Fondo Fonte - fondo pensione complementare per i dipendenti da aziende del terziario - Pagina 171
ETF a costi sempre più bassi, Vanguard alimenta la price war
Nuovo round della guerra dei costi sul fronte ETF.  A sferrare l’attacco è ancora una volta Vanguard, secondo maggiore emittente di ETF al mondo, che preme ulteriormente sull’acceleratore per implementare …
Bio-on: cade il ‘castello di carte’ di Astorri, quale futuro adesso?
Titoli di coda in arrivo per Bio-on, o meglio ?Bio-OFF? come ha scritto prontamente questa mattina il fondo Quintessential Capital Management (QCM) dopo gli sviluppi del caso sulla società di …
UBI Banca sposa ideale, Bper pronta a inserirsi con la benedizione di Unipol
Tra smentite e conferme, Ubi Banca appare la grande protagonista nel risiko bancario tutto made in Italy. Nelle scorse settimane difatti si è paventata più volte una fusione con Banco …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1701

    Data Registrazione
    Feb 2018
    Messaggi
    36
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    29 Post(s)
    Potenza rep
    2
    Citazione Originariamente Scritto da Bimb Visualizza Messaggio
    Il calcolo preciso relativo all'esercizio dell'opzione di reversibilità viene fatto dal fondo. L'importo della reversibilità dipende dall'età della persona designata per la reversibilità stessa, quindi se indichi una persona molto giovane è chiaro che l'importo erogato mensilmente sarà molto molto più basso di quello di una persona di 65 anni per esempio.
    Dipende dall'aspettativa di vita del soggetto stesso, regolata da apposite tabelle statistiche.
    Quindi determinare una convenienza non è possibile, dipende solo da chi desideri eventualmente tutelare.
    ok grazie. Chiederò allora direttamente al fondo l'importo previsto nei 2 casi

  2. #1702
    L'avatar di twentysense
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    4,704
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    1222 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da twentysense Visualizza Messaggio
    Provo a riproporre il quesito, a distanza di più di due anni ( ), magari è cambiato qualcosa
    Cercando nell'area personale non ho trovato nulla perciò ho fatto come dal mio secondo post.

    [...]
    Faccio delle domande troppo difficili? O più semplicemente, non guardate l'andamento del fondo?
    Ultima modifica di twentysense; 19-09-19 alle 07:48

  3. #1703

    Data Registrazione
    Jun 2019
    Messaggi
    18
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    10 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Io mi sono fatto un foglio di Excel in cui utilizzo TIR.X cioè il tasso di rendimento interno di un flusso di cassa con diverse date.
    Allego il file con un esempio.

    EsempioFonte


    Per utilizzarlo basta riempire le prime 4 colonne sulla sinistra (data, importo versato, importo al netto di eventuali spese, numero quota) con i vostri versamenti al fondo e in automatico vi troverete calcolata la colonna "valore unitario quota".
    In alto in alto vi troverete le colonne riepilogative ( che devono coincidere con quanto trovate nel riepilogo della vostra posizione sul fondo).
    Quindi per deteminare il rendimento composto dovete in alto a destra inserire il "valore quota corrente" e la data di riferimento.
    In automatico avrete il TOTALE corrispondente alle vostre quote moltiplicate per il valore corrente, l'incremento assoluto in euro e il rendimento annuale calcolato appunto con il TIR.X
    Nella parte destra in basso troverete il rendimento annuale composto di ogni singolo versamento.

  4. #1704

    Data Registrazione
    Jun 2019
    Messaggi
    18
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    10 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Scusate, solo una precisazione, i valori inseriti relativi agli importi versati devono essere con il segno negativo. E' richiesto dalla funzione TIR.X, indica diciamo le "uscite", investimenti.

  5. #1705
    L'avatar di marble
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    1,944
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    317 Post(s)
    Potenza rep
    42949683

    Novità da ultima newsletter

    Le novità riguardano fondamentalmente:


    • cambio denominazione dei comparti garantito e bilanciato
    • cambio composizione del portafoglio dei comparti bilanciato e crescita
    • diminuzione del costo del comparto bilanciato
    • aumento dei costi dei comparti crescita, dinamico




    FONDO PENSIONE FON.TE. – Comunicazione sulla Gestione Finanziaria

    Gentile aderente,
    nell'ambito delle attività di revisione periodica che il Fondo opera sull'assetto della gestione finanziaria e dei Comparti di investimento, sono stati definiti nuovi interventi di carattere strategico volti ad implementare l’articolazione dell’offerta previdenziale di FON.TE..
    Il Comparto Crescita, appartenente alla categoria gestionale dei “Bilanciati”, vedrà elevare la quota azionaria del proprio benchmark di riferimento (il parametro di mercato utilizzato per valutare la performance di gestione), con un passaggio dall'attuale 35% al 40% (il restante 60% è costituito da indici di tipo obbligazionario): tale modifica è finalizzata ad aumentare il livello di rendimento atteso, comportando al contempo un aumento della rischiosità di mercato connessa alle emissioni azionarie e dunque della volatilità attesa del portafoglio gestito.
    Il Comparto Dinamico, già oggi caratterizzato dalla maggiore esposizione azionaria tra le quattro linee di investimento del Fondo, non sarà oggetto di interventi di modifica relativi all'allocazione delle asset class tradizionali, mantenendo l’attuale ripartizione degli indici che compongono il proprio benchmark di riferimento (60% azioni, 40% obbligazioni).
    Anche il Comparto Bilanciato, come il Crescita, vedrà elevare la quota azionaria del proprio benchmark di riferimento nella misura del 5%, passando dall'attuale 20% al 25% (e, nello specifico, con un’esposizione strategica del 2,5% afferente al segmento delle società italiane a ridotta capitalizzazione, o “Small Cap Italia”); a fronte di un aumento del livello di rendimento atteso e della diversificazione settoriale, si innalzeranno la connessa rischiosità di mercato e la volatilità attesa di portafoglio. A tale linea di investimento sarà attribuita una nuova denominazione, ovvero Comparto Sviluppo, appartenente alla categoria gestionale degli “Obbligazionari Misti” (che prevedono un posizionamento strategico in titoli di capitale non superiore al 30% del patrimonio).
    Gli interventi di modifica dell’offerta previdenziale esposti avranno uniforme decorrenza a partire dalla data del 1 novembre 2019. Si ricorda che all'iscritto è data facoltà di variare il Comparto di appartenenza rispetto alla scelta effettuata allatto dell’adesione, senza alcun costo a proprio carico; inoltre, alla luce dei cambiamenti gestionali previsti, il Fondo sospenderà, a partire dal prossimo 1 ottobre e fino al 31 dicembre 2020, l’obbligo statutario di permanenza di almeno un anno nel Comparto di investimento prescelto (purché l’iscrizione o il passaggio siano stati finalizzati prima del 31 dicembre 2019).
    Il Comparto Garantito manterrà nel breve periodo l’attuale configurazione strategica, pur con l’attribuzione di una nuova denominazione (sempre dalla data del 1 novembre 2019), ovvero Comparto Conservativo. La scadenza delle vigenti convenzioni di gestione con i soggetti delegati è in effetti fissata al 31 luglio 2020 e viene dunque confermata la stabile appartenenza di tale linea di investimento alla categoria gestionale dei “Garantiti”: permane infatti a favore dell’iscritto la garanzia di restituzione del capitale versato, sia a scadenza delle convenzioni, sia in occasione di riscatto della posizione (in tal caso con rivalutazione in base all'inflazione dell’Area Euro) per i seguenti eventi previsti dalla regolamentazione (morte, invalidità permanente, pensionamento, inoccupazione per un periodo superiore ai 48 mesi).

    Di seguito una tabella riepilogativa dell’offerta previdenziale di Fon.Te. con decorrenza 1 novembre 2019 e dei
    Costi indirettamente a carico dell’aderente già compresi nel Valore Quota:


    Fondo Fonte - fondo pensione complementare per i dipendenti da aziende del terziario-fonte-costi.png


    Ogni ulteriore dettaglio su costi e spese di adesione, così come il novero completo delle informazioni relative
    alle modalità di investimento delle risorse tempo per tempo adottate, è riportato nella Nota Informativa del
    Fondo, in conformità con la normativa di riferimento; tale documento è reso disponibile sul sito www.fondofonte.it
    L’aderente è invitato a verificare periodicamente l’adeguatezza delle proprie scelte allocative in relazione alla specifica propensione al rischio e a comunicare al Fondo, se lo riterrà necessario, le eventuali variazioni (o “switch comparto”) che vorrà effettuare nell'ambito delle soluzioni disponibili.
    Si ricorda che per qualsiasi esigenza di approfondimento o richiesta di carattere generale il servizio di Contact Center di Fon.Te. è a disposizione degli iscritti al Numero Verde gratuito 800.586.580 (operativo dal lunedì al venerdì, ore 8:30-18:00); per richieste di carattere specifico si suggerisce di utilizzare il form di posta elettronica (“FORM e-mail Fon.Te.”) presente sul sito del Fondo.
    Con i Nostri migliori saluti,
    Il Presidente
    Maurizio Grifoni

  6. #1706
    L'avatar di Zino77
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    5,103
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    506 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    SE l'aumento delle quote azionarie lo facevano qualche anno fa era meglio ....

  7. #1707

    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    44
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    7 Post(s)
    Potenza rep
    859004

    nuovi comparti fondo FonTe

    ciao a tutti, sono iscritta dal 2018 al fondo FonTe nel comparto BILANCIATO.

    recentemente ho iniziato a documentarmi meglio e sto valutando la possibilità di aderire ad un comparto più "azionario"... sapete dirmi se la normativa del fondo FonTe prevede un "minimo garantito" nel caso nei prossimi 30 anni i mercati dovessero crollare? oppure nel peggiore degli scenari uno potrebbe perdere gran parte del capitale? non intendo il 100% ma ad esempio che potrebbe essere garantito almeno il 75% del capitale...

    nel frattempo è arrivata la comunicazione dei nuovi comparti: cosa ne pensate di questo cambiamento?
    quali sono i pro/contro? sono ignorante in materia quindi non saprei valutare se per noi aderenti questi nuovi comparti sono un miglioramento o un peggioramento... i più esperti che ne pensano?

    grazie in anticipo per le vostre risposte

  8. #1708

    Data Registrazione
    Dec 2015
    Messaggi
    283
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    171 Post(s)
    Potenza rep
    10451677
    Citazione Originariamente Scritto da skin82 Visualizza Messaggio
    recentemente ho iniziato a documentarmi meglio e sto valutando la possibilità di aderire ad un comparto più "azionario"... sapete dirmi se la normativa del fondo FonTe prevede un "minimo garantito" nel caso nei prossimi 30 anni i mercati dovessero crollare? oppure nel peggiore degli scenari uno potrebbe perdere gran parte del capitale? non intendo il 100% ma ad esempio che potrebbe essere garantito almeno il 75% del capitale...
    Il comparto di un Fondo Pensione segue le stesse "regole" sulla gestione del rischio di qualsiasi altro investimento, anzi forse bisognerebbe essere ancora più cautelativi visto che son soldi che molti vogliono sentire come "assolutamente sicuri".

    Quindi il passare ad una linea più azionaria e nel frattempo chiedere un "minimo garantito" sono due atteggiamenti contrapposti che non si possono avere contemporaneamente. Se si vuole il "minimo garantito" c'è la rivalutazione del TFR e il Fondo Pensione non è lo strumento adatto.

    In generale, nel 2008 un comparto con 60% azionario e 40% obbligazionario nel momento più buio un -35% l'ha toccatto, per poi risalire nel tempo... E' un rischio che senti potresti sopportare? Se si, il passare ad una linea più azionaria (se hai ancora almeno 20 anni di contribuzione davanti a te) può essere una soluzione ottimale. Altrimenti considera di rimanere dove sei o addirittura di retrocedere ad un comparto il più possibile privo di rischio.

  9. #1709

    Data Registrazione
    Jun 2019
    Messaggi
    18
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    10 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Concordo con l'utente Tabpozz. Se non sei disposta a "sopportare" periodi di perdita del fondo sicuramente la linea azionaria non è consigliabile. Ma è anche vero che storicamente ( non è quindi una garanzia per il futuro ...) le linee azionarie sono quelle che portano a incrementi del capitale maggiori. Io ad esempio da quando esiste la linea Dinamica (2008) ho aderito. Giusto nel 2008 ( ... ) il valore della quota è passato da 10 euro al 30/06/2008 a 8,809 al 31/12/2008 quindi con una perdita del 12% in sei mesi. Nonostante questo e altri periodi "difficili" il tasso di rendimento interno dei miei investimenti nel fondo è del 6% circa annuale, decisamente superiore al rendimento del TFR nello stesso periodo e ai rendimenti dei comparti con maggiore quota obbligazionaria. Il vantaggio di aderire al fondo è anche questo, sei "costretta" a versare anche in periodi in cui psicologicamente saresti frenata dalle perdite. Se hai un'orizzonte temporale lungo di solito il consiglio è di optare per una quota azionaria maggiore, per poi switchare su altri comparti a minor rischio mano mano ti avvicini alla pensione.
    Questa è la teoria ( ma anche la statistica ...), la garanzia del capitale non c'è ( altrimenti bisognerebbe pagare :-)), per cui come si diceva inizialmente valuta la tua propensione al rischio.

  10. #1710

    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    44
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    7 Post(s)
    Potenza rep
    859004
    grazie Tabpozz e Bimb per le vostre risposte!

    sì mi rendo conto che parlare di azionario e di minimo garantito insieme è un controsenso... stavo cercando di capire il worst case scenario ed è uscito fuori il mio lato irrazionale

    invece dei nuovi comparti che ne pensate?

    a me sembra positivo il fatto che sia sceso il costo del nuovo comparto Sviluppo (ex Bilanciato) pur avendo aumentato +5% di azioni, mentre non mi sono chiare le logiche per cui sono saliti i costi dei comparti Crescita e Dinamico...

    qualcuno pensa di cambiare comparto a seguito di queste modifiche?

Accedi