Fondo Cometa - quale comparto scegliere - Pagina 43
Flop mercati emergenti: nel 2019 surclassati dall’MSCI World, il maggior rischio non premia neanche a 5 e 10 anni 
È proseguita, nel terzo trimestre 2019, la fase di turbolenza dei mercati emergenti, che faticano a seguire il rally delle maggiori Borse mondiali. La serie di tagli dei tassi della …
Tassi bassi cambiano le regole del risparmio: investire ‘di più e prima’ per non perdere battaglia dei rendimenti
Quando allochiamo i nostri soldi in investimenti a basso rischio o nei conti correnti, che hanno aiutato la generazione precedente alla nostra a risparmiare per la pensione, i rendimenti che …
Dividendi d’autunno, gli stacchi sul Ftse Mib del 18 novembre. Nel 2020 attese cedole maxi da Unicredit e FCA
Spicca la novità di Poste Italiane tra le società di Piazza Affari che sono abituate a dare in pasto ai loro azionisti l’acconto dividendo nella stagione autunnale. In tutto lunedì …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #421
    L'avatar di Manu1972
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    775
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    549 Post(s)
    Potenza rep
    9644910
    Citazione Originariamente Scritto da gomax Visualizza Messaggio
    Iscrivendosi nell'ultimo trimestre dell'anno, con pagamento effettivo entro il 20/1/20 da parte dell'azienda, tali contributi sono deducibili nel 2020 o 2019? Vale il principio del pagamento o della competenza per poterli dedurre?
    dovrebbe valere il principio di cassa. Il dubbio che mi hai fatto venire però è questo:

    in fase di CU e 730, chi predispone il modello, come fa a sapere se l'azienda ha fatto il versamento nel 2019 o nel 2020? Forse viene preso il principio di competenza per comodità?

    ad esempio a Dicembre 2019 i contributi al fondo pensione vengono sicuramente versati dall'azienda a Gennaio 2020, quindi l'anno successivo.

    chiedo in generale a tutti perché è una curiosità che ho sempre avuto.

  2. #422
    L'avatar di laradio
    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    1,960
    Mentioned
    107 Post(s)
    Quoted
    1048 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da Manu1972 Visualizza Messaggio
    dovrebbe valere il principio di cassa. Il dubbio che mi hai fatto venire però è questo:

    in fase di CU e 730, chi predispone il modello, come fa a sapere se l'azienda ha fatto il versamento nel 2019 o nel 2020? Forse viene preso il principio di competenza per comodità?

    ad esempio a Dicembre 2019 i contributi al fondo pensione vengono sicuramente versati dall'azienda a Gennaio 2020, quindi l'anno successivo.

    chiedo in generale a tutti perché è una curiosità che ho sempre avuto.
    I contributi dovuti a Cometa x il quarto trimestre di ogni anno e trattenuti dalla busta paga del lavoratore mensilmente dall'azienda , (quindi anche quelli di dicembre e tredicesima) ai fini della deduzione fiscale ,ricadono in tale anno . Non rileva che il versamento aziendale a Cometa viene poi fatto a gennaio, entro il 20 .

  3. #423

    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    232
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    176 Post(s)
    Potenza rep
    5748282
    Citazione Originariamente Scritto da laradio Visualizza Messaggio
    I contributi dovuti a Cometa x il quarto trimestre di ogni anno e trattenuti dalla busta paga del lavoratore mensilmente dall'azienda , (quindi anche quelli di dicembre e tredicesima) ai fini della deduzione fiscale ,ricadono in tale anno . Non rileva che il versamento aziendale a Cometa viene poi fatto a gennaio, entro il 20 .
    Chiaro quindi si va per competenza allora

  4. #424
    L'avatar di Manu1972
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    775
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    549 Post(s)
    Potenza rep
    9644910
    giusto così per curiosità, scartabellando su internet, trovo:

    Tutti i contributi sono deducibili secondo il criterio di cassa (cioè di effettivo pagamento).
    Spese deducibili / Contributi previdenziali e assistenziali

    ATTENZIONE
    La deduzione compete esclusivamente per il periodo di imposta nel quale l’onere stesso, in tutto o in parte, viene sostenuto. Pertanto sono ammessi al beneficio fiscale soltanto gli oneri effettivamente pagati nel periodo di imposta per il quale viene chiesta la deduzione.
    Contributi previdenziali ed assistenziali: istruzioni per la deducibilita | Studio Mainini & Associati

    quindi si dà per rispettato il principio di cassa perché i versamenti al fondo fanno riferimento al mese della busta paga, non perché l'azienda li ha effettivamente versati in quel mese.

  5. #425

    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    232
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    176 Post(s)
    Potenza rep
    5748282
    In merito alla valorizzazione delle quote come funziona? Vedo da sito che la quota è comunicata una volta al mese, i versamenti periodici prendono quindi valore di fine mese? E per versamenti una tantum?

  6. #426
    L'avatar di Manu1972
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    775
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    549 Post(s)
    Potenza rep
    9644910
    per Cometa vedi link qui sotto

    http://www.cometafondo.it/cms/doc/64...0-marzo-97.pdf

    non sono esperto ma sembra che la trattenuta viene fatta ogni mese e poi versata al fondo ogni trimestre.

    dal momento del versamento alla quotazione effettiva della quota non saprei, ma ho letto in passato sul forum che ogni fondo pensione ha una gestione diversa secondo le proprie procedure interne.

    comunque la valorizzazione dovrebbe avvenire al massimo un mese circa dopo l'effettivo versamento da parte dell'azienda al fondo.

  7. #427

    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    68
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    54 Post(s)
    Potenza rep
    5
    Ciao a tutti,
    sono in procinto di cambiare lavoro passando da un contratto del settore commercio a metalmeccanico e quindi la scelta più ovvia sarebbe quella di aderire al fondo Cometa. Sono giovane (sotto i 30 anni), e sino ad'ora (lavoro dipendente di pochi mesi in piccole aziende) ho preferito lasciare il tfr in azienda, ma questa volta si tratterebbe del mio primo lavoro serio in una grossa azienda.

    Il mio primo dubbio riguarda se aderire sin da subito o aspettare magari un 6-12 mesi per vedere se il lavoro nuovo mi piace e se penso di restarci a lungo (o se non mi licenziano nel periodo di prova ) insomma aspettare per valutare la stabilità di questo nuovo lavoro. Se aderisco adesso al cometa, ma poi il nuovo lavoro va male, e ritorno nel settore del commercio o altro (quindi non più metalmeccanico) cosa succede al fondo e ai soldi versati?

    Secondo dubbio, se aderisco, con quale profilo? Ho visto che quello consigliato per i giovani a inizio carriera è quello "crescita", ossia il più aggressivo, ma con un orizzonte temporale di almeno 15 anni. Nella mia situazione, di instabilità per almeno un annetto, consigliate comunque questo profilo, o meglio uno più conservativo?

    Riassumendo

    Inizio nuovo lavoro, incerto per i primi 12 mesi. Ho 3 opzioni:
    1) lascio tfr in azienda e se va tutto bene dopo 12 mesi faccio il cometa (profilo aggressivo o prudente?)
    2) inizio subito con il cometa (profilo prudente) e se va tutto bene dopo 12 mesi cambio profilo in aggressivo
    3) inizio subito con il cometa (profilo aggressivo) e prego vada tutto bene

    Voi cosa consigliereste? Il mio ragionamento ha senso, o sto esagerando come prudenza? E' un mondo che non conosco, e magari sono completamente fuori strada.

    Grazie 🙂

  8. #428
    L'avatar di twentysense
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    4,750
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    1236 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    I soldi versati nei fondi pensione possono essere trasferiti (attenzione a non chiuderli, ma appunto trasferire la posizione da uno all'altro per conservare, tra gli altri, l'anzianità).

    Una volta aperto il fondo bisogna restarci due anni prima di poterlo spostare, perciò se dopo un anno torni al commercio, il Cometa puoi sempre tenerlo aperto senza versarci; questo vale anche se il discorso del profilo prudente lo fai perché temi che in 12 mesi un altro comparto vada in perdita - puoi lasciarlo aperto aspettando la parità.
    Per quanto scritto sopra sono andato a memoria, ho aperto il fondo ormai qualche anno fa, potrebbero esserci delle imprecisioni. Attendi anche altri pareri

    Generalmente, nessuno di noi conosce davvero i fondi pensione, possiamo capirne la burocrazia, i meccanismi, etc. ma alla fine siamo in balia dei capricci dei mercati, e come andrà a finire lo sapremo solo alla fine

  9. #429

    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    68
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    54 Post(s)
    Potenza rep
    5
    Ok, grazie per la risposta! Invece un altro dubbio: se lascio per un anno il tfr in azienda, e poi decido di aderire al cometa...il tfr dei primi 12 mesi che fine fa? Rimane in azienda sino alla pensione/dimissioni? Non è possibile trasferirlo al cometa?

  10. #430
    L'avatar di twentysense
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    4,750
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    1236 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da Exelion555 Visualizza Messaggio
    Ok, grazie per la risposta! Invece un altro dubbio: se lascio per un anno il tfr in azienda, e poi decido di aderire al cometa...il tfr dei primi 12 mesi che fine fa? Rimane in azienda sino alla pensione/dimissioni? Non è possibile trasferirlo al cometa?
    Se l'azienda è oltre i 50 dipendenti, il TFR finisce in non ricordo quale fondo dell'INPS e non li ribecchi più fino alla pensione.

    Se l'azienda è sotto i 50, è facoltà dell'azienda accettare o respingere la tua richiesta di trasferire il tfr pregresso al fondo.

    So che è difficile, ma secondo me dovresti iniziare a pensare che il fondo pensione te lo terrai per una quarantina d'anni, ossia 480 mesi. E ti stai preoccupando per 12 mesi?

    Io quando ho iniziato a lavorare mi avevano chiesto del fondo pensione, da ignorante (nel senso che ignoravo ), ho scelto di lasciare il TFR in azienda, poi liquidato. In pratica - non avendo bisogno di soldi, s'intende - mi sono ritrovato con qualche stipendio in più, su cui ho pagato tasse e che è finito inutilizzato nel conto corrente.

    Tornando indietro farei aprire il fondo pensione a uno dei miei genitori magari ci verso poco, ma meglio che niente.

Accedi