massimo della profondità euristica nella sezione si riassuma nel quesito iniziale ( già contestato) di questo 3d, mi sembra opportuno, e soprattutto molto pertinente alla sezione, analizzare un'altra "yield curve", speciale e importante nella valutazione di un OICR: lo Sherman ratio ( rapporto tra yield e l'unità di duration), e calcolare con questo il breakeven per ogni fondo obbligazionario in cui si sia investito o si stia per investire...
    questo breakeven è il punto a cui un aumento dei tassi produrrà nel fondo una perdita...
    un fondo obbligazionario con un alto breakeven, saprà meglio resistere a un aumento dei tassi prima che il total return del fondo diventi negativo...
    sarebbe necessario un aumento dei tassi di 100 bp in un anno per controbilanciare lo yield di un fondo con Sherman ratio di 1...

    quante volte un investitore di questa sezione ha calcolato ( o semplicemente ha letto qualcosa in proposito ) lo Sherman ratio quando è interessato a un fondo obbligazionario?

  10. #30

    Data Registrazione
    Jun 2016
    Messaggi
    4,808
    Mentioned
    28 Post(s)
    Quoted
    2498 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da templar Visualizza Messaggio
    poichè l'analisi della yield curve ( "classica" ), pur fondamentale per un investimento obbligazionario fatto non coi piedi, è un pochino OT in questa sezione, e poichè mi sembra che il massimo della profondità euristica nella sezione si riassuma nel quesito iniziale ( già contestato) di questo 3d, mi sembra opportuno, e soprattutto molto pertinente alla sezione, analizzare un'altra "yield curve", speciale e importante nella valutazione di un OICR: lo Sherman ratio ( rapporto tra yield e l'unità di duration), e calcolare con questo il breakeven per ogni fondo obbligazionario in cui si sia investito o si stia per investire...
    questo breakeven è il punto a cui un aumento dei tassi produrrà nel fondo una perdita...
    un fondo obbligazionario con un alto breakeven, saprà meglio resistere a un aumento dei tassi prima che il total return del fondo diventi negativo...
    sarebbe necessario un aumento dei tassi di 100 bp in un anno per controbilanciare lo yield di un fondo con Sherman ratio di 1...

    quante volte un investitore di questa sezione ha calcolato ( o semplicemente ha letto qualcosa in proposito ) lo Sherman ratio quando è interessato a un fondo obbligazionario?
    Ammetto la mia ignoranza ma non ho compreso quasi niente, ho solo la sensazione che il concetto da te esposto sia interessante, potresti dirlo con parole semplici come se parlassi alla casalinga di Voghera, che sarà senz'altro una persona per bene e saggia sul senso della vita...

Accedi